L’effetto McGurk e la comunicazione ai tempi del Covid-19

Ora che le leggi richiedono che le persone indossino mascherine in pubblico a causa del COVID-19, la comunicazione con gli altri attraverso una mascherina può presentare molte sfide.

Quando parli con gli altri attraverso le mascherine, ciò che stai vedendo e ascoltando non è allineato e potresti trovare difficile seguire la conversazione nello stesso modo in cui faresti senza. Potresti persino interpretare male ciò che viene condiviso.

Di conseguenza, il tuo cervello potrebbe cercare di convincerti che stai ascoltando qualcosa che non è stato detto affatto. Quando ciò accade, questo è noto come effetto McGurk.

L’effetto McGurk

Questo tipo di problemi di comunicazione è stato descritto per la prima volta nel 1976 da Harry McGurk e John MacDonald.

L’effetto McGurk è un fenomeno di comunicazione che si verifica quando qualcuno percepisce che i movimenti delle labbra di qualcun altro non corrispondono a ciò che stanno effettivamente dicendo.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Quindi, per alcune persone, ciò che sentono è completamente diverso da ciò che viene effettivamente detto. Questo accade perché il loro input visivo ha la precedenza su ciò che stanno ascoltando e convince il cervello che stanno ascoltando qualcosa di completamente diverso.

Ricerca sull’effetto McGurk

In uno studio sull’effetto McGurk condotto da neuroscienziati presso il Baylor College of Medicine, ai partecipanti è stato chiesto di tenere gli occhi chiusi mentre ascoltavano un video con una persona che emetteva i suoni “ba ba ba“.

Quando i partecipanti hanno aperto gli occhi e hanno guardato lo stesso video da vicino ma senza l’audio, hanno riferito che sembrava che la persona stesse dicendo “ga ga ga“.

E, nella parte finale dell’esperimento, il video è stato riprodotto con l’audio attivo. I partecipanti hanno guardato e ascoltato il video e coloro che erano sensibili all’effetto McGurk riferiscono di aver sentito “da da da“.

Chiaramente, questo suono non corrispondeva agli indizi visivi o uditivi che hanno riportato dalla parte precedente dell’esperimento. Pertanto, l’esperimento era un’illustrazione dell’effetto McGurk.

L’effetto McGurk si verifica perché il cervello sta cercando di risolvere ciò che pensa di sentire con un suono più vicino a ciò che sta vedendo.

Mascherine, comunicazione ed effetto McGurk

Quando si tratta di indossare mascherine per proteggere le vie respiratorie durante la pandemia COVID-19, l’effetto McGurk è un concetto che potrebbe essere utile per capire perché non vedere le labbra di qualcuno può rendere la comunicazione ancora più difficile.

Ad esempio, l’effetto McGurk sottolinea che le persone usano sia gli occhi che le orecchie per capire cosa dicono le persone, anche se a volte produce risultati imprecisi.

L’atto di coprire la maggior parte del viso con una mascherina può rendere difficile per le persone sapere come ti senti o cosa vuoi comunicare.

Le mascherine interferiscono con i segnali verbali e non verbali

In generale, la comunicazione dipende da segnali sia verbali che non verbali, ma una mascherina interferisce con entrambe le cose.

Ad esempio, le mascherine spesso coprono gran parte del viso di una persona, il che rende difficile per le persone leggere le labbra o elaborare segnali non verbali.

Inoltre, poiché la bocca è coperta, il discorso può anche risultare ovattato. Entrambi questi fattori rendono la comunicazione con una maschera ancora più difficile.

Inoltre, in circostanze normali, le labbra e la bocca tradiranno il tuo stato d’animo. Ma, con la bocca coperta da una mascherina, le persone sono lasciate a determinare come si sentono gli altri con segnali visivi molto limitati.

Ciò è particolarmente difficile per i non udenti che spesso si affidano alla lettura labiale per capire cosa dicono le persone. Ma se le labbra di una persona sono coperte da una maschera, fatica a capire cosa gli viene detto.

Come migliorare la comunicazione?

Sebbene sia chiaro che le persone si affidano sia ai segnali visivi che ai suoni per ascoltare e capire le altre persone, è importante imparare a comunicare con gli altri in modo efficace nonostante indossi una mascherina.

Usa il linguaggio del corpo

Un ottimo modo per migliorare la comunicazione con le mascherine è provare a pensare alle parti del corpo che sono visibili.

Le parti che gli altri possono vedere includono occhi, sopracciglia, mani e colonna vertebrale (che aiuta a controllare la postura). Tutte queste cose aiutano a usare il linguaggio del corpo per comunicare con altre persone.

Infatti, secondo le raccomandazioni formulate per i medici di pronto soccorso in Schizophrenia Research, gli autori hanno suggerito che le persone si affidano alle loro parti del corpo visibili per comunicare in modo più efficace con gli altri mentre indossano una mascherina.

Gli autori hanno consigliato alcuni movimenti del corpo su cui fare affidamento per migliorare la comunicazione mentre si indossa una mascherina:

  • Sopracciglia: puoi sollevare le sopracciglia per mostrare sorpresa o formare una “V” per mostrare rabbia. In effetti, le persone con problemi di udito spesso usano le sopracciglia di una persona per interpretare ciò che dicono gli altri.
  • Mani: puoi usare i gesti delle mani per trasmettere meglio ciò che stai cercando di esprimere. Ad esempio, i movimenti rapidi delle mani potrebbero mostrare che sei eccitato per qualcosa.
  • Postura del corpo: il modo in cui ti trovi può dire molto su ciò che potresti sentire. Ad esempio, se sei ingobbito potresti voler dire che sei depresso. Se sei alto con le spalle squadrate, potresti sembrare teso o in allerta.

Per comunicare meglio con gli altri mentre indossi una mascherina, potrebbe essere utile incorporare più movimenti del corpo nelle conversazioni.

Migliorare la comunicazione per i non udenti

Per coloro che sono ipoudenti, sono disponibili mascherine con uno scudo trasparente nella parte anteriore che consente loro di leggere le labbra di coloro con cui stanno parlando.

Allo stesso modo, anche l’allontanamento sociale può avere un vantaggio non intenzionale. Con una riunione Zoom o Google Meet, le persone con problemi di udito possono utilizzare l’opzione sottotitoli codificati. Quest’opzione consente anche la visualizzazione delle parole pronunciate sullo schermo.

Inoltre, applicazioni come queste consentono alla persona che parla di essere isolata sullo schermo, il che significa che oltre a sentire la voce e leggere le didascalie, è anche in grado di leggere le labbra. Di conseguenza, potrebbero trovare questo tipo di riunioni più vantaggioso delle riunioni di persona.

Alcune persone preferiscono comunicare con una mascherina

È importante riconoscere che alcune persone potrebbero trovare più liberatorio parlare con una mascherina.

Come hanno notato gli autori di Schizophrenia Research, per alcune persone, specialmente quelle che sono preoccupate che le loro espressioni facciali vengano esaminate, indossare una mascherina potrebbe renderle più a loro agio con la comunicazione. Quindi, per queste persone, le mascherine migliorano la comunicazione.

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Very well mind.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>