Accedi

Disturbi del Sonno negli Adolescenti

Disturbi del sonno

La privazione cronica del sonno è una condizione comune e trattabile tra gli adolescenti.

La letteratura costantemente in aumento sostiene una miriade di conseguenze che influiscono sulla salute generale, sul comportamento, sull’umore e sulle prestazioni accademiche in questa fascia di età vulnerabile durante un periodo in cui ci sono rapidi cambiamenti nello sviluppo fisico e nella regolazione emotiva. Questo articolo esamina l’epidemiologia e gli effetti sulla salute della privazione di sonno negli adolescenti, nonché i disturbi comuni che portano alla perdita del sonno e le prove a sostegno del trattamento.

Sebbene una serie di importanti disturbi del sonno possano disturbare la qualità del sonno negli adolescenti, come l’apnea ostruttiva del sonno, la sindrome delle gambe senza riposo e la narcolessia, questo articolo si concentrerà sui disturbi comuni che influenzano la quantità di sonno, come la scarsa igiene del sonno, i disturbi del ritmo circadiano e l’insonnia.

 

Epidemiologia della privazione del sonno negli adolescenti

Il sonno medio necessario per un adolescente per mantenere una salute adeguata è di 8-10 ore a notte. Questa raccomandazione si basa sul gruppo di esperti dell’American Academy of Sleep Medicine, che ha esaminato gli studi sulla salute generale, sulla salute cardiovascolare, sul metabolismo, sulla salute mentale e sulla longevità in relazione alla durata del sonno. La durata si applica al sonno totale nell’arco di 24 ore ed è indipendente da altri aspetti importanti del sonno, come il tempo circadiano e la continuità.

La privazione del sonno negli adolescenti è comune. Il Youth Risk Behavior Survey ha rilevato che il 72,7% degli studenti segnala una media di < 8 ore di sonno durante i giorni di scuola. Questo è simile al sondaggio della National Sleep Foundation, che ha riportato che il 62% degli studenti dorme meno di 8 ore nelle notti infrasettimanali. Gli studenti dell’ultimo anno avevano una maggiore deprivazione del sonno con il 75% di loro che riferiva < 8 ore di sonno a notte; ragazze e afroamericani possono essere colpiti in modo sproporzionato. I rapporti soggettivi sulla durata del sonno sono in genere inferiori a misure oggettive, come l’actigrafia; pertanto, la prevalenza della privazione del sonno può essere più grave di quanto indicato dai dati dell’indagine.

 

Conseguenze sulla salute della privazione del sonno

La mancanza di sonno è associata a molteplici conseguenze sanitarie e accademiche. In primo luogo, l’umore e il rischio di depressione sono correlati alla durata del sonno. Le auto-segnalazioni di cattivo umore, regolazione emotiva e autolesionismo aumentano con la diminuzione del sonno. Il rapporto tra umore e sonno è complesso e bidirezionale perché il cattivo umore e l’ansia possono peggiorare l’insonnia e viceversa. Tuttavia, i dati supportano il miglioramento dei sintomi depressivi quando il tempo del sonno è prolungato.

Anche il metabolismo e l’obesità sono correlati alla durata del sonno, sebbene la direzionalità non sia chiara. Studi osservazionali in adulti, bambini e adolescenti mostrano un aumento di peso con una diminuzione del sonno. In una meta-analisi di 12 studi sull’obesità nei bambini, il rapporto di probabilità di breve durata del sonno con l’obesità era 1,89. I cambiamenti in 2 ormoni che regolano la sazietà, la leptina e la grelina, possono avere un ruolo in tutto ciò.

Le prestazioni cognitive sono compromesse dalla diminuzione cronica del sonno, che può influenzare le prestazioni accademiche. L’intervallo di attenzione, in particolare l’attenzione prolungata, soffre di privazione del sonno in modo dose-dipendente senza evidenza di plateau per un periodo di 1 settimana. La diminuzione del sonno è associata al calo delle prestazioni accademiche dalla scuola media fino al livello universitario.

Stiamo sviluppando una migliore comprensione di come il sonno possa influenzare la funzione cardiovascolare, la regolazione immunitaria, la crescita, il correre dei rischi e l’autoregolazione negli adolescenti. Una discussione completa sulle conseguenze per la salute della privazione di sonno esula dal campo di applicazione di questo articolo.

 

Cause di privazione del sonno negli adolescenti

Oltre alla restrizione volontaria del sonno, ci sono una varietà di problemi di sonno che possono influire sulla quantità di sonno. Questo articolo discuterà la scarsa igiene del sonno, i disturbi del ritmo circadiano e l’insonnia, nonché esaminerà i dati a supporto delle strategie di trattamento.

Scarsa igiene del sonno

L’igiene del sonno si riferisce ai comportamenti e ai fattori ambientali che possono influenzare il sonno; questi fattori sono tipicamente modificabili. Alcuni aspetti di una buona igiene del sonno includono seguire una routine notturna, mantenere un programma di sonno costante, mantenere l’ambiente del sonno fresco (68°F–72°F) e privo di rumore, ed evitare distrattori del sonno, come la luce e l’ora dello schermo.

La raccomandazione di evitare la luce e l’orario sullo schermo prima di andare a letto è supportata da numerosi studi epidemiologici che collegano le attività davanti allo schermo all’interruzione del sonno. Diverse abitudini ed esposizioni sono associate al peggioramento delle metriche del sonno, tra cui:

  • l’aumento dell’uso dei social media prima di andare a letto
  • dormire con un dispositivo mobile
  • l’uso dello schermo in tarda serata
  • il numero di dispositivi tenuti in camera da letto.

Uno studio prospettico che ha implementato un piano di utilizzo dei media per le famiglie ha mostrato benefici nel sonno, indicando che l’associazione tra i media e lo scarso sonno è almeno in parte di natura causale.

Uno studio che ha esaminato la temperatura corporea e la regolazione del sonno negli adulti ha scoperto che il tasso di diminuzione della temperatura corporea è correlato a una maggiore durata del sonno nelle prime fasi del sonno. Allo stesso modo, gli ambienti più caldi compromettono la qualità del sonno. La caffeina è problematica già a partire dalla scuola media, con una conseguente diminuzione della qualità del sonno osservata all’aumentare delle dosi.

Le cattive pratiche di igiene del sonno sembrano contribuire alla perturbazione del sonno nei bambini e negli adolescenti. Tuttavia, non vi è consenso su quali elementi dell’igiene del sonno siano critici né quali siano necessari quando si attuano strategie di igiene del sonno per l’insonnia. Allo stesso modo, mancano dati a sostegno del ruolo della scarsa igiene del sonno nel causare insonnia, o della buona igiene del sonno nella prevenzione dell’insonnia.

Disturbo della fase sonno-veglia ritardata

L’insorgenza puberale corrisponde a uno spostamento biologicamente mediato del tempo di sonno con una predisposizione a un successivo ciclo sonno-veglia. Questo spostamento è mediato da 2 processi distinti. In primo luogo, la spinta omeostatica al sonno, che aumenta con l’aumento del tempo di veglia, si accumula più lentamente durante l’adolescenza. Ciò si traduce in un tempo più lungo per addormentarsi e in una più facile capacità di rimanere svegli la notte quando si confrontano adolescenti post-puberali e prepuberali.

In secondo luogo, la secrezione di melatonina si sposta in un momento successivo, causando un ritardo nel ritmo circadiano. Un ritardo nella fisiologia circadiana predispone a una mancata corrispondenza tra il tempo di sonno preferito di un adolescente e le esigenze sociali, come la scuola.

 

Disturbi del sonno negli adolescenti

Il disturbo della fase sonno-veglia ritardata (DSPD) viene diagnosticato quando questa mancata corrispondenza provoca una compromissione funzionale. Un adolescente con disturbi del sonno ha una normale quantità e qualità del sonno quando viene lasciato dormire a piacimento. Tuttavia, quando dorme nei momenti sbagliati sulla base di esigenze sociali, il DSPD è comune. Gli studi mostrano una prevalenza fino al 14% nella popolazione adolescente.

Criteri diagnostici per i disturbi del sonno

Gli approcci terapeutici si basano principalmente sull’integrazione di melatonina e sul tempo di esposizione alla luce. Una meta-analisi ha esaminato l’uso della melatonina per avanzare la fase del sonno sia negli adolescenti che negli adulti. Ha scoperto che l’uso di melatonina esogena ha avanzato la secrezione endogena di melatonina di 1,18 ore e ha ridotto la latenza media del sonno di 23 minuti. Il tempo di somministrazione della melatonina sembra essere più importante della dose, con un tempo ideale da ~4 a 6 ore prima di coricarsi abitualmente. La somministrazione di melatonina è raccomandata nei parametri pratici per il DSPD dall’American Academy of Sleep Medicine.

Trattamento del DSPD

È noto che l’esposizione alla luce influisce sulla tempistica circadiana. Tuttavia, gli studi che valutano sia l’evitamento della luce tardiva che l’uso della luce intensa al mattino sono limitati negli adolescenti. In uno studio randomizzato controllato su adolescenti con il DSPD che hanno ricevuto esposizione alla luce di prima mattina ed educazione al sonno, la latenza media del sonno è diminuita di 43 minuti e il sonno è aumentato di 72 minuti rispetto al gruppo di controllo. Dato il basso rischio di utilizzare la terapia con luce intensa al mattino, questa è una raccomandazione tipica per gli adolescenti con DSPD.

Una crescente comprensione dei modelli dipendenti dall’età della fisiologia circadiana sta contribuendo a modellare la politica educativa. Una dichiarazione politica dell’American Academy of Pediatrics supporta il ritardo degli orari di inizio della scuola per le scuole medie e superiori. Sono sempre più numerosi i dati a sostegno di questa iniziativa. Gli orari di inizio se posticipati

  • migliorano l’umore
  • aumentano il tempo di sonno complessivo
  • diminuiscono i livelli di sonnolenza diurna
  • aumentano la frequenza scolastica
  • riducono gli incidenti stradali.

La California è recentemente diventata il primo stato a imporre tempi di entrata posticipata per le scuole medie e superiori, con l’obiettivo di implementare questo mandato entro luglio 2022.

Gli orari di inizio scolastico posticipati presentano una varietà di sfide logistiche e sociali, tra cui difficoltà di trasporto, diminuzione dell’interazione tra genitori e adolescenti e problemi di pianificazione extrascolastica. Sono necessari ulteriori dati per continuare a sostenere per questa iniziativa. I dati di una revisione Cochrane del 2017 su questo argomento suggeriscono diversi possibili benefici, ma sono necessari studi primari di qualità superiore.

 

Insonnia

L’insonnia si riferisce a una diminuzione del sonno a causa di difficoltà ad addormentarsi, difficoltà a dormire o risveglio troppo precoce. L’insonnia psicofisiologica (PI) è un sottotipo comune di insonnia. Si caratterizza per l’incapacità di addormentarsi o rimanere addormentati a causa dell’intrusione di pensieri ansiosi o stressanti mentre si è a letto.

L’insonnia è comune tra gli adolescenti, con tassi compresi tra il 7% e il 40% sulla base dei criteri utilizzati. Quelli con PI spesso dormono meglio in ambienti nuovi, come le camere d’albergo, che possono aiutare a restringere il differenziale. Associazioni negative con il sonno possono portare ad ansia progressiva con il perpetuarsi dell’insonnia. Sfortunatamente, la cronicità del PI è elevata negli adolescenti, con fino all’88% di quelli con una storia di PI che riferisce difficoltà continue con l’insonnia. Chiedere di pensieri intrusivi e ansia a letto è fondamentale per distinguere la PI dal DSPD. Entrambi i disturbi del sonno possono anche coesistere.

La terapia cognitivo-comportamentale per l’insonnia (CBTi) è un trattamento efficace per il PI negli adulti che si basa su più di un decennio di ricerca sui miglioramenti sia a breve che a lungo termine. La CBTi si è dimostrata più efficace dei tradizionali ausili per il sonno a lungo termine per gli adulti.

I dati relativi alla CBTi negli adolescenti non sono altrettanto consistenti, ma gli studi indicano un beneficio per questa popolazione. Uno studio randomizzato controllato con terapia individuale basata su Internet e terapia di gruppo ha utilizzato 6 sessioni settimanali. I partecipanti hanno ricevuto consulenza sull’igiene del sonno, sulla diminuzione del sonno, sul controllo degli stimoli, sulla psicoeducazione e sulle tecniche di rilassamento. Lo studio ha monitorato sia il referto soggettivo dei sintomi del sonno che le misure oggettive del sonno utilizzando l’actigrafia. Coloro che hanno ricevuto la CBTi hanno mostrato miglioramenti nella latenza di insorgenza del sonno, nell’efficienza del sonno, nel tempo di sonno totale e nel risveglio dopo l’insorgenza del sonno in entrambi i gruppi CBTi rispetto al gruppo di controllo. Allo stesso modo, le segnalazioni soggettive di insonnia e sintomi di privazione del sonno sono migliorate in entrambi i gruppi.

Uno studio follow-up della durata di 1 anno ha mostrato un beneficio o un miglioramento persistente nell’efficienza del sonno e nei punteggi relativi alla qualità della vita in entrambi i gruppi di trattamento. Studi meno rigorosi indicano anche un beneficio del CBTi per i parametri del sonno negli adolescenti. Tuttavia, sono necessari più studi che esaminino i benefici a lungo termine, il metodo di somministrazione ideale e il confronto tra CBTi e terapia farmacologica.

 

Direzioni future

Negli ultimi 4 decenni, gli scienziati del sonno hanno sviluppato una comprensione dei meccanismi che regolano il sonno, dei valori normativi del sonno, nonché delle conseguenze sulla salute della privazione del sonno. Tuttavia, nel corso di questi stessi 4 decenni, l’incidenza della privazione del sonno sembra essere in aumento. Con la crescente letteratura a sostegno del ruolo della buona salute del sonno e dell’efficacia dei trattamenti, vi è una maggiore necessità di esaminare in modo proattivo gli adolescenti per i disturbi del sonno comuni.

La consapevolezza del sonno è in aumento, in parte grazie a tecnologie indossabili e tracker. Con questa consapevolezza e accessibilità devono nascere strategie per sfruttare i dati e fornire efficacemente assistenza basata su prove. Gli operatori sanitari dovrebbero continuare a sostenere i cambiamenti sia a livello individuale che a livello di comunità. Ad esempio con ritardi negli orari di inizio della scuola. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire quali strategie promuovono meglio la salute ottimale del sonno per gli adolescenti per guidare le iniziative future.

Fonte: S. Kansagra. Sleep Disorders in Adolescents. Pediatrics May 2020, 145 (Supplement 2) S204-S209; DOI: https://doi.org/10.1542/peds.2019-2056I

Corsi correlati

Corso Online
5 ECM
Identità e relazionalità nei Disturbi di Personalità in Adolescenza
La live si terrà il 04 dicembre 2022
67€
Iscriviti al corso
Alimentazione
22 ECM
Spedizione inclusa
Valutare e Trattare i nuovi Disturbi Alimentari delLe Adolescenti
La live si terrà il 17 febbraio 2023
287€ 227€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Adolescenti
Depressione e uso di Social media tra gli Adolescenti
La depressione è una delle malattie mentali più frequenti in tutto il mondo, che genera...
Adolescenti
Depressione in Adolescenza: cause, correlazioni e conseguenze
La depressione in adolescenza è innanzitutto un grave problema di Salute pubblica. Recenti dati...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0