Accedi

Genitori e Adolescenti: Terapia di Gruppo basata sulla Compassione

Genitori

Prendersi cura di un bambino che ha bisogno di ulteriore sostegno a causa di problemi di salute mentale (Mental HealthMH) è un’esperienza impegnativa. I problemi emotivi sono una parte normale del processo genitoriale; tuttavia, l’onere aggiuntivo associato ai problemi di MH di un bambino può essere emotivamente doloroso e gravoso.

I genitori di adolescenti con problemi di MH affrontano livelli più elevati di frustrazione, incertezza e conflitto interpersonale e possono sentirsi criticati, incolpati e trattati in modo diverso dalla famiglia e dagli amici (Moses, 2010). Mancano studi che abbiano indagato le esperienze di genitorialità di un adolescente con problemi di MH (Brown, 2018; Jivanjee, Kruzich e Gordon, 2009).

Le conseguenze

La tensione genitoriale si riferisce alle conseguenze negative delle responsabilità di cura (ad es., tensione finanziaria, stanchezza, tristezza, senso di colpa e stress dei genitori; Brannan & Heflinger, 2006). La gravità dei problemi di MH nei bambini è il fattore che più fortemente influenza la tensione genitoriale (Angold et al., 1998; Vaughan, Feinn, Bernard, Brereton e Kaufman, 2013; Wang & Anderson, 2018). Inoltre, i genitori con problemi di MH preesistenti sperimentano livelli maggiori di carico genitoriale rispetto alle loro controparti sane (Angold et al., 1998).

Inoltre, i genitori di adolescenti con problemi di MH sono spesso esclusi dal processo di pianificazione del trattamento del loro bambino (Jivanjee et al., 2009); questo può ostacolare il sostegno che i genitori possono fornire al proprio figlio.

Genitori ed esclusione dal trattamento

Gli approcci tradizionali al trattamento dei problemi di MH in bambini e adolescenti si concentrano sul trattamento dei sintomi che si presentano (Brown, 2018; Mendenhall & Mount, 2011) piuttosto che sul ruolo dei genitori come risorsa che può influenzare positivamente il bambino. Inoltre, la maggior parte degli studi che hanno incluso i genitori nel loro disegno di ricerca si sono concentrati principalmente sulla soddisfazione dei genitori per il trattamento che viene fornito al bambino (Brown, 2018).

Un’eccezione a questa tendenza è lo studio di Brown (2018), in cui ha esaminato la percezione dei genitori di un trattamento intenso di sei mesi che gli adolescenti avevano ricevuto in un servizio di MH per adolescenti a Sydney, in Australia. In particolare, ha esaminato se i genitori ritenessero che il trattamento fosse determinante per la guarigione del loro bambino e ha trovato una relazione tra la speranza e il senso del libero arbitrio dei genitori. Inoltre, anche i genitori speranzosi si sentivano importanti e credevano di avere la capacità di sostenere i propri figli.

Anche i genitori hanno apprezzato l’opportunità di partecipare al trattamento e sono stati in grado di pensare, riflettere e prendere decisioni in modo indipendente senza fare affidamento sull’aiuto esterno.

La saggezza come risorsa genitoriale

Secondo Brown (2018), i trattamenti che aiutano i genitori a scoprire il proprio senso del libero arbitrio consentono loro di fidarsi della propria saggezza piuttosto che di quella degli esperti.

Pertanto, gli interventi che aiutano i genitori a gestire la loro tensione e a trovare il proprio senso di agency vanno a beneficio non solo dei caregiver, ma anche dei bambini con problemi di MH.

La Compassion Focused Therapy

La terapia incentrata sulla compassione (CFT) è stata sviluppata per aiutare le persone che sperimentano alti livelli di vergogna e autocritica a coltivare un orientamento compassionevole verso sé stesse e gli altri (Gilbert, 2017; Gilbert & Choden, 2013). La CFT fornisce psicoeducazione sulla natura della mente umana evoluta e integra interventi che si concentrano sull’autocompassione.

Inoltre, la CFT utilizza una gamma di specifiche tecniche di training mentale che vengono chiamate collettivamente training mentale compassionevole (CMT). Gli esercizi includono esercizi di respirazione, visualizzazione e prove comportamentali (Gilbert, 2010, 2019). Promuovendo la consapevolezza e modi compassionevoli di partecipare, pensare e comportarsi, l’individuo aumenta la sua capacità di tollerare, impegnarsi, regolare, convalidare e lenire emozioni difficili come ansia, rabbia e vergogna (Gilbert, 2012).

Le conseguenze positive della compassione

Sviluppare una voce interiore compassionevole e un tono per i propri pensieri e le proprie motivazioni può aiutare le persone a ridurre l’autocritica ostile e a concentrarsi sulla correzione, sulla crescita e sul miglioramento compassionevoli (Gilbert, 2010).

Quindi, CFT e CMT possono essere di beneficio ai genitori che lottano con le complesse esigenze situazionali di prendersi cura di un bambino che ha bisogno di ulteriore sostegno.

Le evidenze in letteratura circa la CFT di gruppo

I risultati di studi clinici non randomizzati hanno scoperto che la CFT di gruppo può essere di beneficio alle persone che lottano con disturbi della personalità (Lucre & Corten, 2013), demenza (Collins, Gilligan e Poz, 2018; Craig, Hiskey, Royan, Poz, & Spector, 2018), disturbi alimentari (Gale, Gilbert, Read, & Goss, 2014) e complessi problemi di MH (Gilbert & Procter, 2006; Judge, Cleghorn, McEwan e Gilbert, 2012).

Lawrence e Lee (2014), hanno studiato le esperienze di cinque donne e due uomini che avevano partecipato alla CFT per affrontare gli effetti negativi del trauma. Quattro partecipanti hanno sperimentato la CFT di gruppo, mentre tre hanno ricevuto la CFT individuale. I ricercatori hanno identificato cinque temi, come le difficoltà legate al mettere a tacere la critica interiore, gli aspetti emotivi della terapia (es. l’importanza della relazione terapeutica) e la consapevolezza che non sei solo nelle tue lotte. Sebbene i partecipanti abbiano inizialmente incontrato difficoltà nello sviluppare un atteggiamento più gentile verso sé stessi, alla fine hanno riportato un’esperienza emotiva positiva di auto-compassione e una visione più positiva verso il presente e il futuro.

CFT e genitorialità

In conclusione, la genitorialità di un bambino con problemi di MH è una sfida. Si possono sperimentare ansie incentrate su sé stessi e sul bambino (ad es. paura del futuro), rabbia ingiustificata, frustrazione ed esaurimento, nonché un profondo senso di tristezza. La vergogna e l’autostigmatizzazione possono ostacolare le capacità di cura dei genitori.

La CFT può aiutare i genitori a essere presenti nel momento e ad essere in sintonia con i bisogni dei loro figli. Tuttavia, studi di ricerca passati non hanno esaminato se la CFT sia utile ai genitori in generale o in particolare ai genitori di bambini con problemi di MH (Carona, Rijo, Salvador, Castilho e Gilbert, 2017).

Lo scopo del presente studio

Lo scopo era quello di descrivere l’esperienza vissuta della CFT di gruppo per i genitori di adolescenti che erano stati trattati in un ambulatorio psichiatrico specializzato nell’infanzia e nell’adolescenza.

Il presente studio fa parte di uno studio di ricerca più ampio che ha esaminato le prospettive dei bambini e utilizzato l’analisi quantitativa.

 

Compassion Focused Therapy – Training di 1° livello

Metodo

L’approccio RLR

Lo scopo della ricerca riflessiva sul mondo della vita (reflective lifeworld researchRLR) è descrivere in modo approfondito un fenomeno, che in questo caso sono le esperienze di CFT di gruppo, come riportato dai genitori di adolescenti che hanno ricevuto cure per problemi di MH in un ambulatorio psichiatrico infantile e adolescenziale in una clinica specializzata.

L’approccio RLR, fondato sulla fenomenologia, sulla filosofia e su un approccio ermeneutico alla vita, si sforza di descrivere piuttosto che spiegare o interpretare i mondi di vita delle persone e le esperienze quotidiane (Dahlberg, Dahlberg e Nyström, 2008). Per cogliere tutte le sfumature del fenomeno di interesse, il ricercatore deve “imbrigliare” la tendenza naturale “a sapere come stanno le cose” (Dahlberg & Dahlberg, 2019). Invece, il ricercatore deve essere presente e prestare attenzione con una mente aperta; riflettere e trattenersi dal lasciare che presupposti teorici o personali influenzino il processo di comprensione.

Nel lento processo imbrigliato di ricerca si rivelano le caratteristiche essenziali comuni (Dahlberg, 2006). Le caratteristiche essenziali del fenomeno ne costituiscono l’essenza, che cattura il fil rouge delle esperienze dei partecipanti. I diversi aspetti del fenomeno sono indicati come costituenti, e sono illustrati con citazioni. L’essenza e i componenti insieme descrivono cosa significa partecipare alla CFT di gruppo per i genitori di bambini con problemi di MH (Dahlberg et al., 2008).

Contesto

I partecipanti al presente studio sono stati campionati da un ambulatorio psichiatrico per bambini e adolescenti nella regione di Västra Götaland, Svezia. Il presente studio fa parte di uno studio di ricerca più ampio condotto tra adolescenti di età compresa tra 14 e 17 anni e i loro genitori che avevano partecipato a un intervento CFT di gruppo. Gli adolescenti che avevano ricevuto cure presso la clinica tra gennaio 2017 e l’autunno del 2018 sono stati invitati a partecipare a un intervento CFT di gruppo.

Ai genitori degli adolescenti consenzienti è stato chiesto di unirsi al gruppo dei genitori. Sono state condotte simultaneamente sessioni di gruppo parallele per adolescenti e genitori. Il presente studio si è concentrato sulle esperienze dei genitori.

Intervento

L’intervento consisteva in otto sessioni di gruppo di 2 ore in accordo con i principi della CFT e le esigenze dei partecipanti. La prima fase ha coinvolto la psicoeducazione sul nostro “cervello complicato” e su come le emozioni negative minacciose possono essere comprese da una prospettiva evolutiva (Gilbert, 2010, 2014). I membri del gruppo sono stati incoraggiati a riflettere sull’equilibrio tra i loro tre tipi di regolazione degli affetti: minaccia, guida e sicurezza.

La fase successiva si è concentrata sulla necessità di comprendere le basi motivazionali delle emozioni e come queste influenzino i nostri pensieri e comportamenti. I partecipanti si sono impegnati in esercizi basati sulla consapevolezza e sulla compassione (ad es. respirazione calmante, creazione di un luogo sicuro). Inoltre, sono state introdotte strategie per sviluppare un’immagine di sé compassionevole e comprendere il ruolo dell’autocritica.

La struttura e i contenuti delle sessioni erano gli stessi per genitori e adolescenti, che sono stati incoraggiati a completare in modo cooperativo i compiti a casa.

Partecipanti e procedura

I genitori hanno ricevuto informazioni orali e scritte sullo studio prima di partecipare all’intervento CFT. In totale, cinque gruppi CFT sono stati condotti da gennaio 2017 fino all’autunno 2018. Tutti i genitori (n = 28, 17 madri e 11 padri) che avevano completato il trattamento CFT sono stati invitati a partecipare allo studio e undici genitori (sei donne e cinque uomini; fascia di età: 35–57) hanno accettato di aderire.

Tutti gli undici genitori partecipanti avevano un bambino che stava ricevendo cure psichiatriche presso la clinica. L’intervento CFT è stato condotto da uno psicoterapeuta clinico (non uno degli autori). Un assistente che aveva una vasta esperienza in psichiatria e altri campi correlati (ma nessuna formazione specifica in CFT) ha fornito assistenza durante le sessioni di gruppo.

Raccolta dati

Le interviste sono state condotte presso la clinica psichiatrica per bambini e adolescenti e ogni intervista è durata 28-97 minuti. All’inizio dell’intervista, i partecipanti sono stati informati che lo scopo dello studio era quello di cogliere i significati che attribuiscono alla loro partecipazione all’intervento CFT piuttosto che le loro esperienze sui contenuti dell’intervento.

L’intervista è iniziata con la seguente domanda a risposta aperta: “Sono interessato alla tua esperienza di partecipazione all’intervento CFT. Mi racconti la tua esperienza”? L’intervistatore ha incoraggiato i partecipanti a riflettere profondamente sulle loro esperienze ponendo domande del tipo: “Puoi dirmi di più a riguardo?” e “Puoi fare un esempio della tua esperienza?” Le interviste sono state registrate digitalmente e trascritte testualmente. Le risposte dei genitori sono state tradotte dallo svedese all’inglese da un traduttore bilingue professionista.

Analisi dei dati

Il primo autore ha analizzato le interviste trascritte secondo la RLR descritta da Dahlberg et al. (2008). In primo luogo, il ricercatore ha letto più volte le trascrizioni dell’intervista per familiarizzare con il loro contenuto. Successivamente, il ricercatore si è concentrato sulle parti del testo che erano integrate con le unità di significato.

Ogni unità di significato (cioè, frasi o descrizioni più lunghe dell’esperienza del fenomeno) è stata identificata in ogni trascrizione separata dell’intervista per mezzo di segni a margine. Unità di significato simili sono state raggruppate in gruppi per sviluppare una struttura. Questa analisi preliminare dei cluster ha prodotto un modello temporaneo di significati e le loro interrelazioni. Il focus del processo analitico si è spostato tra l’intera trascrizione e le sue parti costitutive fino a quando le unità esplicite dei significati hanno prodotto una struttura dei significati più astratta.

Infine, sono stati descritti i costituenti che rappresentavano le variazioni dell’essenza e sono state scelte citazioni pertinenti dalle trascrizioni testuali per illustrare i costituenti. L’ultimo passo del processo analitico ha comportato l’articolazione della struttura di significato essenziale del fenomeno, e l’unità dell’essenza e dei suoi costituenti, che insieme è stata definita “un nuovo tutto”.

Risultati

Nella sezione seguente, viene presentata prima l’essenza. Dimostra come la partecipazione a un intervento CFT di gruppo per i genitori sia caratterizzata a livello generale. Successivamente, i diversi aspetti del fenomeno, ovvero i costituenti, vengono descritti e illustrati mediante citazioni (cioè estratti delle risposte dei partecipanti).

Il significato

Il significato essenziale della partecipazione all’intervento CFT di gruppo per i genitori è trovare fiducia interiore come genitore. La comprensione dei propri bisogni fornisce ai genitori fiducia e forza per sostenere il bambino. Imparare a essere presenti nel momento e convalidare i sentimenti e le esperienze del bambino, senza tentare di correggere o controllare, consente ai genitori di connettersi e comunicare con il bambino.

A volte il fenomeno significa riflettere e pensare alle difficoltà senza cercare di evitare il dolore, altre volte gioire della guarigione del bambino. L’autocomprensione, l’accettazione e il rispetto reciproco si sperimentano interagendo con gli altri membri del gruppo ed essendo aperti e disposti a parlare delle difficoltà. La fiducia interiore come genitore implica la consapevolezza che non sempre è possibile far fronte alle sfide della vita quotidiana; a volte, vengono sopraffatti e dimenticano di prendersi cura di se stessi.

I 3 costituenti

I seguenti tre costituenti rappresentano sfumature e variazioni uniche, che esplicano ulteriormente il significato del fenomeno: (a) prendersi cura di sé e del proprio figlio; (b) essere aperti e condividere esperienze; e (c) accettazione e speranza per il futuro.

Prendersi cura di sé e del proprio figlio

L’esperienza vissuta di partecipare a un intervento CFT di gruppo significa acquisire conoscenze su corpo, emozioni e cervello. Essere consapevoli dei sentimenti e smettere di reagire automaticamente ha aiutato i genitori a riflettere se le loro reazioni fossero appropriate o meno. “C’è una ragione per questo; non c’è niente di strano. Puoi calmarti da solo se sai che non stai esagerando, respiri e ti calmi”.

Quando si comprendeva la funzione delle diverse emozioni, è stato più facile comunicare con il bambino, convalidare piuttosto che impegnarsi nella risoluzione dei problemi. “La bambina vuole che la ascoltiamo e non le diciamo cosa dovrebbe fare. Siamo migliorati in questo”.

Partecipare al gruppo CFT per genitori significa imparare a prendersi cura di sé. La necessità di prendersi cura dei propri bisogni comportava attività quotidiane come fare una passeggiata, andare a letto in orario e mangiare cibi sani. I genitori hanno riconosciuto la cura di sé come cura anche del benessere del bambino. Quando i genitori erano meno autocritici, tendevano a essere meno critici nei confronti del bambino.

Essere aperti e condividere esperienze

L’esperienza vissuta di partecipare a un intervento di CFT di gruppo significa condividere esperienze con altri genitori. Quando si sono aperti e hanno parlato delle difficoltà, si sono resi conto che anche gli altri stavano attraversando un periodo difficile. “È anche utile ascoltare. Le esperienze di alcune persone erano identiche alla mia. Quindi è davvero, davvero bello sentire altri genitori che hanno problemi, che non sei solo, non diverso in alcun modo. Mi ha fatto aprire anche agli altri. Ed è così utile, invece di vergognarsi”.

Anche se alcuni genitori hanno avuto difficoltà a mostrare le emozioni, il gruppo ha permesso ai genitori di sentirsi al sicuro e condividere sia risate che lacrime. Il capogruppo ha contribuito a creare un clima aperto. Alcuni dei genitori hanno descritto di sentirsi subito al sicuro, mentre altri avevano bisogno di tempo.

La condivisione ha permesso ai genitori di ricevere sostegno dagli altri; a loro volta, i genitori si sono resi conto che potevano anche aiutare gli altri. L’autorivelazione permetteva ai genitori di dare e ricevere. Condividere i propri sentimenti e parlare di esperienze difficili precedentemente non rivelate ha reso più facile per i genitori comunicare con i propri figli. I genitori hanno capito che potevano essere dei modelli per i loro figli e questa possibilità li ha fatti sentire più forti. Inoltre, i genitori sono stati in grado di comprendere meglio le prospettive non solo degli altri membri del gruppo e della famiglia, ma anche dei loro amici e colleghi.

Accoglienza e speranza per il futuro

Quando ci si sente più sicuri, più sereni e connessi, il clima familiare è cambiato in un’atmosfera più positiva.

Fidarsi di sé stessi come genitori significa rispettare i propri bisogni, desideri e decisioni senza preoccuparsi delle opinioni degli altri. “Prima, pensavamo spesso a tutti quelli che ci circondavano. Cosa diranno se nostra figlia non va a scuola e deve restare a casa?”.

Partecipare a un intervento CFT di gruppo significa vedere le cose in nuove prospettive (ad es. “La vita non è poi così male”) e non prendere le cose così seriamente come in precedenza. “Sai da qualche parte dentro di te che le cose andranno bene, ma che questo fa parte della vita. Anche le cose non possono essere sempre facili”.

Discussione

Lo scopo dello studio era di approfondire la nostra comprensione di come la partecipazione a un intervento CFT di gruppo sia vissuta dai genitori di adolescenti che hanno ricevuto cure per problemi di MH.

I genitori hanno riferito che il miglioramento della cura di sé li ha aiutati a essere migliori assistenti dei loro figli; inoltre, l’intervento CFT ha migliorato la capacità dei genitori di condividere i propri sentimenti con i bambini; li ha anche aiutati a comunicare meglio ed essere più espressivi riguardo alle loro emozioni. Inoltre, il formato di gruppo dell’intervento CFT ha consentito ai partecipanti di ricambiare la compassione con gli altri membri del gruppo.

Limiti del presente studio

Il presente studio qualitativo è uno dei primi a descrivere le esperienze di partecipazione dei genitori a un intervento CFT di gruppo in una clinica psichiatrica infantile e adolescenziale; di conseguenza, apporta nuove conoscenze a un campo di indagine inesplorato. Sebbene siano state utilizzate strategie diverse per garantire l’obiettività nell’analisi dei dati e la validità dei risultati, c’è sempre il rischio che i pregiudizi dei ricercatori possano aver influenzato i risultati.

 

La trasferibilità dei risultati è essenziale per la ricerca; affinché ciò sia possibile, i dati raccolti devono essere ricchi di contenuto e comprendere variazioni significative. Per questo motivo, i nostri risultati potrebbero non essere trasferibili ad altri contesti o culture.

Conclusioni

I risultati forniscono una conoscenza approfondita dell’esperienza dei genitori che hanno partecipato a un intervento CFT di gruppo. Gli operatori sanitari hanno difficoltà ad aiutare i pazienti e i loro assistenti ad accettare le loro situazioni difficili e ad essere fiduciosi per il futuro. A questo proposito, i risultati del presente studio dimostrano che la CFT di gruppo può aiutare i genitori a scoprire il loro senso del libero arbitrio e acquisire la fiducia necessaria per prendersi cura dei propri figli.

Implicazioni cliniche

  • Il trattamento dei problemi di MH nei bambini e negli adolescenti si concentra in genere sui sintomi che si presentano. Essere genitori di un bambino con problemi di MH può essere difficile; pertanto, sono necessari interventi che possano rafforzare il senso di agency dei genitori e aiutarli a sentirsi fiduciosi per il futuro.
  • Gli interventi di gruppo per i genitori forniscono supporto tra pari e alleviano i loro sentimenti di vergogna e auto stigmatizzazione.

 

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Bratt, A. S., Svensson, I., & Rusner, M. (2019). Finding confidence and inner trust as a parent: experiences of group-based compassion-focused therapy for the parents of adolescents with mental health problems. International Journal of Qualitative Studies on Health and Well-being, 14(1), 1684166. https://www .tandfonline.com/ doi/pdf/ 10.1080/ 17482631.2019. 1684166

Corsi correlati

Corso Online
24 ECM
Compassion Focused Therapy – Training di 1° livello
La live si terrà il 24 febbraio 2023
269€
o 45 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi da Ansia e Stress
MBCT per il disturbo ossessivo-compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione psichiatrica caratterizzata da...
Adolescenti
Depressione e uso di Social media tra gli Adolescenti
La depressione è una delle malattie mentali più frequenti in tutto il mondo, che genera...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0