proteina inibisce sintomi dell'alzheimer

Una proteina sembrerebbe in grado di inibire i sintomi dell’Alzheimer

L’ Alzheimer è la sesta principale causa di morte negli Stati Uniti, con oltre 1.200 individui che sviluppano la malattia ogni giorno, in Italia interessa circa 800.000 persone, cifre destinate a raddopiare entro il 2050.

Un nuovo studio pubblicato su Journal of Neuroscience descrive come manipolando i livelli di una proteina associata alla memoria si possono allontanare i sintomi di Alzheimer.

Klotho è una proteina codificata dal gene KL che agisce come regolatore dell’invecchiamento e se sovra-espressa è risultata essere correlata ad una maggiore longevità. Il corpo diminuisce questa proteina con il tempo, a bassi livelli di klotho sono collegate una serie di malattie comprese osteoporosi, malattie cardiache, aumento del rischio di ictus, e riduzione della funzione cognitiva. Questi fattori portano alla diminuzione della qualità della vita e anche a morte precoce.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che aumentando i livelli Klotho in topi sani si ha una più alta risposta della funzione cognitiva. Nel lavoro del Dott. Dubal principal investigator dello studio, viene aumentata la quantità di questa proteina in topi che esprimono anche grandi quantità di beta amiloide e tau, proteine che invece, sono associate con l’insorgenza della malattia di Alzheimer. Sorprendentemente, anche con alti livelli di queste proteine, che causano malattie tossiche, i topi con livelli Klotho elevati sono stati in grado di mantenere la loro funzione cognitiva.

“E ‘notevole che possiamo migliorare la cognizione in un cervello che mostra già i segni della malattia, nonostante il fatto che è pieno di tossine. Oltre a rendere i topi sani più intelligenti, ora sappiamo di poter creare resistenza in un cervello che presenta proteine tossiche associate all’ Alzheimer. Siamo in grado di fornire una maggiore capacità di recupero e di aumentare le funzioni cerebrali”

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

ha detto Dubal in un comunicato stampa.

Il meccanismo alla base di questa conservazione cognitiva sembra essere dovuto al fatto che questa proteina klotho interagisce con un recettore del glutammato chiamato NMDA, che è di fondamentale importanza per la trasmissione sinaptica, influenzando l’apprendimento, la memoria e le funzioni esecutive. La malattia di Alzheimer in genere, danneggia questi recettori, ma i topi con concentrazioni elevate di klotho sono stati in grado di mantenere le funzioni NMDA e cognizione. Parte del successo sembra essere dovuto alla conservazione della sub-unità GluN2B dei recettori NMDA, che esisteva in numero significativamente più grande rispetto ai topi del gruppo di controllo. Il meccanismo ed i risultati di questo studio dovranno essere indagati ulteriormente prima di sviluppare un possibile trattamento per gli esseri umani.

“Il prossimo passo sarà quello di individuare e testare farmaci che possono aumentare la proteina. Siamo incoraggiati in questo senso da parte delle forti analogie trovate tra gli effetti di Klotho negli esseri umani e topi nel nostro studio precedente. Pensiamo che questo possa fornisce un buon supporto per perseguire il klotho come un potenziale farmaco per il trattamento di disturbi cognitivi negli esseri umani, tra cui il morbo di Alzheimer.”

Copyright: [email protected]
Non riprodurre senza autorizzazione

Condizione Professionale

La tua Regione

Condizioni di Servizio, la Policy Privacy e la Policy Cookies, ai sensi del GDPR (General Data Protection Regulation) con riferimento al Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati in vigore dal 25/05/2018"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>