I rischi dell'Isolamento Sociale

I rischi dell’Isolamento Sociale

Secondo un sondaggio nazionale condotto da Cigna, i livelli di isolamento sociale e solitudine hanno raggiunto il massimo storico, con quasi la metà dei 20000 adulti statunitensi che riferiscono di sentirsi a volte, o sempre, soli. Il 40% dei partecipanti al sondaggio ha anche riferito di sentire a volte, o sempre, che le loro relazioni non siano significative e si sentono isolati.

Questi numeri sono allarmanti a causa dei rischi per la salute e per la salute mentale associate alla solitudine. Secondo una metanalisi messa a punto da Julianne Holt-Lunstad, professoressa di psicologia e neuroscienze alla Brigham Young University, la mancanza di connessione sociale aumenta i rischi per la salute tanto quanto fumare 15 sigarette al giorno o avere un disturbo da uso di alcol. Ha anche scoperto che la solitudine e l’isolamento sociale sono due volte più dannosi per la salute fisica e mentale dell’obesità (Perspectives on Psychological Science, Vol.10, No.2, 2015).

Ci sono prove solide che l’isolamento sociale e la solitudine aumentano significativamente il rischio di mortalità prematura e l’entità del rischio supera quella di molti importanti indicatori di salute“, afferma Holt-Lunstad.

Nel tentativo di arginare tali rischi per la salute, campagne e associazioni per ridurre l’isolamento sociale e la solitudine (il livello percepito di isolamento sociale di un individuo) sono state lanciate in Australia, Danimarca e Regno Unito. Questi programmi nazionali riuniscono esperti di ricerca, agenzie governative e non profit, gruppi della comunità e volontari qualificati per aumentare la consapevolezza della solitudine e affrontare l’isolamento sociale attraverso il sostegno e interventi basati sull’evidenza.

Ma l’isolamento sociale sta davvero aumentando o è una condizione che gli esseri umani hanno sempre sperimentato in vari momenti della vita? In altre parole, stiamo diventando più soli o semplicemente più inclini a riconoscere e parlare del problema?

Queste sono domande difficili a cui rispondere perché i dati storici sulla solitudine sono scarsi. Tuttavia, alcune ricerche suggeriscono che l’isolamento sociale è in aumento, quindi potrebbe esserlo anche la solitudine, afferma Holt-Lunstad. I dati più recenti del censimento statunitense, ad esempio, mostrano che più di un quarto della popolazione vive da sola, il tasso più alto mai registrato. Inoltre, più della metà della popolazione non è sposata e il tasso di matrimonio e il numero di figli per famiglia sono diminuiti rispetto al censimento precedente. Anche i tassi di volontariato sono diminuiti, secondo una ricerca del Do Good Institute dell’Università del Maryland, e una percentuale crescente di americani non segnala alcuna affiliazione religiosa, suggerendo un calo nel tipo di connessioni religiose e di altro tipo che possono fornire alla comunità.

Indipendentemente dal fatto che la solitudine sia in aumento o che rimanga stabile, abbiamo molte prove che una parte significativa della popolazione ne è influenzata“, afferma Holt-Lunstad. “Essere connessi agli altri socialmente è ampiamente considerato un bisogno umano fondamentale, cruciale sia per il benessere che per la sopravvivenza“.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

In quanto esperti nel cambiamento del comportamento, gli psicologi sono ben posizionati per aiutare la nazione a combattere la solitudine. Attraverso la loro ricerca e il lavoro di politica pubblica, molti psicologi hanno fornito dati e raccomandazioni dettagliate per promuovere la connessione sociale come priorità della salute pubblica degli Stati Uniti sia a livello sociale che individuale.

Con l’aumento della popolazione che invecchia, gli effetti della solitudine sulla salute pubblica dovrebbero solo aumentare“, afferma Holt-Lunstad. “La sfida che dobbiamo affrontare ora è capire cosa si può fare al riguardo“.

 

Chi è più probabile che provi solitudine?

La solitudine è un’esperienza che esiste dall’inizio dei tempi e coinvolge tutti, secondo Ami Rokach, docente alla York University in Canada e psicologa clinica. “È qualcosa con cui ognuno di noi ha a che fare di tanto in tanto“, spiega, e può verificarsi durante le transizioni della vita, come la morte di una persona cara, un divorzio o il trasferimento in un nuovo posto. Questo tipo di solitudine è indicato dai ricercatori come solitudine reattiva.

Tuttavia, quando un’esperienza di solitudine diventa cronica, possono sorgere problemi, osserva Rokach. “Se la solitudine reattiva è dolorosa, la solitudine cronica è tortuosa”, dice. La solitudine cronica è più probabile che si instauri quando gli individui non hanno le risorse emotive, mentali o finanziarie per uscire e soddisfare i loro bisogni sociali o non hanno un circolo sociale in grado di fornire questi benefici, afferma la psicologa Louise Hawkley, ricercatrice senior presso l’organizzazione di ricerca NORC dell’Università di Chicago.

E, naturalmente, la solitudine può verificarsi quando le persone sono circondate dagli altri: in metropolitana, in classe o anche con i loro coniugi e figli, secondo Rokach, che aggiunge che la solitudine non è sinonimo di isolamento o solitudine “per scelta”. Piuttosto, la solitudine è definita dai livelli di soddisfazione delle persone per la loro connessione, o il loro isolamento sociale percepito.

 

Effetti della solitudine e dell’isolamento

Come dimostrato da una review con Hawkley come co-autore sugli effetti dell’isolamento sociale percepito nel corso della vita, la solitudine può devastare la salute fisica, mentale e cognitiva di un individuo (Philosophical Transactions of the Royal Society B, Vol.370, No . 1669, 2015). Hawkley indica le prove che collegano l’isolamento sociale percepito con conseguenze negative per la salute, tra cui depressione, scarsa qualità del sonno, ridotta funzione esecutiva, declino cognitivo accelerato, scarsa funzione cardiovascolare e ridotta immunità in ogni fase della vita.

Inoltre, uno studio del 2019 condotto da Kassandra Alcaraz, una ricercatrice della salute pubblica dell’American Cancer Society, ha analizzato i dati di oltre 580000 adulti e ha scoperto che l’isolamento sociale aumenta il rischio di morte prematura per ogni causa, in ogni etnia (American Journal of Epidemiology, Vol.188, No.1, 2019). Secondo Alcaraz, tra i partecipanti neri, l’isolamento sociale ha raddoppiato il rischio di morte precoce, mentre ha aumentato il rischio tra i partecipanti bianchi dal 60 all’84%.

La nostra ricerca mostra davvero che l’entità del rischio presentato dall’isolamento sociale è molto simile a quella dell’obesità, del fumo, della mancanza di accesso alle cure e dell’inattività fisica“, afferma. Nello studio i ricercatori hanno valutato diverse misure standard di isolamento sociale, tra cui lo stato civile, la frequenza della partecipazione al servizio religioso, riunioni di club/attività di gruppo e numero di amici intimi o parenti. Hanno scoperto che, nel complesso, l’etnia sembrava essere un predittore di isolamento sociale più forte del sesso: gli uomini e le donne bianchi avevano più probabilità di essere nella categoria meno isolata rispetto agli uomini e alle donne di colore.

Lo studio dell’American Cancer Society è il più grande fino ad oggi su tutte le etnie e i due sessi, ma ricerche precedenti hanno fornito scorci sugli effetti dannosi dell’isolamento sociale e della solitudine. Uno studio del 2016 condotto dall’epidemiologa dell’Università di Newcastle Nicole Valtorta, ad esempio, ha collegato la solitudine a un aumento del 30% del rischio di ictus o allo sviluppo di malattie coronariche (Heart, vol.102, n. 13). Valtorta osserva che il rischio maggiore per la cattiva salute di un individuo solo deriva probabilmente da diversi fattori combinati: comportamentali, biologici e psicologici.

“In mancanza di incoraggiamento dalla famiglia o dagli amici, coloro che sono soli possono scivolare in abitudini malsane”, dice Valtorta. “Inoltre, è stato scoperto che la solitudine aumenta i livelli di stress, impedisce il sonno e, a sua volta, danneggia il corpo. La solitudine può anche aumentare la depressione o l’ansia“.

L’anno scorso, i ricercatori del Florida State University College of Medicine hanno anche scoperto che la solitudine è associata a un aumento del 40% del rischio di demenza di una persona (The Journals of Gerontology: Series B, online 2018). Guidato da Angelina Sutin, lo studio ha esaminato i dati di oltre 12000 adulti statunitensi di età pari o superiore a 50 anni. I partecipanti hanno valutato i loro livelli di solitudine e isolamento sociale e hanno completato una batteria cognitiva ogni due anni per un massimo di 10 anni.

Tra gli anziani in particolare, la solitudine è più probabile che si instauri quando un individuo ha a che fare con limitazioni funzionali e ha uno scarso sostegno familiare, dice Hawkley. Una migliore salute auto-percepita, una maggiore interazione sociale e una minore tensione familiare riducono i sentimenti di solitudine degli anziani, secondo uno studio, condotto da Hawkley, che esamina i dati di oltre 2200 anziani (Research on Aging, Vol.40, No.4 , 2018). “Anche tra coloro che hanno iniziato soli, quelli che godevano di una salute migliore e socializzavano con gli altri più spesso avevano probabilità molto migliori di riprendersi successivamente dalla loro solitudine“, dice.

Uno studio del 2015 condotto da Steven Cole, professore di medicina presso l’Università della California di Los Angeles, fornisce ulteriori indizi sul motivo per cui la solitudine può danneggiare la salute generale (PNAS, Vol.112, No.49, 2015). Lui e i suoi colleghi hanno esaminato le espressioni geniche nei leucociti, i globuli bianchi che svolgono un ruolo chiave nella risposta del sistema immunitario alle infezioni. Hanno scoperto che i leucociti dei partecipanti solitari, sia umani che macachi rhesus, mostravano un’aumentata espressione di geni coinvolti nell’infiammazione e una diminuita espressione di geni coinvolti nelle risposte antivirali.

La solitudine, a quanto pare, può portare a segnali di stress ” fight-or-flight” a lungo termine, che influiscono negativamente sul funzionamento del sistema immunitario. In poche parole, le persone che si sentono sole hanno meno immunità e più infiammazioni rispetto alle persone che non lo sono.

 

Combattere la solitudine

Mentre gli effetti dannosi della solitudine sono ben stabiliti nella letteratura, trovare soluzioni per fermare la solitudine cronica sembra più impegnativo, afferma Holt-Lunstad.

Sviluppare interventi efficaci non è un compito semplice perché non esiste una singola causa alla base della solitudine, afferma. “Persone diverse possono sentirsi sole per ragioni diverse, quindi è probabile che un tipo di intervento valido per tutti non funzioni perché è necessario qualcosa che affronti la causa sottostante“. Rokach osserva che gli sforzi per ridurre al minimo la solitudine possono iniziare a casa, insegnando ai bambini che l’isolamento non significa solitudine. Inoltre, dice, le scuole possono aiutare a promuovere ambienti in cui i bambini cercano, identificano e intervengono quando un coetaneo sembra solo o disconnesso dagli altri.

In termini di modi aggiuntivi per affrontare l’isolamento sociale e i sentimenti di solitudine, la ricerca condotta da Christopher Masi e un team di ricercatori dell’Università di Chicago suggerisce che gli interventi che si concentrano verso l’interno e affrontano i pensieri negativi alla base della solitudine in primo luogo sembrano aiutare a combattere la solitudine più di quelli progettati per migliorare le abilità sociali, migliorare il supporto sociale o aumentare le opportunità di interazione sociale (Personality and Social Psychology Review, Vol. 15, No.3, 2011). La metanalisi ha esaminato 20 studi randomizzati di interventi per diminuire la solitudine in bambini, adolescenti e adulti e ha dimostrato che affrontare ciò che i ricercatori hanno definito cognizione sociale disadattiva attraverso la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) ha funzionato meglio perché ha consentito ai pazienti di riconoscere e affrontare pensieri negativi sull’autostima e su come gli altri li percepiscono, dice Hawkley, uno dei coautori dello studio.

Tuttavia, alcune ricerche hanno scoperto che coinvolgere gli anziani nella comunità e nei gruppi sociali può portare a effetti positivi sulla salute mentale e ridurre i sentimenti di solitudine. L’anno scorso, Julene Johnson, ricercatrice sull’invecchiamento dell’Università della California di San Francisco ha studiato come entrare a far parte di un coro potrebbe combattere i sentimenti di solitudine tra gli anziani (The Journals of Gerontology: Series B, online 2018). La metà dei 12 centri per anziani dello studio sono stati selezionati casualmente per il programma del coro, che prevedeva sessioni di coro settimanali di 90 minuti, comprese esibizioni pubbliche informali. L’altra metà dei centri non ha partecipato alle sessioni di coro. Dopo sei mesi, i ricercatori non hanno trovato differenze significative tra i due gruppi nei test di funzione cognitiva, di forza della parte inferiore del corpo e della salute psicosociale generale. Ma hanno trovato miglioramenti significativi in ​​due componenti della valutazione psicosociale tra i partecipanti al coro: questo gruppo ha riferito di sentirsi meno solo e ha indicato di avere più interesse per la vita. Gli anziani del gruppo non corale non videro alcun cambiamento nella loro solitudine e il loro interesse per la vita diminuì leggermente.

I ricercatori dell’Università del Queensland in Australia hanno anche scoperto che gli anziani che prendono parte a gruppi sociali come club del libro o gruppi in chiesa hanno un minor rischio di morte (BMJ Open, Vol.6, No.2, 2016). Guidato dallo psicologo Niklas Steffens, il team ha monitorato la salute di 424 persone per sei anni dopo il pensionamento e ha scoperto che l’appartenenza a un gruppo sociale aveva un effetto accrescente sulla qualità della vita e sul rischio di morte. Rispetto a coloro che ancora lavorano, ogni appartenenza a un gruppo persa dopo il pensionamento è stata associata a un calo della qualità della vita di circa il 10% sei anni dopo. Inoltre, se i partecipanti appartenevano a due gruppi prima del pensionamento e li hanno mantenuti nei sei anni successivi, il rischio di morte era del 2%, salendo al 5% se rinunciavano a un gruppo, e al 12% se rinunciavano all’appartenenza in entrambi.

A questo proposito, gli interventi pratici devono concentrarsi sull’aiutare i pensionati a mantenere il loro senso di scopo e di appartenenza, aiutandoli a connettersi a gruppi e comunità che sono significativi per loro“, dicono gli autori.

A tal fine, il cohousing sembra essere sempre più popolare tra i giovani e gli anziani di tutto il mondo come un modo per migliorare le connessioni sociali e diminuire la solitudine, tra gli altri vantaggi. Le comunità di cohousing e le residenze miste sono intenzionalmente costruite per riunire le generazioni più anziane e più giovani, sia in interi quartieri all’interno di case unifamiliari o in condomini più grandi, dove condividono sala da pranzo, lavanderia e spazi ricreativi. I vicini si riuniscono per feste, giochi, film o altri eventi, e il cohousing rende facile formare club, carpool e organizzare assistenza per bambini e anziani. Hawkley e altri psicologi sostengono che queste situazioni di vita possono anche fornire un antidoto alla solitudine, in particolare tra gli anziani. Sebbene le valutazioni formali della loro efficacia nel ridurre la solitudine rimangano scarse, le comunità di cohousing negli Stati Uniti ora sono 165 a livello nazionale, secondo la Cohousing Association, con altre 140 in fase di pianificazione.

“Gli anziani sono diventati così emarginati e fatti sentire come se non fossero più membri produttivi della società, il che è isolante in sé e per sé”, dice Hawkley. “Affinché la società sia sana, dobbiamo trovare il modo di includere tutti i segmenti della popolazione, e molti di questi programmi abitativi intergenerazionali sembrano fare molto in termini di dissipare i miti sulla vecchiaia e di aiutare le persone più anziane a sentirsi importanti e apprezzati membri della società “.

Fonte: liberamente tradotto da “The risks of social isolation”, Amy Novotney, su https://www.apa.org/

One thought on “I rischi dell’Isolamento Sociale

  • Articolo molto interessante che sottolinea i rischi per la salute psicofisica della solitudine percepita e dell’isolamento sociale.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>