Accedi

L’uso dell’ACT nei Disturbi da Uso di Sostanze

ACT-SUD

Il disturbo da uso di sostanze è un’emergenza globale.

Il disturbo da uso di sostanze si verifica quando un individuo continua a cercare e a usare sostanze nonostante i problemi e i danni che ne derivano.

Per formulare una diagnosi di disturbo da uso di sostanze, la persona deve presentare due o più degli 11 sintomi descritti nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), che possono essere classificati come lievi, quattro o più sintomi per la forma moderata e sei o più sintomi per la forma grave.

I sintomi includono l’ingestione di sostanze in quantità maggiori e/o per un periodo di tempo più lungo, sforzi concertati o azioni aggressive per regolare o ridurre al minimo l’uso di sostanze, e una grande quantità di tempo spesa in attività per acquisire, usare o recuperare dagli effetti della sostanza.

Vi è una compulsione, un’inclinazione o un desiderio intenso di usare la droga, un uso ripetuto di sostanze, il mancato rispetto di alcune responsabilità designate al lavoro, a scuola o a casa, e l’uso continuo di droghe in mezzo a problemi sociali o comportamentali cronici indotti o peggiorati dall’uso di sostanze.

 

La terapia dell’accettazione e dell’impegno (ACT)

La terapia dell’accettazione e dell’impegno (ACT) è un intervento sviluppato dalla teoria dei quadri relazionali (RCT). È una forma di terapia comportamentale di terza ondata.

Questa forma di terapia utilizza sei processi di adattamento. Essi comprendono la defusione, l’accettazione, l’attenzione flessibile al momento presente, il sé come contesto, i valori e le azioni impegnate.

L’ACT si concentra soprattutto sulla flessibilità psicologica, descritta come la capacità di un essere umano di confrontarsi con il momento presente e di modificare le proprie azioni per ottenere l’effetto desiderato.

Il fulcro dell’ACT, quando viene utilizzata per il disturbo da uso di sostanze, è che le persone accettino lo stimolo e i sintomi associati all’abuso di sostanze (accettazione) e poi utilizzino la flessibilità psicologica e gli interventi basati sui valori per ridurre lo stimolo e i sintomi (impegno).

L’ACT è diversa da altre terapie comportamentali come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT). Nella CBT, le persone cercano di evitare o sostituire lo stimolo e i sintomi associati all’uso di sostanze con cose più positive, piuttosto che affrontare e accettare la loro esistenza e cercare modi per migliorare o superare le sfide.

L’ACT ha dimostrato di essere un intervento di grande successo nella riduzione di vari disturbi mentali. Gli studi dimostrano anche la sua efficacia come monoterapia o in combinazione con altre terapie per il trattamento di persone con disturbo da uso di sostanze.

L’efficacia della terapia ACT è stata dimostrata e documentata in diverse popolazioni, come adolescenti, veterani, detenuti e geriatri. L’ACT ha successo in molti contesti clinici (ospedaliero, ambulatoriale e cliniche per il trattamento delle tossicodipendenze).

Per discutere i risultati e la rilevanza dell’ACT nei disturbo da uso di sostanze, gli autori hanno raggruppato gli articoli in sottovoci per riflettere la natura dei disturbo da uso di sostanze, gli interventi, i partecipanti e l’ambiente in cui è stata utilizzata l’ACT.

 

ACT a distanza/elettronica per i disturbo da uso di sostanze

Nel 2015, Jones et al. hanno condotto uno studio di controllo randomizzato (RCT) sul trattamento ACT e di cessazione del fumo basato sul web per i fumatori con sintomi depressivi. Sono stati raggruppati in Webquit.org (ACT) o Smokefree.gov.

I risultati hanno rivelato un tasso di abbandono più elevato (dal 20% al 12%) nei partecipanti a Webquit.org rispetto a Smokefree.gov.

Uno studio simile condotto da Bricker et al. nel 2013 ha mostrato che i partecipanti che hanno utilizzato Webquit.org avevano un tasso di abbandono più alto (dal 23% al 10%) rispetto a quelli che hanno utilizzato Smokefree.gov.

Bricker et al. hanno dimostrato un risultato simile utilizzando l’applicazione telefonica Smartquit (ACT) rispetto alla Quitguide (l’applicazione Quiet Guide del National Cancer Institute) per smettere di fumare. Il 13% dei partecipanti a Smartquit ha smesso di fumare dopo 3 mesi di follow-up rispetto all’8% dei partecipanti a Quitguide. I partecipanti a Smartquit a 2 mesi hanno anche mostrato un aumento nell’accettazione del desiderio di tabacco.

 

ACT per pazienti incarcerati/istituzionalizzati/residenziali con disturbo da uso di sostanze

Gli studi che utilizzano l’ACT da sola o in combinazione con altri metodi per il trattamento del disturbo da uso di sostanze sono stati sperimentati su pazienti incarcerati, istituzionalizzati o in strutture residenziali. In un RCT su 31 donne incarcerate con disturbo da uso di sostanze, le partecipanti al gruppo di controllo erano in lista d’attesa.

L’astinenza dall’uso di sostanze stupefacenti è aumentata del 27,8% alla fine del periodo di trattamento e del 43,8% al follow-up di 6 mesi. Quando l’ACT è stata confrontata con la CBT in 50 donne residenti in un carcere statale in Spagna, l’ACT ha mostrato un miglioramento significativo nella riduzione dell’uso di droghe (43,8% nell’ACT vs. 26,7% nella CBT) dopo 6 mesi.

Un altro studio condotto su pazienti in trattamento residenziale con sostanze stupefacenti ha rilevato che non c’era alcuna differenza statisticamente significativa tra il gruppo ACT e mindfulness e il trattamento come di consueto (TAU) dopo 28-30 giorni di trattamento in una struttura residenziale per il trattamento delle droghe. Il TAU consisteva in programmi come Alcolisti Anonimi o Narcotici Anonimi. Non è stato effettuato alcun follow-up dei pazienti.

L’uso di ACT nel trattamento dell’abuso di singole sostanze

L’ACT è un intervento che ha mostrato molte promesse nei pazienti con disturbo da uso di sostanze singolo. Due studi hanno dimostrato che l’ACT è una terapia efficace per il disturbo da uso di alcol. Meyer et al. nel 2018 hanno condotto uno studio pilota non controllato su 43 veterani con disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Alla fine di 10-12 sessioni di ACT con TAU, i veterani hanno dimostrato una significativa riduzione del numero totale di bevande e giorni di consumo eccessivo.

Ehman e Gross nel 2018 hanno anche condotto uno studio di caso su una donna di 29 anni, studentessa universitaria e affetta da disturbo da uso di alcol. La donna si è impegnata molto nella terapia ACT. Al termine del periodo di trattamento, ha riportato una riduzione significativa del numero di episodi di consumo e del consumo grave di alcol.

Diversi studi hanno dimostrato l’influenza dell’ACT sulla cessazione del fumo. Questi studi hanno utilizzato interventi di persona, soluzioni basate sul web o su applicazioni per fornire la terapia ai partecipanti. I risultati sono stati una significativa riduzione del fumo, una diminuzione del desiderio e un aumento della flessibilità psicologica.

Uno studio preliminare su uomini che hanno abusato di metamfetamina e che frequentano un centro di riabilitazione per tossicodipendenti a Teheran ha mostrato una riduzione significativa della dipendenza da metamfetamina.

Uno studio condotto da Stotts et al. sull’uso dell’ACT nel trattamento del metadone non ha mostrato alcuna differenza statisticamente significativa rispetto alla normale consulenza sui farmaci.

 

L’uso dell’ACT nel trattamento di molteplici disturbi da uso di sostanze

Due gruppi di ricercatori (Luoma et al. e Lanza et al.) hanno condotto due diverse ricerche sull’uso dell’ACT nella gestione del disturbo da uso di sostanze. Gli studi hanno riscontrato una riduzione significativa del consumo di sostanze dopo 4 mesi e 6 mesi.

L’ACT è stata utilizzata nella gestione delle detenute a lungo termine, con una riduzione significativa dell’abuso di sostanze dopo 18 mesi. Uno studio condotto su pazienti in una casa di riposo non ha riscontrato alcuna differenza statisticamente significativa tra ACT e TAU. Non è stato effettuato un follow-up a lungo termine dei pazienti. Questa mancanza di follow-up può aver influenzato l’esito del trattamento.

 

Conclusioni

In conclusione, l’ACT ha dimostrato di essere una terapia promettente da utilizzare nella gestione dei pazienti con disturbo da uso di sostanze.

La maggior parte degli articoli esaminati in questo studio ha mostrato riduzioni significative nell’uso della sostanza subito dopo il trattamento e durante il follow-up dei partecipanti.

 

Se vuoi approfondire l’utilizzo dell’ACT, non perdere il corso Acceptance and Commitment Therapy (ACT) per Bambini e Adolescenti, con Steven Hayes.

ACT SUD

 

 

Fonte: Osaji J, Ojimba C, Ahmed S. The Use of Acceptance and Commitment Therapy in Substance Use Disorders: A Review of Literature. J Clin Med Res. 2020 Oct;12(10):629-633. doi: 10.14740/jocmr4311. Epub 2020 Sep 21. PMID: 33029268; PMCID: PMC7524566.4

Corsi correlati

Corso Online
18 ECM
Certificazione internazionale in Dialectical Behavior Therapy (DBT)
La live si terrà il 24 settembre 2024
327€ 287€
o 96 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
18 ECM
Certificazione Internazionale in Mindfulness, Edizione 02
La live si terrà il 11 ottobre 2024
277€ 227€
o 76 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Bambini
La terapia EMDR per bambini
La terapia EMDR è stata ampiamente studiata e ha dimostrato di essere utile per le persone che...
Bambini
Rafforzare l’Empatia nei Bambini, con Paris Goodyear-Brown
Vedo molti genitori desiderosi di capire cosa possono fare per crescere figli gentili e...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>