Accedi

Bilinguismo e demenza

bilinguismo demenza

Bilinguismo: vantaggi e svantaggi

Si ritiene che il bilinguismo sia associato a una serie di vantaggi rispetto al monolinguismo. Per esempio, un migliore rendimento nei compiti cognitivi che comportano funzioni esecutive come l’inibizione. Il bilinguismo sembra anche influenzare positivamente la riserva cognitiva (il modo in cui il cervello risponde ai danni neuropatologici).

Inoltre, diversi studi hanno riportato un’insorgenza del morbo di Alzheimer e delle relative forme di demenza nei bilingui rispetto ai monolingui. Tuttavia, si riscontrano anche risultati contraddittori. La ragione di questi risultati contraddittori non è chiara. Infatti gli studi in quest’area spesso differiscono per fattori quali:

  • il modo di studiare una comunità o un campione clinico;
  • il modo in cui si misura il bilinguismo;
  • le differenze educative tra i partecipanti;
  • la tempistica della diagnosi clinica.

Bilinguismo e demenza: risultati empirici

In uno studio pubblicato sulla rivista Cortex, Deborah Lawton, Philip Gasquoine e Amy A. Weimer della University of Texas-Pan American hanno fatto luce su questi risultati contrastanti esaminando l’età della demenza in un campione di immigrati e di ispanici americani monolingui e bilingui di origine americana.

I partecipanti facevano parte del Sacramento Area Latino Study on Aging, uno studio di 10 anni di 1.789 partecipanti di 60 anni o più. Hanno completato un compito di richiamo gratuito e una valutazione dello stato mentale. I partecipanti identificati come a rischio di demenza, in base ai loro punteggi, sono stati indirizzati per un’ulteriore valutazione e per l’accertamento della demenza da parte di neuropsicologi e neurologi. Un’autodichiarazione dei partecipanti ha determinato lo stato bilingue e monolingue.

I ricercatori non hanno trovato alcuna differenza nella proporzione di monolingui e bilingui a cui è stata diagnosticata la malattia di Alzheimer o la demenza. E nessuna differenza significativa nell’età media della diagnosi di demenza nei partecipanti bilingui (79,31 anni) e monolingui (81,10 anni).

Cosa dicono questi dati sui risultati contrastanti degli studi precedenti?

Gli autori notano che questo studio, così come altri studi che non hanno trovato differenze nei tempi di insorgenza del morbo di Alzheimer o della demenza, hanno esaminato i membri della comunità piuttosto che i partecipanti presi dai referti alle cliniche della memoria. Questi studi hanno anche utilizzato test neuropsicologici e criteri formali di demenza per determinare i tempi e la presenza di diagnosi cliniche piuttosto che utilizzare rapporti retrospettivi sui pazienti.

I risultati di questo studio si aggiungono al corpus di ricerche che indicano che il bilinguismo non conferisce vantaggi cognitivi che aiutano a ritardare l’insorgenza della demenza. Gli autori sperano che i futuri studi longitudinali prospettici in quest’area utilizzeranno misure oggettive di bilinguismo, fattori socioculturali separati che influenzano la competenza e l’uso del linguaggio, utilizzando criteri diagnostici formali per identificare la demenza.

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Association for Psychological Science (https://www.psychologicalscience.org/)

Corsi correlati

Articoli correlati

Disturbi da Ansia e Stress
MBCT per il disturbo ossessivo-compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione psichiatrica caratterizzata da...
Personalità
Disturbo ossessivo-compulsivo della personalità nell’ICD-11
Il disturbo ossessivo-compulsivo della personalità (OCPD) nel Manuale diagnostico e statistico...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0