CBT-I Protocollo

Sette italiani su dieci manifestano disturbi del sonno, quattro su dieci hanno difficoltà ad addormentarsi. Tre su dieci hanno diversi risvegli durante la notte e due su dieci si svegliano sempre molto prima della sveglia.

Possiamo genericamente definire queste alterazioni “Disturbi del Sonno” e tra questi distinguere tra insonnia acuta, con durata inferiore a tre mesi, associata ad un evento stressante, disturbi ambientali (come il rumore, temperature estreme o il prendersi cura di un neonato), alterazione del ciclo sonno/veglia causato da jet lag, e Insonnia cronica che persiste per almeno tre mesi sostenuta da fattori cognitivi e comportamentali che non hanno a che fare con il trigger iniziale. Tra i fattori ricordiamo lo stress che può influenzare la qualità del sonno e anche determinare Insonnia; l’ abuso di alcol che sembrerebbe provocare insonnia e privare delle sue funzioni lo stato di riposo (Sagawa et al., 2011); i disturbi respiratori nel sonno, disordini del movimento. Recentemente numerosi studi sull’utilizzo dello smartphone hanno evidenziato che l’ utilizzo di smartphones e schermi luminosi  può costituire un fattore di rischio ben definito.

Si riscontrano, infine, differenze anche rispetto all’età; la prevalenza di insonnia aumenta infatti con l’età, e al sesso, le donne adulte riferiscono insonnia circa il 50% più frequentemente rispetto agli uomini.

Si distingue, anche, tra insonnia primaria i cui sintomi possono presentarsi indipendentemente da altri disturbi o condizioni patologiche, e  insonnia secondaria i cui sintomi possono essere causati da altre condizioni patologiche e psichiatriche.

Generalmente quando si pensa ai disturbi del sonno si è portati a pensare all’insonnia, in realtà è stato recentemente osservato che il tipo di insonnia che più facilmente tende a cronicizzare (70% dei casi) è  quello caratterizzato da frequenti risvegli nel corso della notte; mentre la forma in cui si tende ad assumere più frequentemente farmaci è quella “iniziale”, con difficoltà di addormentamento.

Quasi il 20% della popolazione generale adulta assume almeno saltuariamente un farmaco a scopo ipnotico, mentre quasi il 10% lo assume in maniera continuativa.

La psicoterapia cognitivo-comportamentale si è rivelata particolarmente efficace per intervenire sui (disturbi del sonno) sull’Insonnia mantenuta da componenti psicofisiologiche che è anche la più diffusa nella popolazione generale.

La CBT-I consiste essenzialmente in un pacchetto di 8 colloqui, 3 di Valutazione e mediamente 5 di Trattamento, nei quali viene diagnosticato il Disturbo nelle sue componenti principali e trattato in modo mirato e specialistico mediante, ad esempio: psicoeducazione personalizzata,  rafforzamento delle associazioni tra il letto e il momento di andare a dormire, ristrutturazione dei pensieri disfunzionali legati al sonno. Il trattamento dell’insonnia ha come obiettivo primario quello di migliorare la qualità e la quantità del sonno e i sintomi diurni correlati al disturbo.

Le terapie non farmacologiche per l’Insonnia Psicofisiologica includono strategie di:

· Controllo dello stimolo; si tende a riassociare gli stimoli del sonno con l’addormentamento e incoraggia il ristabilirsi di una regolare alternanza sonno-veglia

· Restrizione del sonno; si limita il tempo trascorso a letto all’effettivo tempo dedicato al sonno, porta ad una deprivazione temporanea e moderata del sonno, induce un più rapido addormentamento, mantenimento ed una qualità migliori del sonno

.Tecniche di rilassamento; si riduce l’attivazione autonomica e cognitiva, comprendendo tecniche di rilassamento muscolare progressivo, biofeedback, respirazione ritmica, imagery training e meditazione, l’Intenzione paradossa che modifica le aspettative irrealistiche sul sonno, i pazienti stanno svegli il più a lungo possibile, porta ad una riduzione dell’ansia in relazione all’addormentamento e alle conseguenze della mancanza di sonno

· Educazione all’igiene del sonno; vengono fornite raccomandazioni sui comportamenti relativi al sonno e sulle condizioni ambientali che possono incidere sulla qualità e durata del sonno, ad esempio evitare pasti pesanti prima di coricarsi, praticare attività fisica regolare, ma non nelle ore prossime al sonno, ridurre rumore e luce nella stanza da letto, evitare consumo alcool, caffeina e nicotina nelle ore antecedenti al sonno

· Ristrutturazione cognitiva che si focalizza sulla revisione di specifiche ed irrealistiche aspettative del paziente in relazione al sonno, alle sue alterazioni ed alle possibile conseguenze di queste aspettative

Recentemente è stato dimostrato che il Protocollo breve cognitivo-comportamentale specifico per l’insonnia Psicofisiologica rappresenta un’alternativa Evidence Based sicura ed efficace per inquadrare e trattare l’insonnia senza farmaci, sviluppando risorse personali di gestione del sintomo, senza effetti collaterali e con un’efficacia dimostrata sul medio – lungo periodo.
Se vuoi apprendere un protocollo, se vuoi apprendere strumenti teorici, diagnostici e terapeutici per inquadrare e trattare l’Insonnia senza farmaci ti segnaliamo il corso online in partenza

Valutazione e Trattamento specialistico dell’Insonnia secondo il Protocollo Psicologico CBT-I

Docente: Gloria Ragno. Inizio corso: 15 febbraio 2018 – Fine corso: 07 marzo 2018. Costo: 155€

 

 

L’efficacia di questo trattamento è ampiamente dimostrato negli studi scientifici, e i progressi che porta sono mantenuti a lungo, anche dopo 2 anni, al contrario delle terapie farmacologiche
La letteratura dimostra che questi cambiamenti sono duraturi e progressivi nel tempo, e non si limitano alla durata del protocollo. Nonostante questo, il protocollo in Italia è poco conosciuto e praticato, apprendere questo protocollo rappresenta un importante possibilità per gli psicologi per poter rispondere ad una domanda in continua crescita

 

 

Bibliografia
Taylor DJ & Pruiksma K, 2014; Cognitive and behavioural therapy for insomnia (CBT-I) in psychiatric populations: A systematic review. Int Rev Psychiatry. 2014 Apr;26(2):205-13. doi: 10.3109/09540261.2014.902808.

Trauer JM, Qian MY, Doyle JS, Rajaratnam SM, Cunnington D. Cognitive Behavioral Therapy for Chronic Insomnia – A Systematic Review and Meta-analysis. Ann Intern Med. 2015 Aug 4;163(3):191-204. doi: 10.7326/M14-2841.

 

 

Copyright: LiquidPlan
Non riprodurre senza autorizzazione

Condizione Professionale

Seleziona la tua provincia

La tua Regione

Privacy Policy

0 responses on "CBT-I Protocollo"

    Lascia un Messaggio

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Certificati di partecipazione
    Ogni corso rilascia l'attestato di partecipazione

    Corsi ondemand sempre tuoi
    Saranno tuoi a vita, sempre accessibili nella tua mediateca personale

    Dove vuoi, quando vuoi
    Corsi ondemand e webinar fruibili da pc, tablet e smartphone

    Qualità garantita
    Un'offerta formativa di alta qualità, pratica, spendibile, modulare

    © 2012-2018 Tutti i diritti riservati. Psicologi @ Lavoro è di proprietà di Liquid Plan srl, p.iva 11818651009

    Possiamo aiutarti?

    Compila i seguenti campi per contattarci in caso di dubbi o problemi con i nostri servizi.

     

    Grazie!
    Ti ricontatteremo via email.