Adozione Internazionale: una meta-analisi sui problemi di comportamento e salute mentale

adozione internazionale

Un breve accenno sul fenomeno dell’adozione internazionale

L’adozione internazionale è un fenomeno in crescita che coinvolge più di 40 000 bambini all’anno che si spostano tra più di 100 Paesi.

La Convenzione dell’Aja del 1993, stabilendo norme e standard uniformi, ha approvato e facilitato l’adozione internazionale. L’adozione internazionale può offrire il vantaggio di una famiglia permanente a un bambino per il quale non è possibile trovare una famiglia nel Paese d’origine.

Nel 2004, la maggior parte delle adozioni internazionali negli Stati Uniti (22.884) proveniva da Cina, Russia, Guatemala, Corea del Sud e Kazakistan, mentre la maggior parte delle adozioni internazionali in Europa (15.847 nel 2003) proveniva da Cina, Russia, Colombia, Ucraina e Bulgaria.

Dagli anni 70, le adozioni nazionali in Nord America e in Europa sono diminuite drasticamente, mentre nello stesso tempo il numero delle adozioni internazionali è aumentato.

 

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Cosa dice la letteratura finora

Gli adottati internazionali spesso sperimentano cure mediche prenatali e perinatali inadeguate, separazione materna, deprivazione psicologica, servizi sanitari insufficienti, trascuratezza, abuso e malnutrizione negli orfanotrofi o nelle famiglie povere, prima del collocamento adottivo.

Modelli animali hanno dimostrato che la separazione materna precoce e la privazione possono danneggiare seriamente il funzionamento del bambino e il suo sviluppo successivo. La privazione psicologica negli orfanotrofi può provocare un disadattamento nei bambini.

Inoltre, dopo il collocamento adottivo, gli adottati devono far fronte all’integrazione della perdita della loro cultura e della loro famiglia naturale nella loro vita. A differenza degli adottati nazionali che sono adottati all’interno dello stesso Paese, gli adottati internazionali possono affrontare problemi relativi alla loro identità divergente, poiché la maggior parte degli adottati internazionali sono cresciuti da genitori che non condividono il loro background razziale e culturale.

L’adozione di solito offre migliori opportunità mediche, fisiche, educative e psicologiche per i bambini istituzionalizzati e la ricerca ha documentato il sostanziale recupero dei bambini dalla deprivazione dopo l’adozione.

Ciò può essere in parte dovuto alla possibilità che alcuni bambini adottati siano stati scelti per l’adozione perché sembravano più brillanti o avevano migliori abilità sociali.

Tuttavia, diversi studi hanno trovato che i bambini adottati erano sovra rappresentati nelle popolazioni di salute mentale e mostravano più disturbi esternalizzanti.

Alcuni studi hanno trovato più problemi di salute mentale negli adottati internazionali rispetto ai non adottati, in particolare negli adottati maschi, nell’adolescenza e nei bambini collocati oltre l’infanzia. Tuttavia, la maggioranza degli adottati non aveva problemi.

In un ampio studio nazionale in Svezia che ha coinvolto più di 11.000 adottati internazionali, è stato riscontrato un rischio significativamente più elevato di suicidio, malattie psichiatriche e disadattamento sociale rispetto ai non adottati, sebbene la maggior parte degli adottati stesse bene.

Gli autori hanno dichiarato che sono necessari ulteriori studi con esiti meno gravi, poiché le principali differenze tra gli adottati e i non adottati sono state trovate solo in un piccolo numero di adottati internazionali.

 

Lo studio

Noi riportiamo le prime meta-analisi sui problemi di comportamento e sui riferimenti alla salute mentale degli adottati internazionali, confrontandoli con i non adottati e con gli adottati nazionali.

Abbiamo ipotizzato che gli adottati internazionali presentino più problemi di comportamento e vengano indirizzati ai servizi di salute mentale più spesso dei non adottati o degli adottati nazionali.

Inoltre, abbiamo ipotizzato che quelli con avversità preadozione, di età più avanzata al momento dell’adozione internazionale (12 mesi) e i maschi avrebbero avuto un rischio maggiore di problemi di comportamento e di indirizzamento alla salute mentale.

Ci si aspettava anche che gli adottati internazionali mostrassero più problemi di comportamento nell’adolescenza rispetto agli anni precedenti l’adolescenza.

 

Metodo

Selezione degli studi

Sono state seguite le linee guida pubblicate da Stroup et al. per la meta-analisi di studi osservazionali.

Gli obiettivi della nostra meta-analisi erano:

(1) confrontare tutti gli adottati con i non adottati.

(2) confrontare gli adottati internazionali con i non adottati.

(3) confrontare gli adottati internazionali con gli adottati nazionali.

(4) esaminare i moderatori dei risultati dell’adozione internazionale.

 

Gli studi empirici che documentano i problemi di comportamento degli adottati e l’uso dei servizi di salute mentale sono stati raccolti sistematicamente, utilizzando tre strategie di ricerca:

1)

In primo luogo, MEDLINE (US National Library of Medicine), PsychLit (Psychological Literature), ed ERIC (Education Resource Information Center) sono stati oggetto di ricerca per studi caso-controllo pubblicati tra il 1950 e il gennaio 2005 con le parole chiave adopt*, combinate con (behavior) problem(s), disorder(s), (mal)adjustment, (behavioral) development, clinical or psychiatric (referral), or mental health.

2)

In secondo luogo, i riferimenti degli articoli di giornale raccolti, i libri, i capitoli dei libri e i rapporti sono stati cercati per gli studi pertinenti.

3)

In terzo luogo, è stato chiesto agli esperti del settore di cercare studi rilevanti.

 

Criteri di inclusione ed esclusione degli studi dalla meta-analisi

La ricerca non era limitata alle pubblicazioni in lingua inglese. I nostri criteri di selezione erano ampi per includere il maggior numero. possibile di studi. Sono stati inclusi adottati in tutti i gruppi di età, dalla prima infanzia all’età adulta.

Nel caso di uno studio longitudinale, è stata utilizzata la prima valutazione con dati adeguati a garantire che ogni adottato fosse contato. solo una volta nelle meta-analisi pertinenti. Allo stesso modo, un campione di studio descritto in diversi articoli o capitoli è stato. utilizzato solo una volta.

Abbiamo incluso studi che utilizzavano la Child Behavior CheckList o misure correlate per misurare il comportamento problematico.

Inoltre, abbiamo incluso gli studi che coinvolgevano adottati con riferimento clinico, nella misura in cui il loro tasso di. riferimento per la salute mentale poteva essere confrontato con il tasso degli adottati nella popolazione generale.

Abbiamo escluso gli studi che campionavano esclusivamente bambini adottati esposti all’alcool o alle droghe nell’utero,. bambini con handicap fisici o mentali e altri bambini con bisogni speciali, come i bambini difficili da collocare.

 

Discussione

Come ci si aspettava dal loro inizio meno ottimale nella vita, gli adottati internazionali hanno presentato più problemi di. comportamento totali, esternalizzanti e internalizzanti dei loro coetanei non adottati e sono sovra-rappresentati nei servizi di salute mentale.

Tuttavia, il tasso di problemi di comportamento è modesto, indicando che la maggior parte degli adottati internazionali si sono ben adattati.

Questi risultati convergono con quelli di un importante studio svedese che ha trovato che la maggioranza degli adottati. internazionali si sono ben adattati e con quelli di altri studi sugli adottati internazionali nei domini socioemotivi e cognitivi.

 

Questi risultati positivi possono essere in parte spiegati dalle caratteristiche delle famiglie che adottano bambini dall’estero.

Questi genitori adottivi sono altamente motivati a crescere i figli e di solito hanno ampie opportunità di investire nello. sviluppo dei loro figli a causa del loro status socioeconomico relativamente alto.

Gli adottati internazionali, tuttavia, sperimentano sostanzialmente più riferimenti alla salute mentale, indicando una minoranza. relativamente grande di adottati internazionali che cercano una terapia clinica.

La soglia per cercare un aiuto professionale, tuttavia, potrebbe essere più bassa per i genitori adottivi che per i genitori naturali.  a causa dello status socioeconomico più elevato dei genitori adottivi o delle loro aspettative nei confronti del bambino adottato.

Avendo adottato, hanno familiarità con le risorse di salute mentale e con le modalità per ottenere servizi.

Inoltre, le scuole possono essere più consapevoli dello stato adottivo del bambino e più propense a raccomandare un rinvio o a segnalare. problemi di comportamento.

Ancora, le crisi normative nei bambini adottati, ad esempio, il venire a patti con la perdita della loro famiglia naturale, possono. essere percepite erroneamente come problemi di comportamento.

Infine, una spiegazione positiva dei nostri risultati può essere che il più alto tasso di rinvio ha di fatto impedito un più alto tasso di. problemi di comportamento, con effetti minori di comportamento problematico.

 

Le adozioni internazionali mostrano inoltre risultati migliori in termini di comportamento e salute mentale rispetto alle adozioni nazionali.

I nostri risultati indicano che questo non è spiegato da tassi più bassi di avversità preadottive sperimentate dagli adottati internazionali. rispetto agli adottati nazionali, poiché le prove di malnutrizione, trascuratezza o abuso preadottive sono state riportate più spesso negli studi sull’adozione internazionale.

È possibile che in molte adozioni internazionali transrazziali, le differenze fisiche tra genitori e figli siano così evidenti che il fatto. dell’adozione non è mai stato un segreto, con conseguente maggiore comunicazione e fiducia nella famiglia.

Le famiglie che scelgono l’adozione internazionale (transrazziale) possono avere diverse qualità genitoriali rispetto ai genitori nelle. adozioni più tradizionali.

Nel nostro set di dati non sono disponibili informazioni sistematiche sulle capacità genitoriali. Tuttavia, nella maggior parte dei Paesi i. genitori sono sottoposti a una procedura di screening per valutare la loro potenziale idoneità alla genitorialità e ricevono. una (certa) preparazione.

 

Infine, i rischi genetici possono essere diversi tra l’adozione internazionale e quella nazionale.

Mentre i bambini nell’adozione internazionale sono spesso adottati per mancanza di risorse e povertà, la rinuncia all’adozione. nazionale può comportare (anche) problemi di salute mentale nel genitore naturale, come l’abuso di sostanze o disturbi psichiatrici.

Sebbene le ragioni della rinuncia possano sovrapporsi, i rischi genetici che predispongono a problemi di salute mentale possono essere meno prevalenti negli adottati internazionali.

 

I risultati relativamente positivi dell’adozione internazionale non implicano che l’adozione internazionale debba essere. preferita all’adozione nazionale nei Paesi d’origine.

 

I risultati della meta-analisi

1) Fattori di rischio maggiori per adottati internazionali

Nelle nostre meta-analisi, le adozioni domestiche nei Paesi in via di sviluppo non hanno potuto essere incluse a causa della mancanza di. studi empirici. I nostri risultati meta-analitici confermano il maggior rischio ipotizzato per i bambini adottati a livello. internazionale con background di estrema privazione, negligenza, malnutrizione o abuso.

 

2) Nessuna differenza di genere

I clinici e i professionisti della salute mentale dovrebbero essere consapevoli di questo rischio e sostenere i genitori adottivi con un aiuto. preventivo o terapeutico. In contrasto con alcune prove, i maschi adottati a livello internazionale non presentano più problemi di comportamento rispetto alle femmine adottate a livello internazionale.

 

3) L’età non è un fattore decisivo

Inoltre, non abbiamo trovato prove convincenti che l’età al momento dell’adozione sia un fattore decisivo per i problemi di. comportamento degli adottati internazionali.

Contrariamente alle ricerche precedenti, abbiamo trovato che gli adottati internazionali hanno mostrato meno problemi di. comportamento totali nell’adolescenza rispetto agli adottati internazionali nella prima e media infanzia.

Anche se potrebbe essere vero in generale che gli adottati mettono in discussione la loro identità più intensamente nell’adolescenza, gli. adottati internazionali possono iniziare a lottare con problemi di identità molto prima perché le differenze razziali e culturali. tra i genitori adottivi e gli adottati sono più evidenti che nell’adozione nazionale.

Alcuni problemi di comportamento negli adottati possono manifestarsi in tempi diversi rispetto ai bambini non adottati. Per. esempio, i problemi di identità possono emergere prima negli adottati che nei loro coetanei non adottati.

Pertanto, i professionisti della salute mentale dovrebbero essere consapevoli dell’aumento dei tassi di problemi di. comportamento nelle famiglie con adottati internazionali durante gli anni prima dell’adolescenza.

 

4) Maggiore il periodo di adozione minore i problemi di comportamento

Abbiamo anche trovato che i bambini che erano stati con la famiglia adottiva per più di 12 anni hanno mostrato meno problemi. di comportamento totali ed esternalizzanti rispetto ai bambini che erano stati nella famiglia per meno di 12 anni. Questo può indicare. che un soggiorno più lungo nella famiglia adottiva offre ai bambini l’opportunità di recuperare il loro comportamento. problematico.

Infine, abbiamo trovato più problemi di comportamento totale negli studi condotti in Nord America. Sulla base della nostra base di dati, non siamo in grado di suggerire spiegazioni per questo risultato. La ricerca futura dovrebbe esaminare questo problema.

 

I limiti di questa meta-analisi

1)

I limiti della nostra serie di meta-analisi sono, in primo luogo, il piccolo numero di studi sugli adottati internazionali con riferimenti alla salute mentale. Sono necessari più studi per consolidare questi risultati.

Tuttavia, i risultati della meta-analisi sugli esiti comportamentali degli adottati internazionali convergono con i risultati dei riferimenti alla. salute mentale. L’esiguo numero di studi sulla presa in carico della salute mentale degli adottati internazionali ha anche precluso le analisi. dei moderatori.

2)

Una seconda limitazione è che le nostre definizioni di adozione internazionale e domestica e di avversità preadozione possono. aver introdotto distorsioni, poiché in alcuni studi sull’adozione domestica è stata inclusa una minoranza di adottati internazionali e nei. campioni senza avversità alcuni adottati potrebbero essere stati trascurati o abusati.

Tuttavia, se tale distorsione fosse stata presente, avrebbe comportato una sottostima dei nostri effetti. Sulla base degli esiti positivi per. gli adottati internazionali e degli esiti negativi per le avversità preadottive, ci si possono aspettare differenze ancora maggiori a favore degli. adottati internazionali senza avversità preadottive in campioni totalmente privi di pregiudizi.

3)

Una terza limitazione è che abbiamo usato solo la prima valutazione degli studi sull’adozione longitudinale, forse con conseguente. distorsione verso un minor numero di problemi di comportamento.

Tuttavia, conosciamo solo uno studio per il quale questo si applicherebbe, limitando la possibilità di un tale bias al minimo.

4)

Una quarta limitazione è che i nostri risultati potrebbero non essere generalizzati al grande gruppo di bambini cinesi adottati negli. Stati Uniti, in Canada e in Europa negli ultimi anni, perché il loro sviluppo non è stato ancora studiato bene.

5)

Una quinta limitazione è che non siamo stati in grado di confrontare gli adottati internazionali e i non adottati sulle variabili. demografiche di base, anche se nella maggior parte degli studi è stato riportato che i genitori adottivi erano un po’ più anziani e più. istruiti dei genitori dei non adottati.

Non è noto come i dati demografici possano influenzare i risultati della nostra meta-analisi.

6)

Un’ultima limitazione è che abbiamo incluso solo studi con gruppi di controllo non adottati, escludendo così gli articoli che. confrontano gli adottati internazionali con altri gruppi di confronto, come i bambini in affidamento o i bambini rimasti in istituto.

In una meta-analisi sullo sviluppo cognitivo dei bambini adottati, abbiamo riscontrato che i bambini adottati superavano i loro. coetanei e i fratelli che rimanevano nella casa dei bambini o nella famiglia naturale.

Nell’attuale meta-analisi, tale confronto non è stato possibile perché non erano disponibili studi che affrontassero questo problema.

Per gli studi futuri, è importante confrontare i bambini adottati a livello internazionale non solo con i non adottati, ma anche. con questi altri gruppi rilevanti.

 

In sintesi

Riassumendo, la nostra serie di meta-analisi ha mostrato che la maggior parte degli adottati internazionali si siano ben adattati,. anche se un maggior numero di adottati si rivolge ai servizi di salute mentale rispetto ai non adottati.

Contrariamente all’opinione comune, gli adottati internazionali presentano meno problemi di comportamento rispetto agli. adottati nazionali, e hanno tassi più bassi di rinvio ai servizi di salute mentale.

Inaspettatamente, l’età di adozione non sembra essere rilevante per lo sviluppo dei problemi comportamentali.

Gli adottati internazionali con background di estrema avversità sono più a rischio di problemi comportamentali, in particolare. problemi di esternalizzazione, rispetto agli adottati internazionali senza avversità preadozione.

Gli psicologi clinici dovrebbero essere consapevoli dei maggiori rischi di comportamenti problematici negli adottati. nazionali e negli adottati internazionali che hanno subito trascuratezza o maltrattamenti nel periodo preadottivo.

 

Vuoi saperne di più su come intervenire sui bambini adottivi internazionali?▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso:

L’intervento clinico sul Bambino adottivo straniero e il suo ambiente di vita

L'intervento clinico sul Bambino adottivo straniero e il suo ambiente di vita

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Juffer, F., & IJzendoorn, M.V. (2005). Behavior problems and mental health referrals of international adoptees: a meta-analysis. JAMA, 293 20,2501-15 .

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>