Un avatar per ridurre i sintomi allucinatori della Schizofrenia

avatar schizzofrenia

Uno  studio pubblicato questo mese (23 novembre 2017) sulla prestigiosa rivista The Lancet Psychiatry, mostra come una terapia sperimentale, “Avatar Therapy “, che prevede una discussione faccia a faccia tra una persona con schizofrenia e un avatar che rappresenta le sue allucinazioni uditive può, insieme al trattamento abituale, aiutare a ridurre i sintomi.

Un paziente schizofrenico su quattro non trae giovamento dai farmaci antipsicotici. Molto spesso le ”voci” che perseguitano il paziente, gli rendono la vita impossibile e possono anche indurre al suicidio

Un’ampia percentuale di persone con schizofrenia continua a sperimentare voci angoscianti nonostante un lungo trattamento, quindi è importante cercare forme di terapia nuove, efficaci e brevi

afferma l’autore Tom Craig.

Si tratta del primo studio randomizzato su larga scala per questo tipo di terapia in persone che avevano allucinazioni uditive persistenti e angoscianti.I pazienti che hanno ricevuto questa terapia sono diventati meno angosciati e hanno sentito meno spesso voci, rispetto a quelli che hanno avuto la consulenza.
Secondo i ricercatori la terapia potrebbe aggiungere un nuovo importante approccio al trattamento delle allucinazioni schizofreniche.
Lo studio, su 150 persone, segue uno studio pilota del 2013, su un campione molto più piccolo.

 

Avatar therapy: Standing up to the voices

"I'm not going to listen to you any more."How avatar therapy is helping people stand up to schizophrenic voices.(via BBC Lifestyle & Health News)

Gepostet von BBC News am Freitag, 24. November 2017

Tutti i 150 partecipanti hanno continuato a ricevere il loro solito trattamento durante il tempo di studio. I ricercatori hanno confrontato una  ‘terapia con Avatar con una forma di consulenza di supporto adattata specificamente per lo studio. La ‘terapia con Avatar‘ si è svolta in sei sessioni, ognuna di 50 minuti una volta alla settimana. Prima di iniziare il trattamento, i pazienti hanno lavorato con il terapeuta per creare una simulazione computerizzata della voce e hanno poi fatto una conversazione a tre tra paziente, terapeuta e l’avatar, quest’ultimo gestito dal terapeuta. In ogni sessione i pazienti passavano 10-15 minuti parlando faccia a faccia con l’avatar, prendendo il controllo della conversazione.

La consulenza di supporto è stata effettuata per lo stesso numero e durata di sessioni.

Dopo 12 settimane, i sintomi dei pazienti del gruppo avatar sono stati giudicati meno gravi di quelli osservati nel gruppo che aveva ricevuto consulenza.

Sette persone che hanno ricevuto la ‘terapia con Avatar‘ e due persone nel gruppo di consulenza, hanno inoltre riferito che le loro allucinazioni erano completamente scomparse.

I rapidi miglioramenti osservati nel gruppo di trattamento con avatar, sono proseguiti fino a 24 settimane, ma nel corso del tempo, anche nel gruppo di trattamento con consulenza le allucinazioni sono divenute meno frequenti e stressanti, e a 24 settimane non vi era differenza negli esiti tra i due gruppi.

La tecnologia può sia oscurare che illuminare la nostra visione della realtà, ma nel caso di AVATAR sembra fornire un metodo potente per personificare ed esternalizzare un fenomeno altrimenti interno e spesso intrusivo

scrive in un commento collegato Ben Alderson-Day, della Durham University nel Regno Unito.

Robin Murray, professore presso King’s College London’s Institute of Psychiatry, ha affermato che se riproducibili, questi risultati “aggiungeranno un nuovo approccio importante nella cura e assistenza di persone con schizzofrenia.

Se un intervento interamente psicologico come la terapia con Avatar può produrre un tale miglioramento, allora dovrebbe farci ripensare al modo in cui teorizziamo le allucinazioni uditive”.

Brian Dow, dell’associazione benefica Rethink Mental Illness, afferma:

Le allucinazioni possono essere estremamente traumatizzanti per i pazienti, e i risultati di questo studio sono promettenti

Il professor Julian Leff, dello University College di Londra, è l’inventore della terapia avatar.

 

Qui l’Articolo Integrale

 

Copyright: PESI Italia srl
Non riprodurre senza autorizzazione

Corsi correlati

Corso Online
48 ECM
Certificazione TIST (Trauma-Informed Stabilization Treatment) Livello 01 – Ed.04
La live si terrà il 22 ottobre 2024
517€
o 172 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
14 ECM
Disturbo Ossessivo Compulsivo – SUMMIT 2024
La live si terrà il 10 maggio 2024
237€ 187€
o 62 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Trauma / PTSD
Maladaptive Daydreaming e movimenti corporei
Il Maladaptive Daydreaming (MD) è un disturbo dissociativo caratterizzato da immersioni che...
CFT - Terapia basata sulla Compassione
IFS e Dolore Cronico. Ascoltare le Parti interiori che trattengono il dolore
Susan è un’insegnante di danza di circa 30 anni che si esibisce regolarmente. Da anni vive nel...

0 thoughts on “Un avatar per ridurre i sintomi allucinatori della Schizofrenia

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>