Accedi

Cambiamento Climatico e Salute Mentale: rischi, impatto e azioni

cambiamento climatico

E’ ben noto che la salute umana è minacciata dagli impatti del cambiamento climatico.

Nel 2017 Lancet Countdown on Climate Change and Health, gli autori affermano: “I sintomi umani del cambiamento climatico sono inequivocabili e potenzialmente irreversibili e influiscono sulla salute delle popolazioni di tutto il mondo oggi”.

Il cambiamento climatico non è più una minaccia incombente, ma piuttosto una realtà distruttiva con previsioni disastrose per il futuro. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima un aumento di 250.000 morti in eccesso all’anno tra il 2030 e il 2050 a causa degli “impatti ben compresi del cambiamento climatico”.

Gli impatti includono morbilità e mortalità legate al calore, aumento delle malattie trasmesse da vettori (ad esempio febbre dengue, malaria), aumento delle malattie respiratorie e morbilità e mortalità dovute a eventi meteorologici estremi.

 

Gli effetti del cambiamento climatico includono i rischi e gli impatti sulla salute mentale, il fulcro di questo articolo.

La salute mentale non si riferisce solo a malattie mentali, problemi mentali e disturbi mentali, ma include anche stati di benessere mentale, resilienza emotiva e benessere psicosociale. Il benessere psicosociale è l’interazione tra le condizioni sociali e psicologiche che modellano il benessere umano; un termine ampio che comprende gli stati di salute mentale, problemi mentali e malattie mentali.

Indagando sullo stato attuale delle prove e delle conoscenze sugli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute mentale, questo articolo presta particolare attenzione agli impatti ingiusti dei cambiamenti climatici sulla salute mentale delle popolazioni emarginate e vulnerabili.

Sosteniamo i seguenti tre punti:

  1. In primo luogo, mentre l’attribuzione dei risultati di salute mentale a rischi specifici del cambiamento climatico rimane una sfida, ci sono una serie di opportunità disponibili per far avanzare il campo della salute mentale e del cambiamento climatico con una ricerca più empirica in questo campo.
  2. In secondo luogo, i rischi e gli impatti del cambiamento climatico sulla salute mentale stanno già rapidamente accelerando, determinando una serie di effetti diretti, indiretti e globali che colpiscono in modo sproporzionato coloro che sono più emarginati.
  3. Infine, gli interventi per affrontare il cambiamento climatico e la salute mentale devono essere coordinati e radicati nella speranza attiva al fine di affrontare il problema in modo olistico.

Questo articolo esplora ciascuno di questi aspetti e si conclude con raccomandazioni per migliorare lo stato delle conoscenze e le azioni sui cambiamenti climatici e la salute mentale.

Prima di approfondire l’argomento, nelle sezioni seguenti è riportata una breve panoramica dei cambiamenti climatici e degli effetti sulla salute.

 

Cambiamento climatico e salute

Un ampio corpo di ricerca continua a rafforzare le conoscenze sull’impatto del cambiamento climatico sulla salute fisica, compreso, ad esempio, un aumento delle malattie trasmesse da vettori, acqua e cibo. Un aumento delle condizioni respiratorie acute e croniche (inclusi asma e allergie); e morbilità e mortalità legate al calore e alle condizioni meteorologiche estreme.

Le implicazioni per la salute indiretta che sono sempre più riconosciute nei rapporti globali sul cambiamento climatico e sulla salute includono malattie legate alla sicurezza di cibo e acqua, malnutrizione correlata all’insicurezza alimentare, melanoma maligno da esposizione ai raggi UV e malattia renale cronica da disidratazione.

Alla fine del 2017, Lancet ha pubblicato il suo primo rapporto completo di monitoraggio sui cambiamenti climatici e la salute. In questo rapporto, c’è una richiesta esplicita di maggiori informazioni e azioni per affrontare gli impatti “spesso invisibili” dei cambiamenti climatici sulla salute umana, in particolare, le conseguenze sulla salute mentale del cambiamento climatico.

 

Cambiamenti climatici e salute mentale

La letteratura di ricerca in espansione sui cambiamenti climatici e la salute mentale include prove crescenti che gli eventi meteorologici estremi, che sono più frequenti, intensi e complessi in un clima che cambia, possono innescare il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), disturbo depressivo maggiore (MDD), ansia, depressione, dolore complicato, senso di colpa del sopravvissuto, trauma indiretto, stanchezza da recupero, abuso di sostanze e ideazione suicidaria.

I cambiamenti climatici incrementali, come l’aumento delle temperature, l’innalzamento del livello del mare e la siccità episodica, possono cambiare i paesaggi naturali, interrompere le risorse alimentari e idriche, cambiare le condizioni agricole, cambiare l’uso del suolo e l’abitazione, indebolire le infrastrutture e dare origine a stress finanziari e relazionali, aumentare rischi di violenza e aggressione e sfollamento di intere comunità.

Le minacce generali di un clima che cambia, possono anche incitare alla disperazione poiché le azioni per affrontare il “problema malvagio” del cambiamento climatico sembrano intangibili o insignificanti rispetto alla portata e all’entità delle minacce.

Paradossalmente, queste stesse circostanze disastrose possono anche ispirare altruismo, compassione, ottimismo e promuovere un senso di significato e crescita personale (altrimenti denominata crescita post-traumatica) mentre le persone si uniscono per salvare, ricostruire e consolare tra il caos e la perdita di un clima che cambia.

 

Cambiamento climatico e disuguaglianza nella salute

E’ ben noto che il cambiamento climatico aumenta le disuguaglianze esistenti, rendendo i più emarginati a maggior rischio per le conseguenze sulla salute di un clima che cambia.

In effetti, il primo messaggio chiave del rapporto Countdown on Climate Change and Health di Lancet sottolinea l’impatto sproporzionato che il cambiamento climatico ha sulle persone più emarginate del mondo e gli impatti conseguenti che ciò ha su queste popolazioni se le preoccupazioni di giustizia sociale e ambientale non vengono affrontate.

Watts et al. affermano: “Minando i determinanti sociali e ambientali che sono alla base della buona salute, il cambiamento climatico esacerba le disuguaglianze sociali, economiche e demografiche, con gli impatti che alla fine provano tutte le popolazioni“.

Le persone che sono maggiormente a rischio per gli effetti del cambiamento climatico sono quelle che sono più emarginate sulla base di fattori sociali e mediati dall’ambiente, come lo stato socioeconomico, la cultura, il genere, la razza, l’occupazione e l’istruzione.

I gruppi emarginati che tendono ad essere i più colpiti dalle implicazioni per la salute fisica e mentale del cambiamento climatico sono: popolazioni indigene, bambini, anziani, donne, persone con uno status socioeconomico basso, lavoratori all’aperto, immigrati e persone con condizioni di salute aggravate già esistenti.

È importante sottolineare che questi gruppi emarginati non sono omogenei. Le persone possono sperimentare intersezioni di emarginazione basate su una varietà di indicatori sociali di cui sopra.

 

Esplorare la relazione tra salute mentale e cambiamento climatico

Una panoramica aggiornata delle recenti prove sulle implicazioni per la salute mentale dei cambiamenti climatici è opportuna data la rapida espansione in corso della ricerca nel campo della salute e dei cambiamenti climatici, nonché la crescente preoccupazione dell’opinione pubblica riguardo tendenze e rischi legati ai cambiamenti climatici.

Dal 2007, i resoconti dei media sui cambiamenti climatici e la salute sono aumentati del 78% e la letteratura accademica sui problemi del clima e della salute è triplicata.

C’è anche un crescente riconoscimento pubblico e accademico della misura in cui l’aumento delle temperature globali minacci la salute umana e planetaria. Mentre la consapevolezza pubblica sulle implicazioni per la salute del cambiamento climatico continua a crescere, il tema della salute mentale è spesso assente da questo discorso.

 

La salute mentale, un elemento trascurato

In un certo senso, questo riflette il discorso globale, dove, rispetto alla salute fisica, la salute mentale in generale è stata trascurata. A livello globale, la prevalenza di problemi di salute mentale è estremamente alta anche senza considerare le ulteriori conseguenze sulla salute mentale di un clima che cambia.

Sulla base di un’analisi sistematica decennale del carico globale di malattia dal 1990 al 2010, Murray ha trovato che la malattia mentale rappresenta il 7,8% del peso globale di malattia.

I disturbi mentali e comportamentali rappresentano anche il maggior peso globale di anni vissuti con una disabilità (YLD). Vigo sostiene che queste cifre sono in realtà molto più alte se le comorbilità legate alla malattia mentale sono considerate negli studi e se viene utilizzata una definizione più accurata di malattia mentale, una definizione che include comportamenti come l’autolesionismo e il suicidio.

Il fallimento dell’investimento globale nella cura della salute mentale per affrontare le conseguenze e gli impatti della malattia mentale in rapida crescita è stata descritta come una “tragedia globale” che riflette una lunga “eredità di abbandono ed emarginazione della salute mentale“.

Allo stesso modo, gli autori del rapporto Lancet del 2016 sullo sviluppo sostenibile e la salute mentale globale descrivono lo stato di salute mentale come “la più trascurata di tutte le condizioni di salute umana” e un “fallimento dell’umanità”.

 

La disattenzione alla salute mentale è di particolare preoccupazione nel campo del cambiamento climatico e della salute mentale:

L”evidenza ci dice infatti che gli impatti psicologici di qualsiasi forma di disastro superano di 40:1 i danni fisici e che dal 2000 la frequenza dei cambiamenti climatici, disastri meteorologici correlati sono aumentati del 46%.

Fondamentalmente, sono i più emarginati ad essere particolarmente vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute mentale.

Come osserva McMichael, il cambiamento climatico agisce come un “amplificatore di minacce” per la salute, aggravando le ingiustizie sociali esistenti.

C’è, quindi, un valido motivo per continuare a esplorare e comunicare la ricerca e l’apprendimento delle politiche sulla relazione tra cambiamento climatico e salute mentale – soprattutto perché l’area tematica riguarda l’equità nella salute.

 

Discussione

Parte 1. Esplorare le sfide e le opportunità dell’attribuzione

La mancanza di attenzione al tema del cambiamento climatico e della salute mentale è spesso attribuita alle sfide dell’attribuzione.

L’attribuzione in questo caso è l’associazione scientifica tra le emissioni di gas serra e il cambiamento meteorologico da un lato e tra il cambiamento meteorologico correlato al cambiamento climatico e gli effetti sulla salute mentale dall’altro. Esistono ricerche che provano il collegamento causale tra cambiamento climatico ed eventi meteorologici estremi.

Uno dei messaggi chiave all’interno di questa letteratura è che, sebbene non possiamo dire con certezza che uno specifico evento meteorologico estremo sia direttamente causato dal cambiamento climatico, sappiamo che a causa del cambiamento climatico, le condizioni meteorologiche estreme sono più generalmente in aumento, rendendo gli eventi meteorologici estremi più frequenti, intensi e complessi.

In altre parole, il cambiamento climatico quindi “carica” ulteriori condizioni meteorologiche estreme.

All’interno della letteratura sulla salute mentale dei disastri, i collegamenti tra eventi meteorologici estremi ed effetti sulla salute mentale sono ben stabiliti. Tuttavia, molti di questi studi tendono a non collegare condizioni meteorologiche estreme a un clima che cambia, riferendosi invece a eventi meteorologici estremi come disastri naturali piuttosto che a eventi legati al cambiamento climatico di origine antropica.

Gli studi all’interno di questo dominio tendono a concentrarsi sui risultati di salute mentale di eventi di pericolo specifici (ad esempio lo tsunami del 2004 in Malesia, l’uragano Katrina nel 2005; gli alimenti del sud dell’Alberta nel 2013) posizionando ogni pericolo come un incidente isolato non connesso al più ampio problema del cambiamento climatico.

Il rischio di trascurare o ridurre al minimo il ruolo del cambiamento climatico all’interno di questi eventi pericolosi è che ciò crei una cultura reattiva di risposta alle emergenze che inibisce la pianificazione dell’adattamento appropriata ed efficace e la preparazione per le emergenze complesse che un clima mutevole può creare.

Un’altra preoccupazione è che gran parte della ricerca sulla salute mentale in caso di disastro si è tradizionalmente concentrata su tre fasi distinte (la fase di emergenza e crisi, la fase di post-impatto e la fase di riabilitazione e recupero), mentre poca attenzione è fornita ai fenomeni psicosociali che possono verificarsi durante la fase pre-disastro.

Tali fenomeni includono, ad esempio, livelli di ansia aumentati, sentimenti di rovina imminente, disperazione e fatalismo che possono essere innescati dall’avvicinarsi di eventi estremi o avvisi meteorologici associati; e che possono anche amplificarsi a causa del rischio percepito di cambiamenti ambientali subacuti come l’aumento delle temperature e la siccità episodica.

 

Sfide chiave nell’attribuire il cambiamento climatico alla salute mentale

L’attribuzione correlata al cambiamento climatico e alla salute mentale può essere impegnativa per quattro ragioni chiave:

  1. In primo luogo, c’è il rischio di patologizzare le risposte di disagio transitorio comune a eventi anormali e sottodiagnosticare gli effetti sulla salute mentale di un clima che cambia.
  2. In secondo luogo, esiste un’ampia gamma di potenziali effetti sul cambiamento climatico e sulla salute mentale legati a un clima che cambia.
  3. In terzo luogo, vi è un ampio margine di manovra per quanto riguarda la tempistica degli effetti del cambiamento climatico sulla salute mentale, quindi i nessi causali diventano più difficili da determinare.
  4. Infine, l’attribuzione relativa al cambiamento climatico e alla salute mentale non è ben compresa a causa della complessa interazione tra salute mentale e altri determinanti sociali della salute, c’è un rischio simultaneo di patologizzare risposte ‘normali’ a un clima che cambia e di sottodiagnosticare il vero problema mentale e gli effetti sulla salute di un clima che cambia.

Risposte “normali” patologizzanti a situazioni di disastro possono comportare un’incapacità di distinguere tra lieve disagio o dolore di transizione e problemi di salute mentale più gravi e persistenti. Sia l’eccessiva o la sottoinfluenza dei risultati di salute mentale associati al cambiamento climatico possono portare a stime errate della prevalenza e ipotesi distorte sui bisogni dei servizi di salute mentale.

Un’ulteriore considerazione rilevata da Whaley all’indomani dell’uragano Katrina è che in alcuni casi i professionisti medici non hanno valutato le condizioni di salute mentale preesistenti e, pertanto, hanno attribuito il trauma da disastro come una tipica risposta allo stress, o, in alternativa, hanno diagnosticato pazienti con risposta allo stress, quando in realtà c’erano problemi di salute mentale molto più ampi legati agli effetti dell’uragano che non diagnosticati.

 

Fondamentale da considerare è che condizioni o problemi di salute mentale preesistenti possono essere esacerbati o addirittura innescati dai cambiamenti climatici.

Come notato in precedenza, la salute mentale include stati di benessere mentale, nonché problemi e disturbi mentali. In quest’ottica, l’attuale applicazione degli strumenti per valutare la salute mentale presenta alcuni limiti.

I ricercatori tendono a concettualizzare la salute mentale esclusivamente come malattia mentale e problemi mentali, somministrando questionari o utilizzando strumenti convalidati che valutano problemi di salute mentale e questioni come: disturbo d’ansia generalizzato (utilizzando il general anxiety disorder, GAD-2 questionnaire), PTSD (lista di controllo PCL-6), e stress psicologico (tramite il questionario generale sulla salute, GHQ-12) dopo un evento meteorologico estremo.

Pochi studi empirici che utilizzano questi metodi di indagine catturano le conseguenze psicologiche positive degli eventi meteorologici estremi, come sentimenti di compassione, altruismo, senso di significato, crescita post-traumatica, o anche una maggiore accettazione del cambiamento climatico e l’impegno nella mitigazione del clima.

Queste informazioni possono chiarire la complessità degli impatti sulla salute mentale da un clima che cambia e anche aiutare a capire eventuali fattori predisponenti che possono influenzare i risultati positivi della salute mentale e costruire la resilienza psicosociale.

 

La tempistica delle implicazioni psicosociali dei pericoli legati al clima pone un’altra sfida.

Gli studiosi hanno scoperto tempi diversi per la manifestazione degli impatti psicosociali.

Azuma et al. hanno scoperto che l’incidenza dei disturbi psicologici (incluso il PTSD) tende ad essere più significativa entro 6 mesi dopo un evento con conseguenze a livello alimentare.

Kessler et al. hanno condotto interviste ai sopravvissuti dell’uragano Katrina 5-8 mesi dopo l’evento e 1 anno dopo l’evento, questi autori hanno trovato un aumento dei disturbi della salute mentale con il passare del tempo. Per esempio, il PTSD è aumentato dal 14,9% a 5-8 mesi al 20,9% dopo 1 anno.

Anderson et al. suggeriscono che gli impatti psicosociali tendono a raggiungere il picco entro il primo anno, dopo un evento meteorologico estremo.

Un recente articolo suggerisce che oltre 7000 persone che hanno vissuto l’uragano Katrina nel 2005 stanno ancora ricevendo cure di salute mentale per il trauma associato all’uragano.

Notando che gli esiti psicosociali sulla salute possono avere effetti latenti, o che questi esiti possono verificarsi come risultato di successioni di eventi, sapere come e quando studiare gli impatti legati al cambiamento climatico e gli esiti psicosociali diventa sempre più impegnativo – specialmente se l’obiettivo è dimostrare la grandezza e l’attribuzione degli effetti.

 

Distillare l’impatto preciso del cambiamento climatico sulla salute mentale può essere difficile da separare da altri determinanti sociali.

Come notano Watts e altri, misurare gli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute mentale è difficile non solo a causa dell’attribuzione, ma anche per la “natura complicata della salute mentale, che abbraccia una vasta gamma di risultati” (ad esempio, ansia e disturbi dell’umore), molti dei quali si verificano insieme e tutti variano con i contesti e durante la vita.

Gli impatti sulla salute mentale sono spesso prodotti di percorsi causali lunghi e complessi, molti dei quali possono essere ricondotti a cause profonde ma potenti, come la carestia, la guerra e la povertà, di cui il cambiamento climatico è un acceleratore.

La salute mentale, come la salute fisica, è plasmata da fattori sociali ed ecologici che possono influenzare – e spesso amplificare – altri determinanti della salute, come un clima che cambia.

 

Opportunità di attribuire la salute mentale al cambiamento climatico

È importante collocare il cambiamento climatico all’interno del discorso sulla salute mentale perché la frequenza, l’intensità, la durata e la complessità degli effetti del cambiamento climatico sono in aumento e quindi anche gli esiti della salute mentale legati al clima stanno aumentando, aggiungendosi al già fiorente carico di malattie e problemi mentali a livello globale.

1)

Riconoscere le conseguenze del cambiamento climatico sulla salute mentale aiuta la comunità della salute mentale a discernere e anticipare i modelli di malattia mentale, come per esempio il PTSD che segue eventi meteorologici estremi.

Inoltre, la comprensione degli impatti ineguali del cambiamento climatico sui gruppi emarginati supporta le strategie di prevenzione della salute pubblica che cercano di proteggere quelli più suscettibili alla malattia mentale e ai problemi mentali.

C’è il rischio che le conseguenze psicosociali legate al clima possano diluirsi nell’alta prevalenza di disturbi mentali a livello globale; quindi, c’è bisogno di ulteriori ricerche nel dominio specifico del cambiamento climatico e della salute mentale.

Se c’è una migliore comprensione dei collegamenti tra il cambiamento climatico e la salute mentale, ci sono più opportunità di capire e affrontare il cambiamento climatico e la salute mentale attraverso azioni radicate nella mitigazione del cambiamento climatico e nell’adattamento che supportano la resilienza psicosociale.

In particolare, il campo richiede più ricerca empirica sulle conseguenze del cambiamento climatico sulla salute mentale, specialmente se questa ricerca si riferisce alle comunità emarginate e ai rischi e agli impatti associati ai pericoli e alle conseguenze croniche legate al cambiamento climatico (come l’innalzamento del livello del mare, l’aumento delle temperature e il degrado ecologico).

Per affrontare l’interazione globale dei determinanti sociali e ambientali della salute che possono amplificare i rischi legati al cambiamento climatico sulla salute mentale, è necessario un approccio di equità sanitaria a questo settore di studio.

 

2)

In secondo luogo, c’è la necessità di comprendere meglio i rischi legati al cambiamento climatico nel contesto delle sequele della salute mentale. La ricerca in quest’area potrebbe aiutare a esplorare la complessità dell’attribuzione del cambiamento climatico e della salute mentale, riconoscendo il ruolo delle condizioni di salute mentale predisponenti e tenendo anche conto dei rischi e degli impatti percepiti e reali legati al cambiamento climatico.

Questo tipo di ricerca può supportare una migliore comprensione dei fattori scatenanti e dei tempi degli effetti sulla salute mentale legati al cambiamento climatico, nonché sostenere lo sviluppo di politiche e programmi per le risorse di salute mentale.

 

3)

Attribuire i risultati di salute mentale al cambiamento climatico presenta anche opportunità per valutare, costruire e rafforzare i sistemi di salute mentale.

Nel 2015, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha definito il quadro per la costruzione di sistemi sanitari resistenti al. clima. Questo quadro fornisce una guida per i professionisti della salute per prevedere, prevenire e prepararsi agli shock legati al. cambiamento climatico con l’obiettivo finale di proteggere la salute a livello di popolazione aumentando la capacità dei sistemi sanitari di far. fronte, adattarsi, sostenere e rafforzare sulla scia di un clima che cambia.

Mentre il quadro trascura le complessità dei sistemi di salute mentale – l’attuale e prevalente mancanza di infrastrutture, finanziamenti e. risorse per la salute mentale a livello globale – fornisce la guida necessaria per costruire la resilienza dei sistemi di salute mentale.

Articolare il cambiamento climatico come un determinante della salute mentale non solo porta la consapevolezza delle ampie. conseguenze del cambiamento climatico sulla salute, ma supporta anche il miglioramento dei sistemi di salute mentale.

 

In sintesi, i benefici chiave della comprensione dei legami tra il cambiamento climatico e la salute mentale includono:.

  1. maggiore conoscenza dei modelli di malattia.
  2. maggiore enfasi sulla chiamata globale all’azione per ridurre e affrontare i rischi e gli impatti del cambiamento climatico.
  3. una conoscenza approfondita dei rischi e degli impatti sulle comunità emarginate.
  4. migliore pianificazione per la risposta alla salute mentale e la resilienza dei sistemi di salute mentale.

 

Parte 2. Rischi e impatti attuali del cambiamento climatico sulla salute mentale

È difficile per le persone riconoscere i cambiamenti del clima perché questi cambiamenti appaiono lontani o astratti, soprattutto perché il. clima è spesso confuso o perso nelle percezioni del tempo o dei cambiamenti stagionali.

Il sociologo Anthony Giddens si riferisce a questo distanziamento spazio-temporale del problema del cambiamento climatico come al. paradosso di Giddens. Il paradosso di Giddens afferma che: “poiché i pericoli posti dal riscaldamento globale non sono tangibili, immediati. o visibili nel corso della vita quotidiana, molti staranno con le mani in mano e non faranno nulla di concreto al riguardo. Ma aspettare che. tali pericoli diventino visibili e acuti – sotto forma di catastrofi che sono irrefutabilmente il risultato del cambiamento climatico – prima di. essere stimolati ad agire seriamente sarà troppo tardi” (p. 2).

Marshall sostiene che parte della distanza temporale e spaziale del problema del cambiamento climatico, e quindi la riluttanza ad agire, è. rafforzata dal discorso politico occidentale sul cambiamento climatico come un problema rivolto al futuro che trascura. intenzionalmente i secoli di industrializzazione, consumo di combustibili fossili e degrado del territorio che contribuiscono al cambiamento. climatico antropogenico.

Marshall invita a fare i conti con questo discorso notando che: “Il cambiamento climatico è un problema futuro. Ma è anche un problema. passato e un problema presente. È meglio pensarlo come un processo di sviluppo di deterioramento a lungo termine, chiamato, da alcuni. psicologi, un “problema strisciante”. La mancanza di un inizio, di una fine o di una scadenza definita ci obbliga a creare la nostra linea. temporale. Non sorprende che lo facciamo in modi che rimuovono la costrizione ad agire. Permettiamo abbastanza storia da farla. sembrare familiare, ma non abbastanza da creare una responsabilità per le nostre emissioni passate. Lo rendiamo abbastanza attuale da. accettare che dobbiamo fare qualcosa, ma lo mettiamo troppo lontano nel futuro per richiedere un’azione immediata“.

Prendendo atto del paradosso di Giddens e della resa dei conti che Marshall ci chiede di fare con il “problema strisciante” del cambiamento. climatico, diventa importante affrontare le attuali conseguenze di salute mentale legate al cambiamento climatico che stanno accadendo ora.

Per farlo, è utile esplorare il quadro concettuale del cambiamento climatico e della salute mentale sviluppato da Berry et al.

Questi autori organizzano i rischi legati al cambiamento climatico in tre categorie:

  1. acuti (inondazioni, uragani, ecc..).
  2. subacuti (siccità pervasiva).
  3. cronici (aumento del livello del mare, aumento delle temperature).

Questi rischi legati al cambiamento climatico portano a una varietà di conseguenze psicosociali dirette, indirette e generali che si stanno. verificando ora, colpendo in modo sproporzionato i più emarginati.

Le conseguenze psicosociali dirette del cambiamento climatico includono i traumi legati a eventi meteorologici estremi, come gli. alimenti, gli uragani, il fuoco selvaggio e le ondate di calore.

Invece, le conseguenze indirette del cambiamento climatico sulla salute mentale si verificano attraverso le perturbazioni sociali,. economiche e ambientali (per esempio carestie, conflitti civili, spostamenti e migrazioni) legate al cambiamento del clima.

Infine, le conseguenze psicosociali generali del cambiamento climatico riguardano il disagio emotivo a lungo termine causato dalla. consapevolezza delle minacce e degli impatti del cambiamento climatico sul benessere attuale e futuro della terra e dei suoi abitanti.

 

Il percorso multidimensionale del cambiamento climatico e della salute mentale porta a una varietà di conseguenze psicosociali ineguali. esplorate di seguito.

 

Conseguenze dirette del cambiamento climatico sulla salute mentale

Esiste attualmente un corpo di ricerca esteso e in rapida espansione che esplora le attuali conseguenze sulla salute mentale degli eventi meteorologici estremi legati al cambiamento climatico.

 

1) Calore estremo e umidità

Si è notato che gli eventi di calore estremo e l’umidità aumentano i ricoveri ospedalieri per disturbi dell’umore e del comportamento, tra cui la schizofrenia, la mania e i disturbi nevrotici.

Gli studiosi del settore notano che la morbilità per la salute mentale legata al caldo tende a verificarsi più spesso in persone con problemi di termoregolazione, vale a dire persone con malattie e problemi di salute mentale preesistenti, persone che assumono farmaci da prescrizione (in particolare litio, neurolettici e anticolinergici), e quelle con problemi di abuso di sostanze (alcol e droghe).

Il calore estremo è anche legato a un aumento del rischio di incendio boschivo, che ha anche un impatto diretto sulla salute mentale.

Bryant et al. hanno mappato gli esiti psicologici degli incendi boschivi del sabato nero a Victoria, in Australia; nelle comunità più a rischio per gli impatti degli incendi boschivi, questi autori hanno trovato incidenze di PTSD, distress psicologico e depressione legate al fresco.

 

2) Uragani

Anche le conseguenze dirette per la salute mentale legate all’alimentazione e agli uragani sono ben documentate.

In uno studio su 30 località dell’Inghilterra e del Galles, Tunstall et al. hanno condotto interviste ai residenti colpiti dal fooding. Hanno scoperto che gli impatti psicologici erano riportati più comunemente degli effetti fisici.

Uno studio sull’impatto psicosociale in seguito all’uragano Katrina stima che il 20-35% dei sopravvissuti abbia sperimentato qualche forma di problema di salute mentale in seguito al disastro.

Galea et al. hanno riportato una prevalenza del 31,2% di disturbi d’ansia e d’umore tra i sopravvissuti all’uragano Katrina [81], mentre Rhodes e Chan hanno scoperto che quasi la metà (47,7%) dei membri emarginati della comunità di New Orleans (soprattutto donne afroamericane a basso reddito) ha mostrato probabili segni di PTSD dopo l’uragano Katris.

 

3) Suicidio e ideazione suicida

Mentre il PTSD è spesso segnalato come uno dei più gravi impatti sulla salute mentale legati ai disastri acuti legati al cambiamento climatico, ci sono state anche crescenti segnalazioni di suicidio e ideazione suicida in seguito a eventi meteorologici estremi.

Chand et al. notano uno studio italiano che ha trovato tassi più alti di suicidio nelle comunità settentrionali con maggiore variabilità climatica.

Dodgen et al. evidenziano il rischio di omicidi-suicidi dopo eventi meteorologici estremi, notando il raddoppio di questi incidenti dopo l’uragano Andrew nel 1992 nella contea di Miami-Dade.

Si osservano anche prove di un aumento dei pensieri suicidi (dal 2,8 al 6,4%) e dei piani di suicidio (dall’1,0 al 2,5%) 18 mesi dopo un evento meteorologico estremo.

In particolare, tuttavia, l’evidenza generale che collega il cambiamento del clima e il suicidio è ancora inconcludente. Gli studi sulla suicidalità in contesti di disastri naturali, per esempio, variano considerevolmente nella metodologia di studio e nei tempi considerati, con revisioni recenti che indicano tendenze divergenti nei tassi di suicidalità dopo l’esposizione a eventi estremi, che vanno da un calo iniziale, a effetti neutri, fino a un aumento ritardato della suicidalità.

 

4) Non solo malattie mentali

A un livello più profondo, le risposte psicologiche delle comunità e degli individui ai disastri sono complesse e varie e non si traducono necessariamente in più malattie mentali.

Rebecca Solnit, in A Paradise Built in Hell, descrive utilmente le complicate conseguenze psicosociali che possono sorgere dopo un evento meteorologico estremo come “quel senso di immersione nel momento e di solidarietà con gli altri causato dalla rottura della vita quotidiana, un’emozione più grave della felicità ma profondamente positiva. Non abbiamo nemmeno un linguaggio per questa emozione, in cui il meraviglioso viene avvolto nel terribile, la gioia nel dolore, il coraggio nella paura. Non possiamo accogliere il disastro, ma possiamo valorizzare le risposte, sia pratiche che psicologiche”.

Esplorando la complessità delle risposte psicologiche nel libro, Climate change and human well-being, Weissbecker et al. discutono l’intero spettro delle conseguenze psicosociali degli eventi legati al cambiamento climatico, che vanno dalla malattia mentale a esperienze più positive come la “crescita post-traumatica” (PTG), l’empatia, la compassione, l’altruismo e la resilienza emotiva.

 

Conseguenze indirette del cambiamento climatico sulla salute mentale

Le conseguenze indirette del cambiamento climatico sulla salute mentale possono verificarsi come risultato dei danni alle infrastrutture fisiche e sociali, degli effetti sulla salute fisica, della scarsità di cibo e acqua, dei conflitti e degli spostamenti dovuti ai cambiamenti climatici acuti, subacuti e cronici.

 

1) La siccità

Uno dei pericoli climatici più ben documentati che influenza indirettamente la salute mentale è la siccità. Le siccità a lungo termine influiscono sulle forniture di cibo e acqua e possono di conseguenza influire sul benessere economico e mentale dei lavoratori della terra, colpendo più spesso coloro che vivono in comunità rurali e remote.

In un’analisi quantitativa della siccità e dell’angoscia in Australia per un periodo di 7 anni, gli autori hanno scoperto che gli abitanti delle zone rurali provano più angoscia a causa della siccità rispetto alle loro controparti urbane.

In una revisione sistematica della letteratura, gli autori notano che il percorso causale più importante che collega la siccità alla salute mentale è attraverso gli effetti economici del degrado della terra.

Questi effetti sono più evidenti tra gli agricoltori il cui sostentamento economico dipende dalle condizioni ambientali. A titolo esemplificativo, uno studio del 2008 nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, riporta che quasi tre quarti degli agricoltori riportano uno stress legato alla siccità persistente.

Alcuni autori suggeriscono anche che l’insicurezza del reddito legata alla siccità aumenta il rischio di suicidio tra gli agricoltori. La siccità a lungo termine è stata anche sempre più collegata ai conflitti e alle migrazioni forzate, che possono influenzare gli esiti psicosociali come la propensione allo stress, il PTSD, l’ansia e il trauma.

 

2) La migrazione

L’Istituto per l’ambiente e la sicurezza umana dell’Università delle Nazioni Unite stima che la migrazione dovuta al cambiamento climatico possa variare drasticamente, citando stime che vanno da 25 milioni a 1 miliardo entro il 2050, con 200 milioni come stima più frequentemente citata.

Gleick postula che il conflitto civile in Siria possa essere ricondotto ai fallimenti agricoli del 2006-2009 e alla siccità di ritorno nel 2011. Nel 2011, oltre 1,5 milioni di siriani si sono spostati dalle zone rurali e agricole alle aree urbane in cerca di rifugio dalla siccità dilagante, dal fallimento dell’agricoltura e dalla mancanza di cibo e acqua.

Il pervasivo degrado ecologico, la scarsa risposta politica all’insicurezza idrica e alimentare, e le continue tensioni tra i membri delle comunità rurali e urbane, hanno probabilmente contribuito ai disordini civili e al confitto in corso in Siria. Secondo le Nazioni Unite, il numero di sfollati siriani ha raggiunto oltre 5 milioni di persone negli ultimi 5 anni.

La migrazione da un paese devastato dalla guerra a un paese ospitante in cui la cultura, la lingua e lo stile di vita possono essere molto diversi può anche contribuire al malessere psicosociale, poiché i migranti sfollati possono affrontare fattori di stress associati alla xenofobia e al razzismo da parte delle persone nel nuovo paese ospitante.

Al contrario, come notano Siriwardhana e Stewart, lo spostamento può anche sostenere la resilienza psicosociale favorendo la speranza e l’appartenenza dei rifugiati nei paesi ospitanti, dove si sentono accolti, sicuri e sperimentano migliori condizioni di vita.

 

A livello di comunità, le conseguenze indirette del cambiamento climatico sulla salute mentale sono poco studiate.

Queste conseguenze possono includere cose come una diminuzione della coesione della comunità, la perdita dell’identità della comunità, le minacce al senso di continuità e di appartenenza quando le persone sono costrette a spostarsi dentro e fuori le comunità a causa dei fattori di stress ambientale, e un indebolimento dell’integrità culturale se le persone devono lasciare la loro terra.

La migrazione sfida l’identità, la sovranità e l’eredità delle persone che devono lasciare la loro terra. Sfida anche l’integrità e la continuità dei modi di vita tradizionali delle persone.

Le conseguenze per la salute della comunità includono anche una maggiore probabilità di comportamenti criminali, violenza e aggressione, poiché i membri della comunità sperimentano vari fattori di stress legati al cambiamento climatico.

 

Conseguenze psicosociali generali del cambiamento climatico globale

La consapevolezza delle minacce incombenti e degli attuali rischi e impatti del cambiamento climatico presenta sfide al benessere emotivo e. sociale. Dall’inizio del 2007, il filosofo ambientale Glenn Albrecht e colleghi hanno preso nota del disagio emotivo legato alla. consapevolezza del problema generale che gli esseri umani affrontano come risultato del cambiamento climatico globale.

 

Albrecht et al. suggeriscono che questa consapevolezza contribuisce a “sindromi psicoterratiche”.

Le sindromi psicoterratiche includono fenomeni come “ecoansietà”, “ecoparalisi” e “solastalgia”.

L’ecoansietà si riferisce all’ansia che le persone affrontano per essere costantemente circondate dai problemi malvagi e minacciosi associati. al cambiamento del clima.

Ecoparalisi si riferisce ai complessi sentimenti di non essere in grado di intraprendere azioni efficaci per mitigare significativamente i. rischi del cambiamento climatico.

La solastalgia si riferisce a “l’angoscia e l’isolamento causati dalla graduale rimozione del conforto dallo stato attuale del proprio ambiente. domestico”.

Il termine ‘solastalgia’ è anche comunemente citato in gran parte della letteratura sul cambiamento climatico e la salute mentale per. articolare i sentimenti associati allo spostamento a seguito di un evento meteorologico estremo legato al cambiamento climatico.

Questo nuovo vocabolario fornisce il linguaggio per esplorare alcune delle più ampie implicazioni per la salute mentale. dell’escalation dei rischi del cambiamento climatico. Per molte persone, il cambiamento climatico è vissuto come una minaccia vicaria o. come una minaccia esistenziale alla civiltà.

Le persone possono sperimentare le minacce indirette quando ricevono avvertimenti meteorologici relativi a future stagioni di disastri o. quando sentono parlare dei fattori di stress ambientale sperimentati da persone in altri luoghi. Per molte persone, questo è in gran parte il. modo in cui il cambiamento climatico viene vissuto – non come una minaccia diretta, ma come una minaccia globale, spesso. lontana nel tempo e nel luogo, o come una minaccia al nostro stesso stile di vita.

La ricerca qualitativa trova prove del fatto che alcune persone sono profondamente colpite da sentimenti di perdita, impotenza. e frustrazione quando si confrontano con i problemi del cambiamento climatico globale.

 

Parte 3: Azioni prioritarie per affrontare il cambiamento climatico e la salute mentale:

Agire sulle conseguenze del cambiamento climatico sulla salute richiede azioni radicate sia nella mitigazione che nell’adattamento. a tutti i livelli – dal globale al locale – e da tutti i settori e gli individui.

La mitigazione del cambiamento climatico si riferisce agli sforzi generali per ridurre le emissioni di gas serra e migliorare i pozzi di. assorbimento del carbonio per rallentare la velocità, la scala e la grandezza del cambiamento climatico.

Le priorità chiave per la mitigazione del cambiamento climatico includono:

  1. la riduzione della domanda di energia (attraverso la riduzione del consumo e l’aumento dell’efficienza energetica); una transizione rapida. ed equa dai combustibili fossili all’energia rinnovabile.
  2. riduzione delle emissioni dall’agricoltura e dalla silvicoltura.
  3. il rafforzamento del sequestro delle emissioni sulla terra.

 

L’adattamento al cambiamento climatico si riferisce a interventi che rispondono agli effetti del cambiamento climatico regolando,. moderando e affrontando i rischi e gli impatti del cambiamento climatico.

L’adattamento è in definitiva influenzato dalla capacità di adattamento, che è l’abilità e la volontà di rispondere al cambiamento. climatico mediata dall’agenzia individuale e collettiva.

La capacità di adattamento è determinata da elementi quali: governance, economia, infrastrutture, tecnologia, informazioni e competenze, istituzioni ed equità.

 

Esempi di interventi di adattamento che affrontano il cambiamento climatico e la salute includono:

  1. la sorveglianza e il monitoraggio delle malattie legate al cambiamento climatico e alla salute.
  2. l’educazione (per esempio la promozione della salute pubblica sui rischi delle malattie trasmesse da vettori).
  3. lo sviluppo delle capacità (per esempio l’aiuto psicologico e le capacità di intervento negli ospedali e nelle strutture sanitarie).
  4. la preparazione per eventi meteorologici estremi.
  5. il trasferimento di intere comunità in aree geografiche dove l’aumento del livello del mare e i frequenti eventi meteorologici estremi hanno. meno probabilità di verificarsi.

 

All’interno degli approcci internazionali per combattere il cambiamento climatico c’è un’attenzione significativa non solo sulla mitigazione, ma anche sull’adattamento.

Dall’Accordo di Parigi al Lancet Countdown on Climate Change, al Manifesto Planetario e alle marce per l’azione climatica, i responsabili. politici, gli accademici e la popolazione in generale stanno facendo dei passi per mitigare e adattarsi alle minacce e agli impatti. attuali per preservare un futuro per la prossima generazione.

Queste azioni, tuttavia, spesso non riescono ad affrontare il divario tra gli obiettivi dichiarati degli impegni di riduzione delle. emissioni e la velocità delle azioni necessarie per mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto di 1,5-2 °C.

Con un focus specifico sulla salute mentale e il cambiamento climatico, ci sono una serie di programmi globali in atto che indirettamente. affrontano l’area tematica, come per esempio le misure per migliorare e proteggere la salute mentale negli Obiettivi di sviluppo. sostenibile 2016-2030.

Gli sforzi del Movimento per la salute mentale globale per aumentare la concettualizzazione olistica della salute per incorporare la. salute mentale, il Sendai Framework, un programma quindicennale di riduzione del rischio di disastri e il Programma di. insediamento umano delle Nazioni Unite che promuove lo sviluppo urbano sostenibile.

C’è la necessità, tuttavia, di sfruttare le sinergie relative alla salute e alla salute mentale tra questi accordi globali, poiché. nessuno di questi da solo sarà probabilmente sufficiente ad affrontare i futuri rischi e impatti del cambiamento climatico.

Sforzi coordinati e collaborativi per affrontare le implicazioni del cambiamento climatico sulla salute mentale non richiedono solo quadri. politici, ma anche azioni concrete da parte degli operatori della salute mentale.

Tali azioni concrete possono includere:

  • comunicazione sul cambiamento climatico e la salute mentale in un modo che aiuti le persone a vedere che è rilevante e saliente per loro.
  • difesa della riduzione dei gas serra nelle strutture sanitarie.
  • l’impegno in sforzi per ridurre l’impronta ambientale del settore sanitario.
  • impegno in misure di adattamento come la preparazione e la risposta a eventi estremi.

 

Adattamento psicologico

L’adattamento psicologico richiede una serie di risposte:.

  1. un riconoscimento delle gravi minacce poste dal cambiamento climatico e dalla crisi globale profondamente conseguente.
  2. strategie di coping per gestire i sentimenti e i pensieri che sorgono in modo che le persone possano affrontare e venire a patti con. queste minacce e conseguenze piuttosto che evitare il problema dilagante del cambiamento climatico.
  3. un impegno comportamentale e psicologico, in cui le persone cambiano e adattano il loro comportamento e stile di vita per ridurre. la minaccia e proteggersi.

 

La speranza attiva, come sostengono Macy e Johnstone, rappresenta qualcosa che supporta l’adattamento psicologico.

La speranza. attiva è necessaria per spostare le intenzioni di speranza da uno stato passivo in cui si aspetta che qualcun altro si assuma il compito di. affrontare il problema del cambiamento climatico, a un processo attivo di comportamenti di mitigazione e adattamento al. cambiamento climatico.

Questo processo attivo si verifica quando la realtà del problema è riconosciuta così come la sua grandezza, le intenzioni di affrontare il. problema sono stabilite e le azioni intraprese hanno luogo. Mentre questi tre passi possono semplificare eccessivamente la complessità di. agire di fronte alla burocrazia, al negazionismo climatico, o all’evitamento e all’ignoranza della grandezza del problema, questi tre passi. rappresentano davvero i punti cardine della trasformazione.

Questi punti cardine, tuttavia, devono essere sostenuti da una volontà politica globale e da impegni politici che affrontino il. problema su scala e velocità appropriate. Per fare ciò, è necessaria la consapevolezza pubblica della gravità, della grandezza e della. gamma di impatti sulla salute, attuali e previsti, per spingere i governi e le comunità ad agire ora. Inoltre, sono necessari interventi. discernibili per dimostrare un percorso tangibile per rispondere ai rischi e agli impatti che affrontiamo in un clima che cambia.

 

Esempi di questi tipi di interventi sono esplorati di seguito.

 

a) Misure di adattamento

Le misure di adattamento che affrontano gli impatti psicosociali del cambiamento climatico si presentano in una varietà di forme:. politiche, pratiche, interventi comportamentali, interventi basati sulla comunità, formazione specifica e farmacoterapia.

Alcuni approcci generali per affrontare i problemi di salute mentale o le malattie legate al cambiamento climatico includono: interventi di. assistenza primaria, terapia individuale e di gruppo, interventi cognitivi (inclusi la terapia cognitiva, la ristrutturazione cognitiva. e l’addestramento all’inoculazione dello stress) e la consulenza in caso di crisi.

Più in generale, la resilienza emotiva può essere sostenuta tenendosi impegnati con l’arte, la letteratura e la spiritualità. Oltre a. quanto sopra, la lista che segue contiene alcuni meccanismi di adattamento prioritari specifici che dovrebbero essere considerati per. sostenere la salute mentale a livello di popolazione in un clima che cambia.

  1. Risposte politiche: migliorare l’accesso e il finanziamento dell’assistenza alla salute mentale.
  2. Sorveglianza e monitoraggio: somministrare indagini epidemiologiche dopo eventi meteorologici estremi e monitorare le visite al pronto soccorso durante le ondate di. calore e dopo eventi meteorologici estremi.
  3. Pratica: l’applicazione di un approccio alla salute mentale a più livelli che è spesso usato nella salute mentale in caso di disastri per sostenere diversi. livelli di interventi a seconda dei tempi del disastro e del livello di sofferenza.
  4. Preparazione e risposta: adattamento al cambiamento climatico/pianificazione della resilienza nel sistema di salute mentale.
  5. Interventi basati sulla comunità: piani di resilienza al cambiamento climatico che affrontano il benessere psicosociale.
  6. Formazione speciale per fornitori di assistenza e soccorritori: ad esempio aiuto psicologico di soccorso.

 

-Altri approcci innovativi per affrontare la salute mentale e il benessere in un clima che cambia includono l’esperienza e la conservazione della natura.

a)

Koger et al. suggeriscono che la conservazione dell’ambiente fornisce alle persone un senso di gestione e di investimento personale. che può aiutare le persone a superare sentimenti di disperazione, ansia ed ecoparalisi.

Koger et al. inoltre suggeriscono che: “se le persone sentono una profonda connessione con i luoghi, la natura selvaggia e altre specie,. allora è molto più probabile che le minacce a questi altri siano viste come problemi personalis”.

b)

Altre ricerche sui benefici riparatori degli ambienti e delle ambientazioni naturali hanno scoperto che la biodiversità negli ambienti. naturali è importante per la salute e il benessere umano e ha un effetto particolarmente positivo su umore, attenzione e cognizione.

Una pratica comune in Giappone per ridurre lo stress e l’ansia è la pratica di shinrin-yoku, altrimenti detta “bagno nella foresta”. In uno studio di Lee et al., gli autori hanno scoperto che il bagno nella foresta ha portato a una diminuzione dei livelli di cortisolo, della. frequenza cardiaca e dei sentimenti negativi e ha aumentato significativamente i sentimenti positivi.

c)

La ricerca sulle interazioni delle persone con ecosistemi di importanza nazionale, come le aree del patrimonio mondiale, per esempio,. evidenzia impatti positivi che includono la qualità della vita, il senso di luogo e di appartenenza, l’identità personale e. l’ispirazione.

Mentre ci sono una serie di interventi per sostenere il benessere psicosociale all’interno di un clima che cambia, è importante sottolineare. che molti di questi interventi sono ancora piuttosto nascenti e gestiti ad hoc, e questi interventi sono principalmente accessibili nei. Paesi sviluppati.

Un’assistenza sostenibile per la salute mentale nei Paesi sviluppati e in quelli in via di sviluppo è urgente man mano che le. realtà del cambiamento climatico diventano sempre più evidenti, specialmente per quelli più emarginati. Inoltre, ci sono esigenze di ricerca. in questo campo in cui vengono valutate l’efficacia e l’accessibilità degli interventi di salute mentale legati al cambiamento climatico.

 

Conclusioni

Il cambiamento climatico influisce sulla salute mentale in una varietà di percorsi diretti, indiretti e generali, colpendo in modo. sproporzionato i più emarginati.

Le implicazioni per la salute mentale del cambiamento climatico possono provocare problemi mentali e malattie, nonché esiti. psicosociali preoccupanti.

Mentre i tempi e i fattori scatenanti associati al cambiamento climatico e alla salute mentale possono variare, rendendo difficile stabilire i. molteplici legami tra cambiamento climatico e salute mentale, le opportunità di attribuire la salute mentale al cambiamento. climatico supportano la mitigazione del clima così come l’azione di salute mentale e la resilienza psicosociale.

Gli impegni globali, come l’Accordo di Parigi, gli SDG e il Sendai Framework sono necessari per aiutare a far progredire la salute. mentale globale e l’azione sul clima. Tuttavia, il coordinamento tra questi impegni è necessario, così come le azioni concrete da parte. degli operatori sanitari, visto che la questione della salute mentale e del clima che cambia deve essere affrontata in modo efficace e. olistico.

.

Ti è piaciuto l’articolo? Dicci la tua

Hai appena letto quali possono essere le implicazioni del cambiamento climatico sulla salute mentale.

Considerando la tua esperienza professionale, quali pensi possano essere gli ulteriori rischi per la salute mentale che. può apportare il cambiamento climatico?

Quali ulteriori tipologie di intervento suggeriresti per affrontarli?

😀 Condividi con noi la tua esperienza, lasciandoci un commento nel box qui sotto ⤵️

 

Vuoi leggere altri nuovi articoli?

▶️ CLICCA QUI e scopri gli altri articoli del nostro sito

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Cianconi, Paolo & Betrò, Sophia & Janiri, Luigi. (2020). The Impact of Climate Change on Mental Health: A Systematic Descriptive Review. Frontiers in Psychiatry. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyt.2020.00074/full

Corsi correlati

Corso Online
15 ECM
Trauma Model Therapy, con Colin Ross
La live si terrà il 27 gennaio 2023
316€ 202€
o 34 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
X modulo Mindful Eating: Follow up, celiachia, diabete, anoressia
20€
o 3 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...
Disturbi da Ansia e Stress
MBCT per il disturbo ossessivo-compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione psichiatrica caratterizzata da...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0