Trauma Resiliency Model (TRM). Un approccio somatico per lavorare sui traumi complessi

Trauma Resiliency Model (TRM). Un approccio somatico per lavorare sui traumi complessi

Un rapporto clinico pubblicato nell’ultimo numero del Journal of the American Psychiatric Nurses Association presenta il Trauma Resiliency Model (TRM), un approccio somatico basato sulle neuroscienze per il trattamento del trauma complesso.

Gli autori del rapporto, Linda Grabbe ed Elaine Miller-Karas, suggeriscono che il TRM, originariamente sviluppato come un intervento rapido per le vittime di disastri naturali, è anche un trattamento efficace per i sopravvissuti a traumi complessi più persistenti.

Negli ultimi 20 anni, un’esplosione di nuove conoscenze ha creato un cambiamento epocale nella nostra comprensione dell’impatto per tutta la vita del trauma infantile, così come nel nostro pensiero sulla neurobiologia del trauma e della resilienza“, scrivono gli autori.

Sebbene le psicoterapie standard siano ‘informate sul trauma‘ o ‘basate sulla consapevolezza (mindfulness)‘, ci sono anche approcci terapeutici innovativi, alternativi, basati sul corpo o somatici che stanno guadagnando prove e slancio e sembrano avere un senso intuitivo per sopravvissuti a traumi che convivono con memorie corporee intrinseche di traumi.

 

Il Trauma Resiliency Model (TRM) nella risoluzione dei traumi complessi

Grabbe e Miller-Karas iniziano il loro studio con una panoramica dei risultati neuroscientifici sul trauma e sulla resilienza che sono alla base del TRM. Notano che gli studi hanno dimostrato che le prime esperienze traumatiche lasciano tracce durature nel corpo sotto forma di effetti duraturi e dannosi sulla salute. Ad esempio, i Centers for Disease Control and Prevention hanno intrapreso uno studio sulle esperienze infantili avverse (ACE) in cui è stato intervistato un ampio campione di 17.000 adulti in possesso di assicurazioni sulle circostanze e sulla salute dell’infanzia.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

È stato riscontrato che il 64% dei partecipanti è stato esposto ad almeno un tipo di ACE (ad esempio molestie, abusi fisici o spettatori di violenza domestica). I partecipanti che erano stati soggetti a più di tre ACE (25,5%) soffrivano di proporzioni drasticamente più elevate di “problemi di salute mentale” e altre condizioni come cancro, malattie cardiache, diabete e dipendenza.

La ricerca neuroscientifica ha documentato una serie di altre cicatrici fisiologiche lasciate da traumi infantili, compresi i cambiamenti nel funzionamento neuroendocrino e dei neurotrasmettitori e danni ai telomeri, lo strato protettivo alle estremità dei cromosomi che svolgono un ruolo nell’invecchiamento delle cellule e nell’insorgenza della malattia.

 

L’efficacia delle terapie somatiche

Sulla base di questi risultati sui resti corporei del trauma, gli autori sostengono che le terapie basate sul corpo sono quindi uno strumento importante nel trattamento del trauma. Chiamano queste terapie, come TRM e Somatic Experiencing (che informa TRM), “dal basso verso l’alto“, in contrasto con le terapie traumatiche orientate al cognitivo “dall’alto verso il basso“.

Le terapie verbali tradizionali possono aiutare una persona a comprendere cosa è successo o riformulare il pensiero, ma l’esperienza corporea multisensoriale di eventi traumatici così profondamente impressi nel sistema nervoso può affliggere i sopravvissuti al trauma anche se hanno una visione intellettuale delle loro esperienze“.

Uno degli obiettivi primari di TRM è aiutare i clienti a sviluppare la resilienza, che gli autori definiscono come la capacità di riprendersi dallo sforzo del corpo e di sopportare difficoltà interpersonali, professionali e di altro tipo dovute a qualità come la flessibilità sociale ed emotiva. In particolare, il TRM mira a coltivare la resilienza nei clienti aiutandoli a sviluppare abilità di interocezione o consapevolezza dello stato interiore del corpo. La ricerca con tecniche di neuroimaging sta iniziando a esplorare le connessioni tra interocezione e gestione emotiva e resilienza.

 

Nove abilità fondamentali per il TRM ed il trattamento del trauma

Il modello TRM insegna nove abilità che hanno lo scopo di aiutare i clienti a autoregolarsi, stabilizzare il sistema nervoso e “rielaborare” il trauma. Le prime sei abilità del modello devono essere facilmente accessibili ai membri della comunità e possono essere utilizzate indipendentemente, al di fuori della terapia.

Queste abilità includono il monitoraggio o l’osservazione senza giudizio delle “sensazioni corporee”; risorse, che consiste nel richiamare alla mente una persona, un animale, un luogo o un ricordo connesso alla sicurezza o alla gioia e notare le sensazioni associate; e messa a terra , in cui i clienti sono indirizzati a concentrarsi sulla sensazione del loro corpo che tocca le superfici (ad esempio il pavimento, i vestiti) al fine di fornire una sensazione di sicurezza e messa a terra.

Le ultime tre abilità di TRM vengono utilizzate per rielaborare il trauma e, a causa del loro potenziale di turbare i clienti, devono essere insegnate da un medico qualificato nel contesto della terapia. Una di queste abilità, la pendolazione , sviluppata per la prima volta da Peter Levine come parte del suo metodo Somatic Experiencing, implica il passaggio tra “sensazioni di angoscia … e maggiore benessere“, che può provocare un rilascio sensoriale.

 

Studi che hanno utilizzato il TRM per il trauma complesso

Gli autori fanno notare che la ricerca esistente sull’efficacia delle terapie somatiche nel trattamento dei traumi è scarsa, in parte a causa della tendenza a finanziare terapie “basate sull’evidenza” rispetto ad approcci più recenti. Tuttavia, ci sono almeno una manciata di studi che hanno esaminato i trattamenti somatici per il trauma; questi includono la ricerca sull’uso di Somatic Experiencing e TRM con sopravvissuti a disastri naturali.

Uno studio con 150 vittime dello tsunami nell’India meridionale ha rilevato che il 90% dei partecipanti ha sperimentato progressi significativi o la conclusione dei sintomi di disturbo da stress post-traumatico dopo una sessione di esperienza somatica di 75 minuti e istruzioni sull’autoregolazione.

Gli autori fanno inoltre riferimento a uno studio che esamina gli effetti della TRM su 155 individui socialmente emarginati in California (ad esempio coloro che hanno subito discriminazione razziale, omofobia, povertà e stress post-traumatico dopo il combattimento). I partecipanti allo studio hanno visto cali statisticamente significativi della depressione e dell’ansia, nonché aumenti del rilassamento e del “benessere somatico”.

Tuttavia, lo studio non è stato pubblicato in una rivista peer-reviewed; piuttosto, è stato presentato come un rapporto di valutazione alla contea in cui il progetto è stato implementato (San Bernadino, CA). Lo studio ha visto come co-autrice uno degli sviluppatori del TRM, Elaine Miller-Karas. Sono necessarie ulteriori ricerche sul TRM, replicate da ricercatori senza legami diretti con il modello di trattamento e pubblicate su riviste peer-reviewed.

 

Il TRM aiuta a sviluppare circuiti e modelli neuronali nuovi e sani

In chiusura, gli autori scrivono che l’approccio centrato sul corpo di TRM di connettersi con le proprie risorse interiori e le proprie sensazioni di benessere aiuta i clienti a sviluppare circuiti neurali nuovi, sani e resilienti. Sostengono una maggiore ricerca che esamina l’efficacia del TRM e di altri trattamenti somatici nel trattamento dei traumi, scrivendo:

“I modelli cognitivi basati sull’evidenza e informati sul trauma forniscono nuove comprensioni critiche del sé e delle esperienze passate, ma i modelli di terapia somatica affrontano risposte fisiologiche profonde e a lungo termine a minacce, segnali e fattori scatenanti quando il trauma è essenzialmente bloccato nel corpo.

Il TRM non richiede il racconto di alcuna storia di trauma e questo approccio gentile e invitante offre opportunità … per una nuova direzione nella cura della salute mentale “.

 

Fonte

Questo articolo è una traduzione libera dell’articolo di Rebecca Troeger, pubblicato su:

https://www.madinamerica.com/2018/01/trauma-resiliency-model-new-somatic-therapy-treating-trauma/

Condizione Professionale

La tua Regione

Condizioni di Servizio, la Policy Privacy e la Policy Cookies, ai sensi del GDPR (General Data Protection Regulation) con riferimento al Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati in vigore dal 25/05/2018"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>