Il ruolo dei genitori nell’esperienza sportiva dei bambini e i programmi educativi nello sport

Autore: Sergio Costa
Sono uno psicologo di Roma specializzato nella psicologia dello sport, grazie a diversi Master e Corsi sulle tematiche dell'integrazione ... Leggi la Bio
esperienza sportiva dei bambini

La qualità educativa dell’esperienza sportiva dei bambini è fortemente influenzata dal modo in cui agiscono gli adulti che li circondano. Genitori e allenatori possono contribuire a rendere i luoghi ei tempi dello sport due dimensioni significative della loro esperienza educativa (Mantegazza, 1999).

L’esperienza sportiva dei bambini: coinvolgimento dei genitori

Il coinvolgimento dei genitori è un costrutto multidimensionale che si riferisce ai pensieri e alle emozioni associati alle attività dei bambini . Può manifestarsi attraverso il loro supporto e comportamenti di pressione (Leff & Hoyle, 1995; Stein, Raedeke & Glenn, 1999). Nel primo caso il comportamento è volto a facilitare l’esperienza sportiva dei bambini. Ed è legato a risultati positivi come il divertimento (Hoyle & Leff, 1997; Scanlan & Lewthwaite, 1986) e l’autonomia (Gagné, Ryan & Bargmann, 2003 ). Nel secondo caso l’atteggiamento è direttivo, controllante, condizionato da risultati che i genitori considerano importanti e associati a effetti negativi sui figli (Gould, Lauer, Rolo, Jannes & Pennisi, 2008; Smith, Smoll & Passer, 2002).

Quando parliamo di coinvolgimento dei genitori ci riferiamo al modo in cui questi influenzano le convinzioni e l’esperienza sportiva dei bambini. Avviene attraverso 3 dimensioni principali (Fredricks & Eccles, 2005):

  1. i modelli di ruolo,
  2. le convinzioni,
  3. il supporto emotivo.

Pressione e supporto

Tuttavia, secondo i risultati di un’indagine trasversale condotta da Dorsch, Smith e Dotterer (2016) sembrerebbe che la distinzione tra pressioni genitoriali e comportamenti di supporto non sia così chiara e lineare in termini di effetti positivi o negativi sui bambini. Ma è piuttosto legata al modo in cui i comportamento dei genitori vengono percepiti.

Ad esempio, sembrerebbe che la tempistica del comportamento dei genitori, la cosiddetta reattività  (Reis et al., 2004; Reis & Gable, 2015) e il contesto in cui si manifesta possano modificare la percezione e l’impatto che ha sui figli. Il comportamento dei genitori può essere percepito in modo diverso se si verifica prima, durante o dopo la competizione sportiva, o se si verifica nel contesto familiare o sportivo (Elliott & Drummond, 2017). Inoltre, il modo in cui viene interpretato il comportamento genitoriale potrebbe essere condizionato da alcune caratteristiche di genitori e figli. Tra queste emerge il genere, dove gli atleti di sesso maschile sembrano riferire livelli di pressione genitoriale percepita più elevati rispetto a quelli di sesso femminile (Gustafasson, Hill, Stenling & Wagnsson, 2016). O anche la qualità stessa della relazione genitore-figlio, che sembra influenzare positivamente l’esperienza sportiva dei bambini quando è centrata su dimensioni empatiche (Burgess, Knight & Melalieu, 2016).

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Per colmare questa lacuna, sono stati testati alcuni programmi di educazione dei genitori. Si parte dal presupposto che i genitori che seguono un proposta di apprendimento mirato possono modificare la qualità del loro coinvolgimento e, di conseguenza, avere un impatto sulla partecipazione sportiva dei loro figli.

Il programma di Dorch e colleghi per migliorare l’esperienza sportiva dei bambini

Partendo dalla teoria ecologica di Bronfenbrenner (1979), Dorch e colleghi (2016) hanno sviluppato un programma che potrebbe aumentare la motivazione dei bambini, ridurre la percezione di stress, avere esiti positivi, nonché salute e benessere. Migliorando così, in toto, l’esperienza sportiva dei bambini.

Gli autori hanno strutturato una guida per genitori sportivi e una serie di seminari basati su 7 aree differenti:

  1. la partecipazione allo sport giovanile: che ha focalizzato l’attenzione dei genitori sui motivi per cui i bambini praticano sport e sui motivi per cui lo abbandonano;
  2. il modello di sviluppo: che si è concentrato sui processi di sviluppo che i bambini attraversano durante la crescita nello sport giovanile;
  3. i tassi di partecipazione: per sottolineare quando i bambini fanno sport durante il periodo delle scuole superiori e dell’università;
  4. la comunicazione: che offriva ai genitori strategie per comunicare con i propri figli, con altri genitori e con gli allenatori nello sport;
  5. come lavorare con gli allenatori: dando ai genitori suggerimenti di atleti e allenatori su come e quando comunicare e offrire feedback;
  6. il comportamento dei genitori sportivi: che ha fornito ai genitori gli strumenti per essere coinvolti efficacemente nelle esperienze sportive dei propri figli;
  7. la genitorialità sportiva positiva: che si è concentrata su strategie genitoriali di supporto, soddisfacendo le esigenze emotive dello sport, creando relazioni sane e scegliendo ambienti sportivi appropriati per i bambini.

Working With Parents in Sport Model

Invece, secondo il modello sviluppato da Lafferty e Triggs (2014), ovvero il Working With Parents in Sport Model (WWPS), l’obiettivo del lavoro con i genitori è aumentare la loro capacità di supportare in modo proattivo i loro bambini nello sport. Attraverso i loro studi, i ricercatori sono arrivati ​​a delineare la connessione tra il comportamento dei genitori, in particolare il comportamento dei genitori negativo, e i potenziali problemi, analizzandoli attraverso 3 aree di pertinenza: 1) la conoscenza e la comprensione dei genitori, 2) il coinvolgimento emotivo, il controllo e la gestione delle emozioni e 3) la gestione del comportamento.

Ognuna di queste aree rappresenta una dimensione su cui attivare il lavoro formativo e favorire comportamenti genitoriali positivi. Per questo motivo il modello teorico è stato articolato dagli autori da un punto di vista pratico, secondo un approccio in 2 fasi che fornisce linee guida per i genitori di  figli sportivi:

  1. La prima fase, la condivisione delle informazioni, mira a migliorare la conoscenza dei genitori sullo sport, sulle procedure sportive, sulle relazioni, sui ruoli e sui risultati migliorando la comprensione del percorso e delle aspettative dei genitori;
  2. La seconda fase, la gestione del comportamento, mira a lavorare sulle capacità dei genitori di creare un ambiente sportivo positivo, capendo come le proprie reazioni emotive possano avere un impatto negativo sulle prestazioni e sui vissuti dei figli.

Le informazioni, i pensieri e le emozioni che la famiglia costruisce intorno all’esperienza sportiva dei bambini plasmano lo sport ogni giorno. Il ruolo dei genitori è un valore che influenza la partecipazione sportiva e per questo le relazioni che lo sport costruisce con il “fuori”, in termini di corresponsabilità educative, sono aspetti da chiarire e da porre al centro della formazione in ogni contesto sportivo.

 

Sei interessato ad approfondire i programmi educativi sui genitori nello sport?

Vuoi capire come organizzare gli incontri e lavorare con i genitori?

Scopri e acquista il corso:

Il ruolo dei Genitori nel contesto sportivo e non solo. Uno strumento pratico per lavorarci al meglio

 

Sergio Costa

Psicologo dello Sport

PhD in Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche

Preparatore Mentale FIT

https://www.sergiocostapsicologosport.com/

 

BIBLIOGRAFIA

Bronfenbrenner, U. (1979). Contexts of Child Rearing: Problems and Prospects. American Psychologist, 34, 1 844-850.

Burgess, N.S., Knight, C.J., & Mellalieu, S.D. (2016). Parental stress and coping in elite youth gymnastics: an interpretative phenomenological analysis. Qualitative Research in Sport, Exercise and Health, 8, 237-256.

Dorsch, T. E., Smith, A. L., & Dotterer, A. M. (2016). Individual, relationship, and context factors associated with parent support and pressure in organized youth sport. Psychology of Sport and Exercise, 23, 132–141.

Elliott, S.K., & Drummond, M.J.N. (2017). Parents in youth sport: what happens after the game? Sport Education and Society, 22, 3, 391-406.

Gagné, M., Ryan, R. M., & Bargmann, K. (2003). Autonomy support and need satisfaction in the motivation and well-being of gymnasts. Journal of Applied Sport Psychology, 15(4), 372–390.

Gould, D., Lauer, L., Rolo, C., Jannes, C., & Pennisi, N. (2008). The role of parents in tennis success: Focus group interviews with junior coaches. The Sport Psychologist, 22, 18–37.

Gustafsson H., Hill A.P., Stenling A., & Wagnsson, S. (2016). Profiles of perfectionism, parental climate, and burnout among competitive junior athletes. Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports, 26(10), 1256-64.

Hoyle, R.H., & Leff, S.S. (1997). The role of parental involvement in youth sport participation and performance. Adolescence, 32, 233–243.

Lafferty, M.E., & Triggs, C. (2014). The Working with Parents in Sport Model (WWPS model): A practical guide for practitioners working with parents of elite young performers. Journal of Sport Psychology in Action, 5(2), 117-128.

Leff, S.S., & Hoyle, R.H. (1995). Young athletes’ perceptions of parental support and pressure. Journal of Youth and Adolescence, 24, 187–203.

Mantegazza, R. (1999). Con la maglia numero 7. Le potenzialità educative dello sport nell’adolescenza. Unicopli, Roma.

Reis, H. T., Clark, M. S., & Holmes, J. G. (2004). Perceived partner responsiveness as an organizing construct in the study of intimacy and closeness. In D. J. Mashek & A. P. Aron (Eds.), Handbook of Closeness and Intimacy (pp. 211–236). Psychology Press.

Reis, H. T., & Gable, S. L. (2015). Responsiveness. Current Opinion in Psychology, 1, 67–71.

Tafuri, D., & Priore, A. (2020). Parenting in youth sport. Building family-sport educational partnership.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>