Accedi

Il Trauma Infantile e la Maternità

Il trauma infantile e la maternità

Tra il trauma infantile e la maternità esiste uno stretto legame. Le donne che hanno subito un trauma infantile diventano madri prima di quelle con un ambiente infantile più stabile. Questo è il risultato di un nuovo studio condotto in collaborazione tra l’Università di Turku e l’Università di Helsinki in Finlandia. I traumi che i bambini sperimentano in zone di guerra, disastri naturali o forse anche epidemie possono avere effetti inaspettati che riaffiorano più tardi nella loro vita.

La guerra, il trauma infantile e la maternità

Durante la seconda guerra mondiale, migliaia di donne e ragazze finlandesi si sono offerte volontarie per aiutare nello sforzo bellico come parte dell’organizzazione paramilitare ‘Lotta Svärd‘, esponendo alcuni al trauma della guerra. Il ricercatore e autore principale dello studio Robert Lynch dell’Università di Turku ha utilizzato i dati raccolti su questi volontari per studiare gli effetti del trauma infantile sugli adulti.

Lo studio ha mostrato un legame tra il trauma infantile e la maternità. Infatti, le ragazze e le donne che hanno servito in guerra sono diventate madri prima e hanno avuto più figli rispetto alle donne della stessa età che non hanno partecipato allo sforzo bellico.

Se possiamo misurare gli effetti del trauma su cose fondamentali come i tempi della maternità, allora quasi certamente ha effetti importanti su molti altri nostri importanti comportamenti, come l’avversione generale al rischio, la socialità o il ritmo dello sviluppo sessuale“, spiega Lynch.

Studi sul legame tra trauma e maternità

“Questo studio è innovativo perché supera molte delle insidie della ricerca sugli esseri umani che ha reso difficile sapere se il trauma è effettivamente la causa principale del mettere su famiglia in giovane età. L’ampio set di dati ci ha permesso di confrontare le donne prima e dopo la guerra e anche di prendere in considerazione il background familiare confrontando le sorelle. Questa è una forte prova a sostegno dell’idea che il trauma influenza i programmi riproduttivi“, aggiunge l’autore senior, il ricercatore John Loehr dell’Università di Helsinki.

Lo studio ha una chiara rilevanza per i milioni di bambini e adulti in tutto il mondo che subiscono traumi attraverso le guerre. Tuttavia, la rilevanza probabilmente si estende anche ad altre fonti di trauma, come i disastri naturali o anche l’attuale epidemia di COVID-19.

La teoria evolutiva spiega questo legame tra il trauma infantile e la maternità. Infatti, prevede che gli individui che sperimentano un ambiente instabile con alta mortalità è meglio che si riproducano prima. Altrimenti, correrebbero il rischio di non avere la possibilità più tardi.

Sembra esserci una finestra di sensibilità che si estende dall’infanzia alla prima età adulta dove il comportamento si adatta alle circostanze vissute. Le conseguenze possono essere di vasta portata anche dopo che la situazione si stabilizza. Un trauma infantile può influenzare la vita adulta delle persone in modi di cui non sono consapevoli, come i tempi della loro maternità“, spiega il professor Virpi Lummaa dell’Università di Turku.

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: University of Turku. (2020, June 4). Childhood trauma affects the timing of motherhood. ScienceDaily. Retrieved January 13, 2022 from www.sciencedaily.com/releases/2020/06/200604120546.htm

Corsi correlati

Corso Online
36 ECM
Dialoghi sulla Relazione Terapeutica 2023
La live si terrà il 31 gennaio 2023
167€
Iscriviti al corso
Corso Online
15 ECM
Trauma Model Therapy, con Colin Ross
La live si terrà il 27 gennaio 2023
316€ 202€
o 34 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi da Ansia e Stress
Maladaptive Daydreaming, Dissociazione e Disturbi Dissociativi
Il maladaptive daydreaming (sogno a occhi aperti maladattivo) è stato al centro di una serie di...
Trauma Collettivo
L’eredità del Trauma può essere trasmessa alle generazioni successive?
Nel 1864, verso la fine della guerra civile americana, le condizioni dei campi per prigionieri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0