Accedi

La Dark Therapy

dark therapy

Ci stiamo dirigendo verso i giorni più bui e brevi dell’inverno. Per molte persone questo significa anche un calo di umore. E per un sottogruppo di quelle persone, la perdita delle ore diurne può innescare un episodio depressivo, che va oltre lo stato d’animo triste per includere sintomi come bassa energia, difficoltà di concentrazione, difficoltà a godersi le cose e disperazione. Questo è indicato come disturbo affettivo stagionale (SAD).

Fare luce sulla depressione

Oltre alla terapia e agli antidepressivi, utilizziamo anche la terapia della luce per trattare e gestire la depressione stagionale. Ciò significa sedersi di fronte a una scatola luminosa specializzata, di solito per 30 minuti al mattino, a partire da settembre e fino alla primavera. La terapia della luce fornisce un sollievo significativo per le persone che convivono con il SAD, soprattutto quando funziona per prevenire l’insorgenza di un episodio.

La terapia della luce funziona reimpostando i ritmi circadiani delle persone, i nostri orologi interni 24 ore su 24 che rispondono alla luce e al buio nell’ambiente. L’orologio viene attivato quando le cellule recettoriali nella parte posteriore dell’occhio inviano segnali di luce/oscurità al cervello, che quindi innesca cascate di risposte che guidano i nostri cicli sonno/veglia e le variazioni di energia durante il giorno.

Le persone che vivono con depressione o disturbo bipolare in genere sperimentano potenti interruzioni dei loro ritmi circadiani. Durante un episodio depressivo, le persone spesso hanno difficoltà ad addormentarsi la notte e a rimanere svegli durante il giorno. L’energia è sempre bassa. Nel disturbo bipolare, durante un episodio maniacale, l’energia è sempre impostata al massimo. Durante un episodio maniacale, non sentono il bisogno di dormire, continuano semplicemente ad andare avanti. Aiutare qualcuno a dormire un po’ è un passo fondamentale per arrestare il ciclo dell’umore sovraccaricato.

Segnalare al cervello di dormire: la Dark Therapy

Conoscendo i benefici della terapia della luce sulla depressione, i ricercatori si sono chiesti se la dark therapy potesse calmare le fasi di mania. Imitare l’oscurità potrebbe aiutare qualcuno in un episodio maniacale a dormire meglio, il che ridurrebbe i suoi sintomi maniacali. Nel 2005, un ricercatore ha studiato l’effetto di 14 ore di buio al giorno sui pazienti ricoverati in ospedale con mania. I risultati sono stati molto positivi. Il sonno era significativamente migliore rispetto a un gruppo di controllo. Tuttavia, l’applicazione di 14 ore di buio al giorno non era chiaramente tollerabile per i pazienti.

Da allora, gli scienziati hanno scoperto un recettore nella retina (parte posteriore dell’occhio) che considerano un recettore della luce diurna. Risponde in particolare a una lunghezza d’onda limitata della luce blu. Quando la luce blu colpisce questo recettore, invia segnali all’orologio principale del cervello che comunica l’ora di veglia al resto del cervello e al corpo. Quando questa luce è assente, l’orologio principale segnala al cervello e al corpo che è arrivato il momento di riposare e dormire.

Ricerche sulla Dark Therapy: bloccanti della luce blu

La conoscenza di questo recettore ha portato alla creazione di lenti che bloccano la luce blu. Queste lenti impediscono alla luce blu di raggiungere il recettore della luce diurna, in modo che l’orologio principale smetta di segnalare al cervello che è ora di svegliarsi. Essenzialmente questi occhiali per la dark therapy creano l’oscurità virtuale, che offre quasi gli stessi vantaggi di tenere le persone al buio per 14 ore al giorno senza gli svantaggi di farlo effettivamente.

Ora, i ricercatori in Norvegia hanno pubblicato una ricerca che esamina gli effetti dell’oscurità virtuale sul sonno delle persone in un episodio maniacale. (Henriksen, TEG, Grnli, J., Assmus, J., Fasmer, OB, Schoeyen, H., Leskauskaite, I., Lund, A. (2020) Occhiali blu come trattamento additivo per la mania: effetti sull’attigrafia- parametri del sonno derivati. Journal of Sleep Research, 29 (5). https://doi.org/10.1111/jsr.12984.)

Era un piccolo studio, che includeva venti persone ricoverate in ospedale con mania. Hanno diviso i pazienti in due gruppi. Un gruppo ha indossato occhiali che bloccano la luce blu (BB) dalle 18:00 alle 08:00, per sette notti, sottoponendosi così a dark therapy. L’altro gruppo invece (il gruppo di controllo) ha indossato occhiali trasparenti durante quel periodo. Toglievano gli occhiali solo quando erano a letto per dormire, con le luci spente.

Risultati della ricerca

I risultati sono stati incoraggianti. Entro la quinta notte, il gruppo BB ha sperimentato più tempo di sonno mentre era a letto e un sonno più riposante (meno attivo) rispetto a quelli del gruppo di controllo. Il gruppo BB aveva anche bisogno di meno farmaci per il sonno rispetto alle persone del gruppo di controllo. La differenza era evidente ed è avvenuta in tempi relativamente brevi. Più ore di oscurità hanno aiutato le persone in un episodio maniacale a dormire in modo più efficiente e più profondo.

Sono necessari ulteriori studi su gruppi più ampi di persone e molte altre domande devono essere esplorate, ma l’idea e i risultati iniziali sono intriganti. Il trattamento della mania in genere si basa su farmaci potenti, e non li sostituirebbe. Ma potrebbe la dark therapy svolgere un ruolo nell’aiutare i sintomi a risolversi più rapidamente? Potrebbe aiutare le persone con disturbo bipolare a reindirizzare o mitigare un potenziale episodio maniacale se le usano non appena notano cambiamenti nel sonno? Ci aiuta a pensare a come progettare gli spazi di vita e di sonno per i pazienti psichiatrici ricoverati con sintomi maniacali?

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Psychcentral.com

Corsi correlati

Corso Online
36 ECM
Dialoghi sulla Relazione Terapeutica 2023
La live si terrà il 31 gennaio 2023
167€
Iscriviti al corso
Corso Online
45 ECM
Il Neurofeedback nella Pratica Clinica – Certificazione BCIA
La live si terrà il 07 marzo 2023
350€
o 58 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Arti Terapie Espressive
Utilizzo della Fotografia in Psicoterapia: ciò che vediamo in un’immagine è solo l’inizio
Quando le parole non bastano o non riescono ad esprimere un’emozione o un vissuto o quando si...
Arti Terapie Espressive
La Fototerapia: Storia e Pratica di una Tecnica di Intervento
La fototerapia è una disciplina nell’ambito della salute mentale che usa la fotografia per...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0