Sentimenti senza memoria in pazienti con Alzheimer

L’Alzheimer è una malattia mentale debilitante che cancella i ricordi, ma non l’impatto dei sentimenti e delle relazione sociali. Questo secondo un recente studio dell’ University of Iowa: anche nelle fasi successive della patologia, sembra che il malato riesca comunque a discriminare tra chi si occupa di lui e chi condivide con lui un sentimento; la ricerca sottolinea l’importanza di sostenere emotivamente coloro che vivono con la malattia.

I ricercatori ritengono che anche se questi pazienti non possono ricordare la visita più recente dei propri cari, mantengono comunque i sentimenti; le cure possono avere un impatto duraturo.

Gli autori dello studio hanno scoperto questo dopo aver mostrato ai pazienti con morbo di Alzheimer clip di film felici e tristi, e vedendo che i pazienti sostenevano stati emotivi di felicità o tristezza, nonostante il fatto che non potevano ricordare i film. “Questo conferma che la vita emotiva di un malato di Alzheimer è vivo e vegeto” Edmarie Guzmán-Vélez, uno studente di dottorato in psicologia clinica e l’autore dello studio, ha detto nel comunicato stampa. È interessante notare che i pazienti che ricordavano meno dei film hanno sperimentato più tristezza.

In altre parole, fornendo ai pazienti piccole gioie si può davvero fare la differenza – anche se si assume automaticamente che non lo ricorderanno. Mentre la capacità dei pazienti di Alzheimer di conservare i ricordi, il linguaggio, o il ragionamento potrebbe deteriorarsi, la loro capacità di provare emozioni e percepire le emozioni degli altri rimane forte anche alla fine.

I nostri risultati dovrebbero responsabilizzare caregivers, mostrando che le loro azioni verso i pazienti veramente contano“, ha detto Guzmán-Vélez nel comunicato stampa. “Frequenti visite e sociali interazioni, esercizio fisico, la musica, la danza, barzellette, o piccole attenzioni, come servire il cibo preferito al paziente, possono avere un impatto emotivo duraturo sul paziente e sul suo benessere percepito.

Fonte:

Guzmán-Vélez E, Feinstein J, Tranel D. “Feelings Without Memory in Alzheimer Disease.” Cognitive & Behavioral Neurology, 2014.

Copyright: Psicologi@Lavoro
Non riprodurre senza autorizzazione

Articoli correlati

Personalità
8 bugie comuni del Narcisista
Lo psicologo Stephen Johnson scrive che il narcisista è una persona che ha “seppellito la sua...
Arti Terapie Espressive
Le Arti Espressive Sostengono la Neurodiversità
Come e perché la terapia delle arti espressive è una forma di psicoterapia che supporta un...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>