I "CoronaBabies" vivranno con traumi a lungo termine?

I “CoronaBabies” vivranno con traumi a lungo termine?

Alcuni ricercatori affermano che lo stress estremo che le donne incinte devono affrontare potrebbe trasmettersi ai loro feti. Ma non tutti gli esperti pensano che i neonati “CoronaBabies” di oggi siano destinati alle difficoltà.

Lo stress collettivo causato dalla pandemia in corso è diventato così onnicomprensivo che ha aperto un dibattito scientifico sul fatto che i bambini nati durante i lockdown avranno una salute peggiore per il resto della loro vita. Se ti stai chiedendo perché ciò potrebbe accadere, gli scienziati dicono che puoi guardare non oltre la tempesta di ghiaccio nordamericana del 1998.

Per un massimo di sei settimane dopo che la tempesta ha interrotto l’energia elettrica nell’Ontario orientale e nel Quebec meridionale, le donne incinte hanno dovuto affrontare temperature gelide a casa, e questo ha lasciato un segno biologico sui loro bambini, afferma la radiologa dell’Università di Calgary, Catherine Lebel. Lo studio Project Ice Storm ha scansionato il cervello di 35 ragazzi e 33 ragazze le cui madri erano incinte durante l’evento per vedere se la tempesta avesse avuto qualche influenza sull’amigdala, una parte del cervello coinvolta nella regolazione delle emozioni.

La ricerca ha scoperto che i bambini nati durante il disastro avevano amigdale più grandi un decennio dopo. Questi allargamenti hanno accompagnato una maggiore frequenza di comportamenti aggressivi, in particolare nelle ragazze. Si ritiene che lo stress prenatale influenzi la crescita precoce dell’amigdala, sia negli esseri umani che nei roditori, e le sue dimensioni possono influenzare lo sviluppo di depressione, ansia o aggressività.

Lebel sta ora conducendo uno studio a lungo termine che monitorerà mensilmente le donne incinte in tutto il Canada e seguirà i risultati dei loro bambini dopo la nascita, per vedere se l’isolamento dovuto agli ordini di restare a casa avrà un impatto simile sui bambini nati durante l’era del coronavirus. “È sciocco ignorare il periodo prenatale“, dice Lebel.

Lebel e altri ricercatori affermano che la tensione e l’isolamento eccessivi che queste donne stanno vivendo potrebbero influenzare i loro feti, il che, secondo i loro calcoli, potrebbe gettare le basi per la “Generazione C” che potrebbe presentare una sfilza di disturbi cognitivi, mentali, emotivi e fisici.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

A maggio, Sam Schoenmakers presso l’Erasmus University Medical Center di Rotterdam nei Paesi Bassi, e altri quattro ostetrici, neonatologi ed esperti di etica medica hanno pubblicato un articolo sul British Medical Journal che descriveva i “danni collaterali” che i bambini nati durante la pandemia potrebbero dover affrontare. Notano che alcuni report citano tassi più elevati del disturbo antisociale di personalità e una durata della vita più breve per i bambini nati durante le carestie causate dalle occupazioni naziste nella parte occidentale dei Paesi Bassi negli anni ’40. Allo stesso modo, gli studi sulle conseguenze della tempesta Sandy del 2012 delineano i cambiamenti di temperamento nei bambini nati da donne che erano incinte quando il disastro si è abbattuto: questi bambini erano più timorosi e tristi, così come meno coccoloni e ostentatori di piacere.

Il progetto COVID-19 di Lebel ha già prodotto alcuni risultati preoccupanti. Ad aprile, il team ha reclutato quasi 2.000 partecipanti in gravidanza per compilare questionari psicologici. Tra gli intervistati, il 37% ha riferito sintomi di depressione clinicamente rilevanti e il 57% ha espresso segni di ansia. Sulla base delle prove del passato, queste difficoltà per le donne incinte potrebbero causare cambiamenti fisiologici nei loro bambini in via di sviluppo.

Ma non tutti pensano che i “CoronaBabies” siano necessariamente destinati alle difficoltà.

Noel Hunter, psicologa clinica e autrice di “Trauma and Madness in Mental Health Services”, afferma che il concetto di danno collaterale è eccessivamente generalizzato e basato su statistiche scarse.

Ricerche precedenti hanno mostrato solo la correlazione tra i problemi successivi nella salute fisica e mentale dei bambini e non il nesso di causalità”, dice Hunter. Per lei, queste correlazioni trascurano i modi in cui le situazioni stressanti (come una pandemia in corso) possono influenzare i comportamenti degli adulti nei confronti dei bambini. Piuttosto che incolpare i corpi dei genitori e il periodo prenatale, dice Hunter, l’attenzione dovrebbe essere ampliata per studiare i traumi persistenti che possono influenzare i bambini molto tempo dopo la nascita, come la genitorialità violenta e lo stress infantile, che sono stati anche collegati a conseguenze sulla salute a lungo termine.

Altri esperti sostengono che qualsiasi ricerca deve tenere conto di come il COVID-19 si interseca con le vulnerabilità già esistenti a causa del razzismo sistemico o della disuguaglianza di reddito. Alisha Ali, psicologa applicata alla New York University, sottolinea i grandi problemi istituzionali che sono stati ora messi in netto rilievo, dalla scarsa assistenza sanitaria per le persone di colore, ai deserti alimentari urbani e alle isole di calore create in gran parte da politiche razziste.

Le persone che avevano già maggiori probabilità di avere bambini che erano a rischio di non essere in grado di raccogliere i benefici di una corretta alimentazione, cure mediche e risorse correlate sono ora ancora più a rischio“, dice Ali.

La stessa Lebel assume una posizione moderata quando si tratta di usare termini accesi come “danno collaterale”, anche se si aspetta alcune conseguenze persistenti nei “bambini pandemici”.

Non parlerei di una generazione danneggiata“, dice Lebel. “Ma tra 20 anni, vedremo tassi di depressione e ansia più elevati rispetto a quelli che abbiamo avuto nelle generazioni precedenti“.

 

Assistenza sanitaria di supporto e CoronaBabies

Capire se la pandemia influenzerà i “CoronaBabies” richiederà tempo, ma per ora i genitori possono fare cose per ridurre al minimo gli effetti. Ad esempio, i primi risultati dello studio di Lebel sul COVID-19 hanno mostrato che il supporto sociale e l’aumento dell’attività fisica erano associati a un minor numero di sintomi di ansia e depressione tra le donne incinte che hanno intervistato.

Promuovere relazioni, anche virtuali o socialmente distanti, può aiutare con la doppia esperienza dell’isolamento casalingo e di essere sopraffatte dalle nuove responsabilità della genitorialità. Per i genitori di ogni estrazione sociale, l’importanza di un solido sistema di supporto sociale non può essere sopravvalutata, dice Ali.

Dovrebbe far parte del piano di un genitore in dolce attesa fin dall’inizio“, dice. “Avere solo una persona di supporto di cui ti fidi, che sia un coniuge, un genitore o un amico intimo, può svolgere un ruolo preventivo quando si tratta di problemi di salute fisica e mentale e questo supporto può essere virtuale“.

Detto questo, i genitori che affrontano vulnerabilità sociali potrebbero richiedere ulteriore assistenza. Oltre ad assicurarsi che questi genitori abbiano un’alimentazione migliore per se stessi e per i loro neonati, gli operatori sanitari devono anche garantire che abbiano un supporto sociale continuo, dice Ali. La chiamata di un’infermiera o di un assistente sociale per ispezionare regolarmente dopo la nascita del bambino, e non solo nei primi giorni dopo il parto, potrebbe potenzialmente eliminare qualsiasi problema di salute mentale e fisica.

Hunter consiglia di trovare attività divertenti come giocare a un gioco da tavolo, cantare al karaoke, realizzare un video TikTok o andare a una caccia al tesoro. Allo stesso modo, i genitori possono trarre vantaggio dall’imparare una nuova abilità e trovare il tempo per ridere o piangere, se hanno perso una persona cara. Anche il sonno e l’alimentazione rimangono più importanti che mai per una gravidanza sana e per il periodo postpartum.

Per lo più i bambini staranno bene se i loro genitori si prendono cura di se stessi e si concentrano su ciò che è più importante nella vita“, dice Hunter. “Quando lavoriamo insieme e ci sosteniamo a vicenda, possiamo superare quasi tutto“.

Fonte: articolo liberamente tradotto da “Will pandemic ‘coronababies’ live with long-term trauma?”, di STAV DIMITROPOULOS, su NationalGeographic.com Science

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>