Reminiscenze della Madre e del Bambino su eventi emotivamente negativi

reminiscenze

Il presente studio ha esaminato la relazione longitudinale tra le reminiscenze di eventi emotivamente negativi da parte di madre e figlio e la salute mentale dei bambini.

Le madri europee-americane e cinesi-americane hanno discusso con i loro bambini di 4,5 anni un evento emotivamente negativo per il bambino. All’età di 7 anni, la salute mentale dei bambini è stata valutata, comprese le misure per i problemi di esternalizzazione, internalizzazione dei problemi, negativo sé sociale (una dimensione asiatico-saliente della depressione), problemi comportamentali, e il comportamento socialmente adattivo.

La cultura

Indipendentemente dalla cultura, il riferimento materno a termini emotivi negativi era legato a meno problemi di esternalizzazione, internalizzazione e comportamento nei bambini. L’attribuzione materna delle emozioni ai bambini è stata associata a un minore sé sociale negativo nei bambini.

La spiegazione materna delle emozioni dei bambini è collegata a un minor numero di problemi di esternalizzazione. Oltre a una minore negatività del sé sociale nei bambini. La riconferma materna delle spiegazioni è stata collegata a un minor numero di problemi di esternalizzazione e di comportamento nei bambini. Al contrario, l’attribuzione materna delle emozioni ad altre persone è stata associata a più problemi di esternalizzazione. Oltre ad una maggiore negatività del sé sociale nei bambini di entrambe le culture.

Differenze culturali

Sono emerse alcune importanti differenze culturali. La menzione da parte delle madri cinesi-americane di termini emotivi negativi sono stati collegati a un sé sociale negativo più basso nei bambini. La riconferma della spiegazione da parte delle madri cinesi-americane è stata collegata a comportamenti più socialmente adattivi nei bambini. Nessuna relazione simile è stata trovata nel campione europeo-americano. I risultati sottolineano l’importanza delle reminiscenze emotive familiari per il benessere a lungo termine dei bambini e il ruolo della cultura nel plasmare il processo.

Introduzione

Le reminiscenze genitore-figlio svolgono importanti funzioni adattive, aiutando i bambini a:

  • costruire un senso di sé,
  • rafforzare le relazioni sociali,
  • imparare lezioni dal passato,
  • regolare le emozioni (Fivush et al., 2003; Wang, 2004; Wang and Fivush, 2005; Kulkofsky and Koh, 2009; Kulkofsky et al., 2009; Fivush, 2013).

In particolare, quando i bambini hanno vissuto eventi emotivamente negativi, la funzione di regolazione delle emozioni del ricordo genitori-figli è fondamentale per la salute mentale dei bambini.

Una guida

Più comunemente che non, anche se i bambini possono ricordare e raccontare quello che è successo, i genitori spesso forniscono una guida per i bambini. Questo gli serve per interpretare e valutare queste esperienze emotivamente negative e quindi regolare gli effetti negativi (Fivush et al., 2003). Tali sforzi interpretativi, valutativi e di regolazione durante le reminiscenze emotive sono fondamentali per la salute mentale dei bambini (e.g., Fivush et al., 2006; Pasupathi, 2013). Eppure le diverse culture abbracciano valori diversi nei confronti delle emozioni (Yang and Wang, 2019).

I genitori in culture diverse possono discutere di eventi emotivamente negativi con i loro figli in modi diversi, che possono avere implicazioni diverse per la salute mentale dei bambini. Inoltre, la maggior parte degli studi interculturali fino ad oggi si sono concentrati sugli effetti concomitanti, piuttosto che longitudinali, delle reminiscenze emotive tra genitori e figli sulla salute mentale dei bambini. In questo contesto, il presente studio ha esaminato gli effetti a lungo termine delle reminiscenze madre-figlio di eventi emotivamente negativi sulla salute mentale dei bambini in famiglie europee-americane e cinesi-americane.

Reminiscenze madre-bambino di eventi emotivamente negativi

Le reminiscenze madre-bambino di eventi emotivamente negativi forniscono ai bambini un quadro di creazione di significato per interpretare, valutare e regolare le emozioni. In particolare, queste conversazioni coinvolgono non solo le discussioni su ciò che è accaduto, ma si concentrano anche sugli stati di sentimento e sulle spiegazioni causali delle emozioni che i bambini hanno sperimentato nell’evento passato.

Sales et al. (2003) hanno osservato che quando le madri si impegnavano a ricordare le emozioni con i loro bambini in età prescolare di 3-5 anni, sia le madri che i bambini menzionavano più emozioni negative e spiegazioni causali delle emozioni quando si parlava di un evento negativo su una visita al pronto soccorso legata a un infortunio, che quando si parlava di un evento positivo.

Uno studio su un evento catastrofico

Ackil et al. (2003) hanno osservato come le madri hanno parlato ai loro figli di età compresa tra 2-6 e 11-8 su un tornado devastante. Hanno scoperto che anche a 4 mesi dopo il tornado, le conversazioni includevano più riferimenti alle emozioni negative. Oltre che alle cause delle emozioni vissute, rispetto alle reminiscenze di eventi non traumatici.

Questo modello di reminiscenze emotive madre-bambino persisteva altri 6 mesi dopo (cioè 10 mesi dopo il tornado), il che suggerisce un’attenzione duratura sugli stati emotivi e sulle spiegazioni causali delle emozioni provate quando madri e figli discutono di eventi traumatici.

Alcune evidenze

Non diversamente da eventi altamente stressanti o traumatici come le visite al pronto soccorso o i devastanti tornado, le reminiscenze madre-bambino dei fattori di stress quotidiani mostrano caratteristiche simili di creazione di significato. Burch et al. (2004) hanno osservato che i bambini di 3 anni hanno fornito più interpretazioni di ciò che è accaduto, compresi i riferimenti ai loro sentimenti e spiegazioni causali per le emozioni provate, quando ricordavano con le loro madri eventi negativi giorno per giorno rispetto agli eventi non negativi.

Ulteriori dati

Analogamente, Fivush et al. (2003) hanno scoperto che le madri attribuivano gli stati emotivi alle persone coinvolte quando discutevano di eventi quotidiani in cui i bambini sperimentavano la rabbia, ed evidenziavano le informazioni causali quando ricordavano eventi quotidiani che suscitavano tristezza, rabbia e paura, con i loro bambini di 4 anni.

Collettivamente, i risultati suggeriscono che indipendentemente dalla natura degli eventi emotivamente negativi discussi (cioè, altamente stressanti, traumatici o mondani), le madri e i bambini tendono a concentrarsi sulle emozioni provate e a fornire spiegazioni causali del perché quelle emozioni sono state provate. Queste caratteristiche della rievocazione emotiva di eventi negativi sono pertinenti alla creazione di significati per cui le madri aiutano i bambini a interpretare, valutare e regolare le emozioni negative provate. Tuttavia, l’effetto di tale reminiscenza e della creazione di significato pertinente sulla salute mentale a lungo termine dei bambini deve ancora essere esaminato.

Rapporto con la salute mentale

C’è una gamma considerevole di risultati sulla salute mentale in relazione alla creazione di significato di esperienze emotivamente negative (Greenhoot and McLean, 2013). I risultati includono la riduzione o l’assenza di sintomi emotivi e psicologici, così come il miglioramento o la presenza di attributi normativi (ad esempio, comportamenti prosociali) e attributi di personalità desiderabili. Gli studi hanno dimostrato che le reminiscenze madre-bambino di eventi emotivamente negativi sono predittive di vari risultati di salute mentale nei bambini.

Una serie di risultati riguarda il benessere sociale. Per esempio, quando si confrontano le reminiscenze madre-figlio di eventi emotivamente positivi e negativi, Laible (2011) ha scoperto che era la rievocazione di eventi negativi ad essere correlata contemporaneamente alla comprensione emotiva e relazionale dei bambini in età prescolare. In particolare, la discussione approfondita delle emozioni negative ha predetto livelli più alti di comprensione emotiva nei bambini in età prescolare, e la convalida delle emozioni negative ha predetto livelli più alti di rappresentazioni prosociali delle relazioni nei bambini in età prescolare.

Benessere emotivo

Un’altra serie di risultati è il benessere emotivo, compresi i comportamenti internalizzanti ed esternalizzanti. Laible and Song (2006) ha confrontato le discussioni di emozioni negative e positive durante le reminiscenze e la narrazione di storie tra le madri e i loro bambini in età prescolare. Ha trovato che solo la discussione di emozioni negative durante le reminiscenze ha predetto livelli simultaneamente più bassi di aggressività nei bambini.

È stato notato che la discussione delle emozioni negative è stata sommata attraverso le reminiscenze di eventi emotivamente negativi e positivi in questo studio. Anche se non è stato possibile separare gli effetti delle reminiscenze di eventi positivi e negativi, la scoperta sottolinea che la discussione delle emozioni negative può contribuire a livelli più bassi di problemi comportamentali nei bambini.

La natura degli eventi

In particolare, la natura degli eventi emotivamente negativi può influenzare il modo in cui la reminiscenza influenza il benessere emotivo dei bambini. Sales and Fivush (2005) ha chiesto alle madri di parlare con i loro figli, di età compresa tra gli 8 e i 12 anni, di un’esperienza cronica e un’esperienza stressante acuta relative all’asma del bambino. Le esperienze croniche includevano eventi riguardanti la gestione quotidiana della malattia, e le esperienze acute stressanti includevano eventi come un attacco d’asma inaspettato che richiedeva un trattamento al pronto soccorso. Il benessere emotivo concomitante dei bambini è stato misurato. Le madri hanno fornito più spiegazioni causali per l’evento cronico che per l’evento acuto.

Le discussioni sull’evento cronico

È importante notare che per le discussioni sull’evento cronico, le madri che hanno menzionato più emozioni hanno avuto figli che hanno mostrato meno comportamenti di internalizzazione ed esternalizzazione, e le madri che hanno fornito più spiegazioni causali hanno avuto figli che hanno mostrato meno comportamenti di esternalizzazione. Al contrario, per le discussioni sull’evento acuto, non c’era alcuna relazione tra la discussione e la spiegazione materna delle emozioni e la salute mentale dei bambini. È stato inoltre osservato che i bambini che hanno menzionato più emozioni, ma senza spiegazioni di queste emozioni, hanno mostrato più comportamenti internalizzanti.

Cosa ci dicono i risultati?

Presi insieme, i risultati suggeriscono che la discussione delle emozioni e la fornitura di spiegazioni causali durante le reminiscenze di eventi emotivamente negativi, soprattutto quelli che sono vissuti nel contesto quotidiano, sono associati con la salute mentale positiva concomitante dei bambini. Tuttavia, di fronte a eventi altamente stressanti, la ricerca di significato può essere difficile (Fivush et al., 2008). Inoltre, quando gli stati d’animo sono menzionati senza spiegazioni causali, i bambini sembrano peggiorare il loro benessere emotivo.

Gli studi esistenti hanno quindi fornito alcune prove degli effetti delle reminiscenze madre-figlio di eventi emotivamente negativi sulla salute mentale dei bambini. Tuttavia, questi studi si sono concentrati sugli effetti concomitanti e sono stati condotti in gran parte con famiglie europee-americane e non hanno preso in considerazione l’influenza del più ampio contesto culturale (Wang, 2013a; Yang and Wang, 2019).

La reminiscenza madre-bambino nel contesto culturale

Culture diverse hanno valori diversi nei confronti dell’emozione. Nella cultura europea-americana, dove l’individualità è apprezzata, parlare di emozioni è visto come un’espressione diretta del sé e un’affermazione del significato dell’individuo (Wang, 2013a). Le madri europee-americane credono che sia importante aiutare i bambini a trasmettere e articolare le loro emozioni in modo che possano ottenere i loro bisogni (Chao, 1995).

Al contrario, nella cultura cinese dove le relazioni sono apprezzate, l’emozione (specialmente l’emozione negativa) è considerata come un disturbo all’armonia sociale e le espressioni delle emozioni sono spesso scoraggiate. (Chao, 1995; Wang, 2013a). Invece, la sensibilità alle emozioni degli altri è incoraggiata (Wang, 2001; Yang and Wang, 2019). Inoltre, poiché le emozioni sono spesso viste come una conseguenza degli atti sociali dei bambini, i genitori cinesi tendono a concentrarsi su come infondere regole morali, disciplina e comportamenti corretti nei bambini durante le reminiscenze emotive (Wang, 2001; Fivush and Wang, 2005; Wang and Fivush, 2005).

Una questione culturale?

Questi valori cinesi sono spesso sostenuti da genitori cinesi immigrati di prima generazione, come quelli negli Stati Uniti, che spesso si sforzano di mantenere la loro cultura ereditaria e di socializzare i loro figli di conseguenza. (Chang and Karl Kwan, 2009; Kim, 2009). Per esempio, Koh et al. (2009) ha osservato che sia i padri che le madri cinesi-americane hanno mostrato livelli più alti di valori etnici rispetto ai valori americani tradizionali. Wang (2007) ha anche osservato che le madri cinesi-americane sostengono i valori interdipendenti cinesi tanto quanto le madri cinesi di Pechino.

La reminiscenza madre-bambino delle esperienze emotive, in particolare delle esperienze emotive negative, ha ampiamente rispecchiato i rispettivi valori culturali verso le emozioni (Wang, 2001; Fivush and Wang, 2005; Wang and Fivush, 2005; Wang et al., 2010). Sia le madri e i bambini europei e cinesi tendono a usare più parole di emozioni negative che di emozioni positive, ma le madri e i bambini cinesi usano più parole di emozioni negative rispetto alle madri e ai bambini europei e americani, poiché si ritiene che le emozioni negative abbiano una funzione didattica.

Madri e bambini

Anche se le madri delle due culture attribuiscono in modo simile le emozioni ai bambini durante le reminiscenze, i bambini europei-americani fanno più attribuzioni di emozioni a se stessi rispetto ai bambini cinesi, mentre i bambini cinesi fanno più attribuzioni di emozioni ad altre persone rispetto ai bambini europei-americani.

Inoltre, le madri e i bambini europei-americani danno più spiegazioni causali per le emozioni provate dai bambini e da altre persone rispetto alle madri e ai bambini cinesi. Al contrario, le madri e i bambini cinesi si impegnano in discorsi più didattici che si concentrano su regole morali, disciplina e aspettative comportamentali, rispetto alle madri e ai bambini europei-americani. In particolare, in linea con la loro enfasi sulla conservazione della cultura del patrimonio e dell’identità etnica nell’educazione dei bambini (Chang and Karl Kwan, 2009; Kim, 2009; Koh et al., 2009), le madri cinesi-americane di prima generazione ricordano eventi emotivi negativi con i loro figli più in linea con i valori tradizionali cinesi rispetto alle madri cinesi di Pechino (Wang, 2013b).

La creazione del significato

In modo simile, anche se la creazione di significato di eventi emotivamente negativi durante le reminiscenze madre-figlio può generalmente facilitare il benessere positivo nei bambini, la cultura può giocare un ruolo nella relazione. Il quadro di adattamento-persona-cultura ha sottolineato la congruenza tra caratteristiche individuali e norme culturali nel predire l’adattamento psicosociale (Lerner, 2002; Caldwell-Harris and Ayçiçegi, 2006; Chen, 2018).

Per esempio, Wang e colleghi (Wang et al., 2018) hanno scoperto che il richiamo dettagliato delle esperienze autobiografiche, in congruenza con i valori culturali americani di individualità, era legato al benessere positivo negli adulti e nei bambini europei-americani. Al contrario, il ricordo dettagliato delle proprie esperienze, incongruente con i valori cinesi di modestia e orientamento alle relazioni, era legato al malessere negli adulti e nei bambini cinesi. Allo stesso modo, Reese e colleghi hanno scoperto che il ricordo di eventi di crescita personale era legato al benessere negli adolescenti europei della Nuova Zelanda, ma non negli adolescenti maori e cinesi della Nuova Zelanda (Reese et al., 2017).

In sintesi

Gli studi hanno rivelato le caratteristiche chiave delle reminiscenze delle esperienze emotive negative. Questo tra madre e figlio nei contesti culturali europeo-americano e cinese, che sono in linea con i valori culturali europei-americani e cinesi, rispettivamente (Wang, 2013a; Yang and Wang, 2019). Una domanda importante rimane per quanto riguarda gli effetti, in particolare quelli a lungo termine, delle reminiscenze emotive madre-figlio sulla salute mentale dei bambini attraverso le culture.

La struttura adattamento-persona-cultura- e i relativi risultati empirici (Reese et al., 2017; Wang et al., 2018) suggeriscono che la cultura può moderare le relazioni tra le reminiscenze di eventi emotivamente negativi da parte della madre e la salute mentale dei bambini. In particolare, i modi specifici della cultura di ricordare di madre-figlio, che riflettono i valori culturali, possono servire come canali chiave di creazione di significato e si riferiscono alla salute mentale positiva nei bambini.

Lo studio attuale

Il presente studio ha esaminato le relazioni a lungo termine delle reminiscenze precoci di eventi emotivamente negativi da parte di madre e figlio con la successiva salute mentale dei bambini nei contesti culturali europeo-americano e cinese-americano. Per valutare come le madri si impegnano generalmente a ricordare emotivamente gli eventi negativi con i loro figli, abbiamo chiesto alle diadi madre-bambino di discutere un evento quotidiano in cui il bambino ha provato sentimenti negativi, quando i bambini avevano 4/5 anni di età.

Il metodo

Questo metodo si basa su ricerche precedenti che mostrano lo stile di reminiscenze materne come una caratteristica individuale stabile attraverso i contesti (Haden, 1998; Wang et al., 2000; Wang, 2001; Fivush et al., 2006). Per valutare le associazioni a lungo termine delle reminiscenze emotive madre-bambino con il benessere dei bambini, quando i bambini avevano 7 anni, è stata misurata la salute mentale dei bambini, compreso il benessere sociale valutato in termini di comportamenti socialmente adattivi (ad esempio, abilità sociali), e il benessere emotivo valutato in termini di problemi internalizzanti (ad esempio, umore depresso), problemi esternalizzanti (ad esempio, problemi di condotta), e problemi comportamentali (ad esempio, ritiro).

Cosa si evidenzia?

In linea con i risultati di studi precedenti (Wang, 2001; Fivush and Wang, 2005; Wang and Fivush, 2005; Wang et al., 2010), ci aspettavamo che le madri e i bambini europei-americani fornissero più spiegazioni causali sulle emozioni dei bambini e degli altri e che attribuissero più emozioni ai bambini rispetto alle diadi madre-figlio cinesi-americane. Al contrario, le madri e i bambini cinesi-americani menzionerebbero più emozioni negative, si impegnerebbero in più discorsi didattici e farebbero più attribuzioni di emozioni ad altre persone rispetto alle diadi madre-figlio europee-americane.

Gli studi precedenti

Inoltre, studi precedenti che confrontavano bambini europei-americani e cinesi negli anni della scuola materna e dell’infanzia media hanno scoperto che i bambini europei-americani hanno ottenuto punteggi più alti nei problemi di esternalizzazione, mentre i bambini cinesi hanno ottenuto punteggi più alti nei problemi di internalizzazione, anche se nel complesso, ci sono state notevoli somiglianze nei problemi esibiti dai bambini delle due culture (Weine et al., 1995; Liu et al., 2011). Di conseguenza, ci aspettavamo di osservare modelli simili di risultati nella salute mentale dei bambini europei-americani e cinesi-americani nel nostro studio.

Relazioni tra le reminiscenze emotive madre-bambino e la salute mentale dei bambini

Per quanto riguarda le relazioni tra le reminiscenze emotive madre-bambino e la salute mentale dei bambini, ci aspettavamo che, in linea con la letteratura generale così come la precedente ricerca interculturale (e.g., Lerner, 2002; Caldwell-Harris and Ayçiçegi, 2006; Fivush et al., 2008; Reese et al., 2017; Chen, 2018; Wang et al., 2018), la formazione di significato delle esperienze emotive negative facilitasse la salute mentale nei bambini di entrambe le culture e, nel frattempo, mostrasse modelli di cultura specifici.

1 i riferimenti alle emozioni negative

In particolare, abbiamo previsto che (1) i riferimenti alle emozioni negative sarebbero legati a indici di salute mentale positivi in entrambi i gruppi di bambini, ma le relazioni potrebbero essere più forti nei bambini cinesi-americani rispetto ai bambini europei-americani, dato il valore didattico posto sulle emozioni negative nella cultura cinese (Fivush and Wang, 2005);

2 le attribuzioni delle emozioni ai bambini

(2) le attribuzioni delle emozioni ai bambini e le spiegazioni sulle cause delle emozioni dei bambini sarebbero associate a indici di salute mentale positivi nei bambini di entrambi i gruppi, ma le relazioni potrebbero essere maggiori nei bambini europei-americani rispetto ai bambini cinesi-americani, data la grande enfasi sulla facilitazione della comprensione emotiva nell’educazione dei bambini americani (Wang, 2001; Fivush and Wang, 2005; Wang and Fivush, 2005; Wang et al., 2010);

3 le attribuzioni di emozioni ad altre persone

(3) le attribuzioni di emozioni ad altre persone e le spiegazioni sulle cause delle emozioni altrui sarebbero legate a indici di salute mentale positivi nei bambini cinesi-americani, data l’enfasi culturale cinese sull’interdipendenza e la sensibilità all’alimentazione degli altri (Wang, 2001);

4  il discorso didattico

e (4) il discorso didattico sarebbe legato a indici di salute mentale positivi nei bambini cinesi-americani, data l’enfasi sulla rettitudine morale e la disciplina comportamentale nei valori e nelle pratiche di socializzazione cinesi (Wang, 2001; Wang and Fivush, 2005).

Infine, anche se non c’è stato alcun suggerimento nella letteratura sulle reminiscenze madre-bambino, è stato dimostrato che nel racconto indipendente dei bambini di un’esperienza traumatica, i riferimenti alle emozioni positive sono legati a un migliore benessere emotivo nel tempo (Sales et al., 2005). E che la redenzione nella ricostruzione delle esperienze negative è predittiva del benessere (McAdams and Guo, 2015). Abbiamo quindi previsto che i riferimenti madre-bambino alle emozioni positive durante il ricordo di un evento negativo sarebbero stati correlati a indici di salute mentale positivi nei bambini di entrambe le culture.

Discussione

Nonostante la crescente letteratura che esamina le relazioni tra le reminiscenze di eventi emotivamente negativi da parte di madre e figlio e la salute mentale dei bambini, gli studi che indagano sugli effetti culturali e longitudinali sono stati scarsi. Il presente studio è il primo ad esaminare le relazioni a lungo termine delle reminiscenze di eventi emotivamente negativi da parte di madre e figlio sulla salute mentale dei bambini in famiglie europee e cinesi-americane. In linea con le nostre aspettative, la formazione del significato familiare ha largamente predetto una salute mentale positiva nei bambini, sebbene anche la cultura giochi un ruolo importante. I risultati forniscono importanti intuizioni sugli effetti a lungo termine delle reminiscenze emotiva madre-figlio sull’adattamento psicosociale dei bambini nel contesto culturale.

Madri e figli

Madri e figli delle due culture hanno discusso eventi negativi simili durante le reminiscenze. La maggior parte degli eventi negativi riguardava i conflitti con gli altri, compresi i genitori, i fratelli e i coetanei, così come le esperienze mediche e deludenti. Questo riflette eventi negativi abbastanza comuni vissuti dai bambini di questa età. È interessante notare che le coppie madre-bambino cinese-americane erano più propense delle coppie madre-bambino europeo-americane a discutere di conflitti sociali, coerentemente con i precedenti risultati interculturali (Fivush and Wang, 2005).

L’ambiente e la cultura

Operare in un ambiente culturale che enfatizza la connessione sociale e l’armonia relazionale (Chao, 1995; Wang, 2013a), le interazioni sociali, in particolare quelle negative, possono giustificare una maggiore preoccupazione e discussione e sono quindi più comunemente discusse durante le reminiscenze madre-figlio in Cina che nelle famiglie europee-americane.

Madri e differenze culturali

Quando si ricordano eventi emotivamente negativi, le madri cinesi-americane erano più propense delle madri europee-americane a menzionare emozioni negative e a coinvolgere i bambini in discorsi didattici. I bambini cinesi-americani erano anche più propensi dei bambini europei-americani ad impegnarsi in discorsi didattici. Questi risultati sono coerenti con le nostre previsioni. Essi confermano quelli di studi precedenti (Wang, 2001; Fivush and Wang, 2005; Wang and Fivush, 2005) e suggeriscono che il ricordo di eventi emotivamente negativi tra madre e figlio ha una funzione didattica nel contesto cinese. Data la loro enfasi culturale sulla rettitudine morale e l’armonia sociale, le madri cinesi sono particolarmente preoccupate di aiutare i loro figli a imparare risposte emotive appropriate e regolamenti e di instillare nei bambini comportamenti adeguati e l’autocontrollo (Wang and Fivush, 2005; Wang, 2013a).

Attribuire le emozioni

Corrispondentemente, i bambini cinesi sembrano mostrare preoccupazioni simili a quelle delle loro madri riguardo. Questo in riferimento alla risposta e al comportamento appropriato quando si parla di eventi emotivamente negativi. Anche come previsto e in linea con la ricerca precedente (Fivush and Wang, 2005; Wang et al., 2010), i bambini europei-americani erano più propensi dei bambini cinesi-americani ad attribuire le emozioni a se stessi. Questo si allinea con il valore culturale europeo-americano che sottolinea l’individualità. Dove la discussione delle proprie emozioni è un modo per affermare l’autenticità del sé (Chao, 1995; Wang, 2013a).

I bambini europei-americani e cinesi-americani hanno mostrato indici di salute mentale simili attraverso le misure multiple, come previsto. Entrambi i gruppi di bambini hanno mostrato livelli simili di problemi di interiorizzazione, sé sociale negativo, problemi comportamentali e comportamenti socialmente adattivi. C’è stata solo un’eccezione, in cui i bambini europei-americani hanno mostrato più problemi di esternalizzazione rispetto ai bambini cinesi-americani. Questo modello di risultati è in gran parte conforme alle osservazioni precedenti (Weine et al., 1995; Liu et al., 2011).

I problemi di internalizzazione

Abbiamo trovato che, indipendentemente dalla cultura, le madri che hanno menzionato le emozioni negative hanno avuto figli con meno problemi di internalizzazione, problemi di esternalizzazione e problemi comportamentali rispetto alle madri che non lo hanno fatto.

Fivush et al. (2003) sostengono che le discussioni sugli stati d’animo negativi aiutano i bambini a imparare modi appropriati di rispondere agli eventi emotivamente negativi e di regolare le loro emozioni. Questa caratteristica delle reminiscenze è quindi associata a una migliore salute mentale nei bambini di entrambe le culture. Inoltre, il legame tra i riferimenti materni alle emozioni negative e la salute mentale del bambino è apparso più forte tra i cinesi-americani rispetto agli europei-americani, come previsto.

Il riferimento alle emozioni

Le madri cinesi-americane che facevano riferimento alle emozioni negative avevano figli con un sé sociale negativo di livello più basso. Le discussioni sugli stati d’animo negativi hanno una funzione didattica nel contesto culturale cinese, dove la disciplina e i comportamenti corretti sono enfatizzati come modi per regolare le emozioni (Wang, 2001; Fivush and Wang, 2005; Wang and Fivush, 2005). Di conseguenza, questa caratteristica di ricordare sembra avere un ulteriore effetto positivo sulla salute mentale nei bambini cinesi-americani.

Inoltre, le madri che attribuivano stati emotivi o reazioni ai figli avevano figli con un sé sociale negativo inferiore rispetto alle madri che non lo facevano. E questo era il caso di entrambe le culture, come previsto. Le madri che hanno attribuito gli stati emotivi o le reazioni sperimentate negli eventi negativi ai bambini li aiutano a capire e regolare le emozioni (Ackil et al., 2003; Fivush et al., 2003; Sales et al., 2003; Laible and Song, 2006).

Promuovere una migliore salute mentale

Attraverso l’impalcatura dei bambini per capire e regolare le loro emozioni, questa caratteristica di ricordare può promuovere una migliore salute mentale nei bambini. Allo stesso modo, come previsto, le madri che hanno spiegato le cause degli stati emotivi o delle reazioni dei bambini avevano bambini con meno problemi di esternalizzazione. Oltre che un sé sociale negativo inferiore rispetto alle madri che non l’hanno fatto. E le madri che hanno riconfermato le cause degli stati emotivi o delle reazioni dei bambini avevano bambini con meno problemi di esternalizzazione. Minori erano anche problemi comportamentali rispetto alle madri che non l’hanno fatto.

Rispetto alla letteratura?

Questi risultati sono coerenti con i suggerimenti della letteratura (Ackil et al., 2003; Fivush et al., 2003; Sales et al., 2003; Sales and Fivush, 2005; Laible and Song, 2006; Laible, 2011) che spiegare le cause delle emozioni dei bambini e riconfermare quelle spiegazioni sono importanti meccanismi di creazione di significato per promuovere una migliore salute mentale nei bambini.

Come notato in precedenza, sia le madri europee-americane che quelle cinesi-americane che riconfermavano le cause degli stati emotivi o delle reazioni dei figli avevano figli con meno problemi di esternalizzazione e problemi comportamentali rispetto alle madri che non lo facevano.

Studi precedenti hanno riportato che le madri europee-americane tendono a dare più spiegazioni causali. Questo avviene per le emozioni provate dai bambini rispetto alle madri cinesi (Wang, 2001; Wang and Fivush, 2005; Wang et al., 2010). Tuttavia non abbiamo trovato nel presente studio differenze culturali nelle spiegazioni causali delle madri. Questi risultati possono riflettere l’acculturazione nelle madri cinesi-americane (Liem et al., 2000).

Spiegazioni causali e riconferma

Quando le madri offrono spiegazioni causali così come la riconferma di quelle spiegazioni, le reminiscenze servono funzioni critiche di creazione di significato (Ackil et al., 2003; Fivush et al., 2003; Sales et al., 2003; Sales and Fivush, 2005; Wang and Fivush, 2005). Questi modelli di reminiscenze, quindi, mostrano relazioni positive con la salute mentale dei bambini indipendentemente dalla cultura. È importante notare che quando le madri cinesi riconfermano queste spiegazioni, sembra esserci un’ulteriore relazione positiva con la salute mentale dei bambini.

Discutere le emozioni

Contrariamente alla nostra previsione, le madri che attribuivano stati emotivi o reazioni ad altre persone avevano figli con più problemi di esternalizzazione. Era presente anche un sé sociale negativo più elevato rispetto alle madri che non lo facevano, indipendentemente dalla cultura. Sembra che durante la rievocazione delle esperienze negative passate dei bambini, evidenziare ai bambini le emozioni degli altri può non essere favorevole al benessere. Discutere le emozioni di chi conta durante la rievocazione emotiva di esperienze negative.

Emozioni del bambino Vs. emozioni degli altri

È la discussione delle emozioni del bambino, non delle emozioni degli altri, che promuove una migliore salute mentale nei bambini. Questo è così anche nel contesto cinese dove la sensibilità ai sentimenti degli altri è incoraggiata (Wang, 2001, 2013b). Sembra che i bambini abbiano sperimentato negli eventi passati emozioni negative che devono essere risolte. Al contrario, discutere gli stati d’animo di altre persone negli eventi passati potrebbe introdurre stress sociale nei bambini. Ciò, a sua volta, può essere associato a una salute mentale negativa.

Le intuizioni dello studio

Il presente studio ha prodotto importanti intuizioni sugli effetti a lungo termine. Si fa riferimento alle reminiscenze di eventi emotivamente negativi da parte di madre e figlio sulla salute mentale dei bambini. Tuttavia, ci sono limiti da considerare per la ricerca futura. In primo luogo, la creazione di significato di eventi emotivamente negativi comprende molte dimensioni. Esse sono il discorso delle emozioni, la coerenza narrativa e la comprensione degli stati interni (cioè le cognizioni, le emozioni e le prospettive soggettive. E.g., Fivush et al., 2008; Wang et al., 2010; Greenhoot and McLean, 2013; Pasupathi, 2013).

Cosa ha esaminato lo studio?

Anche se è importante di per sé, il presente studio si è concentrato sull’esame del discorso delle emozioni e dei suoi vari aspetti. Inoltre, la ricerca ha riconosciuto che gli aspetti della salute mentale studiati fino ad oggi sono stati piuttosto limitati (Pasupathi, 2013). Per esempio, i comportamenti internalizzanti ed esternalizzanti sono comunemente esaminati.

Il presente studio ha esaminato aspetti simili della salute mentale. Studi futuri potrebbero estendere le analisi per includere la coerenza narrativa e l’intera gamma di stati interni per la creazione di significato. Oltre ad estendere l’esame della salute mentale ad altri aspetti, come il coping. Tali analisi possono fornire ulteriori informazioni su come i genitori di culture diverse aiutano i bambini a creare significati dalle loro esperienze emotivamente negative. Ciò può facilitare la salute mentale positiva.

La ricerca futura

In secondo luogo, il presente studio ha esaminato la reminiscenza emotiva nelle famiglie cinesi-americane e nelle famiglie europee-americane. È necessaria una maggiore ricerca per esaminare le variazioni individuali e all’interno della cultura, specialmente nelle popolazioni sottorappresentate, per comprendere le influenze sfumate della cultura. Inoltre, la cultura è transitoria e in continuo cambiamento. La ricerca futura deve esaminare l’impatto del cambiamento culturale sulle pratiche familiari e sui risultati di sviluppo associati. (Greenfield, 2018).

Per esempio, come risultato della vasta crescita economica e delle influenze occidentali nella Cina continentale negli ultimi decenni. I genitori nativi cinesi esibiscono sempre più uno stile genitoriale che si discosta dalle pratiche tradizionali (Wang and Hsueh, 2000; Chang et al., 2011; Lu and Chang, 2013). Ci sono anche crescenti preoccupazioni per la salute mentale dei bambini nativi cinesi (per esempio, aggressività e depressione; e.g., Chen et al., 2012). Un’ulteriore ricerca longitudinale è necessaria per identificare le pratiche genitoriali efficaci che facilitano il funzionamento socio-emotivo dei bambini nel contesto culturale che cambia.

La dimensione finale del campione 

In terzo luogo, dato il lungo follow-up, c’è stato un tasso di abbandono del 48% e una dimensione finale del campione relativamente piccola. L’analisi delle variabili di reminiscenza madre-figlio non ha rivelato alcuna differenza tra le diadi madre-figlio che sono rimaste nello studio e quelle che hanno abbandonato. Tuttavia, futuri studi longitudinali transculturali con campioni di dimensioni maggiori contribuiranno a corroborare i presenti risultati.

Su cosa si è concentrato lo studio?

Infine, il presente studio si è concentrato su famiglie della classe media europea-americana e cinese-americana, con la maggior parte dei genitori altamente istruiti. Avere i due gruppi culturali equivalenti per status socioeconomico e istruzione dei genitori è in linea con le convenzioni metodologiche nella ricerca interculturale. Tuttavia, la ricerca futura dovrebbe essere estesa a popolazioni diverse, come le famiglie della classe operaia (e.g., Wiley et al., 1998).

In conclusione, le esperienze quotidiane dei bambini possono non essere tutte piacevoli e positive. Il modo in cui i genitori aiutano i bambini a parlare e a comprendere queste esperienze ha implicazioni a lungo termine per la salute mentale dei bambini.  La cultura gioca anche un ruolo nel plasmare il legame tra le caratteristiche di reminiscenza tra genitori e figli e il benessere del bambino.

Articolo liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Koh, J. B. K., & Wang, Q. (2021). Mother-Child Reminiscing about Emotionally Negative Events and Children’s Long-Term Mental Health. //doi.org/ 10.3389/ fpsyg.2021.632799

Corsi correlati

Corso Online
Teoria Polivagale e Famiglia Moderna. Costruire Sicurezza e Connessione
La live si terrà il 14 giugno 2024
287€ 227€
o 76 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
Lo psicologo consulente sul Sonno dei Bambini. Ed. 2024
La live si terrà il 04 giugno 2024
193€ 157€
o 52 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

EMDR - Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari
Attachment-Focused EMDR con clienti LGBTQ+
Come possiamo estendere i benefici dell’EMDR per supportare meglio i clienti LGBTQ+? In vista...
Disturbi da Ansia e Stress
Schema Therapy per trattare Ansia cronica con Disturbo di Personalità in comorbilità
Nel 30-40% dei pazienti con disturbi d’ansia, i sintomi non si attenuano dopo la terapia...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>