Accedi

L’esperienza dei Genitori con Disturbo Borderline di Personalità

genitori con disturbo borderline di personalità

Genitori con disturbo borderline di personalità: una prima definizione 

Il disturbo borderline di personalità (BPD) è caratterizzato da lotte emotive intense, fluttuazioni di umore, sfide nelle relazioni interpersonali, maggiore sensibilità allo stress e una maggiore propensione all’autolesionismo, abuso di sostanze e suicidio (Cheng, 1997; Skodol, 2002).

L’eziologia del BPD è complessa. Sebbene vi siano alcune indicazioni, relative a fattori genetici e biologici (vedi Chanen e Kaess, 2012 per una revisione), non è stata identificata una singola causa. Tuttavia, ci sono un certo numero di modelli che propongono che il BPD sorga come risultato di fattori di rischio ambientale su una vulnerabilità sottostante (ad esempio, Linehan, 1993; Paris, 1994; Fonagy e Bateman, 2008; Crowell, 2009). In particolare, il BPD è associato alla psicopatologia dei genitori e alle esperienze avverse dell’infanzia, inclusi traumi, abusi e abbandono (Bradley, 2005).

Pertanto, quando un individuo con BPD diventa un genitore, lo fa nel contesto della probabile mancanza di un modello genitoriale “adeguato”. Quando questo è associato alle sfide dello stress della vita, i genitori con disturbo borderline possono avere difficoltà a sapere come soddisfare i bisogni dei loro figli. E, inoltre, la maggior parte non riceve un supporto adeguato per farlo (per la revisione vedere Stepp, 2012).

 

Ostacoli alla relazione genitore-figlio

Un crescente corpo di ricerca su genitori con disturbo borderline di personalità indica modelli di comportamento che possono ostacolare la relazione genitore-figlio e mettere i bambini a maggior rischio di esiti negativi (vedi Florange e Herpertz, 2019 per la revisione).

I genitori con disturbo borderline di personalità possono dimostrare una ridotta capacità di riconoscere le emozioni dei loro bambini (Elliot, 2014). E hanno maggiori probabilità di rispondere in modo invalidante alle “emozioni negative” dei bambini piccoli (Kiel, 2017). I genitori di bambini più grandi dimostrano, in media, livelli più bassi di mentalità e maggiori livelli di iperprotezione e controllo psicologico (Barnow, 2006; Schacht, 2013; Zalewski, 2014). Queste difficoltà si riflettono in risultati peggiori per bambini e adolescenti in termini di comportamento, affettività, salute mentale e relazione genitore-figlio (Petfield, 2015; Eyden, 2016).

In definitiva, i figli di genitori con disturbo borderline di personalità sono a maggior rischio di sviluppare sintomi psichiatrici, con i comportamenti genitoriali che possono essere un fattore che contribuisce (Stepp, 2012; Eyden, 2016; Steele, 2019). Per i genitori con disturbo borderline di personalità, la disponibilità emotiva ridotta e l’oscillazione tra controllo ostile e distacco passivo sono stati proposti come potenziali meccanismi per la trasmissione intergenerazionale di cattiva una salute mentale (Stepp, 2012; Florange e Herpertz, 2019).

 

Sfide per i genitori con disturbo borderline di personalità

A volte, essere genitori è una sfida per tutti. Ma i genitori con disturbo borderline di personalità riportano livelli particolarmente elevati di stress genitoriale e bassi livelli di competenza, autoefficacia e ricompensa nel ruolo (Newman, 2007; Elliot, 2014; Ramsauer, 2016). Inoltre, esiste una potenziale relazione bidirezionale tra contesto familiare e sintomi.

I figli di genitori con disturbo borderline di personalità hanno maggiori probabilità di:

  • avere disturbi del comportamento;
  • sviluppare disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD);
  • riscontrare tassi più elevati di sintomi di BPD;
  • avere maggiori livelli di aggressività e delinquenza rispetto ai bambini i cui genitori non avevano un disturbo psichiatrico (Feldman, 1995; Weiss, 1996; Barnow, 2006; Huntley, 2017).

Essere genitori di un bambino con difficoltà psicologiche, emotive e/o comportamentali è stressante e ha il potenziale per peggiorare la salute mentale di un genitore vulnerabile (Berg-Nielsen, 2002).

 

Genitori con disturbo borderline di personalità: sintomi sottosoglia

Mentre gran parte della ricerca sui genitori con disturbo borderline di personalità si è concentrata su individui che soddisfano i criteri diagnostici per BPD, c’è un caso per estendere i parametri di ricerca per incorporare quelli con sintomi sottosoglia. L’evidenza suggerisce che gli individui che scendono al di sotto della soglia diagnostica ma dimostrano ancora alcune delle caratteristiche del disturbo borderline rimangono a rischio di una serie di esiti psicosociali negativi (Zimmerman, 2012; Kaess, 2017; Karukivi, 2017).

In una serie di studi, Zimmerman e colleghi hanno scoperto che, rispetto ai pazienti che non soddisfano nessuno dei criteri BPD del DSM-IV, un singolo criterio BPD è un predittore significativo di una serie di morbilità psicosociali (Ellison, 2015). Ciò trova eco nel dominio della genitorialità, dove l’evidenza suggerisce che i genitori con disturbo borderline di personalità con diagnosi al di sotto della soglia e i loro figli hanno la possibilità di essere a rischio per alcune, se non tutte, le sfide genitoriali osservate in individui con una diagnosi completa di BPD (Macfie, 2009).

Gli studi che hanno incluso il BPD sottosoglia e la diagnosi categorica completa hanno scoperto che i sintomi di BPD materni che scendono al di sotto del livello diagnostico sono associati al controllo psicologico della prole adolescente (Zalewski, 2014; Mahan, 2018). E che la soglia BPD nei genitori predice significativamente i sintomi BPD nei giovani adulti (Barnow e Arens, 2011). In termini di coinvolgimento con le esigenze dei genitori, sono probabilmente questi tratti e comportamenti, piuttosto che le diagnosi, che dovrebbero essere al centro di una valutazione completa del rischio e della fornitura di servizi (Adshead, 2015).

 

Esperienza dei genitori con disturbo borderline di personalità

Le sfide genitoriali affrontate dagli individui con tratti BPD sono state identificate utilizzando una serie di paradigmi osservativi e di autovalutazione (vedi Florange e Herpertz, 2019 per una revisione). Tuttavia, è stata prestata molta meno attenzione al riconoscimento di come questi genitori comprendono e rappresentano le proprie esperienze, in particolare utilizzando metodologie qualitative.

Ad esempio, un’ampia revisione della ricerca qualitativa sulle madri con gravi problemi di salute mentale ha identificato solo un documento che includeva partecipanti con BPD (Dolman, 2013). Questo divario è di particolare rilevanza dato che il BPD è uno dei disturbi di salute mentale più stigmatizzati. Nei servizi di supporto alla genitorialità, ciò può riflettersi con scarsi livelli di coinvolgimento e alto attrito nelle persone con BPD. Comprendere la loro prospettiva è fondamentale.

Due studi recenti hanno impiegato un approccio qualitativo per esplorare l’esperienza genitoriale dei genitori con BPD. Zalewski (2015) e Bartsch (2016) hanno identificato temi relativi a bassa autoefficacia e soddisfazione, interruzione della risposta empatica ed emotivamente validante e difficoltà nei confini interpersonali. Entrambi gli studi hanno evidenziato la mancanza di un adeguato supporto per i genitori. Zalewski ha esplorato l’accettabilità di un intervento genitoriale incentrato sulla DBT con i genitori. E Bartsch ha generato una serie di raccomandazioni.

 

 

La Dialectical Behavior Therapy (DBT) nell’intervento con Personalità Borderline, con il Prof. Cesare Maffei

La Dialectical Behavior Therapy (DBT) nell'intervento con Personalità Borderline

 

Genitori con disturbo borderline di personalità: lo studio

L’attuale studio estende questo lavoro reclutando un campione comunitario più ampio di genitori.

Ogni genitore esiste all’interno di un sistema interconnesso, che include il proprio figlio, la propria rete familiare e sociale più ampia e qualsiasi supporto strutturale che possa ricevere. L’attuale studio cerca di acquisire una comprensione qualitativa dell’esperienza dei genitori con disturbo borderline di personalità. Cerca di raggiungere questa comprensione anche attraverso altri fattori all’interno di questo sistema, vale a dire i professionisti che lavorano con individui con tratti BPD.

I professionisti che lavorano con genitori con disturbo borderline di personalità

Esistono ricerche considerevoli sugli atteggiamenti generali dei professionisti nei confronti degli individui con BPD (in cui gli atteggiamenti storicamente negativi sono leggermente cambiati, ad esempio Cleary, 2002; Treloar, 2009; Black, 2011; Day, 2018 ). Ma solo una manciata di studi ha esplorato gli atteggiamenti dei medici nei confronti dei genitori con disturbo borderline di personalità (ad es. Bartsch, 2015; Wilson, 2018).

Questi studi hanno attinto ai dati dell’indagine (Bartsch, 2015, 2016) o sono stati elaborati su piccoli campioni e si sono concentrati esclusivamente all’interno dei servizi di salute mentale per bambini e adolescenti (Wilson, 2018). L’attuale studio beneficia di un set di dati sostanzialmente più ricco generato attraverso interviste e focus group con un ampio campione di professionisti che lavorano in una serie di contesti.

I set di dati dei genitori e dei professionisti hanno affrontato la seguente domanda di ricerca:

In che modo i genitori con disturbo borderline di personalità sperimentano la genitorialità?

E in che modo la loro esperienza è concettualizzata dai professionisti che lavorano con loro?

 

Caratteristiche dei partecipanti

Genitori

In totale, gli autori hanno intervistato 12 genitori di età compresa tra 39 e 58 anni. I punteggi dei genitori sul PDQ-4-BPD variavano da 4 a 8. Due genitori erano maschi e dieci femmine. I genitori avevano da uno a cinque figli. L’età dei figli variava da uno a 34 anni, con 7 partecipanti con bambini a carico (<18 anni). La metà del gruppo era sposata, in una relazione a lungo termine o convivente. E i restanti sei si sono caratterizzati come single a seguito di divorzio o morte di un partner.

Professionisti

Oltre la metà dei professionisti erano professionisti della salute mentale adulti. Una gamma di ruoli è stata rappresentata con sei terapisti occupazionali; cinque Assistenti Sociali; tre Psicologi Clinici; tre Professionisti Infermieristici; due Family Coach; un’ostetrica e un’operatrice di beneficenza. Tutti i professionisti avevano lavorato nella loro disciplina per un minimo di 6 anni, mentre 38 anni è stata la durata del servizio più lunga riportata.

Procedura

Dopo aver fornito il consenso informato, i ricercatori hanno intervistato i partecipanti da soli, in coppia o come parte di un focus group. Il formato è stato determinato dalla scelta dei partecipanti e dalle pratiche di programmazione.

In tutti i casi il ricercatore capo ha intervistato i partecipanti utilizzando una guida tematica semi-strutturata sviluppata in consultazione con un medico esperto nel lavoro basato sui genitori e un medico con esperienza di base nel supportare gli individui con disturbo di personalità. La guida agli argomenti è stata utilizzata come struttura per determinare il contenuto complessivo dell’intervista. Ma le domande sono state sviluppate in modo dinamico per rispondere a commenti e risposte dei partecipanti. Questo approccio è stato utilizzato per massimizzare lo sviluppo di una relazione tra intervistatore e partecipante/i. All’interno delle interviste di coppia, ogni domanda è stata ripetuta ad entrambi i partecipanti, sebbene fosse disponibile uno spazio per commentare e aggiungere alle risposte del loro co-intervistato. Nei focus group, le domande sono state risposte direttamente dai singoli partecipanti e/o hanno costituito la base di una discussione all’interno del gruppo.

Data la natura emotiva del soggetto, l’intervistatore ha mantenuto un atteggiamento empatico e riflessivo. Le interviste sono durate dai 45 ai 65 minuti e sono state registrate su un dittafono crittografato. Dopo ogni intervista, ai partecipanti è stata data l’opportunità di sollevare qualsiasi preoccupazione o discutere eventuali sentimenti negativi che l’intervista avesse suscitato.

Guida tematica per genitori con disturbo borderline di personalità e per professionisti che lavorano con loro

La guida tematica per i genitori con disturbo borderline di personalità è stata strutturata attorno a tre domande di ricerca:

  1. in che modo gli individui con difficoltà legate all’intensità emotiva sperimentano l’essere genitori?
  2. quale supporto hanno cercato e sperimentato e quanto è stato efficace e appropriato?
  3. quale supporto vorrebbero ricevere/avrebbero voluto ricevere?

La guida agli argomenti del professionista è stata strutturata attorno alle seguenti domande di ricerca:

  1. come i professionisti concettualizzano l’esperienza dei genitori con disturbo borderline di personalità?
  2. quali meccanismi e opportunità per sostenere questi genitori sono identificati dai professionisti?
  3. come vivono il lavoro con genitori con disturbo borderline di personalità?

Analisi

I dati sono stati anonimizzati e trascritti. Entrambi i set di dati (genitore e medico) sono stati quindi oggetto di un’analisi del framework (Ritchie e Lewis, 2003). Questa forma di analisi tematica è stata ampiamente utilizzata nella ricerca nelle scienze sociali ed è diventata più comune nella ricerca di orientamento psicologico. L’analisi del framework include un processo di sintesi e gestione dei dati strutturato e trasparente. L’utilizzo di questo approccio facilita l’analisi tra temi e casi.

 

Risultati

Esplorare la l’esperienza dei genitori con disturbo borderline di personalità dal punto di vista dei genitori stessi e dei professionisti che lavorano con loro ha rivelato una notevole comprensione condivisa. Tra i genitori, nonostante la diversità situazionale, c’erano chiari punti in comune nel modo in cui davano un senso alla loro esperienza di genitorialità. Questi sono stati spesso echeggiati nelle descrizioni dei professionisti. I temi principali identificati in entrambi i set di dati sono orientati alle sfide nel ruolo genitoriale. Il confronto dei dati ha rivelato quattro temi superiori condivisi con due temi aggiuntivi presenti solo all’interno delle interviste ai professionisti.

 

Impatto delle difficoltà di salute mentale dei genitori con disturbo borderline di personalità

Nei resoconti di entrambi i genitori e gli operatori, i genitori sono stati caratterizzati come in lotta per gestire l’impatto delle loro difficoltà di salute mentale sulla loro capacità di essere genitori. Sia per i genitori che per i professionisti questo era presente nel modo in cui i genitori con disturbo borderline di personalità si relazionavano emotivamente ai loro figli e alle emozioni dei loro figli.

Un secondo tema subordinato era il dispiegamento di una facciata come strategia di coping. Per i professionisti, un tema aggiuntivo relativo al coping era la pianificazione eccessiva e il controllo.

Intensità emotiva

Per i genitori, la lotta per sperimentare e contenere le proprie emozioni è direttamente correlata alla loro capacità di rispondere ai loro figli e alle emozioni dei loro figli. Risposte emotive forti e incontenibili, di solito rabbia, disperazione o ritiro emotivo potrebbero essere generate da cose che i loro figli hanno detto o fatto. Ad esempio, una madre ha descritto la sua risposta quando sua figlia le ha detto che la odiava:

“Piangerei e piangerei e, sai, ci penso costantemente per settimane.”

All’interno dei resoconti dei professionisti le difficoltà dei genitori nel gestire le proprie emozioni e nel rispondere alle emozioni dei loro figli sono state descritte come una caratteristica fondamentale della genitorialità. Ad esempio un’ostetrica ha affermato:

“È quell’impulsività, non è vero? Quella rapida, quella specie di, quella rapida escalation della loro intensità emotiva che di solito è innescata forse da qualcosa che il loro bambino potrebbe aver fatto. E poi dal modo in cui lo interpretano male e che provoca rabbia e frustrazione. E il modo in cui rispondono al bambino e potrebbe non essere sempre utile per il bambino”.

L’errata interpretazione emotiva da parte dei genitori con disturbo borderline di personalità

Questo descrive la complessa interazione di errata interpretazione emotiva e reattività presente nei resoconti di entrambi i genitori e i professionisti. Questo è stato descritto come particolarmente accentuato quando i genitori hanno risposto alle emozioni dei loro figli. I genitori hanno descritto di aver risposto con rabbia e angoscia intense e riducendo al minimo e/o rifiutando le emozioni dei loro figli. Come ha descritto una madre:

“Non riuscivo a far fronte alle loro emozioni e non riuscivo nemmeno a far fronte alle mie.”

Nel divulgare queste risposte i genitori hanno spesso espresso sgomento:

“Poi all’improvviso scopro che mi rende davvero irritabile e arrabbiata o che mi sto arrabbiando con lei e sto peggiorando le cose. E poi mi sembra davvero, oh mio dio, questo in realtà sembra piuttosto offensivo. Sto urlando e sono cattiva con un bambino che in realtà ha un attacco di panico”. (Madre)

I professionisti hanno anche descritto questo modello di risposta incontrollata come seguito dal rimpianto:

“A causa della loro intensità emotiva, è quasi come se dicessero: ‘Beh, non posso trattenermi, finisco per urlare contro di loro’. E sai, allora, il senso di colpa torna di nuovo in gioco.£ (Terapista occupazionale)

Fasi della vita e disregolazione emotiva

Specifiche transizioni evolutive sono state identificate sia dai genitori che dai professionisti come associate alla disregolazione emotiva. Sebbene sia stato menzionato il passaggio all’infanzia e alla scuola, l’adolescenza è stata identificata più frequentemente come un periodo in cui i genitori hanno lottato per gestire le proprie emozioni. Questo era specificamente associato ai sentimenti di rifiuto causati dal bisogno del loro bambino di una maggiore indipendenza. Ciò si rifletteva nei resoconti dei professionisti come descritto da un Family Coach:

“Man mano che i bambini crescono, i genitori hanno reali difficoltà a gestirlo. Sai, c’è il potenziale per le riacutizzazioni, per grandi discussioni, per ogni genere di cose. Per violenza, per comportamenti abusivi. Sai, la ripresa dell’abuso di alcol o sostanze per gestire i sentimenti che stanno provando, quanto è brutta la relazione, la delusione che possono provare.”

 

Strategia di coping dei genitori con disturbo borderline di personalità: facciata

I genitori con disturbo borderline di personalità hanno descritto di utilizzare una facciata per gestire la difficile interazione tra genitorialità e salute mentale. Il bisogno di presentare una versione alternativa o mascherata di sé, una facciata appunto, era direttamente collegato alla loro convinzione che “c’era qualcosa di sbagliato” (madre) in loro. Si sentivano diversi dagli altri genitori che semplicemente “navigavano attraverso le cose” (madre). Queste differenze li esponevano allo stigma o alla minaccia di rimozione del bambino. La presentazione di una versione più facilmente comprensibile e accettabile di se stessi per loro era protettiva e necessaria.

Questa facciata genitoriale era sì protettiva, ma anche estenuante. E i partecipanti erano incerti sulla sua efficacia nel convincere il mondo esterno o i loro figli.

La facciata dei genitori con disturbo borderline di personalità dal punto di vista dei professionisti

Gli operatori hanno anche identificato il mantenimento di una facciata come una strategia di coping comune e sviluppata in risposta alla paura del giudizio:

“Mi sono sentita così per alcune delle madri con cui ho lavorato… Quando puoi vedere perché lo stanno facendo, il bambino sembra impeccabile, sai? E sai perché, sai, il fiocco nei capelli, bei vestiti e pensi solo: ‘Dio, la pressione che devono sentire per fare questo'”. (Assistente sociale)

L’uso di una facciata come metodo di gestione della paura è riconosciuto dagli operatori come in definitiva dannoso. Infatti, impedisce ai genitori di aprirsi sul loro bisogno di sostegno o agli operatori di riconoscere la necessità di offrirlo. Come descritto da un terapista occupazionale, questo li ha portati a lavorare come un “detective” per scoprire cosa “sta realmente accadendo a casa”.

 

Strategia di coping: controllo

Nel descrivere i genitori con disturbo borderline di personalità, gli operatori hanno identificato il controllo come un meccanismo di coping. I genitori utilizzano strategie come la pianificazione eccessiva per riuscire a gestire le loro risposte a una situazione. Questo potrebbe riguardare l’organizzazione del tempo e delle attività e la rigidità nelle routine quotidiane. Un operatore di beneficenza descrive:

“Possono pianificare troppo, cercare di tenersi al sicuro. Al punto da essere completamente sconvolti quando ciò non accade o arriva qualcos’altro. Così, è quasi come se stessi bene se pianifico la mia settimana o la mia giornata, ma poi la crisi.”

I professionisti hanno riconosciuto che per i genitori con disturbo borderline di personalità lo sforzo di controllare era più efficace quando i bambini erano piccoli. Ad esempio un Family Coach afferma:

“Un bambino piccolo può essere abbastanza facile perché sei in una posizione di potere.”

Come per il mantenimento di una facciata, gli operatori sentivano che il livello di controllo esercitato era ampiamente insostenibile.

 

Impatto del trauma su genitori con disturbo borderline di personalità

Molti dei genitori hanno descritto un’infanzia priva di cure e amore o caratterizzata da rabbia e violenza. Alcuni hanno subito abusi durante l’infanzia o l’adolescenza, spesso perpetrati da individui all’interno della loro famiglia. Per i genitori, la loro esperienza di essere genitori era direttamente collegata alla genitorialità disadattiva che avevano sperimentato, alle esperienze traumatiche della loro prima vita, o a entrambe. Questo ha generato due temi subordinati:

  1. la mancanza di un modello di genitorialità appropriato e nutriente da cui attingere;
  2. le conseguenze dell’abuso.

L’eredità di questi due temi sovrapposti è visceralmente presente nel ricordo di una madre:

“Non sapevo come amarli, ma non volevo che qualcuno facesse loro del male.”

Gli operatori hanno anche rappresentato i genitori come plasmati dalla mancanza di nutrimento e/o dal trauma che avevano vissuto da bambini. Come descritto da uno di loro:

“Posso dire che la maggior parte dei miei pazienti ha avuto vite orribili, terribili. E poi cercano solo di lottare.” (Infermiera Psichiatrica di Comunità)

 

Mancanza di un modello genitoriale

La maggior parte dei genitori con disturbo borderline di personalità ha descritto esplicitamente l’assenza di un modello genitoriale positivo da cui attingere. In alcuni casi i genitori hanno collegato questo alla loro incapacità di essere genitori, per esempio non essere in grado di giocare. Un certo numero ha descritto il tentativo consapevole di fornire una forma migliore di genitorialità ai propri figli. Come descritto da una madre:

“Perché pensi sempre di poter fare meglio. Pensi sempre di poterlo superare. Qualsiasi cosa. Ed essere la persona che vuoi essere per i tuoi figli e fare meglio dei tuoi genitori.”

Tuttavia, per alcuni genitori, cercare di fare le cose diversamente significava fare il contrario di quello che avevano sperimentato:

“Sì, penso che sia, sai, mia madre era a un’estremità della scala e io ero all’altra estremità, penso. Avrebbe dovuto esserci una specie di via di mezzo.” (Madre)

Genitori con disturbo borderline di personalità privi di un modello genitoriale positivo: il punto di vista dei professionisti

Gli operatori hanno anche descritto genitori che spesso non avevano un modello positivo di genitorialità da cui attingere e l’effetto dannoso che questo aveva sulla cura che potevano fornire ai loro figli.

“I nostri stessi pazienti hanno problemi, hanno avuto loro stessi una cattiva educazione. Così sono quasi una sorta di trasmissione di ciò che sanno perché questo è tutto ciò che sanno.” (Terapista occupazionale)

Tuttavia, gli operatori hanno anche riconosciuto che molti genitori hanno consapevolmente tentato di fare le cose in modo diverso, per offrire ai loro figli un miglioramento della loro esperienza. Anche se questi sforzi potrebbero essere compromessi:

“Se qualcuno non ha avuto buone esperienze come genitore e poi, nella sua disperazione, cerca di fare le cose per bene, va completamente fuori strada.” (Terapista occupazionale senior)

Al centro dei resoconti degli operatori sull’impatto della mancanza di un modello genitoriale c’era il rischio per la prossima generazione. Come ha descritto un’ostetrica:

“Abbiamo mamma e figlia [nel nostro servizio], a volte? Sì. E presto, saranno i loro nipoti e la nonna.”

 

L’eredità dell’abuso

Il secondo tema subordinato riguarda l’impatto dell’abuso. I genitori che avevano subito un abuso lo rappresentavano come un effetto centrale sull’educazione che fornivano ai loro figli. L’impatto dell’abuso precoce è un’eredità complessa, poiché i genitori hanno lottato per gestire le proprie risposte al loro passato. Per esempio, come descritto da una madre, questo potrebbe essere accentuato quando un bambino raggiunge l’età in cui è iniziato l’abuso:

“Quando mia figlia ha compiuto quattro anni, io sono stata abusata sessualmente ed è iniziato all’età di quattro anni, e questo mi ha incasinato molto. E io guardavo e pensavo: come può qualcuno fare una cosa del genere? Poi ho perso la testa e sono stata internata.”

In una forma o nell’altra, ognuno dei genitori ha dichiarato:

“Non voglio che nessun altro bambino sperimenti quello che ho sperimentato io.” (Madre)

In alcuni casi ciò ha portato i genitori a “sovracompensare” (Padre). In particolare, questo potrebbe prendere la forma di comportamenti iperprotettivi.

“Non mi fidavo che uscissero, anche quando avevano 14 anni.” (Madre)

 

Lavorare sulle eredità del Trauma, con Janina Fisher

Lavorare sulle eredità del Trauma, con Janina Fisher

 

L’abuso in genitori con disturbo borderline di personalità: il punto di vista dei professionisti

Gli operatori hanno anche evidenziato il peso del trauma passato per i genitori che era legato all’essere bloccati in una fase di sviluppo che rendeva difficile fornire cure appropriate:

“Ovviamente può venire fuori in modi diversi per ragioni diverse. Ma questo è il più complesso quando c’è qualcosa che forse li ha trattenuti da qualche parte nel loro sviluppo come bambini, così stanno lottando per essere un genitore e un bambino.” (Assistente sociale).

Più comunemente, un’eredità dell’abuso era che i genitori stavano “disperatamente cercando di fare diversamente” (Assistente Sociale) e prevenire la ripetizione di ciò che era successo a loro:

“Perché, come dicevi a proposito di quando è iniziato il trauma, hai una madre che è stata violentata a 15 anni e ora sua figlia ha 15 anni, quindi ora sta diventando estremamente protettiva nei confronti della bambina. E non le permette di crescere perché è così spaventata da quello che sta per succedere.” (Terapista occupazionale)

Gli operatori hanno anche descritto un processo continuo di ri-traumatizzazione in cui i genitori che hanno avuto esperienze avverse nella loro infanzia hanno continuato a sperimentare un modello di trauma e perdita. Per esempio da relazioni abusive e, soprattutto, nel diventare genitori.

“Abbiamo genitori che… il processo di diventare genitori è traumatico in molti modi e quindi hanno a che fare con il loro trauma e allo stesso tempo cercano di mettere in atto le capacità di contenerlo.” (Assistente sociale)

Per gli operatori la conclusione angosciante, anche se non rara, di questo modello è stata il trauma della rimozione del bambino.

 

Genitori con disturbo borderline di personalità: la visione negativa di sé

I genitori con disturbo borderline di personalità descrivono la genitorialità come difficile e si riferiscono ad essa in termini negativi. Questo era spesso legato alla convinzione che non stavano facendo o non avevano fatto un buon lavoro, specialmente in confronto agli altri. Anche per i genitori che hanno espresso una certa soddisfazione nell’essere genitori, la loro descrizione iniziale della loro esperienza era spesso negativa. Per esempio, “orribile” (Madre), “un incubo” (Madre). Quando i genitori hanno espresso piacere nell’essere genitori, o in qualche componente di esso, era in gran parte orientato intorno a sentimenti di competenza e di insegnamento, come ha descritto una madre:

“Ci sono momenti in cui lo trovo fantastico e sento che sto facendo un buon lavoro e che sto effettivamente facendo del bene. Ma ci sono altre volte in cui non posso essere la persona che vorrei essere.”

Coerente in questo tema era l’espressione di sentimenti relativi al loro fallimento nel soddisfare le proprie aspettative, non essendo la “persona che vorrei essere”. Per molti genitori questo era incorporato in una narrazione riflessiva in cui i loro fallimenti avevano portato a risultati negativi per i loro figli:

“Certe cose risaltano in lui ora, che posso vedere che ero come – in come ero una mamma e come questo lo ha influenzato davvero, in modo negativo.” (Madre)

 

Il punto di vista dei professionisti

Questo è stato rispecchiato nei resoconti degli operatori. I professionisti hanno descritto genitori che lottano per affrontare la conoscenza dell’impatto negativo che hanno avuto sulla vita dei loro figli. In particolare quando i bambini hanno sviluppato difficoltà di salute mentale proprie.

Per gli operatori, le opinioni negative che i genitori avevano di se stessi erano state plasmate attraverso le loro esperienze formative e successivamente rafforzate.

L’intensità delle emozioni legate a questi sentimenti di fallimento accoppiati alla bassa autostima e al senso di colpa possono, per alcuni genitori, diventare intrecciati a modelli di autolesionismo e suicidalità.

“Alcune cose… le droghe… sia quelle prescritte che quelle illecite… l’alcol. L’autolesionismo, a volte, sul momento possono essere un modo per fermare emozioni intense… possono essere un modo per convalidare un senso della propria cattiveria. Una punizione, non sono abbastanza bravo.” (Psicologo clinico)

 

Genitorialità non supportata

La maggior parte dei genitori con disturbo borderline di personalità si è caratterizzata come isolata e priva di supporto. Questo è stato ricondotto ad una loro scelta, ad una conseguenza della loro salute mentale, o entrambi. La maggior parte dei genitori ha descritto di avere pochi o nessun amico e la maggior parte ha sperimentato la rottura delle relazioni.

In genere, i genitori hanno rappresentato i servizi di salute mentale come non coinvolti nei loro bisogni di genitori. Se i genitori hanno condiviso un bisogno di assistenza, questa non era disponibile. Più di un genitore ha descritto la richiesta di aiuto, per sentirsi dire che non ce n’era.

Le difficoltà nel navigare nel sistema, nel capire i percorsi di supporto, o anche nel sapere che esistevano, erano presenti anche nelle interviste. Per esempio, una madre ha dichiarato di “…non sapere dove si può cercare un sostegno o se c’è un sostegno per te.”

Per i partecipanti maschi, l’impegno con il sostegno è stato ulteriormente compromesso dal loro sesso, che hanno caratterizzato come una barriera all’accesso. Se il sostegno era disponibile, non era accessibile a loro come padri.

Ambivalenza nella ricerca di aiuto da parte dei genitori con disturbo borderline di personalità

Inoltre, i partecipanti hanno espresso ambivalenza riguardo al supporto, incarnando una tensione tra il desiderio di impegnarsi e la paura di accedere al supporto o di chiedere aiuto. Questo era spesso radicato nella paura dell’allontanamento del bambino. Il rischio e la paura dell’allontanamento del bambino erano estremamente forti, come ha descritto una madre:

“No. Non ho mai avuto nessun sostegno. Ero anche anoressica quando ero incinta. Ero anoressica quando stavano crescendo a scuola. Ma nessuno si è accorto di niente. E non potevo chiedere aiuto. Non posso ora. Perché potrebbero portarmi via i bambini.”

Un’ulteriore componente di questa relazione ambivalente con il supporto riguardava l’aspettativa dei genitori che i servizi o i gruppi non sarebbero stati appropriati o non avrebbero capito.

Il punto di vista dei professionisti

Gli operatori hanno descritto i genitori come spesso isolati, privi di sostegno familiare e con difficoltà di accesso e di impegno nel sostegno.

Nei resoconti degli operatori, i genitori che non hanno una rete positiva a cui attingere sono meno propensi e capaci di impegnarsi nel supporto sia per la loro salute mentale che per la loro genitorialità. L’assenza di sostegno può portare i genitori a dipendere da individui che sono dannosi. Il che può assumere la forma di dipendenza da genitori che sono essi stessi violenti, o in termini di partner romantici.

 

Il Sé in relazione al bambino

I medici hanno descritto i genitori con disturbo borderline di personalità come aventi difficoltà a mantenere un ruolo stabile nella relazione con i loro figli. Questo si manifestava in un irretimento all’interno delle diadi genitori-figli, come ha affermato un operatore sociale.

“Quindi, è una relazione molto intensa. E di conseguenza provano a supportarsi e proteggersi a vicenda, e come potete vedere non è sempre salutare, ma non è nemmeno esplosivo. Semplicemente non è sano.”

Queste difficoltà interpersonali esistevano nella forma dello scambio dei ruoli. Un terapeuta occupazionale ha fornito l’esempio di un genitore che richiedeva cure al bambino:

“Per me è questo: ‘Sono un tuo genitore, ma devi prenderti cura di me’. Quindi si aspettano che il bambino sia molto di più che buono per loro, o qualcuno di cui prendersi cura, ma più una cosa come ‘La tua povera mamma sta passando un brutto momento.’”

Per i medici, l’inversione dei ruoli può rappresentare un metodo di gestione del comportamento come un mezzo per ottenere affetto. In alcuni casi, il genitore è stato descritto come incapace di svolgere i suoi ruoli da adulto verso il bambino come risultato ereditario dei maltrattamenti subiti da bambino.

“Stava parlando a suo figlio, ma sembrava fosse lei la bambina mentre gli parlava. Aveva una voce piagnucolosa come quella di un bambino e diceva “Sono al telefono” e ho pensato “Oh, sta parlando ai suoi genitori?” e poi ho capito che stava parlando a sua figlia piccola.” (Terapeuta occupazionale)

 

Difficoltà nell’insight del Sé in genitori con disturbo borderline di personalità

I medici si sono riferiti spesso alle limitazioni nell’insight dei genitori con disturbo borderline di personalità verso i propri comportamenti e l’effetto che può avere sui loro figli.

Per i genitori coinvolti nei servizi sociali, essere in grado di comprendere il loro ruolo nella situazione di famiglia rende difficile cambiare e aumenta il rischio di rimozione del bambino dalla famiglia.

Nella caratterizzazione svolta dai medici, i genitori mancano di un insight verso l’esperienza e la comprensione dei propri figli. I genitori hanno infatti difficoltà “a mettersi nei panni dei propri figli.”

L’insight del pensiero viene descritto solitamente come compromesso nei genitori. Gli operatori sottolineano che alcuni genitori con disturbo borderline di personalità hanno la capacità di sviluppare una comprensione migliore di loro stessi o della loro situazione, in particolare a seguito dell’intervento terapeutico. Ad ogni modo, questo nuovo insight può essere compromesso dallo stress e dalla disregolazione emotiva.

 

Disturbi della personalità e parenting disfunzionale, con Gwen Adshead

Disturbi della personalità e parenting disfunzionale, con Gwen Adshead

 

Temi correlati al supporto

Tra entrambi i dataset, c’è un evidente incompatibilità tra l’esperienza genitoriale segnalata e il supporto genitoriale disponibile. Sia i genitori che i professionisti hanno descritto il bisogno per un sostegno connesso alla famiglia/genitorialità per questo gruppo di genitori. Nel descrivere ciò che sarebbe stato utile e appropriato c’è stato un considerevole punto in comune. Comunque, genitori e operatori hanno anche identificato delle aree separate in cui credono sarebbe utile avere del sostegno.

  1. Connessione attraverso la comprensione condivisa

Sia i genitori con disturbo borderline di personalità che gli operatori hanno articolato il bisogno di un sostegno che sia caratterizzato dalla comprensione dell’esperienza e delle sfide dei genitori in termini di salute mentale. La maggior parte dei genitori voleva un’opportunità per interagire con altri genitori che condividono la stessa esperienza per la salute mentale. In alcuni casi, questo si connetteva all’esperienza positiva di aver partecipato a un trattamento specialistico di gruppo (es. STEPPS-EI; STEPPS).

Per gli altri, il focus è stato sullo spazio in cui si sarebbero sentiti liberi di essere aperti sulle difficoltà che affrontano, una madre ha spiegato: “Se sei con un gruppo che all’inizio non conosci, ma che capisci, ti puoi aprire di più.” I due padri hanno anche presentato il desiderio di connettersi con altri uomini con esperienze simili, in parte perché si sono sentiti esclusi nei gruppi a predominante femminile.

Gli operatori, allo stesso modo, hanno identificato la necessità per i genitori di essere in grado di condividere le loro esperienze senza paura di giudizio:

“Anche offrendogli uno spazio in cui essere semplicemente un gruppo di genitori…questo spazio in cui possono solo essere genitori e per loro va bene parlare apertamente e onestamente.” (Terapeuta occupazionale).

Ciò si associa all’idea e all’apprendimento e al sostegno condiviso affinché i genitori creino una rete.

Un tema subordinato, presentato solo da parte dei genitori, è stato il bisogno di sostegno facilitato dagli operatori per una comprensione della salute mentale e dell’abuso.

  1. Accessibile, non solo disponibile

Affinché il sostegno sia efficace, dovrebbe essere creato e implementato con una comprensione delle barriere all’accesso, che include il difficile rapporto dei genitori con il sostegno così come le preoccupazioni logistiche.

I genitori con disturbo borderline di personalità hanno identificato costi, location, tempi e disponibilità del supporto infantile come pedine importanti nell’incombenza e la facilitazione al coinvolgimento verso il sostegno.

I professionisti hanno sostenuto questa tesi, descrivendo il bisogno di rispondere a specifiche necessità logistiche de genitori, specialmente di quelli che non hanno molto supporto attorno:

“Poi viene anche il problema che vogliamo che i genitori partecipino ai programmi di gruppo della terapia di gruppo. Ma non ci sono mai servizi per l’infanzia, vacanze scolastiche o simili.” (Operatore sociale)

Insieme a queste considerazioni pratiche, alcuni professionisti hanno identificato il bisogno di un approccio flessibile per prendere in considerazione le difficoltà in cui vivono molti genitori con disturbo borderline di personalità:

“Ci sono dei limiti, decisamente, ma si ha una flessibilità con dei limiti. Non bisogna superarli, ma essere flessibili. La rigidità non viene bene accolta dalle persone con una forte intensità emotiva. Non la capiscono. Hanno difficoltà ad accettarla.” (Infermiera psichiatrica)

  1. Sostegno per i bambini

I genitori hanno identificato il bisogno di supporto come un obiettivo per i bambini, rendere i bambini in grado di affrontare le proprie esperienze. Questo include il supportare i bambini nella comprensione della salute mentale. E fornire opportunità per connettersi con i bambini all’interno di esperienze condivise:

“Per i bambini essere ascoltati e avere altre esperienze con altri bambini in difficoltà, in modo che abbiano anche loro un supporto di gruppo.” (Una madre)

Pochi operatori hanno identificato i bambini come obiettivi del supporto. Invece, il supporto per i bambini è stato ampiamente discusso all’interno del gruppo dei genitori.

“Penso che un incentivo sia correlato alla colpa che alcuni genitori hanno verso i loro bambini, percependo che i bambini non incontrano altri bambini, e quindi sarebbe un modo per creare connessione tra i loro figli. Potrebbe essere una cosa carina.” (Coach familiare)

  1. Gestione delle emozioni

Gli operatori hanno identificato il bisogno di sostegno in termini di regolazione emotiva dei genitori con disturbo borderline di personalità e nel rispondere al bisogno emotivo dei bambini:

“Sento che da un lato avrebbero bisogno di un modo di regolare le loro emozioni, forse come un corso di mindfulness. Un corso sulle abilità che calmi il loro sistema nervoso.” (Terapeuta occupazionale)

  1. Normalizzare la genitorialità

Gli operatori hanno identificato la necessità di incoraggiare la comprensione dei genitori delle tipiche esperienze di genitorialità. Infatti genitori e operatori a volte patologizzano le sfide della genitorialità che potrebbero essere esperienze comuni e condivise:

“Bisogna normalizzare alcune reazioni intense. I genitori hanno delle reazioni intense. E quindi, se si discute di alcuni tipi di distress nel contesto della genitorialità, questo viene normalizzato. Perché ogni genitore può averne.” (CAMHS, Psicologo clinico)

 

Comprensione dell’esperienza di genitori con disturbo borderline di personalità

Questo studio ha avuto lo scopo di generare una comprensione maggiore dell’esperienza di genitori con disturbo borderline di personalità. Sia dal punto di vista dei genitori stessi, sia degli operatori che hanno lavorato con loro. La comparazione delle esperienze e delle visioni di questi due gruppi ha rivelato una comprensione condivisa. Sia i genitori con disturbo borderline di personalità che gli operatori hanno descritto le sfide che i genitori affrontano nel gestire la propria salute mentale mentre cercano di fornire cure ai propri figli. Entrambi i gruppi hanno identificato delle carenze e barriere nei sostegni adeguati.

I genitori e gli operatori hanno descritto l’impatto delle difficoltà della salute mentale sulle capacità genitoriali di gestire le richieste e le responsabilità quotidiane. All’interno di questo tema, le sfide riguardo l’intensità emotiva sono spesso state citate come cause di fardelli sulle famiglie. Il focus dell’intensità emotiva come caratteristica primaria dei genitori con disturbo borderline di personalità rispecchia la visione dei ricercatori che implica una disregolazione emotiva nello sviluppo e nel mantenimento del BPD (Linehan, 1993; Glenn and Klonsky, 2009; Stepp et al., 2012).

L’associazione tra la disregolazione emotiva e i comportamenti problematici come l’aggressività e il binge-eating (Selby and Joiner, 2013) potrebbero essere riflessi nella presenza di comportamenti genitoriali maladattivi come l’aggressività verbale o la resa in reazione a situazioni famigliari emotivamente intense. Per i genitori, riconoscere che queste esperienze “non sono come quelle di altri genitori” e la loro consapevolezza degli effetti che la loro salute mentale possa influire sul bambino crea un circolo vizioso di colpa e disperazione.

Di conseguenza, questo contribuisce alle opinioni negative che hanno i genitori su loro stessi, così come l’esacerbare le difficoltà mentali. Questo pattern può anche incorporare modelli di auto-stigma in cui la persona con delle difficoltà di salute mentale internalizza le etichette negative associate al loro disturbo (per un esempio di rapporto tra lo stigma di Sé e quella pubblica vedere Vogel et al., 2013).

 

Trattamento basato sulla Mentalizzazione con i Bambini (MBT-C), con Nick Midgley

Trattamento basato sulla Mentalizzazione con i Bambini (MBT-C)

 

Esperienze genitoriali negative e mentalizzazione

Un genitore è parte di una catena che connette l’esperienza passata di essere stati figli alle cure che forniscono ai propri figli. La maggior parte dei genitori nello studio non aveva avuto esperienze positive di parenting da riportare o avevano avuto storie di trauma. Entrambi i genitori e gli operatori hanno descritto esperienze di sviluppi caratterizzate da negligenza, abuso, assenza di cure e invalidazione. Questi sono stati chiaramente identificati dai genitori e dagli operatori come aventi un ruolo fondamentale sul parenting. Questa assenza di modelli genitoriali positivi e le difficoltà conseguenti con la validazione emotiva e l’iperprotezione sono state anche identificate come campi di specifiche sfide in una review della letteratura empirica (Petfield et al., 2015).

Gli operatori hanno identificato i genitori come carenti di insight in termini di risultati dei loro comportamenti e di come i bambini e gli altri possono esperire questi comportamenti. Questa forma di capacità riflessiva è simile al modello di Fonagy di mentalizzazione, i cui difetti sono comuni negli individui con BPD (Fonagy and Luyten, 2009). Il fatto che la mentalizzazione sia ulteriormente danneggiata dall’attivazione emotive che sembra trovare sostegno all’interno delle considerazioni di genitori e operatori.

Tuttavia, nelle interviste alcuni, ma non tutti, i genitori hanno dimostrato una chiara abilità di ragionare sulle conseguenze che il loro parenting possa avere suoi loro figli. Si noti che questo era soprattutto evidente nei genitori di bambini più grandi che riuscivano a ragionare, piuttosto che quelli che erano in una fase maggiormente attiva di parenting, la cui attivazione è maggiore. Una riflessione di questo tipo era anche associata esclusivamente agli individui che hanno partecipato ad alcune forme di trattamento psicologico.

 

Il supporto per genitori con disturbo borderline di personalità

I genitori con disturbo borderline di personalità hanno spesso rappresentato loro stessi come carenti di una rete di sostegno famigliare o sociale. Questo si connetteva anche alla capacità di formare e mantenere le relazioni. Questo fa eco a quegli studi che hanno scoperto che gli individui BPD tendono a:

  • avere minori interazioni sociali;
  • descrivere le interazioni sociali come maggiormente negative;
  • caratterizzare le loro reti sociali e famigliari come “scarse” rispetto ai gruppi con altri disturbi (Stepp et al., 2009; Beeney et al., 2018).

L’analisi delle reti sociali degli individui con BPD identifica un trend a “tagliar fuori” sempre più persone dalla loro rete sociale. Le persone con BPD sono anche meno discriminanti nella selezione di individui per il sostegno sociale (Clifton et al. 2007). Il fallimento nella selezione di target appropriati per il sostegno e la vicinanza può portare al disappunto e al rifiuto (per una revisione sull’interazione sociale vd. Lis e Bohus, 2013).

Come ha descritto una delle madri: “le persone vanno e vengono”.

I meccanismi cognitivi che sono implicati in queste difficoltà interpersonali includono i bias negativi, i difetti dell’interpretazione dei comportamenti sociali e del problem solving sociale (per una revisione vedi Lazarus et al., 2014). Qualsiasi sia il meccanismo cognitivo, l’impatto funzionale delle difficoltà nel mantenere amicizie, relazioni familiari intime e di sostegno è la perdita del sostegno pratico ed emotivo, che include opportunità senza pari di condividere esperienze di genitorialità. Nei dati dei genitori questo deficit viene rispecchiato dal desiderio espresso di avere opportunità per connettersi e apprendere con altre persone con una simile compressione. Nei dati degli operatori, si riflette nella convinzione che i genitori abbiano bisogno di opportunità per normalizzare l’esperienza e “confrontarsi con altri genitori” (Piscologo clinico).

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Dunn, A., Cartwright-Hatton, S., Startup, H. & Papamichail, A. (2020). The Parenting Experience of Those With Borderline Personality Disorder Traits: Practitioner and Parent Perspectives, Front. Psychol., https:// doi.org/ 10.3389/ fpsyg.2020.01913

Corsi correlati

Articoli correlati

Disturbi dell'Umore / Depressione
Il lutto al tempo del Covid-19: alcune riflessioni
L’epidemia di COVID-19 ha influenzato e sta ancora influenzando non solo il modo in cui le...
EMDR - Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari
L’uso dell’EMDR nel trauma perinatale, con Mara Stein
In questo articolo, vi presentiamo un video del nostro partner The Trauma Therapist Project. Nel...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0