I tratti della personalità influenzano la predisposizione a restare a casa

Redazione di FCP - FormazioneContinuaInPsicologia.it... Leggi la Bio
tratti personalità restare a casa

Secondo una ricerca pubblicata dall’American Psychological Association, un sondaggio mondiale condotto durante la prima ondata della pandemia da COVID-19 ha rilevato che le persone con determinati tratti della personalità avevano meno probabilità di mettere in atto il comportamento di restare a casa.

Apertura all’esperienza e nevroticismo

“Abbiamo scoperto che le persone che hanno ottenuto un punteggio basso su due tratti della personalitàapertura all’esperienza e nevroticismo – avevano meno probabilità di restare a casa in assenza di severe misure governative, ma questa tendenza è svanita quando sono state implementate politiche governative più restrittive”, ha detto Friedrich Götz, MPhil, dottorando presso l’Università di Cambridge e autore principale dello studio.

“Inizialmente, questo è stato un po’ sbalorditivo, poiché gli individui con l’apertura mentale hanno tradizionalmente dimostrato di essere inclini all’assunzione di rischi, disposti a deviare dalle norme culturali e propensi a cercare e avvicinarsi a cose nuove e non familiari. Il che probabilmente li metterebbe a una maggiore rischio di ignorare le raccomandazioni relative allo stare a casa. Tuttavia, allo stesso tempo, l’apertura mentale è anche correlata a percezioni accurate del rischio e all’universalismo. Pertanto, nel mondo digitalizzato in cui si è verificata l’attuale pandemia, queste qualità potrebbero aver portato gli individui con l’apertura mentale a seguire l’epidemia di COVID-19 in altri paesi, rendersi conto della sua gravità e agire di conseguenza”.

L’indagine: i partecipanti

I ricercatori hanno utilizzato i dati del progetto “Measuring Worldwide COVID-19 Attitudes and Beliefs“. Si tratta di un sondaggio globale che ha cercato di valutare i comportamenti dei partecipanti e le percezioni dei comportamenti degli altri durante la crisi COVID-19 mentre la pandemia si svolgeva. Götz e i suoi colleghi hanno analizzato le risposte di oltre 101.000 partecipanti in 55 paesi. Almeno 200 persone hanno risposto al sondaggio tra il 20 marzo e il 5 aprile 2020.

Oltre a fornire informazioni sul comportamento, i partecipanti hanno anche fornito dati socio-demografici. Hanno inoltre risposto a una serie di domande progettate per misurare i cinque tratti della teoria dei Big Five: estroversione, amicalità, coscienziosità, nevroticismo, apertura mentale.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

L’indagine: rigore delle politiche nazionali

Per valutare il rigore delle politiche nazionali di ciascun paese, i ricercatori hanno utilizzato il COVID-19 Government Response Stringency Index. Esso assegna punteggi di rigore sulla base di sette misure politiche:

  1. chiusura della scuola;
  2. chiusura del posto di lavoro;
  3. cancellazione di eventi pubblici;
  4. sospensione del trasporto pubblico;
  5. implementazione delle campagne di informazione pubblica;
  6. restrizioni alla circolazione interna;
  7. controlli sui viaggi internazionali.

“Le nostre analisi rivelano che sia il rigore governativo che la personalità hanno predetto in modo indipendente i tassi di tendenza a restare a casa. Non sorprende che, nelle aree in cui le politiche governative erano più rigorose, le persone avevano maggiori probabilità di rimanere a casa”, detto da Götz.

Tratti di personalità e il comportamento del restare a casa

I ricercatori hanno anche scoperto che, indipendentemente dal rigore delle misure politiche del governo, i tratti della personalità erano associati al comportamento del restare a casa. Ad esempio, le persone che hanno ottenuto un punteggio elevato in estroversione avevano una probabilità significativamente inferiore di restare a casa. Mentre punteggi più alti sugli altri quattro tratti della personalità erano associati a una maggiore probabilità di restare a casa, indipendentemente da quanto fossero rigide le politiche del governo.

Le persone che hanno ottenuto un punteggio basso in termini di apertura mentale e nevroticismo avevano meno probabilità di restare a casa quando le politiche governative erano indulgenti. Tuttavia questa tendenza è stata ridotta quando erano in atto politiche governative più rigorose.

Tratti di personalità e “restare a casa”. Interpretazione alternativa

Un’altra spiegazione per i risultati potrebbe essere politica, secondo Götz.

Le persone che ottengono un punteggio elevato in termini di apertura tendono ad essere più liberali nelle loro convinzioni politiche. E, negli Stati Uniti – il paese con il secondo maggior numero di risposte al sondaggio – il rispetto dei comportamenti di allontanamento sociale durante la pandemia COVID-19 sembra essere fortemente collegato all’idea politica. I liberali infatti sono molto più propensi a conformarsi a queste regole rispetto ai conservatori.

Micro e macro livelli

“Presi insieme, i risultati riaffermano il potere della personalità come motore centrale del comportamento, una forza che non è semplicemente eclissata dalla politica governativa”, ha detto il coautore Jon Jachimowicz, PhD, dell’Università di Harvard. “Tuttavia, rigorose politiche governative sono state in grado di diminuire l’influenza di due tratti della personalità. Questo ha dimostrato come le forze di livello macro possono diminuire l’influenza di alcuni fattori di livello micro“.

Articolo liberamente adattato e tradotto. Fonte: APA.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>