ABA: tecnologie e innovazione delle pratiche

In questo webinar guideremo i presenti attraverso le domande da fare (e farsi) quando si scelgono tecniche o tecnologie per l’abilitazione delle persone autistiche o multidisabili di tutte le età, dal nido all’età adulta.

Corso Gratuito

0,00  IVA inclusa

Corso attivo dal giorno 10/02/2023
(103 Recensioni dei clienti)
  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

2.568 visualizzazioni totali

Per la scienza ABA (Applied Behavior Analysis) tecnologia non è sinonimo di digitalizzazione. Per uno scienziato strategico del comportamento, infatti, è possibile identificare strategie di intervento tecnologicamente innovative realizzate con materiali “analogici” (carta-matita, flashcard, giocattoli, materiali di recupero ecc.) e, al contrario, tecniche di insegnamento antiquate -e inefficaci!- realizzate con strumenti digitali (tablet, smartphone, LIM ecc.) fino alla robotica e all’Intelligenza Artificiale.
In questo webinar discuteremo di ciò che rende “tecnologico” e “innovativo” un intervento psico-educativo, con numerosi esempi tratti dall’expertise clinica dei docenti. Spesso le Applicazioni e i software dedicati all’abilitazione vengono utilizzati dai professionisti sanitari senza consapevolezza dei criteri per selezionare e usare efficacemente le tecnologie educative implicate.
In questo webinar guideremo i presenti attraverso le domande da fare (e farsi) quando si scelgono tecniche o tecnologie per l’abilitazione delle persone autistiche o multidisabili di tutte le età, dal nido all’età adulta. Ragioneremo insieme su quali siano gli obiettivi raggiungibili proponendo alle persone con disturbi dello sviluppo strumenti aumentativi alternativi per la comunicazione (CAA), dispositivi compensativi per la didattica, oppure l’uso di applicazioni per il potenziamento cognitivo, fino all’implementazione di software e nuove tecnologie per facilitare autonomia e inclusione, il tutto alla luce delle evidenze scientifiche più recenti.
Tali contenuti sono stati scelti per offrire a psicologi, psicoterapeuti, medici, tecnici della riabilitazione, logopedisti, educatori e insegnanti, in preparazione al corso “strategie educative CABAS per Autismo e BES”, un esempio clinicamente rilevante delle potenzialità di ABA come approccio evidence-based per discriminare tra “mode” e innovazioni in ambito terapeutico.

Obiettivi didattici

  • definire tecnologia e digitalizzazione
  • discriminare tra tecnologie di trattamento tradizionali e innovative
  • conoscere l’algoritmo decisionale per la selezione di uno strumento (supporto, dispositivo o trattamento con l’uso di tecnologie)  verosimilmente vantaggioso per un individuo con bisogni speciali

Docenti


Fabiola Casarini

Dottore in psicologia dell’Educazione, certificazioni internazionali BCBAⓇ e CABASⓇ. Formatrice in Applied Behavior Analysis, Presidentessa dell’ Associazione Errepiù, Ente del Terzo Settore...
Vai al Profilo di Fabiola Casarini

Gianluca Amato

BCBAⓇ, Psicologo laureato in Psicologia dello Sviluppo: processi e contesti educativi, sociali e clinici, Master ABA II livello, con oltre 10 anni di supervisione CABAS® dalla dott.ssa Fabiola...
Vai al Profilo di Gianluca Amato

Errepiù

È un’Associazione fondata da un gruppo di professionisti che lavorano nell’ambito della Psicologia dell’Educazione e che desiderano condividere le proprie competenze. Unisce persone fisiche...
Vai al Profilo di Errepiù

104 recensioni per questo corso

  1. Ludovica Ivaldi (proprietario verificato)

    .

  2. Ludovica Ivaldi (proprietario verificato)

    .

  3. Iolanda

    Super

  4. Iolanda

    Ottimo

  5. Fabiana Bianchi (proprietario verificato)

    Corso eccellente

Carica altre recensioni
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal giorno 10/02/2023
  • 1 ora di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.