Le 10 fasi del trattamento del Disturbo Narcisistico di Personalità

Il narcisita può essere aiutato? La risposta è sì, con molto sforzo e soprattutto con un trattamento e una terapia appropriata del disturbo narcisistico di personalità si può lentamente cambiare .

Elinor Greenberg, trainer di Gestalt Therapy di fama internazionale, specializzata nell’insegnamento della diagnosi e del trattamento di disturbi borderline, narcisistici e schizoidi, ne parla nel post “10 Stages in the Treatment of Narcissistic Disorders“, su PsychologyToday.

Il trattamento del Disturbo Narcisistico di Personalità è un processo lungo, lento e complesso. Procede per fasi. I clienti possono fermarsi in qualsiasi momento. La misura in cui arrivano in terapia dipende da quanti stadi completano e da quanto erano compromessi. I narcisisti ad alto funzionamento che affrontano bene la maggior parte della loro vita sono probabilmente in grado di fare meglio in terapia rispetto ai narcisisti con un funzionamento inferiore che non sono in grado di mantenere un lavoro e non hanno amici.

La Personalità Narcisistica e Borderline, con Nancy McWilliams e Vittorio Lingiardi

Le 10 fasi della terapia per il Disturbo Narcisistico di Personalità

Ecco uno sguardo molto breve al processo. In realtà, potrebbe non essere così semplice o lineare. E, tieni presente, che esistono diverse forme di terapia per Disturbo Narcisistico di Personalità e ognuna può vedere il processo terapeutico in modo leggermente diverso da come sto facendo io adesso. Sto descrivendo cosa mi ha insegnato la mia esperienza nel trattamento delle persone affette da Disturbo Narcisistico di Personalità da oltre 40 anni.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Fase 1: sollievo dei sintomi o pacificazione

La maggior parte dei clienti con Disturbo Narcisistico di Personalità non entra in terapia per riflettere o cambiare. Di solito vengono per ottenere sollievo da sentimenti e sintomi spiacevoli o per compiacere qualcuno di importante per loro. Alcuni se ne vanno non appena si sentono meglio o la persona è placata.

Fase 2: evitare il dolore futuro

Alcuni clienti con Disturbo Narcisistico di Personalità trovano la terapia più interessante del previsto. Se sono in grado di auto-riflettere, possono continuare abbastanza a lungo per capire i loro fattori scatenanti e sviluppare un piano che li aiuterà a evitare il dolore futuro. In questa fase è ancora tutto su di loro senza alcun desiderio di capire o cambiare il loro impatto sulle altre persone. Si tratta di comprendere l’impatto degli altri su di loro.

Fase 3: identificare i loro meccanismi di coping

In questa fase aiuto le persone a comprendere e identificare i loro modelli di difesa primari. Può comportare l’esame della loro situazione infantile e il modo in cui hanno imparato ad affrontarla. Questo è ancora abbastanza facile perché può essere esplorato (in molti casi) senza che si sentano giudicati.

Fase 4: creare nuovi meccanismi di coping

Ora che la persona sa cosa fa e perché lo fa, le vecchie strategie narcisistiche non scompaiono semplicemente. Se ti stai aggrappando al bordo di una scogliera con entrambe le mani, per non cadere, non ti lasci andare solo perché la tua tecnica di arrampicata è inefficiente o dolorosa. Quindi, iniziamo a discutere altri modi in cui possono soddisfare i loro bisogni che sono più costruttivi. Alla fine, identificheranno nuovi metodi.

Fase 5: formare nuove abitudini

La maggior parte dei meccanismi narcisistici di coping può essere vista come abitudini codificate nel cervello attraverso connessioni neuronali. L’obiettivo di base ora è duplice: (1) Inibire le vecchie abitudini narcisistiche automatiche e (2) Sostituire i nuovi schemi più desiderabili.

Se questo viene fatto alcune centinaia di volte, il nuovo metodo alla fine viene codificato nel cervello. Il vecchio schema narcisistico delle connessioni neuronali si indebolisce per mancanza di uso, e ora i nuovi meccanismi di coping diventano il modello automatico predefinito.

Se desideri saperne di più su ciò che accade a livello neuronale quando provi a cambiare un’abitudine, ti suggerisco di dare un’occhiata al lavoro del biologo Gerald Edelman (1929-2014), vincitore del premio Nobel, in particolare il suo libro del 1987: Neural Darwinism .

Fase 6: impatto su altre persone

Il più delle volte, i clienti con modelli di coping difensivi narcisistici non possono seriamente considerare il loro impatto su altre persone fino a quando non avranno in atto nuovi schemi di coping. Sentiranno troppa vergogna.

Il loro successo nel comprendere se stessi e nel formare nuove abitudini crea un orgoglio realistico. Questo dà loro meno incentivi per essere grandiosi e più capacità di tollerare l’idea che potrebbe migliorare la loro vita se prendessero in considerazione i bisogni di altre persone. Non si tratta di avere più empatia emotiva. Stiamo ancora osservando tutto attraverso l’obiettivo di come ne avvantaggia.

Fase 7: Focus sul dolore infantile

In questa fase, i clienti sono più calmi e la loro vita è generalmente più calma. Hanno imparato il loro tipo di attivatori e hanno sviluppato modi più produttivi per far fronte alle situazioni.

Ora che alcune delle loro difese contro la vergogna sono meno necessarie, i traumi dolorosi del passato iniziano a essere al centro della terapia. Se questo va bene, ha luogo una certa guarigione e nel processo sviluppano un po ‘di empatia emotiva per se stessi da bambino.

L’approccio N.A.R.M. per lavorare con il trauma dello sviluppo (C-PTSD)

Cominciano anche a sviluppare la capacità di formare un’immagine stabile, realistica e integrata di se stessi (Whole Object Relations). Ciò consente loro di iniziare a vedere anche altre persone in un modo più integrato, né buono né cattivo.

Fase 8: aggiorna la voce interna

Prima di poter sviluppare empatia emotiva per le altre persone, la maggior parte delle persone con Disturbo Narcisistico di Personalità devono entrare in empatia con se stesse. Abbastanza presto nella terapia – in quasi ogni fase – inizio a parlare di come i bambini interiorizzano automaticamente la loro comprensione di come i loro caregiver li hanno visti, le idee dei loro caregiver su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, e anche le loro idee su ciò che merita lode e colpa.

Sottolineo che aggiorniamo i nostri telefoni cellulari, i nostri computer e le nostre app, ma la maggior parte di noi sta ancora vivendo la nostra vita sulla base di un “software” interno che è stato programmato da un bambino molto giovane. Suggerisco loro di esaminare come la loro voce guida interiore parla loro e di prestare attenzione alle seguenti cose:

  •     Ti piace il tono della tua voce interiore?
  •     È dolce, amorevole, aspro o spaventoso?
  •     Ti sembra giusto?
  •     È una guida affidabile per tutta la vita?
  •     Ti premia quando fai bene?
  •     Potete per favore?
  •     Ti punisce con vergogna o colpa quando devi essere represso?
  •     La punizione è eccessivamente dura?
  •     Hai davvero bisogno di tale durezza per ottenere il messaggio?

Una volta che sono consapevoli del tono e del contenuto della loro voce interiore e capiscono che il modo in cui parlano a se stessi può essere cambiato, esploriamo quali cambiamenti potrebbero voler fare.

Apportare i cambiamenti richiede consapevolezza e volontà di sfidare e inibire la voce interiore. A volte tutto ciò che serve è una ferma “Smettila!” quando la voce è eccessivamente aspra. Quindi i clienti si esercitano a parlare da soli nel nuovo modo che hanno deciso sarebbe preferibile. Come con il cambiamento dei meccanismi di coping, questo può richiedere vigilanza e molte ripetizioni.

Nota: di solito puoi dire quanto qualcuno sia duro con se stesso ascoltando quanto sia duro con altre persone. La durezza interna è proporzionata alla durezza esterna. Incolpare e giudicare le altre persone è un modo per reindirizzare il duro critico interiore verso l’esterno. Questo gli offre un po’ di pace interiore a spese delle altre persone.

Fase 9: Empatia per altre persone

Una volta che hanno compreso il proprio dolore e hanno la voce aspra e svalutante più sotto controllo, possono iniziare a guardare all’esterno le altre persone. Generalmente, la loro prima vera empatia emotiva per le altre persone è evocata da qualcuno che soddisfa le seguenti condizioni:

  •     Non sono una minaccia per il narcisista.
  •     L’altra persona ricorda loro se stessi.
  •    Questa persona viene traumatizzata o è stata traumatizzata in un modo molto simile a quello sperimentato dal narcisista.

Se tutto va bene, alcuni di questi clienti continueranno ad espandere lentamente la loro capacità di empatia emotiva.

Fase 10: autenticità

Il mio interesse costante e non giudicante nei loro confronti, e il loro abbandono delle loro difese, migliora la nostra relazione. Può essere un’esperienza emotiva riparativa. Si sentono fiduciosi di poter essere autentici con me perché ho visto il loro “lato negativo” e non è successo niente di terribile a nessuno dei due.

Fanno piccoli passi avanti e cercano di essere più autentici con le altre persone. Se questa fase va bene, la loro dipendenza dalle loro vecchie difese del “falso sé” diminuisce e diventano persone più spontanee e gioiose.

Quanto scritto sopra è un ‘assaggio’ della terapia e del trattamento del disturbo narcisistico della personalità. È complessa, coinvolge molte fasi e probabilmente richiederà molto tempo. C’è molta strada da fare. A volte le persone non vogliono fare tutto questo o non possono fare tutto. Tutti quelli che continuano ad abbandonare la propria evoluzione alla fine migliorano. Quanto dipende dalla loro volontà di continuare a lavorare su se stessi.

 

 

Fonte: libera traduzione dell’articolo di Elinor Greenberg pubblicato su

https://www.psychologytoday.com/us/blog/understanding-narcissism/201908/10-stages-in-the-treatment-narcissistic-disorders

Condizione Professionale

La tua Regione

Condizioni di Servizio, la Policy Privacy e la Policy Cookies, ai sensi del GDPR (General Data Protection Regulation) con riferimento al Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati in vigore dal 25/05/2018"

0 responses on "Le 10 fasi del trattamento del Disturbo Narcisistico di Personalità"

    Lascia un Messaggio

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Certificati di partecipazione
    Ogni corso rilascia l'attestato di partecipazione

    Corsi ondemand sempre tuoi
    Saranno tuoi a vita, sempre accessibili nella tua mediateca personale

    Dove vuoi, quando vuoi
    Corsi ondemand e webinar fruibili da pc, tablet e smartphone

    Qualità garantita
    Un'offerta formativa di alta qualità, pratica, spendibile, modulare

    © 2012-2018 Tutti i diritti riservati. FormazioneContinuaInPsicologia.it è di proprietà di Liquid Plan srl, p.iva 11818651009
    0