La Compassion Focused Therapy nella pratica clinica

Compassion Focused Therapy Summit 2021

La Compassion Focused Therapy nella pratica clinica

con la straordinaria partecipazione di Paul Gilbert

Venerdì 12 e Sabato 13 Novembre 2021

16 EMC in FAD

 

Una prima assoluta per l’Italia, potrai unirti a più di 15 dei più grandi esperti al mondo di Compassion Focused Therapy, tra cui Paul Gilbert, Nicola Petrocchi, James Kirby, Marcela Matos, Dennis Tirch, and Kate Lucre e aggiornarti su tutti i campi di applicazione della Compassion Focused Therapy in vari contesti clinici e di ricerca.

In partnership con Compassionate Mind Italia, estensione ufficiale della Compassionate Mind Foundation di Paul Gilbert. Nicola Petrocchi, il presidente dell’associazione Italiana, è membro attivo della fondazione Inglese, è membro della commissione di ricerca Inglese e collabora da più di 7 anni con il Prof. Gilbert in progetti di ricerca sull’efficacia della CFT.

Con il sostegno di:

La Compassion Focused Therapy (CFT) è stata sviluppata dal Prof. Paul Gilbert da anni impegnato nella ricerca scientifica sulla vergogna e sull’autocritica, elementi trans-diagnostici di molti disturbi psicologici. Grazie ai sempre più numerosi dati di ricerca la CFT è diventata uno degli approcci terapeutici più promettenti ed efficaci per il trattamento di gravi psicopatologie tra cui psicosi e disturbi alimentari.

La CFT adotta una prospettiva evoluzionistica e bio-psico-sociale della psicopatologia e del suo mantenimento basata sullo sbilanciamento di tre sistemi di regolazione emotiva presenti nel nostro cervello: il sistema della minaccia, della ricerca di stimoli, e della connessione e sicurezza – safeness.

Propone un processo di cambiamento (ribilanciamento dei sistemi emotivi) che avviene tramite l’attivazione e “l’allenamento-training” di un sistema motivazionale innato (la compassione, sia per se stessi che per gli altri), da anni al centro di numerosi studi di neuroscienze e psicofisiologia per i suoi effetti positivi sulla regolazione emotiva, l’autocritica, la nostra capacità di mentalizzazione e persino sul nostro sistema immunitario e cardiovascolare.

In questo summit online, i più importanti esperti e ricercatori al mondo di CFT ti condivideranno dati di ricerca, vignette cliniche, pratiche di meditazione, le varie applicazioni cliniche della CFT con diverse popolazioni cliniche (tra cui disturbi alimentari, psicosi, complex PTSD, disturbo antisociale) e in combinazione con altri potenti approcci terapeutici (ACT – Acceptance and Commitment Therapy). 

Il Prof. Paul Gilbert, fondatore della Compassion Focused Therapy, aprirà questo straordinario evento. Il Dott. Nicola Petrocchi e il Dott. James Kirby chiuderanno il Summit in una keynote finale per esplorare le frontiere della Compassion Focused Therapy.

Gli interventi saranno intervallati da sessioni di compassion focused yoga, brevi pratiche meditative e musica live contemplativa che permetteranno ai partecipanti di sperimentare l’attivazione del sistema calmante attraverso diversi “portali di accesso alla compassione”, tra cui il corpo e la musica.

16 Crediti ECM 

Liquid Plan srl. società che gestisce Formazione Continua in Psicologia è Provider ECM  n° 6888 accreditato dall’ l’Age.Na.S. (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) 

per la progettazione e l’erogazione dei corsi di formazioni per il personale sanitario, nell’ambito del programma di educazione continua in medicina (ECM).

Il presente corso ondemand  è accreditato in modalità FAD n. Evento 337717 

Obiettivo formativo: 3 – Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza – profili di cura

Corso attivo: dal 15/11/2021 al 14/11/2022

Crediti ECM: 16

Professioni: Tutte le professioni

Per l’erogazione del corsi in modalità FAD (Formazione A Distanza), Liquid Plan s.r.l. utilizza una specifica piattaforma tecnologica di E-Learning.

Potrai accedere alla piattaforma mediante le credenziali  di accesso fornite al momento dell’iscrizione, e solo dopo aver compilato il Form online di iscrizione.
La prova di apprendimento potrà essere effettuata ONLINE sulla piattaforma E-learning

La prova di apprendimento consisterà in un questionario composto da 48 domande a risposta multipla con 4 possibilità di risposta di cui una sola giusta. Bisogna superare almeno il 75% delle risposte.

Docenti

Paul Gilbert

Paul Gilbert
Psicoterapeuta; fondatore della Compassion-Focused Therapy (CFT); Prof. University of Derby, UK
Visualizza profilo

Nicola Petrocchi

Nicola Petrocchi
Psicoterapeuta; fondatore e presidente della Compassionate Mind Italia; formatore internazionale; Prof. alla John Cabot University, Roma.
Visualizza profilo

James Kirby

James Kirby
Psicologo clinico;  co-direttore Compassionate Mind Research Group; Prof. alla Queensland University, Australia.
Visualizza profilo

Kate Lucre

Kate Lucre
Psicoterapeuta; supervisore specializzata nell’uso della CFT per traumi complessi; formatrice internazionale.
Visualizza profilo

Jeffrey Kim

Jeffrey Kim
Ricercatore presso il Queensland Brain Institute, Australia sui  correlati neurofisiologici della compassione e su analisi fMRI.
Visualizza profilo

Charlie Heriot Maitland

Charlie Heriot Maitland
Psicologo clinico; formatore presso il centro Balanced Minds di Londra; ricercatore all’NHS; supervisore e formatore internazionale di CFT.
Visualizza profilo

Elizabeth Svanholmer

Elizabeth Svanholmer
Facilitatrice e organizzatrice di training, supervisioni e altre modalità di lavoro con gli uditori di voci.
Visualizza profilo

Rufus May

Rufus May
Psicologo clinico; gestisce il servizio di Psicologia in ricovero a Bolton, Lancashire; esperto Voice dialogue
Visualizza profilo

Tobyn Bell

Tobyn Bell
Psicoterapeuta; formatore e supervisore internazionale di CFT; esperto di Compassion Focused Chairwork.
Visualizza profilo

Julian F. Thayer

Julian Thayer
Psicofisiologo; ricercatore e Prof. alle Università di California, Irvine e Ohio. Oltre 400 articoli pubblicati, “Highly Cited Researcher” nel 2020
Visualizza profilo

Allison Kelly

Allison Kelly
Psicologa, Prof.ssa alla Università di Waterloo, Ontario, Canada; esperta CFT e disturbi alimentari; formatrice internazionale.
Visualizza profilo

Cristina Ottaviani

Cristina Ottaviani
Psicoterapeuta, Prof.ssa alla Università La Sapienza, Roma; psicofisiologa esperta nei correlati fisiologici della perseverative cognition.
Visualizza profilo

Marcela Matos

Marcela Matos
Psicologa; ricercatrice alla Università di Coimbra, Portogallo;  Presidente Mind Portugal; esperta Compassion Focused Group Therapy.
Visualizza profilo

Stan Steindl

Stan Steindl
Psicologo; Prof. alla Univ. Queensland, Brisbane, Australia; co-direttore del gruppo di ricerca UQ Compassionate Mind.
Visualizza profilo

Daniel Rijo

Daniel Rijo
Psicoterapeuta; Prof. alla Università. di Coimbra, Portogallo; ricercatore c/o Centro di Ricerca in Neuropsicologia, Coimbra.
Visualizza profilo

Diana Ribeiro da Silva

Diana Ribeiro da Silva
Psicologa clinica; ricercatrice al Centro di Ricerca in Neuropsicologia, Coimbra; Psicologa al UpC3, Coimbra.
Visualizza profilo

Lisa McLean

Lisa McLean
Psicologa clinica; esperta di Mindfulness e Compassion Focused Group Therapy; specializzata nel lavoro con il trauma.
Visualizza profilo

Dennis Tirch

Dennis Tirch
Psicoterapeuta; fondatore e direttore Centro CFT, New York; presidente Compassionate Mind Foundation, USA; Prof. al  Mt. Sinai Medical Center, New York.
Visualizza profilo

Deborah Lee

Deborah Lee
Psicologa clinica; Prof.ssa al University College London; direttrice del Berkshire Traumatic Stress Service dell’NHS.
Visualizza profilo

Laura Silberstein

Laura Silberstein
Psicologa clinica; direttore Centro CFT, New York; Prof.ssa al Albert Einstein College of Medicine; formatrice internazionale ACT-CFT.
Visualizza profilo

Hannah Gilbert
Psicoterapeuta; lavora per la Compassionate Mind Foundation. Ha fondato Compassionate Wellbeing nel 2012 e nel 2017 .
Visualizza profilo

Programma formativo

Venerdì 12 Novembre 2021

Nicola Petrocchi
Nicola Petrocchi
nicolapiccinini
Nicola Piccinini
09.00 – 09.30

Atterraggio compassionevole. Intro di Nicola Petrocchi e Nicola Piccinini

Nicola Petrocchi e Nicola Piccinini, in questo saluto iniziale,  illustreranno la mappa delle due giornate insieme, rappresentando brevemente la mission del Summit e la sua struttura.

Paul Gilbert
Paul Gilbert
09.30 – 10.30

Lo stato dell’arte della Compassion Focused Therapy

In questo intervento Paul illustrerà la storia e lo sviluppo della Compassion Focused Therapy (CFT) come un modello biopsicosociale di psicoterapia basato sulla teoria evoluzionistica. Saranno delineate le origini della Compassion che sono radicate nell’evoluzione del comportamento di cura dei mammiferi, in particolare dell’attaccamento. Questo ha portato alla nascita di due diversi meccanismi di regolazione della minaccia che prendono il nome di safety e safeness. L’evoluzione del comportamento di accudimento è stato accompagnato da un ampio spettro di processi fisiologici che sono il target del cambiamento nella CFT. Tuttavia, ciò che trasforma l’accudimento in compassione è legato all’evoluzione di competenze cognitive più recenti che sono un elemento altrettanto centrale della CFT. Paul metterà in evidenza come la CFT promuove la coltivazione del sistema motivazionale di cura e accudimento, che consente agli individui di avere accesso a sistemi fisiologici che favoriscono la regolazione del sistema della minaccia, modulano motivazioni e comportamenti competitivi disfunzionali e creano una base interiore sicura

James Kirby
James Kirby
Jeffrey Kim
Jeffrey Kim
10.45 – 11.45

Le neuroscienze della compassione

In questo intervento James e Jeffrey presenteranno le più recenti ricerche sulle neuroscienze della compassione. Verrà esposto lo stato dell’arte sugli studi di compassion che utilizzano tecniche di neuroimaging fMRI. Si soffermeranno poi in particolare sugli studi neuroscientifici sul Compassionate Mind Training (CMT), presentando i dati di una ricerca da poco conclusa in cui sono state prese in esame le risposte neurali davanti ad una delusione (es: rifiuto, fallimento) da parte dei partecipanti, usando due stili di auto-regolazione principali: l’auto-critica e l’auto-rassicurazione (uno stile relazionale motivato dalla compassione). Discuteranno inoltre il ruolo svolto dalle tecniche immaginative e dallo stile di attaccamento sulle nostre capacità di essere rassicuranti o critici verso noi stessi. Concluderanno infine con diverse raccomandazioni per futuri studi di neuro-imaging nell’ambito del CMT, evidenziando il bisogno di includere misurazioni multi-modali e disegni di studio randomizzati.

Charlie Heriot Maitland
Charlie Heriot Maitland
Rufus May
Rufus May
Elizabeth Svanholmer
Elizabeth Svanholmer
12.00 – 13.00

La Compassion Focused Therapy in soggetti non clinici e nei soggetti con psicosi

Charlie, Elizabeth e Rufus discuteranno inizialmente di come il mondo moderno rappresenti un luogo ostile per le voci – l’approccio più diffuso è infatti proprio quello di ignorare e silenziare le voci. Dato questo contesto, i tre relatori esploreranno i modi in cui è possibile creare le condizioni (nel corpo, nella mente, nella sfera sociale) per poter approcciare diversamente le voci. Il timore che oggi esiste nella cultura di fronte all’udire di voci rende necessario un lavoro approfondito con il paziente e con la sua rete di supporto per poter creare quel senso di sicurezza necessario a sperimentare nuovi modi in cui relazionarsi con le voci. Durante l’intervento verranno condivise diverse strategie per poter essere di supporto ad una persona uditrice di voci, per costruire un sé compassionevole e un senso di sicurezza emotiva. A volte le voci stesse possono aiutare in questo processo; verranno condivisi degli esempi concreti di questa dinamica. Infine, verranno condivise esperienze in cui è stato possibile costruire un rapporto più compassionevole con le voci.

13.00 – 14.00 PAUSA PRANZO

Kate Lucre
Kate Lucre
Tobyn Bell
Tobyn Bell
14.00 – 15.00

Chairwork e Compassion Focused Therapy

Tobyn e Kate, in questo intervento discuteranno dell’importanza del lavoro con le sedie e il role-playing all’interno della Compassion Focused Therapy. Ma andranno ben oltre la discussione: i due speaker mostreranno due pratiche esperienziali al fine di dimostrare “in azione” i principi e i processi del lavoro con le sedie e del role-playing, paragonando i due approcci e i modi in cui possono facilitare i diversi flussi della compassione. Particolare attenzione sarà dedicata a come poter adattare questi approcci a pazienti che hanno subito un trauma dell’attaccamento e relazionale, nonché al setting terapeutico online

Beatrice-Baldi
Beatrice Baldi
15.00 – 15.15

COMPASSION FOCUSED YOGA SESSION

Il Compassion Focused Yoga vede l’integrazione tra l’intento compassionevole della Compassion Focused Therapy e le pratiche dello Yoga, che parlano alla mente, al corpo e al cuore. Con questi brevi interventi di pratica sarà possibile vivere nel corpo e nel respiro ciò che è stato appreso durante gli interventi del Summit, regolando il sistema nervoso e rivolgendo con gentilezza la propria attenzione a ciò che atterra dentro di Sé nel momento presente. Sono sempre di più le applicazioni terapeutiche dello Yoga e molti i suoi punti di incontro con la Compassion Focused Therapy, rendendola una disciplina che può rappresentare un prezioso alleato terapeutico.

Julian F. Thayer
Julian F. Thayer
15.15 – 16.15

Fisiologia della compassione – The Compassionate Vagus

Gli esseri umani sono animali sociali, perciò la comprensione dei processi fisiologici correlati ai processi sociali è molto utile nel comprendere il comportamento umano. Il nervo vago svolge diversi ruoli nel corpo, tra cui la regolazione del comportamento sociale. In questo intervento verranno delineati la struttura, la funzione e i correlati neurobiologici del nervo vago e il suo indicatore misurabile, la variabilità interbattito (Heart Rate Variability, HRV). Inoltre, verrà esplorato in che modo il vago e l’HRV sono legati alla nostra capacità di distinguere una condizione di sicurezza da una condizione di minaccia, il che è indispensabile per poter tessere con successo delle relazioni sociali. Fondamentale sarà anche la discussione sulle possibili origini evoluzionistiche della compassione nel contesto dell’auto-domesticazione dell’essere umano. Il Dr. Thayer presenterà i propri dati di ricerca riguardanti l’HRV e la regolazione emotiva, la soddisfazione coniugale, i rapporti di coppia, il supporto sociale, l’ossitocina. Infine, verranno evidenziati alcuni modi in cui l’HRV può essere modificato e come questo può essere messo a servizio dei nostri rapporti sociali. 

Allison Kelly
Allison Kelly
16.30 – 17.30

Integrare la CFT nella formulazione e nel trattamento dei casi di Disturbi Alimentari

Attingendo alla ricerca empirica, questo intervento sottolineerà diversi modi in cui i terapeuti possono integrare la Compassion Focused Therapy nella formulazione dei casi e nel lavoro con persone che soffrono di disturbi alimentari. Al termine dell’intervento, i partecipanti saranno in grado di comprendere meglio i sintomi del disturbo alimentare in termini dei principali processi di regolazione affettiva che coinvolgono; apprezzare il modo in cui stimolare l’accesso alla compassione nei pazienti può aiutare ad equilibrare questi processi di regolazione affettiva, facilitando in questo modo la remissione dei sintomi del disturbo alimentare; aiutare i pazienti ad identificare e sostituire il proprio approccio auto-critico, guidato dalla vergogna nei confronti del cambiamento del proprio comportamento con un approccio invece più paziente e gentile; comprendere meglio e superare gli ostacoli più resistenti all’auto-compassione. Questo intervento utilizzerà diversi casi studio e pratiche esperienziali per illustrare come la CFT può essere usata per potenziare gli attuali trattamenti per persone che soffrono di disturbi alimentari, in particolare coloro che manifestano vergogna e auto-critica con carattere di cronicità.

Nicola Petrocchi
Nicola Petrocchi
17.30 – 18.00

Meditazione conclusiva con musica

Nicola Petrocchi guiderà i partecipanti in una meditazione conclusiva che permetterà di integrare a livello esperienziale gli insight avuti durante la prima giornata di lavori e di continuare a nutrire l’intenzione compassionevole per il resto della serata. La meditazione lascerà spazio ad un momento di musica meditativa dal vivo.

Sabato 13 Novembre 2021

Nicola Petrocchi
Nicola Petrocchi
nicolapiccinini
Nicola Piccinini
09.00 – 09.30

Atterraggio compassionevole Giorno 2 – intro di Nicola Petrocchi & Nicola Piccinini

Per aprire il secondo giorno, Nicola Petrocchi e Nicola Piccinini raccoglieranno le fila dei vari interventi del giorno precedente e descriveranno il programma di questa ultima giornata di Summit

Nicola Petrocchi
Nicola Petrocchi
Cristina Ottaviani
Cristina Ottaviani
09.30 – 10.30

Ruminazione, nervo vago e compassione – fisiologia della presenza compassionevole

I nostri pazienti riportano spesso di “non riuscire a togliersi dalla testa” qualcosa: un fallimento, un abbandono, oppure il timore di qualcosa che può accadere nel futuro. Ma, in che senso non riescono a toglierselo dalla testa? In questo talk, Cristina e Nicola mostreranno come e perchè la perseverative cognition (in particolare la ruminazione e il worry) è oggi considerata un fattore transdiagnostico che ha un ruolo cruciale nell’esordio, il mantenimento e le ricadute di disturbi psichiatrici nonché un fattore di rischio per la salute fisica. Rappresenta una risposta rigida e inflessibile ad un ambiente caratterizzato da alti livelli di intrusività e difficoltà nel “defondersi” dai pensieri, soprattutto quando diventano autocritici. Da un punto di vista neurofisiologico, questo può essere interpretato come una mancanza di controllo inibitorio da parte della corteccia prefrontale sulle aree limbiche. I relatori presenteranno i dati raccolti in diversi studi condotti in collaborazione, soffermandosi in particolare su misure come la variabilità interbattito (Heart Rate Variability – HRV), un indice connesso anche all’attivazione della motivazione compassionevole. Si illustrerà quindi come i pazienti possano utilizzare la coltivazione dei tre flussi di compassione per rafforzare le capacità inibitorie della corteccia prefrontale, con interventi come il compassionate mirror e la stimolazione transcranica non invasiva.

Marcela Matos
Marcela Matos
Stan Steindl
Stan Steindl
10.45 – 11.45

Lavorare sui ricordi della Vergogna con immagini incentrate sulla compassione e la scrittura di lettere

Marcela e Stan, in questo talk fortemente esperienziale, mostreranno come la vergogna sia un’emozione umana potente e universale, che si è evoluta per aiutarci a navigare le nostre relazioni sociali. Purtroppo la vergogna è anche profondamente dolorosa e può avere seri effetti avversi sul funzionamento fisiologico e la salute mentale. Le memorie di vergogna si sono rivelate centrali per il nostro senso di identità, e possono avere un carattere traumatico che mantiene ed esacerba l’attivazione del sistema di minaccia, soprattutto negli aspetti sociali e relazionali della nostra vita. Tuttavia, coltivare e soprattutto ricevere la compassione dagli altri e da sé stessi, è in grado di attutire l’impatto negativo delle esperienze di vergogna. Coltivare un senso di compassione nei confronti del sé che prova vergogna può essere favorito dalle pratiche di visualizzazione focalizzata sulla compassione e di scrittura di lettere compassionevoli. Questi due approcci offrono una modalità complementare e/o alternativa al lavoro più tradizionale con le memorie di vergogna. In questo intervento verranno condivise le nozioni teoriche riguardanti le memorie di vergogna, nonché esercizi esperienziali che incorporano l’imagery e la scrittura per poter lavorare con queste memorie. 

Daniel Rijo
Daniel Rijo
Diana Ribeiro da Silva
Diana Ribeiro da Silva
12.00 – 13.00

PSYCHOPATHY.COMP: Compassion Focused Therapy nel trattamento del disturbo antisociale

Ad oggi si riscontra una carenza di interventi mirati per il trattamento di giovani criminali con tratti psicopatici. Daniel e Diana, basandosi su assunzioni teoriche, dati empirici e sulla pratica clinica, illustreranno il programma PSYCHOPATHY.COMP, un intervento di 20 sessioni individuali basato sulla Compassion Focused Therapy sviluppato dal loro gruppo di ricerca. Il PSYCHOPATHY.COMP è mirato a ridurre i tratti psicopatici e i comportamenti distruttivi in giovani criminali attraverso la promozione dello sviluppo di una motivazione compassionevole. L’obiettivo principale di questo intervento è di presentare il programma PSYCHOPATHY.COM, illustrando il suo svolgimento attraverso un caso clinico. Verranno presentati anche i dati di un trial clinico con giovani criminali detenuti, prestando particolare attenzione all’impatto dell’intervento sui tratti psicopatici, la vergogna, le paure della compassione, la compassione per il sé, per gli altri e la sicurezza sociale.

13.00 – 14.00 PAUSA PRANZO

Lisa McLean
Lisa McLean
Deborah Lee
Deborah Lee
14.00 – 15.00

La Compassion Focused Therapy nel trattamento del trauma complesso e trauma da abuso sessuale

Vi è stato molto interesse nell’utilizzare approcci basati sulla Compassion con pazienti che hanno subito esperienze abusive di attaccamento, tra cui l’abuso sessuale Infantile e studi recenti hanno portato risultati promettenti in questo ambito. Tuttavia, vi sono importanti considerazioni da tenere a mente quando si utilizza la CFT con pazienti che hanno subito un trauma, poiché l’approccio richiede una somministrazione che sia trauma-informed, che tenga in considerazione l’impatto pervasivo del trauma e il rischio di ri-traumatizzazione. In questa presentazione, Deborah e Lisa presenteranno un framework che evidenzia la sinergia teorica per l’applicazione della CFT ai sopravvissuti di abuso sessuale infantile. Verrà analizzata la relazione tra una ridotta compassione per il Sé e diversi fattori perpetuanti che mantengono la severità dei sintomi (come ad esempio l’inflessibilità psicologica, una maggiore disregolazione emotiva, una piccola finestra di tolleranza, aumento della vergogna, profondo disgusto per il sé). Verrà evidenziato come la CFT mira direttamente ai principali sintomi associati con il trauma intepersonale e l’abuso sessuale infantile, sottolineando le necessarie modifiche affinché la CFT sia proposta in chiave trauma-informed. 

Beatrice-Baldi
Beatrice Baldi
15.00 – 15.15

COMPASSION FOCUSED YOGA SESSION

Il Compassion Focused Yoga vede l’integrazione tra l’intento compassionevole della Compassion Focused Therapy e le pratiche dello Yoga, che parlano alla mente, al corpo e al cuore. Con questi brevi interventi di pratica sarà possibile vivere nel corpo e nel respiro ciò che è stato appreso durante gli interventi del Summit, regolando il sistema nervoso e rivolgendo con gentilezza la propria attenzione a ciò che atterra dentro di Sé nel momento presente. Sono sempre di più le applicazioni terapeutiche dello Yoga e molti i suoi punti di incontro con la Compassion Focused Therapy, rendendola una disciplina che può rappresentare un prezioso alleato terapeutico.

Dennis Tirch
Dennis Tirch
Laura Silberstein
Laura Silberstein
15.15 – 16.15

Compassion Focused ACT (Acceptance and Commitment Therapy)

I progressi nella ricerca hanno suggerito che il Compassion Training potrebbe rappresentare un fattore significativo e attivo nel determinare l’efficacia di una psicoterapia. Al di là della semplice gentilezza, l’attivazione deliberata della Compassion può aiutare a generare il coraggio e la flessibilità psicologica di cui abbiamo bisogno per affrontare le difficoltà della vita. Il training in Compassion Focused Therapy (CFT) può offrire una strada evidence-based per il lavoro con la compassione in psicoterapia. Molti terapeuti che hanno maturato esperienza in altri approcci psicoterapeutici sono interessati nell’integrare la CFT nella propria pratica clinica, ma potrebbero non sentirsi pronti, o in grado di fare un totale cambiamento nel proprio orientamento psicoterapeutico per aiutare i pazienti a coltivare la compassione in nuovi modi. Fortunatamente, la CFT è stata ideata con un approccio modulare e facilmente accessibile, rendendola facilmente integrabile con molti approcci psicoterapeutici tra cui l’Acceptance and Commitment Therapy (ACT). In questo intervento verrà presentato un nuovo approccio, la Compassion Focused Acceptance and Commitment Therapy (CFACT), sviluppato per aiutare i pazienti a coltivare la flessibilità psicologica e superare la sofferenza legata a stati di ansia e di vergogna. I partecipanti apprenderanno gli elementi principali del modello CFACT, che è radicata nella CFT, nell’ACT, nella Psicoterapia Analitico-Funzionale (FAP) e nella psicologia buddista (BP). Attraverso esercizi esperienziali, tra cui pratiche di compassion focused imagery, sarà possibile vivere in prima persona l’applicazione di questo modello.

Paul Gilbert
Paul Gilbert
Nicola Petrocchi
Nicola Petrocchi
James Kirby
James Kirby
16.30 – 17.10

Le frontiere Compassion Focused Therapy: uno sguardo al futuro

Questo intervento fornirà una breve panoramica di come la Compassion Focused Therapy (CFT) si è diffusa negli ultimi 20 anni ed è oggi utilizzata in diversi ambiti di psicoterapia, utilizzando un approccio integrativo multi-processuale. Verranno presi in esame alcuni degli sviluppi scientifici e delle applicazioni a vari problemi di salute mentale. In aggiunta, l’evoluzione e il modello biopsicosociale della CFT viene utilizzato anche in altre aree: dall’ambito aziendale, a quello scolastico e politico. L’intervento esplorerà le implicazioni di questi sviluppi e discuterà lo sviluppo del Manuale di CFT in 12 moduli utilizzabile sia in contesti di gruppo che individuali. 

hannah Gilbert
Hannah Gilbert
17.10 – 17.30

Riflessioni conclusive: uno sguardo cross-culturale e cross-gender al presente e al futuro della compassion focused therapy

Hannah Gilbert ci guiderà attraverso un’esplorazione delle varie declinazioni cross-culturali della Compassion Focused Therapy con particolare attenzione agli elementi connessi al superamento del genere.

Nicola Petrocchi
Nicola Petrocchi
nicolapiccinini
Nicola Piccinini
17.30 – 18.00

Meditazione conclusiva e chiusura lavori

In questa meditazione conclusiva avremo la possibilità di coltivare i tre flussi della compassione, sperimentando il loro potere trasformativo in modo che ci accompagni e sostenga nel nostro percorso di terapeuti e persone.

Domenica 14 Novembre 2021

Nicola Petrocchi
Nicola Petrocchi
Beatrice-Baldi
Beatrice Baldi
09.00 – 10.15

Compassion Focused Yoga Session – Abbracciare l’Impermanenza

In questa sessione diadica interamente esperienziale Nicola e Beatrice vi accompagneranno nell’esplorazione della compassione attraverso il corpo. La sessione inizierà con una pratica meditativa guidata da Nicola (loving kindness – amorevole gentilezza) e sarà seguita da una pratica di Yoga sul tappetino guidata da Beatrice, in cui poter accogliere nel corpo le sensazioni momento per momento. Per concludere ci immergeremo in un Compassionate Body Scan disegnato appositamente per iniziare ad abbracciare la nostra natura impermanente.

 

Termini di partecipazione

Il Compassionate Summit si terrà nei giorni di Venerdì 12 e Sabato 13 Novembre 2021, per un totale di 16 ore di formazione specialistica. L’evento rilascia 16 crediti ECM in FAD, quindi senza l’obbligo di assistere a tutte le dirette.

Super PROMO

Valida fino a Domenica 03 Ottobre 2021
187
107
  • 16 ore di formazione
  • 16 crediti ECM
  • Accesso illimitato per 12 mesi
  • Attestato di Partecipazione

Early Booking

Valida fino a Domenica 07 Novembre 2021
187
147
  • 16 ore di formazione
  • 16 crediti ECM
  • Accesso illimitato per 12 mesi
  • Attestato di Partecipazione

Costo di Partecipazione

Valida fino a Giovedì 11 Novembre 2021
187
  • 16 ore di formazione
  • 16 crediti ECM
  • Accesso illimitato per 12 mesi
  • Attestato di Partecipazione