Accedi

Trauma infantile e problemi relazionali in età adulta: un caso di studio

problemi relazionali

Negli ultimi 40 anni, i medici sono arrivati ​​a comprendere il ruolo che il trauma della prima infanzia può svolgere nell’intero arco della vita. Oggi è chiaro che l’abuso e l’abbandono infantili influiscono sulla nostra capacità, da adulti, di fidarci, essere emotivamente vulnerabili e legare con gli altri, comprese le persone che ci amano di più. In altre parole, è innegabile il legame tra trauma infantile e problemi relazionali in età adulta.

 

Trauma infantile e problemi relazionali in età adulta: l’esempio di Brandon

Si consideri Brandon, un attore di successo di 25 anni con una storia di abuso di sostanze, problemi relazionali e relazioni sentimentali fallite. Brandon è sobrio da alcol e droghe da tre anni, ma continua a lottare con le relazioni. In terapia, dice che lotta per fidarsi degli altri, anche delle persone che si sono guadagnate la sua fiducia. Tende a reagire in modo eccessivo a qualsiasi trasgressione percepita, non importa quanto piccola. Dice che questo sta influenzando la sua vita lavorativa, le sue amicizie e soprattutto la sua vita romantica.

Inizialmente, Brandon afferma che la sua infanzia è stata “relativamente normale, senza abusi”. Ma un esame più approfondito rivela un padre emotivamente assente, forse alcolizzato e una madre invischiata, narcisista ed emotivamente violenta. Dopo un’analisi, ammette di aver imparato presto che non poteva fidarsi che nessuno dei suoi genitori fosse lì per lui nei momenti di bisogno, specialmente se stava lottando con i suoi sentimenti. Quindi ha imparato a fingere che tutto andasse bene, qualunque cosa accadesse. Se andava da suo padre, era come parlare a un muro. Se andava da sua madre, la sua reazione (spesso emotivamente violenta) riguardava lei: come le debolezze e le carenze di Brandon si riflettessero male su di lei. A seconda del genitore, i bisogni di Brandon venivano ignorati o calpestati.

Trovare la fonte dei problemi relazionali

In una sessione successiva, Brandon ammette che da bambino non gli è mai stato permesso di provare (per non parlare di esprimere) sentimenti. Ci si aspettava che sorridesse, prendesse buoni voti, facesse sport e altrimenti teneva la bocca chiusa. Essere spaventati, confusi, vergognosi o in qualche modo bisognosi semplicemente non era accettabile. Quindi in superficie, Brandon ha avuto successo e felicità. Sotto la superficie, tuttavia, era pieno di vergogna e ansia.

C’è da stupirsi che Brandon abbia imparato a proiettare la facciata di una persona inutile e senza scopo? Dopotutto, ha imparato presto nella vita che le altre persone, in particolare le persone che dovrebbero amarlo e prendersi cura di lui, lo deluderanno continuamente. E potrebbero persino abusare di lui ogni volta che diventa vulnerabile e cerca di soddisfare i suoi bisogni. Quindi ora, da adulto, anche se brama l’intimità, ha paura di raggiungere gli amici e soprattutto i partner romantici in modi che potrebbero sviluppare l’intimità emotiva. Se li lascia entrare, potrebbero ferirlo o rifiutarlo, quindi non li lascia mai entrare.

Disturbo da stress post-traumatico

Per un po’, Brandon ha mascherato (o almeno è sfuggito) ai suoi problemi con alcol e droghe. Ora, tuttavia, è sobrio e, senza quel meccanismo di evasione dalla realtà, sta manifestando sintomi di disturbo da stress post-traumatico (PTSD) nella sua vita e nelle sue relazioni. Fondamentalmente, i suoi traumi irrisolti nella prima infanzia ed i problemi relazionali continuano ad avere un impatto negativo sulla sua capacità di sentire i suoi sentimenti e di soddisfare i suoi desideri e bisogni. Per questo motivo, non può mantenere relazioni romantiche o amicizie durature. E a volte si scaglia senza una ragione apparente contro le persone che lo circondano, specialmente le persone con cui esce o lavora, anche quando gli piacciono e le rispetta davvero.

La semplice verità è che l’abuso e l’abbandono nella prima infanzia hanno effetti significativi e duraturi.

 

Trauma dello Sviluppo e Dissociazione in Bambini e Adolescenti

Trauma dello Sviluppo e Dissociazione in Bambini e Adolescenti

Conseguenze del trauma infantile

Le manifestazioni più evidenti tendono ad essere dipendenza e gravi disturbi psicologici. Manifestazioni meno evidenti sono ciò che vediamo attualmente con Brandon: problemi relazionali, una tendenza all’isolamento, all’ansia e a scoppi di rabbia ingiustificati o altre forti emozioni. Purtroppo, queste manifestazioni meno evidenti possono, nel tempo, essere altrettanto dannose per l’individuo (e per coloro che lo circondano) quanto i sintomi più evidenti.

In poche parole, individui come Brandon tendono a sentirsi insicuri per la maggior parte, se non in tutti gli aspetti della vita. Provano un continuo senso di pericolo e sfiducia, anche quando le loro vite stanno andando bene. Ad aggravare le cose è il fatto che spesso non vedono una connessione tra i loro abusi e abbandono infantili e i loro problemi relazionali della vita adulta. Invece, pensano a se stessi come pazzi e difettosi, pensieri che esacerbano la loro immagine di sé già piena di vergogna.

C’è una soluzione per Brandon?

Certamente, anche se il suo percorso verso la guarigione non è né facile né divertente. Deve esplorare e lavorare attraverso il trauma della sua prima infanzia. Ciò significa che dovrà essere completamente onesto su questioni come i problemi relazionali, l’abbandono e l’abuso emotivi e psicologici, la dipendenza all’interno della famiglia, la repressione delle emozioni e altro ancora. Deve anche rimuovere i complessi strati del suo trauma infantile in modo da poter sapere cosa ha vissuto e come lo ha influenzato, sia da bambino che da adulto.

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: PsychologyToday.com, Robert Weiss Ph.D., MSW, Childhood Trauma and Adult-Life Relational Issues, https:// www. psychologytoday. com/

Corsi correlati

Articoli correlati

Disturbi da Ansia e Stress
Maladaptive Daydreaming, Dissociazione e Disturbi Dissociativi
Il maladaptive daydreaming (sogno a occhi aperti maladattivo) è stato al centro di una serie di...
Trauma Collettivo
L’eredità del Trauma può essere trasmessa alle generazioni successive?
Nel 1864, verso la fine della guerra civile americana, le condizioni dei campi per prigionieri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0