L’impatto del COVID-19 su Alzheimer/demenza e Caregiver

covid e demenza

L’impatto della nuova pandemia da coronavirus (COVID-19) sta causando molta sofferenza psicologica e fisica sugli adulti più anziani e, di. conseguenza, sulle loro famiglie e sui loro caregiver.

 

Oltre all’aumento della mortalità, c’è anche un aumento del carico fisico e psicologico di queste persone e dei loro. caregiver, con la paura che l’intero sistema crolli, poiché anche i caregiver potrebbero non essere più in grado di fornire assistenza a causa. della propria malattia o del tempo di quarantena/ burn-out.

Come viene menzionato in una recente pubblicazione, il COVID-19 dovrebbe essere inteso come un campanello d’allarme per. garantire che siano disponibili cure e assistenza adeguate per le persone con neurodegenerazioni, i loro caregiver e il. benessere sociale in generale.

La fragilità negli anziani aumenta il rischio di infezioni mentre diminuisce la risposta immunitaria, mettendo la. popolazione specifica ad un rischio maggiore. Oltre all’impatto sulla salute fisica, l’epidemia COVID-19 con lo stress generato dal. “sovraccarico di informazioni” può portare alla paranoia e alla sfiducia nelle cure sanitarie.

Le scarse ricerche preliminari esistenti suggeriscono un aumento dell’incidenza della depressione, del disturbo post-traumatico. da stress e delle reazioni di adattamento negli anziani a causa della pandemia.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Inoltre, poiché la grande maggioranza della comunità globale degli anziani non ha familiarità con la tecnologia, l’aumento della. solitudine e la distanza emotiva stanno influenzando la loro vita quotidiana.

Per quanto riguarda le persone affette da demenza, la loro vulnerabilità le rende ancora più dipendenti dalla famiglia e. dai caregiver, con maggiori effetti diretti e indiretti sul sistema sanitario.

Inoltre, è interessante notare che esiste un’ulteriore predisposizione genetica, con l’apolipoproteina E (allele ApoE-ε4), che è il più forte. fattore di rischio per l’Alzheimer ad esordio tardivo (LOAD), che aumenta il rischio di infezione grave da COVID-19,. indipendentemente dalla demenza preesistente, dalle malattie cardiovascolari e dal diabete di tipo.

A causa della loro diagnosi, le persone con AD potrebbero avere ancora meno possibilità di adattarsi alle nuove regole igieniche e. sociali. Anche le persone con decadimento cognitivo lieve (MCI) o demenza lieve potrebbero non essere in grado di rispettare le nuove. regole a causa di una maggiore apatia o depressione.

Lo scopo del presente studio è stato quello di esaminare l’impatto della pandemia di COVID-19 sulla vita mentale e fisica. degli anziani greci con MCI o demenza e dei loro assistenti.

Metodi

I nostri dati sono stati raccolti presso i Centri diurni dell’Associazione Alzheimer di Atene, Grecia, il Centro diurno IASIS e. cinque studi neurologici/psichiatrici privati.

Abbiamo fornito un questionario di auto-valutazione ai caregiver di persone con MCI o demenza, riguardante lo stato delle. persone con MCI/demenza di cui si prendono cura, e il loro.

Le domande si riferivano a qualsiasi cambiamento durante la pandemia nelle attività fisiche, psicologiche e di routine (umore, appetito, comunicazione, ecc.), con possibili risposte: “per niente”, “un po'” e “molto”.

Lo studio si riferiva al periodo di tempo da febbraio 2020 – quando i primi casi di COVID-19 sono apparsi in Grecia – a giugno 2020 (con un blocco completo da marzo a maggio 2020). Il questionario è stato somministrato in greco.

 

Risultati

Duecentoquattro caregiver hanno partecipato allo studio. La maggior parte di loro erano donne (75,9%), con 11,3 anni medi di istruzione.

Anche la maggior parte delle persone a cui si riferivano erano donne (56,3%). L’età media delle persone con MCI/demenza era di 79 anni, mentre quella dei caregiver era di 59 anni.

Avevamo a disposizione dati sulla diagnosi di demenza (da un’ampia valutazione neurologica e neuropsicologica) di 94 persone, mostrando che 36 avevano MCI, mentre 58 avevano demenza a tutti gli stadi.

 

I risultati hanno indicato un significativo declino generale come effetto di COVID-19 sugli anziani con MCI/demenza

Inoltre, i domini maggiormente colpiti sono stati la comunicazione, l’umore, il movimento e la conformità alle nuove misure (“per niente”, “un po'”). Questi i domini in cui i loro caregiver hanno notato un significativo peggioramento durante il periodo di locksown rispetto a prima.

È interessante notare che anche il carico per i caregiver è stato importante, con il 64,7% che ha menzionato un serio aumento del loro carico fisico (“un po'”, “molto”), e l’80% del loro carico psicologico (“un po'”, “molto”).

Inoltre, la maggior parte delle famiglie non ha avuto un sostegno significativo, con solo il 40,3% che ha riferito di avere alcune fonti di sostegno disponibili durante questo periodo, per lo più provenienti dai Centri diurni e dalla comunicazione online.

Abbiamo eseguito ulteriori analisi per gruppo diagnostico (MCI/demenza lieve/demenza) e i risultati hanno indicato un cambiamento maggiore nel gruppo dei dementi per il declino generale, meno comunicazione e più apatia.

Inoltre, il carico psicologico dei caregiver era più importante nel gruppo dei dementi rispetto agli altri due gruppi diagnostici. I risultati sono in accordo con la letteratura esistente, e come previsto, una maggiore neurodegenerazione è caratterizzata da un maggiore declino.

 

Discussione

Nello studio attuale, abbiamo esaminato i cambiamenti fisici e psicologici delle persone con MCI/demenza e dei loro caregiver a causa di COVID-19, in un ampio campione di individui greci.

I risultati hanno indicato che le persone con MCI/demenza sono state maggiormente colpite, con l’umore, la comunicazione, così come la scarsa conformità alle nuove misure che sono i più significativi.

Mentre la salute fisica, l’appetito, la camminata non necessaria e il delirio, sono quelli che realmente colpiti.

 

Un altro importante risultato del nostro studio è stato il significativo aumento auto riferito del carico fisico e psicologico dei caregiver durante il periodo COVID-19.

Essere un caregiver per un membro della famiglia o una persona che ha MCI/dementia durante la pandemia aggiungerà senza dubbio ansia, stress e un ulteriore carico alla vita quotidiana.

La diminuzione delle strutture e la chiusura dei servizi e delle strutture che i caregiver utilizzano abitualmente per le cure di sollievo colpiscono sia i caregiver che le persone con MCI/demenza. È quindi di fondamentale importanza che i caregiver diano priorità alla propria salute fisica e psicologica, per essere in grado di superare gli oneri aggiuntivi e aiutare anche gli altri in difficoltà.

Considerando quanto sia importante per una persona affetta da demenza sentirsi sicura e seguire un piano giornaliero specifico, un evento come questa pandemia può creare molto disagio psicologico e fisico, aumentando il peso del caregiver e della famiglia, a cui viene anche chiesto di conformarsi alle nuove regole e di adattare i loro programmi alle nuove esigenze della persona colpita.

 

Lo studio attuale ha alcune limitazioni che dovrebbero essere evidenziate

Il disegno cross-sectional, le misure di auto-valutazione e la dimensione considerevolmente piccola del campione sono i principali.

La letteratura esistente suggerisce che i caregiver, che stanno sperimentando maggiori livelli di stress e di carico personale, possono sovrastimare le difficoltà e i cambiamenti nelle abilità della persona con demenza. Pertanto, i risultati da noi riportati potrebbero essere influenzati dall’aumentato carico di lavoro del caregiver.

Il breve periodo di tempo dei risultati riportati è un altro limite, suggerendo un follow-up dopo la fine della pandemia, o quando la vita quotidiana sarà tornata – o quasi – a quello che era prima del periodo COVID-19. Questo fornirebbe informazioni più accurate sull’impatto della pandemia stessa.

Inoltre, è bene notare che il nostro campione di riferimento è costituito da persone con MCI/demenza, per le quali è già previsto un declino fisico e mentale anche in un breve periodo di tempo. Pertanto, i nostri risultati potrebbero essere influenzati dalla degenerazione stessa.

Infine, sfortunatamente, abbiamo avuto molti stati di diagnosi mancanti, che possono influenzare i risultati.

Un campione più grande e un’analisi longitudinale sarebbero necessari per esaminare ulteriormente le limitazioni di cui sopra.

 

Tuttavia, ci sono anche alcuni punti di forza significativi

A nostra conoscenza, questo è il primo studio riguardante la popolazione anziana mediterranea che riporta l’effetto di COVID-19.

Inoltre, non abbiamo incluso solo domande specifiche sulle persone con MCI/demenza, ma anche per i loro assistenti.

L’attuale studio potrebbe aiutare significativamente le famiglie con persone con MCI/demenza e potrebbe diventare un punto di riferimento per lo sviluppo di piani specifici per aiutare loro e i loro caregiver.

La pandemia COVID-19 minaccia di sconvolgere le routine di base che promuovono la salute mentale e fisica di entrambe le persone con MCI o demenza e i loro caregiver. Sfortunatamente, il virus continua a diffondersi, infettando sempre più persone ogni giorno. E’ quindi necessario continuare a raccogliere dati di questo genere per avere informazioni sempre più dettagliare riguardo alle conseguenze della pandemia stessa.

Sono necessarie ulteriori misure per proteggere e provvedere al supporto di entrambe le categorie, includendo in esse una guida ben organizzata che permetta di evitare ulteriori conseguenze mentali ed economiche.

 

Vuoi saperne di più sul sostegno psicologico a malati di Alzheimer e i loro caregiver?

CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso:

Alzheimer: il sostegno psicologico al malato e al caregiver

Alzheimer

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Tsapanou, Angeliki & Papatriantafyllou, John & Yiannopoulou, Konstantina & Sali, Dimitra & Kalligerou, Fedra & Ntanasi, Eva & Zoi, Panagiota & Margioti, Eleni & Kamtsadeli, Vasiliki & Hatzopoulou, Maria & Koustimpi, Maria & Zagka, Athina & Papageorgiou, Sokratis & Sakka, Paraskeui. (2020). The impact of COVID‐19 pandemic on people with mild cognitive impairment/dementia and on their caregivers. International Journal of Geriatric Psychiatry. 36. https://www.researchgate.net/ publication/346811422_The_impact_of_COVID-19_pandemic_on_people_with_mild_cognitive_impairmentdementia_and_on_their_caregivers

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>