Uno sguardo sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

uno-sguardo-sui-disturbi-specifici-di-apprendimento-dsa

All’interno di una rubrica che tratta di Apprendimento non può certamente mancare uno sguardo sui Disturbi Specifici di Apprendimento, meglio conosciuti con l’acronimo DSA.

A partire dal 2010, anno dell’emanazione della Legge 170 per il diritto allo studio degli studenti con DSA, il mondo della scuola e dell’educazione ha iniziato a mostrare sempre maggiore attenzione e apertura verso la tematica, considerata anche l’elevata incidenza pari al 2,9% del totale della popolazione studentesca (Fonte Miur).

Vediamo dal punto di vista clinico cosa sono e come si manifestano:

I Disturbi Specifici di Apprendimento sono disturbi evolutivi di origine neurobiologica che riguardano difficoltà specifiche nelle aree di lettura, scrittura, grafia e calcolo.  La loro principale caratteristica è la “specificità”, in quanto interessano uno specifico dominio di abilità in modo significativo ma circoscritto, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale.
Questi si presentano in assenza di alterazioni neurologiche, deficit sensoriali, o condizioni sociali o ambientali compromesse. Comportano difficoltà nell’acquisire e processare informazioni in modo efficiente e accurato, si tratta quindi di deficit nell’automatizzazione sottostante al funzionamento dei processi cognitivi implicati.

Il DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, APA) definisce i Disturbi Specifici di Apprendimento DS come:

“caratterizzati dalla persistente difficoltà di apprendimento delle abilità scolastiche: lettura delle parole lenta o imprecisa e faticosa, difficoltà nella comprensione del significato di ciò che viene letto, difficoltà nello spelling, difficoltà con l’espressione scritta, difficoltà nel padroneggiare il concetto di numero, i dati numerici o il calcolo, difficoltà nel ragionamento matematico”.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Vediamo quali sono in dettaglio caratteristiche cliniche dei Disturbi Specifici di Apprendimento DSA:

  • Dislessia: si manifesta attraverso una lettura lenta e poco fluente, caratterizzata da errori (omissioni o aggiunte di lettere o sillabe, inversioni, confusione grafemi simili). La difficoltà non riguarda l’apprendimento stesso dei meccanismi di decodifica (conversione grafema-fonema) ma l’automatizzazione dei processi cognitivi che stanno alla base di tali meccanismi.
  • Disgrafia: si manifesta attraverso difficoltà nella realizzazione della scrittura; riguarda quindi l’aspetto motorio della grafia. Principali segni: lettere irregolari, mancato rispetto dei margini, collegamenti scorretti tra le lettere, lentezza esecutiva.

Altri elementi  importanti da osservare sono l’impugnatura, la postura tenuta durante l’attività di scrittura e l’eventuale presenza di difficoltà di tipo visuo-percettive.

  • Disortografia: riguarda le difficoltà a carico della componente ortografica, relativa all’analisi, discriminazione e memorizzazione dei suoni che compongono le parole. Il soggetto compie numerosi errori di tipo fonologico, in cui non è rispettato il rapporto tra fonema e grafema (sostituzioni di lettere, omissioni, aggiunte, inversioni)  non fonologico (separazioni o fusioni tra parole, omissione o aggiunta dell’h, scambio grafemi omofoni), di doppie e accenti.
  • Discalculia: implica difficoltà relative al sistema del numero e del calcolo.

Nella pratica clinica è possibile riscontrare 2 profili tipici, a partire dall’analisi degli errori e del profilo di funzionamento:

-Discalculia profonda, riguarda un deficit nella componente cognitiva dei processi di elaborazione numerica. I soggetti che presentano un profilo di questo tipo mostrano precocemente difficoltà in aree di competenza numerica (associazione numero-quantità, seriazione numerica, comparazione o quantificazione).

-Discalculia superficiale, relativa a deficit negli aspetti procedurali del calcolo. Nello specifico gli studenti manifestano problemi nell’automatizzare fatti numerici e tabelline, nell’apprendere le procedure del calcolo e delle operazioni aritmetiche e nell’applicazione delle procedure.

Il percorso diagnostico dei Disturbi Specifici di Apprendimento:

La diagnosi può essere effettuata solo ed esclusivamente da due figure, lo psicologo e il medico neuropsichiatra infantile i quali a loro volta generalmente fanno parte di un’equipe multidisciplinare.

Gli strumenti da utilizzare devono essere standardizzati e in linea con le indicazioni della Consensus Conference dell’Isitituto Superiore di Sanità.

I test previsti devono misurare: quoziente e profilo di funzionamento intellettivo, lettura, scrittura, grafia, calcolo e comprensione del testo; è possibile poi effettuare altri approfondimenti neuropsicologici se il clinico lo ritiene opportuno

Per la certificazione, invece, grazie alla quale è possibile attivare la normativa vigente e l’applicazione di misure compensative e dispensative a scuola,  le singole regioni Italiane hanno legiferato sulla materia. In alcune la certificazione può essere effettuata solo presso strutture pubbliche, in altre anche da specialisti privati o strutture accreditate.

La diagnosi può essere effettuata a partire dalla fine della seconda primaria, mentre dalla terza per la discalculia e disgrafia.

Quali ambiti di intervento per lo psicologo:

Uno psicologo adeguatamente formato  materia può occuparsi di:

  • Diagnosi
  • Potenziamento specifico delle abilità di lettura, scrittura calcolo.
  • Tutoraggio e supporto allo studio per sostenere gli aspetti emotivo-motivazionali e il raggiungimento dell’autonomia scolastica.
  • Psicoterapia e sostegno psicologico 

Bibliografia

Ammaniti M., Cornoldi C., Vicari S., (2015), Novità nell’approccio alla psicopatologia dello sviluppo del DSM-5,  “Psicologia clinica dello sviluppo” a. XIX, n. 2

Cornoldi C. (2007), Difficoltà e disturbi dell’apprendimento”, Il mulino

Cornoldi C.,  Tressoldi P.E., (2014), Linee guida per la diagnosi dei profili di dislessia e disortografia previsti dalla legge 170: Invito a un dibattito, Psicologia Clinica dello sviluppo . XVIII, n. 1.

Vio C., Tressoldi P.E., Lo Presti G (2012), Diagnosi dei disturbi specifici dell’apprendimento scolastico”, Trento, Erickson

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>