Come una Neomamma risponde alle Emozioni del Bambino predice Depressione e Ansia Post-Partum

Post partum

Le neo-mamme a rischio di sperimentare il “baby blues” dopo il parto tendono a mostrare un diverso modello di attività cerebrale rispetto alle madri che non rientrano in tale condizione, secondo una nuova ricerca pubblicata su PLOS One. I nuovi risultati indicano che la risposta neurale delle madri alle espressioni emotive dei loro bambini è associata allo sviluppo della depressione post-partum e dell’ansia.

 

Lo studio di Megan Finnegan sulla depressione post partum

Precedenti ricerche di brain imaging hanno suggerito che la depressione e l’ansia post-partum sono distinte da altri disturbi dell’umore, come il disturbo depressivo maggiore, ma c’è ancora molto da imparare sulla neurobiologia sottostante a queste condizioni.

Come tutti i mammiferi che investono molto tempo ed energia per crescere i propri piccoli, nel nostro cervello si è evoluto un meccanismo molto complesso per assicurarci di essere in grado di riconoscere e rispondere alle esigenze di un bambino, così come avere la giusta motivazione per sentirsi coinvolti in questi comportamenti di cura anche quando questo ha un costo“,

ha detto l’autore dello studio Megan Finnegan, ricercatrice del laboratorio PRISM presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Pensate a quanto sia difficile dormire quando un bambino piange e a quanto ci si possa sentire bene quando il bambino sorride e ride. Quando le donne sperimentano la depressione post-partum, le risposte tipiche del cervello ai neonati cambiano in modi caratteristici“.

Eppure, per quanto la depressione possa essere dirompente sia per la madre che per il bambino, l’ansia post-partum è anche un evento sorprendentemente comune. Infatti, la ricerca epidemiologica suggerisce che la depressione e l’ansia post-partum in comorbilità possono essere più comuni rispetto a sperimentare solo uno o l’altro da soli“, ha spiegato Finnegan.

Questo si allinea con ciò che è noto sui disturbi depressivi e disturbi d’ansia più in generale, nel senso che tendono a verificarsi insieme abbastanza frequentemente. Così, abbiamo deciso che dovevamo anche osservare come le differenze cerebrali fossero legate all’ansia ed esaminare la potenziale sovrapposizione nelle regioni cerebrali che possono indicare una componente comune di disagio emotivo che può essere alla base di entrambi“.

 

Metodo e procedura

I ricercatori hanno usato la risonanza magnetica funzionale per monitorare l’attività cerebrale delle madri mentre guardavano video dei loro bambini di 3 mesi che completavano compiti evocando emozioni positive o negative. Nella condizione di emozione positiva, le madri vedevano un video del loro bambino che giocava a “peekaboo”. Nella condizione di emozione negativa, le madri vedevano un video in cui le braccia del loro bambino venivano tenute ferme delicatamente ai lati – una situazione nota per provocare frustrazione. Le madri hanno poi completato alcune valutazioni di follow-up a 6, 12 e 18 mesi dopo il parto.

Quello che non sapevamo era se le differenze nella risposta del cervello materno potevano essere attribuite all’esperienza passata con la malattia mentale, potenzialmente attraverso cambiamenti di lunga durata della funzione neurale dopo la malattia, oppure attraverso una predisposizione preesistente a sperimentare la depressione. In alternativa, come il cervello di una madre sta rispondendo al suo bambino potrebbe essere un segno di una traiettoria più ampia di disagio che senza intervento, porta a un peggioramento dei profili dei sintomi in seguito,” Finnegan ha detto.

Per verificare questo, abbiamo deciso di guardare come la capacità del cervello di una madre di rispondere in modo diverso al suo bambino in situazioni piacevoli (giocare a nascondino) rispetto a quelle spiacevoli (piangere) era correlata ai sintomi di depressione passata, attuale e futura“.

 

Risultati: cosa può predire la depressione post partum

Le madri che mostravano una maggiore attivazione neurale ai video positivi rispetto a quelli negativi tendevano a sperimentare meno sintomi depressivi successivi e ansia. Al contrario, lo sviluppo di sintomi depressivi e di ansia era più comune tra le madri le cui risposte neurali ai video positivi e negativi erano più simili.

Piuttosto che essere meno reattivi ai video positivi, tuttavia, le madri che in seguito hanno riportato maggiori sintomi post-partum tendevano ad essere più reattivi ai video negativi rispetto alle madri che in un secondo momento hanno riportato meno sintomi. La scoperta suggerisce che la “sensibilizzazione ai contesti emotivi negativi” che coinvolgono i loro bambini potrebbe giocare un ruolo nella depressione e nell’ansia post-partum.

Questa ricerca mostra che le differenze nel modo in cui il cervello di una madre risponde ai pianti e ai sorrisi del suo bambino è associato allo sviluppo della depressione post-partum e dei sintomi di ansia quasi un anno dopo“, ha detto Finnegan.

Al contrario, c’erano pochissime prove dell’influenza della depressione e dell’ansia del periodo passato su come il cervello delle madri rispondeva ai loro bambini. Questo indica che piuttosto che essere un sintomo di una malattia mentale ricorrente, l’attuale risposta del cervello post-partum può essere parte di una traiettoria più ampia di peggioramento dei sintomi. Questi risultati significherebbero che rimodellare il modo in cui le donne rispondono alle emozioni dei loro bambini potrebbe essere una strada percorribile per interrompere il corso della depressione post-partum e dell’ansia“.

Finnegan e i suoi colleghi hanno anche scoperto che i sintomi post-partum elevati non erano associati alla risposta emotiva auto-riferita delle madri ai video o alla loro valutazione delle emozioni del loro bambino.

Ovvero, le madri non pensavano necessariamente che il loro bambino fosse più negativo in queste situazioni, ma piuttosto, i loro cervelli rispondevano in modo diverso alla visione dei loro bambini“, hanno scritto i ricercatori. 

“Questa dissociazione dalla valutazione cosciente delle emozioni del loro bambino o delle loro stesse emozioni evidenzia l’importanza di considerare le misure del cervello per rilevare le distorsioni di risposta sottostanti che possono contribuire a guidare la psicopatologia post-partum“.

 

Limiti e implicazioni future per la fase post partum

Ma lo studio, come tutte le ricerche, non è senza alcune limitazioni. Per esempio, solo 24 madri sono state incluse nello studio.

 

Questo è il primo studio che esamina come le risposte della fMRI sono legate allo sviluppo della futura depressione e dell’ansia postpartum. Il lavoro è stato condotto con un numero modesto di partecipanti ed è essenziale che questo lavoro sia replicato in coorti più grandi e diverse per caratterizzare più accuratamente i confini del tessuto cerebrale coinvolto in questo fenomeno“, ha spiegato Finnegan.

Per motivi statistici, abbiamo anche dovuto esaminare la relazione tra depressione e ansia in modelli separati e confrontare la sovrapposizione in termini qualitativi. Il lavoro futuro potrebbe migliorare questo estrapolando le componenti condivise dei punteggi di ansia e depressione per stimare i livelli di  distress internalizzante. Capire come l’angoscia internalizzante sia correlata ai cambiamenti nella risposta cerebrale di una madre al suo bambino può aiutarci a descrivere e prevedere meglio l’evoluzione dei disturbi affettivi post-partum nel corso dello sviluppo madre-figlio“.

 

Finnegan stessa è diventata madre nel corso dello studio. “Questo studio è iniziato con un gruppo di madri di neonati di 3 mesi“, ha osservato. “Quando questo articolo è stato accettato, ero diventata madre del mio primo figlio che aveva appena compiuto 3 mesi!”

L’articolo, “Mothers’ neural response to valenced infant interactions predicts postpartum depression and anxiety”, è stato scritto da Megan Kate Finnegan, Stephanie Kane, Wendy Heller e Heidemarie Laurent.

Vuoi approfondire il  tema della depressione post partum?

➡️CLICCA QUI e scopri subito i nostri articoli sull’argomento

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: PsyPost.org

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>