Accedi

Il Lavoro e le Condizioni di Lavoro contribuiscono alle Disparità Sanitarie

Il Lavoro e le Condizioni di Lavoro contribuiscono alle Disparità Sanitarie

Lavoro, disuguaglianza e sanità a livello individuale

Gli studiosi della stratificazione e della disuguaglianza hanno da tempo riconosciuto la centralità dell’occupazione e delle condizioni di lavoro come riflessioni e fattori determinanti delle possibilità di vita degli individui. Il lavoro è legato alla salute in modo positivo, sia come modalità predominante di guadagno e di altri benefici materiali, sia come fonte di integrazione sociale, prestigio e significato. Tuttavia, l’occupazione espone anche i lavoratori a fattori di stress fisici e psicosociali potenzialmente dannosi per la salute. Di seguito discutiamo questi percorsi positivi e negativi, illustrandoli con esempi empirici e discutendo come contribuiscono alle disparità sanitarie in un dato momento e nel corso della vita.

 

Aspetti del lavoro che migliorano la salute

Alcune delle prove più evidenti del legame tra lavoro e salute provengono da studi che confrontano la salute di coloro che svolgono attività lavorative retribuite e di coloro che invece non sono retribuiti, oppure studi che valutano le conseguenze della perdita del lavoro e della disoccupazione. Un ampio corpo di ricerche ha dimostrato che coloro che non vengono pagati o sono disoccupati sono meno sani di quelli nella forza lavoro retribuita, in base al loro rischio di mortalità, salute auto-valutata e salute mentale (Krueger & Burgard, 2011; Rogers, Hummer, & Nam, 2000; Ross & Mirowsky, 1995). Tuttavia, è importante ricordare che esiste una variazione tra le persone che non svolgono attività lavorative retribuite. Coloro che hanno un’altra fonte di risorse materiali e non lavorano per scelta, che si tratti del volersi prendere cura della famiglia, di frequentare la scuola o svolgere altre attività, potrebbero non avere una salute peggiore rispetto a coloro che lavorano e sono pagati (Pavalko, Gong, & Long, 2007).

Il lavoro può migliorare la salute dei lavoratori attraverso una serie di meccanismi. In primo luogo, lo status occupazionale fornisce un collegamento critico tra il livello di istruzione e il reddito da lavoro per la maggior parte degli adulti (Mirowsky & Ross, 2003; Schoeni, House, Kaplan, & Pollack, 2008). I redditi da lavoro sono la principale fonte di risorse finanziarie necessarie per l’acquisto di beni e servizi che migliorano la salute per la maggior parte dei lavoratori e le loro famiglie. La dimostrazione dell’importanza di queste risorse è stata indicata negli studi che collegano la disoccupazione alla difficoltà economica che può avere effetto sulla salute mentale così come catalizzare una serie di fattori di stress secondari (Price, Choi, & Vinokur, 2002; Price, Friedland, Choi, & Caplan, 1998). Negli Stati Uniti, anche altre risorse materiali essenziali sono direttamente legate ai datori di lavoro, comprese le pensioni, la copertura assicurativa sanitaria e persino l’idoneità all’assicurazione contro la disoccupazione.

Mentre i benefici materiali sono ovviamente fondamentali quando si considera la loro rilevanza per la salute, il lavoro è molto più di una strada verso uno stipendio. Gli individui che lavorano in occupazioni di rango superiore hanno una salute sostanzialmente migliore anche dopo essersi adattati per la loro istruzione superiore e per una retribuzione migliore, un risultato notoriamente dimostrato nello studio di Whitehall dei funzionari pubblici britannici, che hanno tutti accesso all’assistenza sanitaria e a condizioni di lavoro dignitose (Marmot et al., 1998). I lavoratori americani con uno status professionale più elevato hanno un rischio minore di mortalità (Rogers et al., 2000), e altri studi hanno dimostrato un ridotto rischio di ipertensione (Colhoun, Hemingway, & Poulter, 1998) e di infarto (Möller, Theorell, de Faire, Ahlbom, & Hallqvist, 2005) tra i lavoratori di status superiore. Sebbene l’associazione sembri chiara, i meccanismi alla base degli aspetti protettivi dello status professionale hanno generato un dibattito. Marmot (2004) sostiene che i lavoratori di status inferiore si confrontano in modo sfavorevole con le loro controparti di status più elevato, generando stress dannoso e potenzialmente portando a comportamenti rischiosi per la salute. Tuttavia, altri ricercatori hanno sostenuto che gli studi esistenti incentrati sullo stato professionale stanno effettivamente catturando caratteristiche fisiche e psicosociali del lavoro non misurate, altri aspetti dello stato socioeconomico o comportamenti di salute associati allo stato professionale e alla salute. (Erikson, 2006; Kaplan & Keil, 1993; Warren, Hoonakker, Carayon, & Brand, 2004).

Oltre ai potenziali benefici di uno status elevato, altri aspetti di un buon lavoro potrebbero migliorare la salute. Ad esempio, l’accesso al lavoro creativo, generalmente più disponibile per i lavoratori altamente istruiti e di status più elevato, è stato collegato a una migliore salute tra gli adulti statunitensi anche al netto di queste altre caratteristiche (Mirowsky & Ross, 2007). L’autoespressione creativa sul lavoro potrebbe migliorare il benessere psicologico e la funzione cognitiva e potrebbe ridurre lo stress che può portare alla deregolamentazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) (Mirowsky & Ross, 2007), e tutti questi benefici positivi potrebbero anche migliorare le possibilità di una traiettoria di carriera positiva se migliorano le prestazioni lavorative, creando un ciclo positivo duraturo.

 

Esposizioni dannose per la salute sul lavoro

Nonostante il potenziale per migliorare la qualità della vita attraverso guadagni e altre ricompense, una lunga serie di scienziati sociali da Marx (1992) in poi ha riconosciuto che molti aspetti del lavoro moderno sono alienanti, sfruttatori e persino pericolosi. Da allora, una considerevole ricerca nelle scienze sociali e sanitarie si è concentrata sulle esposizioni negative sul posto di lavoro che possono danneggiare la salute. I ricercatori hanno esaminato i fattori di rischio fisici e ambientali, come quelli associati a una specifica occupazione, e hanno sempre più affrontato anche i fattori di stress psicosociali più comunemente sperimentati associati al lavoro o al bilanciamento del lavoro retribuito con altre responsabilità degli adulti. Questi tipi di esposizioni sul lavoro “entrano sotto la pelle” per influenzare la salute in vari modi, che vanno dall’inalazione di polvere o dal contatto fisico con le tossine ai cambiamenti nei livelli di ormoni nel corpo in risposta allo stress e alla successiva disregolazione dell’asse HPA e malattie somatiche e della psicopatologia.

I rischi chimici e biologici e altri pericoli fisici per i lavoratori sono stati al centro di un ampio corpus di ricerche. Ad esempio, l’esposizione alla silice cristallina per i lavoratori nelle miniere e per coloro che lavorano la pietra o la sabbiatura aumenta il rischio di mortalità correlata alla silicosi (Bang, Attfield, Wood, & Syamlal, 2008) e l’esposizione all’amianto aumenta il rischio di cancro ai polmoni (Yano, Wang, Wang, Wang, & Lan, 2001). Anche altre esposizioni, tra cui rumore, calore, vibrazioni e altri rischi chimici e fisici, sono state oggetto di ricerche sulla salute sul lavoro (Donoghue, 2004). L’organizzazione del posto di lavoro e dei compiti associati al lavoro ripetitivo è stata collegata a lesioni legate a sforzi ripetuti (Silverstein, Viikari-Juntura, & Kalat, 2002), e sono ancora più ampiamente rilevanti perché possono influenzare i lavoratori nella produzione, nonché nei servizi e nelle occupazioni professionali. Un altro aspetto del lavoro che ha ricevuto attenzione è la tempistica e la regolarità degli orari di lavoro. L’aumento delle ore di lavoro non standard e il passaggio ad un’economia 24/7 sono stati collegati a disturbi del sonno del lavoro a turni e ad altri problemi di salute fisica, tra cui malattie coronariche e ulcera peptica (Kawachi et al., 1995; Knutsson, 2003; Presser, 2005).

A causa dei cambiamenti nella struttura occupazionale delle economie post-industriali e dell’attuazione delle normative in materia di salute e sicurezza sul lavoro, molti lavoratori nelle società ricche sfuggono al fardello della maggior parte dei rischi fisici sul lavoro, sebbene sforzi ripetitivi e orari di lavoro non standard siano ampiamente e sempre più rilevanti. Tuttavia, i lavoratori contemporanei nelle economie postindustriali e di altro tipo affrontano una serie di fattori di stress psicosociale sul lavoro. Esempi di fattori di stress psicosociali comunemente studiati includono la tensione sul lavoro, insicurezza del lavoro e ricadute negative dal lavoro su altri domini. La tensione sul lavoro è l’esperienza combinata di troppo poco controllo degli incarichi e di alti livelli di domanda con poco sostegno sociale sul posto di lavoro (Karasek & Theorell, 1990), ed è stato associato a una serie di problemi di salute tra cui la morbilità psichiatrica (Marmot, Bosma, Hemingway, Brunner, & Stansfeld, 1997; Stansfeld & Candy, 2006), sintomi muscoloscheletrici (Bongers, Ijmker, van den Heuvel, & Blatter, 2006), insonnia (Nomura, Nakao, Takeuchi, & Yano, In Press), e malattie coronariche (Bosma, Peter, Siegrist, & Marmot, 1998; Kivimaki et al., 2002). Alcune, ma non tutte, di queste associazioni sono state convalidate utilizzando dati longitudinali e misure oggettive di richieste o di controllo (DeSanto Iennaco et al., 2010). Altri studi hanno utilizzato misure più obiettive di cambiamento fisiologico; la tensione sul lavoro è stata collegata a certe reazioni neuroendocrine e cardiovascolari che per un periodo prolungato di tempo può portare a complicazioni cardiovascolari (Taylor, Repetti, & Seeman, 1997). Altre ricerche mostrano che le donne in posti di lavoro con alto stress o basso sostegno da parte dei supervisori presentano livelli più elevati di fibrinogeno, che è anche collegato ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari (Davis, Matthews, Meilahn, & Kiss, 1995).

Oltre a questi fattori di stress psicosociale, l’occupazione insicura o precaria è un’importante componente di rischio in molte economie poiché le aziende cercano una forza lavoro più snella e si dedicano all’esternalizzazione a fonti di lavoro meno costose. È stato dimostrato che i lavoratori che credono di poter perdere il lavoro nel prossimo futuro hanno una salute mentale e fisica peggiore (Sverke, Hellgren, & Näswall, 2002), anche quando viene effettuato un aggiustamento per l’effettiva perdita di posti di lavoro o disoccupazione (Burgard, Brand, & House, 2009; Burgard, Kalousova, & Seefeldt, in press). Inoltre, coloro che sono in fase di riorganizzazione aziendale o licenziamento, e quindi esposti a un’obiettiva incertezza occupazionale, hanno anche mostrato indicatori biomedici più poveri come l’aumento della pressione sanguigna (Ferrie, Shipley, Stansfeld, & Marmot, 2002) e un peggioramento della salute generale attribuibile almeno in parte all’insicurezza del posto di lavoro (Geuskens, Koppes, van den Bossche, & Joling, 2012).

Infine, la ricerca sui legami tra lavoro e salute ha iniziato ad estendersi oltre il luogo di lavoro e il singolo lavoratore. Poiché le condizioni lavorative e familiari sono cambiate e si sono diversificate nella seconda metà del XX secolo, c’è stato un crescente interesse a comprendere come l’intersezione delle responsabilità in entrambi questi ambiti influenzi la salute dei lavoratori e delle loro famiglie (Bianchi & Milkie, 2010).“ Conflitto lavoro-famiglia” o “ripercussione negativa tra lavoro e famiglia” è un tipo di conflitto tra ruoli che sorge quando le responsabilità in un dominio interferiscono con la capacità di adempiere alle responsabilità nell’altro dominio (Greenhaus & Beutell, 1985). La maggior parte delle ricerche esistenti si è concentrata sull’associazione della ricaduta negativa con la salute mentale; studi trasversali hanno mostrato un’associazione positiva tra ricadute negative lavoro-famiglia e sintomi depressivi (Allen, Herst, Bruck, & Sutton, 2000; Frone, Russell, & Barnes, 1996; Grzywacz & Bass, 2003), stress e disagio psicologico (Kelloway, Gottlieb, & Barham, 1999) e disturbi d’ansia (Frone, 2000). Gli studi hanno anche scoperto che una maggiore esposizione alle ricadute lavoro-famiglia è associata a condizioni di salute peggiori, ipertensione, obesità e problemi muscoloscheletrici. (Frone et al., 1996; Grzywacz, 2000; Hammig, Knecht, Laubli, & Bauer, 2011; Winter, Roos, Rahkonen, Martikainen, & Lahelma, 2006).

Come risultato dello stress associato a queste esposizioni, i fattori di stress psicosociale possono influenzare la salute attraverso l’aumento dei comportamenti a rischio. Ad esempio, lo spillover negativo lavoro-famiglia è stato collegato a un maggiore uso di tabacco (Frone, Barnes, & Farrell, 1994) e di alcol (Allen et al., 2000; Frone et al., 1996; Frone, Russell, & Cooper, 1997; Grzywacz & Bass, 2003), e bassi livelli di attività fisica (Allen & Armstrong, 2005; Bellavia & Frone, 2005; Grzywacz & Marks, 2001). Alti livelli di spillover possono anche ridurre il consumo di cibi sani o aumentare l’assunzione di cibi grassi, perché le lotte per bilanciare lavoro e sfera familiare possono ridurre il tempo a disposizione per preparare pasti sani (Allen & Armstrong, 2005; Devine, Connors, Sobal, & Bisogni, 2003). L’evidenza da studi di intervento mostra che politiche di lavoro flessibili che danno ai dipendenti il controllo dei loro orari possono ridurre il conflitto lavoro-famiglia e aiutare a promuovere comportamenti di salute migliori, come dormire di più e fare esercizio regolarmente (Moen, Kelly, Tranby, & Huang, 2011).

Mentre le prove dei legami con una salute peggiore continuano ad accumularsi, la misurazione è una sfida nella ricerca sui fattori di stress psicosociali perché in questione vi è la valutazione della situazione da parte del lavoratore, piuttosto che la presenza di un fattore di rischio oggettivamente misurabile come il basso stato occupazionale o l’esposizione all’amianto. Nel caso di esposizione psicosociale, la valutazione è ciò che collega l’ambiente di un lavoratore alla loro risposta fisiologica, rendendo i ricercatori dipendenti dai rapporti del lavoratore. Tuttavia, molti studi si sono basati su misure auto-dichiarate di queste condizioni di lavoro e di salute, sollevando preoccupazioni circa le caratteristiche non misurate che potrebbero spiegare un legame apparente tra l’esposizione e l’esito. I ricercatori hanno affrontato questa sfida con la misurazione oggettiva della salute, o assegnando agli individui un valore medio dell’esposizione psicosociale per i lavoratori nella loro categoria di occupazione/industria (esempio., Amick et al., 2002). Uno studio recente ha trovato alcune prove che l’attuale tensione lavorativa era associata a misure di cortisolo, un biomarcatore dell’attività dell’asse HPA che segna lo stress, anche se i recenti eventi di vita negativa e l’abuso infantile non vi erano associati (Holleman, Vreeburg, Dekker, & Penninx, 2012).

Uno studio che ha messo a confronto le misure oggettive della domanda di lavoro e del controllo, ottenuti dai valutatori esperti con le valutazioni degli intervistati di queste misure, ha rilevato che sia le richieste obiettive che quelle dichiarate erano associate alla depressione dei lavoratori, mentre solo il controllo auto-dichiarato mostrava un’associazione (Rau, Morling, & Rosler, 2010). Tuttavia, c’è spazio per una ricerca notevolmente maggiore per aiutarci a capire i punti di forza e i limiti delle diverse strategie di misurazione. Inoltre, è importante sviluppare metodi affidabili per misurare i rischi emergenti sul lavoro, come le esposizioni rilevanti per coloro che operano nel settore del telelavoro, o per coloro che sono impegnati anche al di fuori dell’orario di lavoro con i social media o le comunicazioni elettroniche per motivi di lavoro. Le misure della domanda nel modello della tensione lavorativa, per esempio, sono state sviluppate per applicarsi agli ambienti industriali, ma non possono essere i fattori più salienti nei posti di lavoro del settore dei servizi, e dovrebbero essere accompagnate da una più ampia gamma di misure delle condizioni di lavoro (Netterstrøm et al., 2008).

 

Rapporti causali, reciproci e spuri tra lavoro e salute

Fino a questo punto abbiamo insinuato che le esposizioni e le esperienze associate al lavoro influiscano sulla salute, la prospettiva spesso etichettata come “causalità della salute.” Tuttavia, un’altra prospettiva importante nelle scienze sociali si concentra sul rapporto inverso: la salute come risorsa personale che determina l’impegno e la qualità del lavoro retribuito, o “selezione della salute.” Gli individui con problemi di salute esistenti possono avere maggiori probabilità di essere assunti per un lavoro con cattive condizioni (Korpi, 2001; Schur, 2003), e i loro risultati in termini di salute potrebbero successivamente peggiorare a causa di precedenti deficit di salute, non a causa dell’esposizione a particolari condizioni di lavoro. Inoltre, lo status occupazionale e le condizioni di lavoro possono cambiare più volte nel corso della carriera e stabilire un ordine temporale tra queste esposizioni e i cambiamenti nella salute, man mano che i lavoratori invecchiano, è spesso difficile tramite i dati disponibili. Una preoccupazione correlata per i ricercatori è che le caratteristiche individuali non misurate, come il procrastinare le soddisfazioni, potrebbero portare sia a una scarsa storia lavorativa sia a una cattiva salute, ad esempio le condizioni di lavoro non sono una causa diretta di benessere (J. P. Smith, 1999). Un’altra caratteristica spesso non misurata, come la salute nei primi anni di vita, potrebbe anche anticipare sia il reddito da lavoro retribuito e sia la salute, creando un rapporto spurio tra queste caratteristiche in età adulta (Haas, 2006; Hayward & Gorman, 2004).

Per affrontare queste importanti preoccupazioni, alcuni ricercatori si sono interessati alla salute precoce o ad altre caratteristiche tipicamente non misurate, o hanno utilizzato dati longitudinali e modelli di modifica per eliminare l’effetto di caratteristiche individuali stabili difficili da misurare. Altri hanno esaminato le conseguenze sulla salute di shock relativamente esogeni all’occupazione. Ad esempio, gli studi hanno collegato lo spostamento di posti di lavoro a un rischio di mortalità più elevato anche tra coloro che hanno perso il lavoro in licenziamenti di massa e non a causa di problemi di salute o di altre caratteristiche individuali (Strully, 2009; Sullivan & von Wachter, 2009). Molti ricercatori hanno cominciato ad accettare un modello di causalità reciproca tra il lavoro ed altri aspetti della posizione socioeconomica come il guadagno da un lato e la salute dall’altro (Mulatu & Schooler, 2002). La direzionalità causale dell’associazione può variare nel corso della vita e in diverse condizioni di salute; quindi, rimane importante considerare i contributi della causalità del benessere, selezione del benessere e associazioni potenzialmente spurie nella valutazione dei legami tra lavoro e salute.

 

Tecniche e strumenti di consulenza psicologica sul disagio lavorativo e del cambiamento professionale

Corso Online – Docente: Manuela Morea

Tecniche e strumenti di consulenza psicologica sul disagio lavorativo ed il cambiamento professionale

 

Lavoro disuguale, salute disuguale? Disuguaglianza nelle carriere e tra le generazioni

La probabilità di essere impiegati con le condizioni che si preferiscono, di avere un lavoro di alto livello, di evitare una serie di esposizioni negative sul lavoro, e di avere la possibilità di una traiettoria di carriera positiva sono distribuiti in modo differenziato tra i gruppi sociali, rendendo il lavoro un settore importante che può amplificare le disparità di salute nella mezza età (Lipscomb, Loomis, McDonald, Argue, & Wing, 2006). Le identità sociali fondamentali in molte economie ricche che influenzano l’accesso a questi aspetti del lavoro sano includono il raggiungimento educativo, il gruppo razziale/etnico di appartenenza, condizione di immigrazione e il genere. Per esempio, a causa dei benefici materiali legati all’occupazione, le differenze nella probabilità di perdita del posto di lavoro o di disoccupazione tra i gruppi sociali svolgono un ruolo importante nel spiegare le disparità, per quanto riguarda la salute, che sono legate al reddito. I lavoratori meno istruiti e di minoranza sono spesso a maggior rischio di perdita del posto di lavoro e hanno difficoltà a trovare un nuovo impiego (Kletzer, 1998; Moore, 2010), anche se la perdita del lavoro e la precarietà stanno colpendo sempre più i lavoratori di status superiore in luoghi come gli Stati Uniti (Fullerton & Wallace, 2007).

Anche tra coloro che possono ottenere un’occupazione stabile, c’è disparità di accesso a un lavoro di alta qualità che offra salari adeguati e benefici aggiuntivi, ore e altri compensi (Kalleberg, 2011; Kalleberg, Reskin, & Hudson, 2000). In risposta ai principali cambiamenti macroeconomici e politici, dalla metà degli anni ’70 molte aziende nelle economie ricche hanno perseguito una maggiore flessibilità nei loro rapporti di lavoro, aumentando il divario tra i lavoratori principali e un gruppo più periferico di lavoratori che involontariamente o per scelta assumono contratti atipici. I lavoratori standard hanno contratti a tempo pieno con un orario fisso e con l’aspettativa di un’occupazione continuata, mentre il lavoro non standard comprende una serie di alternative, dai lavoratori a chiamata, al lavoro in agenzia interinale, a contratto indipendente. Alcuni studiosi includono anche il lavoro part-time in lavori altrimenti “convenzionali” e il lavoro autonomo come lavoro non standard (Kalleberg et al., 2000). Alcuni lavoratori non standard, in particolare quelli che lavorano part-time o per agenzie transitorie, guadagnano salari più bassi, ricevono meno benefici aggiuntivi e affrontano condizioni di lavoro peggiori, inclusa una maggiore precarietà (Kalleberg, 2011). Sebbene ci sia stata una valutazione relativamente scarsa della sua associazione con la salute e le associazioni sembrano variare a seconda della volontarietà e delle condizioni specifiche degli accordi, accordi di lavoro non standard sono stati collegati a un maggiore disagio psicologico e in alcuni studi, una salute fisica peggiore (Dooley & Prause, 2004; Virtanen et al., 2005). Le donne sono fortemente sovra rappresentate nel lavoro non standard, così come le minoranze e gli individui meno istruiti (Nollen, 1996), suggerendo la sua potenziale rilevanza per comprendere il contributo del lavoro pagato alle disparità di salute.

Al di là delle differenze contrattuali, prove considerevoli mostrano che i lavoratori meno avvantaggiati hanno maggiori probabilità di essere esposti a lavori fisicamente pericolosi (Lipscomb et al., 2006). Alcuni studi suggeriscono anche che i lavoratori provenienti da gruppi di status inferiore hanno una maggiore esposizione a fattori di stress psicosociale, poiché è più probabile che riportino un basso controllo o una tensione elevata sul lavoro (Brand, Warren, Carayon, & Hoonakker, 2007; Stradzins, D’Souza, Lim, Broom, & Rodgers, 2004). Al contrario, gli individui altamente istruiti possono raggiungere sia l’autonomia che alti livelli di creatività sul lavoro, entrambi associati a una migliore salute (Mirowsky & Ross, 2007). Tuttavia, i lavoratori più istruiti potrebbero essere a rischio relativamente maggiore di altri tipi di tensione psicosociale. Un argomento emerso di recente, l’ipotesi dello “stress da status più elevato”, suggerisce che alcune condizioni di lavoro precedentemente viste come risorse per i lavoratori, come l’autonomia o l’autorità, possono esacerbare la permeabilità tra lavoro e domini familiari. L’aumento della permeabilità può portare a livelli più elevati di ricadute o interferenze tra il lavoro e la famiglia, portando a livelli più elevati di tensione e ricadute negative e risultati sanitari potenzialmente peggiori (Glavin, Schieman, & Reid, 2011; Schieman, Milkie, & Glavin, 2009).

Il genere determina l’accesso a un lavoro sano in modi che a volte differiscono o modificano le influenze di altre identità sociali. Nonostante il rapido aumento della percentuale di donne statunitensi coinvolte nel lavoro retribuito nell’ultimo mezzo decennio, e in particolare la partecipazione delle madri alla forza lavoro retribuita (Bianchi & Milkie, 2010), le donne trascorrono ancora meno della loro età adulta in un lavoro a tempo pieno in molte economie ricche (DiNatale & Boraas, 2002; S. Jacobs, 1999). Questo vale anche al netto delle loro identità socioeconomiche, razziali, migratorie e di altro tipo, a causa della socializzazione differenziale di uomini e donne e della tradizionale divisione del lavoro intorno al mercato retribuito e al lavoro domestico non retribuito. Inoltre, le donne sono anche differenziate nei lavori all’interno della struttura occupazionale (Wooten, 1997), che porta a esposizioni differenziali sul lavoro e a un’esposizione totalmente variabile nel corso della carriera. Da un lato, le donne sono svantaggiate sul lavoro in molti modi, guadagnando meno degli uomini e occupando meno posizioni di alto livello in molte organizzazioni e occupazioni (Blau & Kahn, 1994; J. Jacobs & Gerson, 2005 e sono più comunemente in possesso di contratti di lavoro non standard (Kalleberg et al., 2000). Inoltre, le donne rimangono spesso le prime a prendersi cura delle famiglie, e quindi assumono un “secondo turno” di lavoro che può influenzare la salute (Hochschild & Machung, 2012). Tuttavia, le donne hanno meno probabilità degli uomini di ricoprire molti dei lavori fisicamente più pericolosi, e passano meno tempo totale al lavoro, il che può conferire un vantaggio alla salute delle donne (Leeth & Ruser, 2006; Oh & Shin, 2003). Mentre la composizione di genere della struttura occupazionale e le norme di genere sull’equilibrio tra lavoro e genitorialità continuano a cambiare, anche le disuguaglianze di genere generate dall’esposizione differenziale alle condizioni di lavoro si evolveranno.

Oltre all’esposizione differenziale a condizioni di lavoro dannose, alcuni studiosi hanno scoperto che le donne sembrano essere meno colpite dai problemi sul lavoro rispetto agli uomini (MacIntyre & Hunt, 1997), e hanno ipotizzato che le loro identità non sono così fortemente legate ai loro ruoli lavorativi come quelli degli uomini. Per esempio, gli studi hanno dimostrato che la relazione tra la partecipazione alla forza lavoro e la mortalità è più forte per gli uomini che per le donne (Krueger & Burgard, 2011). Tuttavia, altri hanno trovato che le donne erano più propense degli uomini ad avere conseguenze negative sulla salute mentale come risultato del senso di colpa che provano quando il lavoro si riversa sulla famiglia (Glavin et al., 2011), quindi l’effetto modificante del genere potrebbe dipendere dall’esposizione lavorativa e dal risultato di salute in questione.

Sebbene siano importanti nel breve periodo, tutte queste differenze nell’accesso a un lavoro sano possono aggravarsi nell’età adulta, con implicazioni per la persistenza o il cambiamento delle disparità di salute nel corso della carriera. Le opportunità di traiettorie occupazionali che offrono storie di lavoro stabili, il miglioramento dei profili salariali e dei benefici, e gli aumenti di status, condizioni di lavoro sicure e piacevoli sono determinate nella prima età adulta sulla base delle credenziali, delle abilità, delle prime prestazioni sul posto di lavoro, e della discriminazione del datore di lavoro, e le traiettorie divergono durante l’età adulta. Le teorie del vantaggio e dello svantaggio cumulativo elaborano come gli svantaggi iniziali possono rendere gli individui ineleggibili per le opportunità di avanzamento (Ferraro & Kelley-Moore, 2003), e come i punti di svolta negativi, come una perdita involontaria del lavoro, possono bloccare ulteriori progressi “segnando” i lavoratori in termini di traiettorie salariali e opportunità di rioccupazione in lavori simili (Gangl, 2006). Per esempio, la perdita del lavoro e i periodi di disoccupazione sono punti di svolta che possono creare differenze nelle risorse materiali a breve e lungo termine che sono importanti per la salute. Le conseguenze immediate includono la necessità di spendere qualsiasi risorsa, che già tende ad essere più bassa per i lavoratori meno avvantaggiati. L’interruzione della propria storia lavorativa può anche portare alla perdita dell’anzianità e vantaggi all’interno di una data azienda, alla perdita della copertura pensionistica e sanitaria e a traiettorie salariali più piatte che aggravano lo svantaggio sociale nel corso della carriera (Brand, 2006; Jacobson, LaLonde, & Sullivan, 1993).

Traiettorie di carriera sfavorevoli hanno dimostrato di predire il cambiamento di salute; uno studio ha mostrato un rischio di mortalità più alto per gli uomini che si sono spostati attraverso una serie di lavori non correlati e quelli che hanno avuto successo nelle promozioni all’inizio ma non più tardi nelle loro carriere, rispetto a quelli con traiettorie di carriera di successo più consistenti (Pavalko, Elder Jr., & Clipp, 1993). Altri studi hanno dimostrato che la mobilità verso il basso nella classe sociale occupazionale tra i 25 e i 50 anni era associata a una peggiore salute mentale auto-riferita negli uomini inglesi (Tiffin, Pearce, & Parker, 2005), e che tra i canadesi con un’istruzione universitaria, quelli che lavoravano in occupazioni per le quali erano sovra qualificati avevano un rischio significativo di declino nella loro salute autovalutata in un periodo di circa quattro anni (P. Smith & Frank, 2005). L’esposizione totale a condizioni negative da parte di coloro che non sono in grado di avanzare in posti di lavoro con condizioni di lavoro migliori nel corso della loro carriera potrebbe anche avere effetti sostanziali sulla salute; gli studi hanno mostrato collegamenti tra l’esposizione persistente a stress psicosociali sul lavoro e la salute mentale (Godin, Kittel, Coppieters, & Siegrist, 2005) e mortalità (Amick et al., 2002). Infine, le traiettorie delle esposizioni sul posto di lavoro possono condizionare i termini del pensionamento; i lavoratori meno avvantaggiati che hanno sopportato l’accumulo di esposizioni malsane hanno maggiori probabilità di andare in pensione perché diventano disabili e incapaci di lavorare (Hayward, Grady, Hardy, & Sommers, 1989), anche se possono avere più bisogno dei guadagni in tarda età perché non hanno avuto accesso ad ampie prestazioni pensionistiche.

L’influenza delle condizioni di lavoro sulla salute può estendersi oltre il singolo lavoratore ai suoi figli. La trasmissione intergenerazionale della salute potrebbe verificarsi se le esperienze fisiche o psicosociali dei genitori al lavoro vengono trasmesse ai loro figli, o se il lavoro dei genitori non offre una paga o benefici sufficienti per sostenere il benessere dei loro figli. C’è una notevole evidenza che le esposizioni fisiche, chimiche e psicosociali delle madri al lavoro possono influenzare lo sviluppo del bambino in utero, aumentando il rischio di problemi che potrebbero influenzare la salute dell’infanzia e della vita successiva (Wigle, 2008). Per esempio, fare lavori fisicamente impegnativi durante la gravidanza, compreso lo stare in piedi per lunghe ore durante il giorno e il sollevamento di oggetti pesanti, o lavorare di notte o con turni di lavoro, sono stati tutti collegati a nascite pretermine e a neonati di basso peso alla nascita. (Bonzini, Coggon, & Palmer, 2007; Cerón-Mireles, Harlow, & Sánchez-Carrillo, 1996; Mozurkewich, Luke, Avni, & Wolf, 2000; Saurel-Cubizolles et al., 2004). Inoltre, le donne che sono sottoccupate o che lavorano involontariamente a tempo parziale possono anche essere a maggior rischio di partorire neonati di basso peso. (Dooley & Prause, 2005) Forse un meccanismo ancora più ovvio che collega il lavoro alla salute nelle generazioni successive è quello delle risorse materiali. I genitori il cui lavoro offre un basso reddito e non offre l’accesso a una copertura assicurativa sanitaria di alta qualità possono non essere in grado di fornire una serie di risorse rilevanti per la salute di cui i loro figli hanno bisogno per una salute ottimale.

 

Fonte: articolo liberamente tradotto “Bad Jobs, Bad Health? How Work and Working Conditions Contribute to Health Disparities“, di Sarah A. Burgard and Katherine Y. Lin, su https://www. ncbi.nlm.nih. gov/pmc/ articles/PMC3813007/

Corsi correlati

Corso Online
65 ECM
Spedizione inclusa
Certificazione DBR (Deep Brain Reorienting)
La live si terrà il 18 marzo 2023
320€
o 53 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0