Bambini Plusdotati: l’importanza di riconoscere il talento nell’ambiente di riferimento

bambini plusdotati

In questo è articolo è riportata un’intervista riguardante i bambini plusdotati rivolta a Ellen Winner. La dott.ssa Winner è professoressa di psicologia al Boston College e ricercatrice senior al Progetto Zero, Harvard Graduate School of Education. Ha ricevuto il suo dottorato in psicologia all’Università di Harvard nel 1978, lavorando con Roger Brown sulla metafora infantile. La sua ricerca si concentra sulla cognizione nelle arti in bambini tipici e dotati.

 

-Che cosa differenzia i bambini plusdotati da quelli che hanno semplicemente un talento eccezionale?

Credo che non esista una linea di demarcazione tra un tipico bambino di talento, un bambino plusdotato, un bambino molto dotato e un bambino prodigio. Penso che sia un unico continuum. Diventa solo sempre più estremo.

I bambini plusdotati hanno tre caratteristiche:

1)La prima è abbastanza ovvia, è che hanno un’alta capacità di apprendimento in un’area particolare – potrebbe essere la matematica, la lettura, la capacità di disegnare realisticamente, la musica o l’atletica.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

I bambini dotati spesso hanno un talento in una di queste aree e non sono particolarmente dotati in altre aree. Quindi si tratta di un’alta propensione all’apprendimento, iniziando con capacità molto elevate e imparando molto rapidamente.

2)La seconda caratteristica è quella che io chiamo “la furia di padroneggiare“, che è un altro modo di dire passione. Questi bambini sono estremamente motivati ad apprendere nella loro area di talento e spesso non puoi allontanarli da quell’area.

I genitori non spingono questi bambini; i genitori cercano di stare al passo con questi bambini.

3)E la terza caratteristica è qualcosa che io chiamo “marciare al proprio ritmo“. Quindi questi sono bambini che sono diversi dagli altri e a loro non dispiace essere diversi. Soprattutto quando sono giovani. A volte nella loro adolescenza, cercano di essere come gli altri, non vogliono essere dotati perché vengono presi in giro.

Ma all’inizio sono anticonformisti, sono diversi dagli altri, e difficilmente si accorgono di essere diversi. Semplicemente vanno per la loro strada e imparano anche in un modo diverso. Risolvono i problemi in modo diverso – non solo più velocemente, ma in modo diverso. Per esempio, un bambino dotato in matematica risolverebbe i problemi matematici in modo insolito, non nel modo tipico.

 

-Hai detto che sono anticonformisti nei loro primi anni, finché la pressione dei pari non li raggiunge. Questo significa che a causa di ciò che sono, sentiranno una certa quantità di isolamento sociale. Come affrontano questo, e come possono i genitori e gli insegnanti aiutarli ad affrontarlo?

Penso che il più grande problema sociale ed emotivo sia che non possono trovare altre persone come loro. Più il dono è estremo, più è difficile trovare bambini come loro.

Dico sempre ai genitori che la cosa più importante che possono fare per il loro bambino è trovare un altro bambino come loro. E questo è spesso difficile da fare. Se sei in una grande città, è più facile, specialmente con Internet, perché ci sono molti gruppi di genitori di bambini molto dotati – hanno tutti i tipi di gruppi di sostegno, parlano tra loro.

E’ essere possibile entrare in uno di questi gruppi e trovare altri bambini dotati che vivono vicino a te. Negli Stati Uniti, abbiamo anche programmi estivi, e si può iniziare già a 11 anni. Se ottieni un punteggio molto alto nei SATs – sia nella sezione di matematica che in quella verbale – puoi qualificarti per andare a questi programmi estivi per tre settimane.

Segui un corso di scuola superiore molto intenso che è per bambini molto più grandi di te, e lo segui con altri bambini della tua età che sono anche molto dotati. E i bambini dicono che la cosa più importante che hanno ottenuto da questi programmi non è stata la stimolazione intellettuale, ma scoprire altri bambini come loro.

 

-Come genitore, come si può riconoscere che un figlio sia plusdotato? A che età si cominciano a notare alcuni indizi?

Quando si vede un bambino dotato, lo si riconosce. Vi darò alcuni esempi molto concreti.

Bambini che iniziano a leggere a due, tre o quattro anni, prima di andare a scuola, quando nessuno glielo insegna. Certo, non potrebbero farlo se non avessero un adulto che legge un po’ per loro.

Ho avuto un bambino che ha chiesto a sua madre di leggergli un libro per una settimana e di indicare ogni parola mentre la diceva. Poi ha preso un altro libro e le ha chiesto di fare la stessa cosa. E dopo due settimane, aveva completamente decifrato il codice della lettura! Non volle mai più che gli si leggesse qualcosa.

Se vedete un bambino fare così, sapete che quel bambino è linguisticamente dotato.

Anche se inizia a parlare con frasi complete prima di un anno di età, saprete che è dotato linguisticamente.

Se invece è ossessionato dai numeri e chiede sempre i compleanni delle persone, e dice “oh tu sei nato nel 1948 e lui nel 1962, questo significa che hai x anni più di lui”, potete dire che il bambino è senza dubbio matematicamente dotato.

Io studio i bambini che sono dotati nel disegno e a due anni iniziano a disegnare cose che noi chiamiamo rappresentative, non sono solo scarabocchi. E a tre e quattro anni, disegnano in modo abbastanza realistico. I disegni non assomigliano affatto a quelli dei loro coetanei.

Un altro esempio sono i bambini che possono sedersi al pianoforte e copiare melodie che hanno appena sentito. Queste cose sono molto sorprendenti.

 

-Se un bambino plusdotato non viene riconosciuto come tale e non gli viene data ampia formazione e incoraggiamento, questi bambini potranno essere integrati nelle scuole tradizionali o hanno bisogno di qualcosa di speciale?

Penso che sia incredibilmente irrealistico pensare che tutti questi bambini avranno scuole speciali. Gli Stati Uniti non fanno nemmeno questo – è molto costoso.

Quindi quali sono le alternative più economiche?

Beh, per prima cosa vi dirò qualcosa che facciamo che non credo sia molto soddisfacente. Abbiamo programmi ‘pull-out’ che iniziano quando il bambino ha circa nove anni. Se l’insegnante pensa che il bambino sia molto dotato, gli viene fatto un test accademico che è numerico e linguistico.

Se il bambino si qualifica, allora è in grado di andare una o due volte alla settimana fuori dalla classe per essere in un gruppo con altri bambini come lui che si qualificano, e poi fanno voti speciali.

Così un bambino che è cinque anni più avanti di lui può saltare cinque classi. Ma questo a volte è un problema perché mettere un bambino di otto anni con dei tredicenni non è sempre una buona cosa.

È una scelta che dovete fare – volete che vostro figlio stia con lo stesso gruppo di età o con lo stesso gruppo di livello mentale?

Non esiste una soluzione perfetta. L’unica soluzione ideale è avere una scuola speciale per questi bambini plusdotati, ma poi si avrebbe bisogno di una scuola speciale per i matematicamente dotati, per i linguisticamente dotati, per gli artisticamente dotati …. quindi ammettiamolo – probabilmente non succederà.

Un’altra soluzione che penso sarebbe la migliore, ma l’ho vista raramente attuata, è se il bambino potesse fare un salto di classe solo nell’area in cui ha elevate capacità e poi tornare nella classe normale.

Ho un amico il cui figlio è un prodigio della matematica. Era in una scuola di prima media, ma è stato in grado di andare alla classe di matematica del liceo ogni giorno, durante lo stesso periodo in cui la sua prima media faceva matematica. E poi tornava alla classe normale. Questo è stato ottenuto solo perché i genitori hanno lottato per questo.

La scuola non aveva un programma speciale per fare questo. E questo funzionerebbe solo se le scuole fossero organizzate verticalmente, in modo che fosse sempre matematica alla stessa ora, storia alla stessa ora. Penso che sarebbe una buona soluzione perché così i bambini starebbero con i loro coetanei mentali per le materie in cui hanno elevate capacità, e con i loro coetanei per il resto del tempo.

E poi c’è un’altra alternativa al di fuori della scuola – programmi di doposcuola e programmi estivi per i più dotati, specialmente se sono nell’area particolare in cui vostro figlio è plusdotato.

Non date per scontato che tutti i bambini dotati siano uguali – un bambino matematicamente plusdotato ha bisogno di qualcosa di molto diverso da un bambino verbalmente dotato.

-C’è una correlazione tra quanto sia plusdotato un bambino e quanto successo avrà in seguito nella sua carriera?

Domanda molto importante: cosa succede a questi bambini dopo?

Se ricevono il giusto “nutrimento”, l’educazione e il sostegno dei genitori, molti di loro diventano esperti. Con questo voglio dire che possono diventare un professore di matematica, un avvocato, un medico, un contabile, un ingegnere o un professore. Ma non tutti lo fanno.

Alcuni di loro ottengono meno. Ci aspettiamo che tutti diventino degli Einstein. Ma pochissimi fanno il salto dall’essere un bambino prodigio all’essere un grande trasformatore creativo.

È molto più comune essere un bambino dotato che essere un genio creativo adulto. Perché l’abilità di essere un bambino prodigio è l’abilità di imparare molto rapidamente o di padroneggiare ciò che è già noto. Per fare il salto ad essere un Einstein devi inventare, devi scoprire qualcosa di nuovo. Questo è raro. È un diverso tipo di abilità.

Quindi penso che sia un peccato che ci aspettiamo che i nostri bambini plusdotati diventino degli Einstein. Non è un’aspettativa giusta.

 

-L’eccellenza matematica e linguistica è più facilmente assimilabile all’interno del sistema scolastico. Ma quando sono musicalmente o artisticamente plusdotati, come se la cavano questi bambini in ambito accademico? Dove trovano l’equilibrio?

È stato dimostrato che i bambini dotati di talento musicale tendono a fare meglio a scuola dei bambini dotati di talento artistico. Non si sa bene perché sia così. Una possibilità è che il talento musicale implichi lo studio di uno strumento, il che significa imparare a leggere le note musicali, e prendere lezioni private ed esercitarsi ogni giorno.

Questi sono compiti molto simili alla scuola. Ma non c’è correlazione tra quanto un bambino sia bravo in arte e come va a scuola. E questo potrebbe essere perché i bambini che sono molto bravi in arte non stanno imparando le abilità di praticare e leggere una notazione musicale.

Potrebbe anche essere che i genitori che sono molto preoccupati che il loro bambino vada bene a scuola spingano il loro bambino anche nella musica perché sono dell’idea che il loro bambino debba apprendere a suonare uno strumento musicale.

Non hanno, nella nostra cultura, l’opinione che il loro figlio debba dipingere. Questo è considerato totalmente diverso e non ha niente a che vedere con l’accademia. Abbiamo questa visione che la musica è legata alle capacità scolastiche e così alcuni genitori spingono ciò e questo potrebbe essere il motivo per cui c’è questa connessione.

-Di che tipo di coinvolgimento e investimento dei genitori hanno bisogno i bambini plusdotati per massimizzare il loro potenziale?

Beh, non credo che si debba essere ricchi per coltivare un bambino dotato. Bisogna essere consapevoli. Devi riconoscere che tuo figlio è al di sopra del suo livello di età. E devi mostrare al bambino che questo è un bene, che tu ci credi e che è una cosa meravigliosa. E dovete fornire al bambino dei materiali.

Quali sono questi materiali?

Se si tratta di un bambino che è linguisticamente dotato, leggerei al bambino e gli darei dei libri da leggere.

Se si tratta di un bambino a cui piace disegnare – non c’è bisogno di materiale artistico costoso e stravagante, ma di carta e pennarelli. Bisogna incoraggiare il bambino e anche esporgli quello che hanno fatto altri artisti.

E ci sono altre cose che i genitori possono fare – se non hanno la competenza per lavorare con i loro figli, possono trovare uno studente che sarà il tutor del bambino. Naturalmente questo costerebbe denaro.

Ma se avete un bambino genio della matematica e non sapete come lavorare con lui, e la scuola non fornisce gli stimoli adeguati, e vivete in una città che ha un’università, allora potete trovare uno studente universitario che studia matematica e chiedere a quella persona di venire una volta alla settimana a lavorare con vostro figlio.

-Quali sono alcune delle cose che le scuole dovrebbero tipicamente fare per incoraggiare i bambini plusdotati?

Beh, le scuole dovrebbero rendersi conto che è giusto riconoscere il talento. Negli Stati Uniti è considerato elitario! C’è la sensazione che dovremmo investire le nostre risorse nei casi di povertà e dei bambini con difficoltà di apprendimento.

Naturalmente questo è estremamente importante, ma non credo che dovremmo scegliere.

Le scuole dovrebbero rendersi conto che ogni bambino dovrebbe essere educato al livello di talento appropriato. E prendere i bambini più capaci ed educarli ad un livello inferiore alle loro capacità è ingiusto nei loro confronti. È anche una cosa autodistruttiva per una nazione, perché quei bambini hanno il più grande potenziale per essere i nostri leader.

Quindi, prima le scuole devono riconoscere che il talento esiste e poi devono capire cosa fare al riguardo. E penso che la cosa migliore che possano fare, se è una scuola abbastanza grande in cui ci sono abbastanza bambini con lo stesso tipo di dono, potrebbero creare classi speciali per loro – potrebbero avere una classe di matematica avanzata, per esempio.

Ma se dovessi progettare una scuola, la farei in modo che non ci siano gruppi di età, ma solo di abilità. Ognuno studierebbe la matematica al livello appropriato, la lettura al livello appropriato – qualunque sia il livello e sarebbe un mix di persone con una grande varietà di età.

 

-Quando i genitori di bambini plusdotati dovrebbero spingerli di più e quando dovrebbero fermarsi?

Penso che i genitori dovrebbero incoraggiare i loro bambini, tutti i bambini, non importa a quale livello siano, a voler fare bene a scuola.

Di solito con i bambini molto dotati, i genitori non hanno bisogno di spingere, questi bambini sono auto-motivati. Le scuole non se ne rendono conto e pensano che i genitori “allenino” i loro figli a casa.

Se si osservano gli ambienti domestici dei bambini molto dotati, tendono ad essere ambienti ricchi di libri e stimoli. Anche se i genitori non hanno molti soldi, hanno valori molto alti nell’educazione. Hanno molto materiale stimolante in giro.

La gente dice “oh, è questa la causa del talento”, ma penso che un’altra spiegazione più ragionevole è che questi bambini chiedono stimoli e i genitori cercano di trovarli.

Naturalmente sono sicura che ci sono molti bambini plusdotati che non vengono scoperti perché vengono da contesti di povertà estrema, i loro genitori non sono istruiti e non lo riconoscono nei loro figli.  Il problema è che i bambini afroamericani e ispanici e i bambini poveri di tutte le etnie vengono lasciati fuori. E questo non è dovuto a differenze razziali, ma al fatto che questi bambini non vengono riconosciuti perché i loro genitori non hanno i mezzi e l’educazione per riconoscerli e lottare per loro e stimolarli.

 

-Quindi si nasce con il talento o è qualcosa che ti viene inculcato a causa di chi sono i tuoi genitori?

Io credo che si nasca con il talento. I bambini che nascono con abilità molto dotate hanno un cervello diverso – non sappiamo cosa ci sia di diverso nel loro cervello, ma hanno una capacità di imparare in un modo che gli altri bambini non hanno.

Tuttavia anche l’ambiente gioca un ruolo. Per esempio, l’affermazione che i bambini asiatici o cinesi sono più dotati musicalmente è falsa. Non ci sono prove che siano nati così. Sappiamo che la cultura e i valori del duro lavoro, della disciplina e dell’attaccamento a qualcosa e dei risultati elevati incoraggiano il talento – quando l’intera cultura è dietro di te a spingere, otterrai di più.

In America, abbiamo aspettative molto basse sui nostri figli, e i nostri figli, quindi, non fanno molto bene. In Cina, Singapore e Giappone, i genitori hanno aspettative molto alte ed è accettato che i bambini lavorino molto duramente. Questo vale anche per le culture russa ed ebraica.

Quindi tutto ha a che fare con la cultura e con ciò che si apprezza. Se guardate le scuole dell’Asia orientale, e sono sicura che le migliori scuole in India, e le migliori scuole in Europa, sfidano i bambini molto più che nelle scuole americane, sfidano tutti di più e poi prendono i bambini che sono ancora molto più avanti dei loro coetanei, e danno loro qualcosa di diverso e più avanzato.

-Come si può fare in modo che i bambini plusdotati conducano una vita più normale?

Ottima domanda! Cosa intendiamo per vita normale?

Non si può davvero rendere questi bambini normali. Questa è la prima cosa che i genitori devono capire: i loro figli non sono normali. Non è una cosa negativa, e devono trovare altri bambini non normali come loro.

Penso che sia importante assicurare la felicità emotiva di questi bambini e quindi una cosa che raccomando è che i genitori non mettano i loro figli sul palcoscenico. Questo significa far suonare il piano a un bambino piccolo in un posto dove suonano solo gli adulti solo per far dire alla gente: “Oh mio Dio! Guardate quel bambino di otto anni che si esibisce alla Carnegie Hall!” o iscriverli a programmi di quiz alla radio. Penso che sia troppa pressione.

Penso che la cosa più importante che i genitori possono fare è far sapere al bambino che è amato non per la fama che sta portando ai genitori, o per il suo dono, ma per se stesso. Alcuni genitori sono così eccitati dalla fama che i loro figli portano loro che i figli possono avere l’idea di dover continuare ad essere famosi per rendere felice il suo genitore. Questo è pericoloso.

E poi trovare altri bambini come loro – scoprono che ci sono altri bambini che non sono normali, con cui possono relazionarsi. Più il bambino diventa grande, più è facile perché si auto-seleziona nella sua nicchia. Così, quando si sceglie un’università, se si è molto abili, si va in un posto dove ci sono altri bambini come te. Ma in giovane età, i genitori devono cercare di rendere il loro ambiente il più normale possibile.

Vuoi saperne di più sulla plusdotazione? 

▶️CLICCA QUI e scopri prenota SUBITO il tuo posto per il CONVEGNO:

La plusdotazione in un mondo che cambia

la Plusdotazione in un mondo che cambia

 

Leggi anche anche articoli sull’argomento:

▶️CLICCA QUI per leggere altri articoli sulla plusdotazione

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: http://www.gifted.gr/ documents/useful-documents/ Gifted_children.pdf

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>