Trauma intergenerazionale: definizioni e nuove ricerche

trauma intergenerazionale

Nel recente studio “Intergenerational trauma is associated with expression alterations in glucocorticoid- and immune-related genes“, pubblicato lo scorso Novembre 2020 sulla rivista scientifica Neuropsychopharmacology, vengono messi in collegamento trauma intergenerazionale, glucocorticoidi e sistema immunitario. In particolare, riporta l’associazione tra l’esposizione dei genitori all’Olocausto e l’espressione genomica in cellule mononucleari del sangue periferico (PBMC) di 77 discendenti di sopravvissuti all’Olocausto e 15 soggetti di confronto.

I discendenti dei sopravvissuti ai traumi hanno maggiori probabilità di:

  • sviluppare PTSD (Disturbo post-traumatico da stress);
  • presentare disturbi dell’umore e ansia;
  • mostrare alterazioni endocrine e molecolari.

 

In che modo il trauma intergenerazionale influenza glucocorticoidi e sistema immunitario

Quarantadue geni espressi in modo differenziato (DEG) sono stati identificati in associazione con l’esposizione dei genitori all’Olocausto (FDR-adjusted p <0.05). La maggior parte di questi geni sono regolati e co-espressi in una rete genetica relativa alle funzioni delle cellule immunitarie. Quando sia l’esposizione dei genitori all’Olocausto che l’età materna all’esposizione all’Olocausto condividevano i DEG, i cambiamenti erano nella direzione opposta.

Allo stesso modo, i cambiamenti di sui DEG condivisi associati alla PTSD materna e paterna erano opposti. Mentre i cambiamenti dei DEG condivisi associati all’esposizione sia materna che paterna all’Olocausto o associati all’età materna e paterna all’esposizione all’Olocausto erano nella stessa direzione. Inoltre, i DEG associati all’esposizione parentale all’Olocausto sono stati arricchiti per i geni regolati da glucocorticoidi e le vie immunitarie, con alcuni di questi geni che mediano gli effetti dell’esposizione parentale all’Olocausto sulla proteina C reattiva. Il gene superiore in tutte le analisi è stato MMP8, che codifica la matrice metalloproteinasi 8, che è un regolatore dell’immunità innata.

Per concludere, questo studio ha identificato un insieme di glucocorticoidi e geni immuno-correlati in associazione con l’esposizione parentale all’Olocausto con effetti differenziali basati su fattori legati all’esposizione parentale. Confermando così, in altre parole, che il trauma intergenerazionale ha conseguenze sia sui glucocorticoidi che sul sistema immunitario.

 

Cos’è il trauma intergenerazionale?

L’idea che il trauma possa essere tramandato di generazione in generazione è nuova. Il concetto di trauma intergenerazionale è stato riconosciuto per la prima volta intorno al 1966, quando gli psicologi hanno iniziato a studiare i figli e i nipoti delle persone sopravvissute all’Olocausto. Uno studio del 1988 ha scoperto che i nipoti dei sopravvissuti all’Olocausto erano più numerosi, per circa il 300%, nei ricorsi alle cure psichiatriche. I ricercatori hanno teorizzato che gli effetti del trauma possono essere trasferiti da una generazione all’altra.

Questo fenomeno è anche conosciuto come trauma transgenerazionale e, quando fa riferimento a un’esperienza condivisa tra un gruppo di persone, come i neri o i rifugiati, può essere chiamato trauma storico.

Riportiamo le parole di Mariel Buquè, dottoranda di ricerca, una traumatologa, di spiegare come funziona il trauma intergenerazionale – e cosa si può fare, semmai, per curarlo.

 

In che modo lo stress traumatico basato sulla razza provoca un trauma intergenerazionale?

Le vite dei neri sono in pericolo da quando hanno messo piede negli Stati Uniti, e anche al di fuori degli Stati Uniti. È un fenomeno mondiale e un’epidemia che stiamo vivendo da centinaia e centinaia di anni ormai“, dice Buquè.

Oltre ai possibili cambiamenti genetici che possono aver ereditato da genitori e nonni traumatizzati, i neri americani si occupano anche di fonti psicologiche e sociali di traumi che si tramandano da una generazione all’altra.

Gli individui neri, in giovane età, vengono a contatto con molti messaggi che fanno credere loro che il mondo sia un luogo minaccioso“. Ma quando sei un bambino e stai ancora cercando di capire il tuo posto nel mondo, essere sommerso da questi messaggi – che sono protettivi sotto molti aspetti – è molto traumatico”, sottolinea Buquè.

Questo si inserisce in quello che i professionisti della salute mentale chiamano “il modello biopsicosociale“. Esso che esamina come i fattori biologici, psicologici e socio-ambientali sono interconnessi.

Questo tipo di stress traumatico basato sulla ‘razza’ non è ancora riconosciuto come un qualificatore diagnostico nel mondo psichiatrico – nonostante negli ultimi 10 anni circa, numerosi studi ne attestino l’esistenza, nota Buquè. “Non c’è una voce che ci dica che dobbiamo considerare le esperienze dei neri, e come queste producano un tipo molto specifico di distress da stress traumatico basato sulla razza che ha i marcatori del PTSD, come l’iper-vigilezza, l’iper-eccitamento, i pensieri intrusivi e i disturbi del sonno“.

 

Comprendere il proprio trauma

Il primo passo per guarire questo tipo di trauma è quello di acquisire una comprensione dei propri fattori scatenanti e dei propri sintomi. A causa della natura dei traumi storici, questi sono probabilmente diversi da persona a persona.

Buquè fa un esempio. Durante un incontro, una persona di colore può trovarsi a lavorare molto duramente per trasmettere un messaggio di inclusività. Se ne va, e si sente pesante. Ha perso l’appetito. Non si sente a terra, ma potrebbe non essere in grado di collegare il lavoro emotivo che ha appena svolto con i suoi sintomi.

È davvero importante per noi essere in sintonia con i fattori scatenanti e con i marcatori psicologici “, dice Buquè. Raccomanda protocolli di consapevolezza, che aiutano a rendere gli individui più consapevoli di dove risiede il trauma nel loro corpo. Questo tipo di lavoro può essere fatto con un professionista della salute mentale. Aggiunge: “Avere una comprensione di cosa sia il trauma per loro in particolare può essere molto potente. E può essere l’inizio di un viaggio di guarigione per rompere il ciclo del trauma per le generazioni a venire“.

Ti interessa questo argomento?
Guarda anche il video del nostro partner Guy Macpherson qui:

➡️ Epigenetica e traumi ereditari, con Johanna Lynn

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Nature.com e Refinery29.com
Intergenerational trauma is associated with expression alterations in glucocorticoid- and immune-related genes” di Nikolaos P. Daskalakis, Changxin Xu, Heather N. Bader, Chris Chatzinakos, Peter Weber, Iouri Makotkine, Amy Lehrner, Linda M. Bierer, Elisabeth B. Binder & Rachel Yehuda, su Neuropsychopharmacology (2020)

Corsi correlati

Corso Online
8 ECM
La Schema Therapy per lavorare su Vergogna, Invidia e Rabbia
La live si terrà il 17 febbraio 2023
147€ 117.6€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi Cognitivi
Schema Therapy e Disturbo Ossessivo-Compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato da pensieri, immagini o impulsi...
Disturbi da Ansia e Stress
L’efficacia della terapia di Neurofeedback sull’Ansia sociale e sulla Ruminazione
Ansia sociale e Ruminazione Le pressioni psicologiche causate dalla vita moderna e i rapidi...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0