In offerta!

Frammentazione post-traumatica e alienazione del Sé. Diagnosi e terapia clinica

Ultimo aggiornamento il 23/09/2020 Italiano 247 visualizzazioni totali
In offerta!

129,00  99,00  IVA inclusa

Questo corso include:
  • 8 ore di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

129,00  99,00  IVA inclusa

A Novembre 2020, 2 workshop di 4 ore ciascuno con
Janina Fisher e Giovanni Tagliavini!

La Dr. Janina Fisher, esperta internazionale sul trattamento del trauma, ed il Dott. Giovanni Tagliavini, Presidente AISTED (Associazione Italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione), ti passeranno competenze, tecniche e strumenti per la diagnosi e terapia della dissociazione traumatica e dei conseguenti disturbi post-traumatici

Le dinamiche dissociative costituiscono una componente fondamentale nella reazione a eventi traumatizzanti e nella strutturazione ed espressione dei conseguenti disturbi post-traumatici. L’alienazione dal sé è una strategia di sopravvivenza spesso necessaria ai bambini in ambienti negligenti e violenti. Il rifiuto di Sé permette di mantenere l’attaccamento dei bambini ai loro caregiver, rinnegando tuttavia se stessi come “cattivi” o “non amabili”.

Questo fallimento profondamente doloroso dell’accettazione di sé si traduce in vergogna per tutta la vita, disprezzo di sé, difficoltà a calmarsi e complicazioni nei rapporti con gli altri. Senza compassione interna e senso di valore, è difficile accettare la compassione e l’accettazione degli altri.

Per superare l’alienazione dal sé, la terapia deve concentrarsi sul coltivare la capacità dei clienti di osservare le emozioni dolorose come segni del loro sé rinnegato e dell’esperienza rinnegata. Quando i clienti scoprono i loro sé più giovani legati al trauma e strutturalmente dissociati, e li portano “a casa”, iniziano spontaneamente a sentire un senso interno di calore e sicurezza che cambia la loro esperienza interna.

La clinica contemporanea del trauma ha consolidato tali assunti recuperando il pensiero di Janet, del primo Freud e di Ferenczi, integrandolo con molte scoperte provenienti dalle neuroscienze e dalla psicologia dello sviluppo (in particolare dalla teoria dell’attaccamento).

Nonostante i molti possibili punti di approccio e aggancio, la diagnosi e la terapia della dissociazione traumatica rimangono di non facile approccio poiché le dinamiche dissociative sono di per sé elusive e paradossali: rispondono infatti alla necessità, profonda nell’individuo, di escludere, non accettare, non realizzare le esperienze traumatiche di base.

 

Patrocinio

L’evento formativo ha ottenuto il gratuito patrocinio da AISTED – https://www.aisted.it/

 

Docenti

Janina Fisher, Ph.D.

Assistente del Direttore Didattico dell’Istituto di Psicoterapia Sensomotoria ed ex istruttore della Harvard Medical School. Esperta internazionale nel trattamento del trauma, è coautrice con Pat Ogden di Sensorimotor Psychotherapy: Interventions for Attachment and Trauma (2015), autrice di Healing the Fragmented Selves of Trauma Survivors: Overcoming Self-Alienation (2017) e il prossimo libro, Transforming the Living Legacy of Trauma: a Workbook for Survivors and Therapists (in corso di stampa), tutto disponibile in traduzione italiana.

È meglio conosciuta per il suo lavoro sull’integrazione di nuovi interventi centrati sul corpo negli approcci tradizionali di psicoterapia. Ulteriori informazioni possono essere trovate sul suo sito web: www.janinafisher.com

 

Giovanni Tagliavini

Psichiatra e psicoterapeuta, si occupa di diagnosi e terapia dei disturbi traumatici complessi, in un’ottica integrativa che cerca di collegare una prospettiva psicodinamica/di attaccamento con il pensiero di Gianni Liotti sugli sviluppi traumatici e con le proposte di Onno van der Hart e Kathy Steele sulla dìssociazione strutturale della personalità. Ha tradotto i lavori di questi ultimi autori, a partire da “Fantasmi nel Sé” fino a “La terapia della dissociazione traumatica”.

Ha completato in Olanda la formazione in psicoterapia sensomotoria e collabora da tempo con Janina Fisher, di cui ha introdotto le idee in Italia. È stato socio fondatore ed è attualmente presidente di AISTED (Associazione Italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione) //www.aisted.it/

 

Date, orari, iscrizione

I 2 workshop si svolgeranno:

  1. Mercoledì 04 Novembre, dalle ore 17 alle ore 19 – Janina Fisher
  2. Venerdì 06 Novembre, dalle ore 17 alle ore 19 – Janina Fisher
  3. Giovedì 12 Novembre, dalle ore 17 alle ore 19 – Giovanni Tagliavini
  4. Venerdì 13 Novembre, dalle ore 17 alle ore 19 – Giovanni Tagliavini

 

Il costo di partecipazione ai 4 workshop è di 129,00€ (iva inclusa)
Fino a Domenica 11 Ottobre, e SOLO per le prime 100 iscrizioni, il costo è di 99€, invece di 129€

I workshop verranno erogati mediante piattaforma ZOOM.
La docenza della Dott.ssa Janina Fisher verrà offerta con traduzione simultanea in italiano.

Tutti i partecipanti avranno accesso alla registrazione dei video dei workshop, ed a tutti i materiali didattici, per i successivi 6 mesi.

 

Primo Workshop con Janina Fisher

Mercoledì 4 e Venerdì 6 Novembre 2020, dalle 17 alle 19

Durante il workshop, utilizzando strategie ispirate dalla teoria della dissociazione strutturale, dalla psicoterapia sensomotoria e dai sistemi familiari interni, esploreremo in modo operativo il potere terapeutico di promuovere l’attaccamento interno sicuro ai sé più profondamente rinnegati dal cliente.

Obiettivi formativi

  • apprendere le dinamiche della relazione tra il trauma dell’attaccamento precoce e l’alienazione dal sé;
  • acquisire competenze utili a riconoscere i segni delle parti rinnegate e dei loro conflitti interni;
  • acquisire competenze utili ad identificare le parti che sabotano l’auto-compassione o l’auto-accettazione;
  • apprendere l’uso degli interventi che creano un maggiore senso somatico di connessione con se stessi;
  • acquisire strategie per favorire il legame di attaccamento tra l’adulto di oggi e il sé frammentato del bambino.

 

Secondo Workshop con Giovanni Tagliavini

Giovedì 12 e Venerdì 13 Novembre 2020, dalle 17 alle 19

Durante il workshop, esamineremo le varie “traiettorie” di sviluppo post-traumatico che portano a vari aspetti e modalità di alienazione dal Sé. Affronteremo la teoria e la pratica cliniche utili a sviluppare una mappa e una bussola per esplorare l’area dissociativa minimizzando i rischi di confusione, perdita di riferimenti e collusione con la necessità dei pazienti di dissociare e di non realizzare. Integreremo gli strumenti di osservazione diagnostica con alcune modalità di intervento clinico basate sulle idee di Onno van der Hart, Gianni Liotti, Pat Ogden e Janina Fisher.

Obiettivi formativi

  • comprendere e padroneggiare il nesso profondo tra eventi traumatizzanti e dissociazione;
  • comprendere differenti articolazioni delle strutture dissociative, la cui complessità va in parallelo con la complessità della traumatizzazione di cui soffre il paziente;
  • riconoscere alcune manifestazioni dissociative, distinguendone le differenti qualità e modalità espressive;
  • focalizzarsi sull’esperienza corporea individuale e condivisa (in relazione) come punto di partenza e risorsa terapeutica.

Docenti


Janina Fisher

Assistente del Direttore Didattico dell’Istituto di Psicoterapia Sensomotoria ed ex istruttore della Harvard Medical School. Esperta internazionale nel trattamento del trauma, è coautrice con Pat...
Vai al Profilo di Janina Fisher
Giovanni Tagliavini

Giovanni Tagliavini

Psichiatra e psicoterapeuta, si occupa di diagnosi e terapia dei disturbi traumatici complessi, in un’ottica integrativa che cerca di collegare una prospettiva psicodinamica/di attaccamento con il...
Vai al Profilo di Giovanni Tagliavini

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Frammentazione post-traumatica e alienazione del Sé. Diagnosi e terapia clinica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Domande e risposte dei Colleghi

  1. 0 voti
    D Buongiorno, il corso è accreditato per ECM? Grazie rispondi ora
    Chiesto da chiara.conte80 il 24/09/2020 08:03
    R

    Gentile collega, il corso concorre all’ottenimento di 50 ecm secondo le istruizioni nella pagina che le invio: ​​https://formazionecontinuainpsicologia.it/ecm-gratuiti-psicologia/ . Un caro saluto, Staff FCP

  2. 0 voti
    Risposta dell'amministratore Buongiorno Daniela, dal giorno dopo avrai accesso ai video ed ai materiali didattici, sia in versione inglese che in italiano. Potrai poi continuare ad accedere a tutti, ininterrottamente, per i 12 mesi successivi. Per qualsiasi ulteriore info, facci sapere. Grazie, Nicola :)
Solo gli utenti registrati posso inserire domande
0