Infedeltà Online: è tradimento?

infedeltà online

L’infedeltà online ha portato nell’ultimo decennio ad un aumento della ricerca empirica che indaga le diverse forme di infedeltà su internet e gli effetti che queste attività online hanno sulle relazioni e sulle famiglie

Mentre internet “fornisce un ambiente unico per le persone per sperimentare e imparare le relazioni e la sessualità” (Whitty, 2008, p. 1837), offre anche maggiori opportunità per i partner di impegnarsi in comportamenti che possono essere considerati infedeli nel contesto di una relazione seria (Henline, Lamke & Howard, 2007).

Sebbene non siano ancora disponibili statistiche esatte sulla prevalenza dell’infedeltà su internet, alcuni ricercatori suggeriscono che i problemi di relazione legati a comportamenti problematici online sono diventati molto più frequenti (Hertlein & Piercy, 2008; Henline et al, 2007).

Una buona parte della letteratura sull’infedeltà su Internet si è finora concentrata sulla percezione e la definizione dell’infedeltà su Internet. Per esaminare gli atteggiamenti verso e le percezioni dell’infedeltà su Internet, molti studi hanno impiegato scenari ipotetici di infedeltà (compresi compiti proiettivi di completamento della storia, ad esempio Cravens & Whiting, 2015; Whitty 2005) e liste prestabilite di comportamenti (ad esempio Nelson & Salawu, 2017; Hackathorn, 2009).

I risultati forniti da questi studi mostrano che, come per l’infedeltà offline, sia i comportamenti emotivi (ad esempio, appuntamenti online, flirt online) che quelli sessuali online (cybersex, scambio di immagini sessuali di sé, uso di pornografia online) possono essere percepiti come infedeltà dai partner nella relazione (Hertlein & Webster, 2008; Hertlein & Piercy, 2006; Whitty, 2003).

Limiti degli studi effettuati finora sull’infedeltà online

Tuttavia, le percezioni e le esperienze dei campioni di studenti utilizzati in molti di questi studi (per esempio Cravens & Whiting, 2015) non sono rappresentativi di quelli di altre fasce di età e dei partner in relazioni a lungo termine.

Inoltre, le liste prestabilite non permettono agli intervistati di definire da soli ciò che costituisce l’infedeltà su internet e la ricerca che utilizza scenari ipotetici può solo fornire un’idea limitata di come l’infedeltà su internet sia percepita e definita in situazioni reali.

Inoltre, c’è una notevole variabilità individuale nel modo in cui viene definita l’infedeltà su internet – ciò che è visto come accettabile o inaccettabile può variare da persona a persona e da situazione a situazione (Moller & Vossler, 2014; Shaugnessy, Byers & Thornton, 2011; Henline et al., 2007).

Quindi ci sono seri interrogativi sul modo in cui le percezioni e le definizioni dell’infedeltà su internet sono state concettualizzate e studiate nella ricerca precedente.

Obiettivi dello studio

Il primo obiettivo

Il primo obiettivo di questo studio è stato quindi quello di contribuire ad una concettualizzazione più valida di questo fenomeno chiedendoapertamente alle persone con esperienza reale di infedeltà su internet le loro percezioni/definizioni di infedeltà online.

Oltre alla letteratura pubblicata sulle percezioni/definizioni e sui fattori di vulnerabilità per l’infedeltà su Internet (per esempio Cooper, 2000, 2002; Hertlein & Stevenson, 2010; Hertlein & Blumer, 2014), ci sono pochi studi che si sono concentrati su come vengono vissuti questi “online affairs”, cioè il comportamento effettivo e il suo impatto (per esempio l’esplorazione etnografica di Mileham (2007) sull’infedeltà online nelle chat di Internet).

Di queste poche pubblicazioni, tre studi si sono concentrati sulle esperienze dei partner riceventi infedeltà su Internet e hanno fornito prove dell’effetto potenzialmente negativo degli “online affairs” sulle relazioni di coppia e familiari (Cavaglion & Rashty, 2010; Cravens, Leckie & Whiting, 2013; Schneider, Weiss, & Samenow, 2012).

Tuttavia, questi studi condividono diverse limitazioni metodologiche

Le dimensioni relativamente piccole del campione (Schneider et al., 2012) e la natura selettiva dei campioni (ad esempio i partecipanti reclutati attraverso siti web specifici per le “vittime”, Cavaglion & Rashty, 2010) limitano entrambi la generalizzabilità dei risultati.

Gli studi che hanno raccolto dati dai siti internet mancano anche di informazioni rilevanti sulle caratteristiche demografiche dei partecipanti (sesso, età, ecc.).

Infine, le ricerche incentrate sugli effetti di una specifica forma di infedeltà su Internet (ad esempio le attività su Facebook, Cravens et al., 2013) potrebbero non portare a risultati che siano rappresentativi di altri tipi di tradimento online.

Il secondo obiettivo

Il secondo obiettivo di questo studio è stato quindi quello di estendere la ricerca esistente e impiegare un approccio più ampio, ad esempio coprendo diversi tipi di infedeltà online e utilizzando un campione più grande, per esaminare le esperienze reali (rispetto a quelle ipotetiche) di infedeltà su internet in un contesto britannico.

Il focus sul Regno Unito è stato scelto perché si può supporre che ci siano differenze nel modo in cui l’infedeltà è concettualizzata nelle diverse culture (Gerson, 2011; Scheinkman, 2005).

 

Metodo

Per questo studio è stata adottata una metodologia di sondaggio online in quanto questo metodo protegge l’anonimato dei partecipanti e allo stesso tempo facilita la risposta aperta quando l’argomento della ricerca è sensibile (Braun & Clarke, 2013).

Partecipanti

I partecipanti sono stati reclutati attraverso il pool di iscritti alla Open University (studenti, ex allievi e membri del pubblico che hanno firmato per partecipare volontariamente alla ricerca psicologica) e pubblicizzando lo studio sui siti web dell’università e attraverso i media nazionali (giornali).

La parte quantitativa dell’indagine è stata completata da 282 persone. 43 di queste non hanno riportato alcuna esperienza personale di infedeltà su internet e sono state escluse da ulteriori analisi. A coloro che hanno risposto “sì” alla domanda sull’esperienza personale di infedeltà su internet è stato poi chiesto di “descrivere la sua esperienza con il maggior numero di dettagli possibile“.

L’analisi di questi dati ha rivelato che 79 persone hanno riferito di essere state coinvolte nell’infedeltà su Internet. Questi dati non sono inclusi nella presente analisi.

Il campione rimanente consisteva in 160 persone che hanno dichiarato che il loro partner aveva commesso infedeltà su internet.  Il 70% ha fornito almeno alcune risposte alle domande aperte sulla loro esperienza dell’infedeltà del loro partner su Internet.

L’analisi dei dati demografici forniti ha mostrato che la maggior parte del campione era bianca (92%), femmina (87%), eterosessuale (81%) e viveva nel Regno Unito (87%) e l’età media riportata era di 41 anni. La maggior parte (61%) ha riferito di avere una relazione seria. La durata media della relazione era di 12,4 anni.

 

Misure

Per suscitare le percezioni e le definizioni dei partecipanti sulle attività online infedeli, l’indagine è iniziata con una risposta aperta di tipo free-text

-“Quali comportamenti o attività online consideri “infedeli” nel contesto di una relazione impegnata?” –

A questa ha seguito la Online Activity Checklist (OACL), sviluppata appositamente per questo studio. L’OACL è una lista di 21 attività e comportamenti online che potrebbero essere percepiti come problematici dai partner nella relazione. Si basa su ricerche precedenti, in particolare sulla lista delle denominazioni di comportamenti online “infedeli” da parte dei partecipanti allo studio di Henlein et al. (2007) e sul questionario sull’infedeltà in internet costruito da DuncanMorgan e Duncan (2007) e copre una vasta gamma di attività online, dalle attività sessuali online (cybersex) al coinvolgimento emotivo con un contatto online e alla visione segreta di immagini sessuali. Ai partecipanti è stato chiesto di rispondere su una scala Likert a 5 passi.

Per ogni attività due domande:

1) quanto è probabile che vedano questa attività/comportamento come infedeltà (da 1 “Decisamente non infedeltà” a 5 “Decisamente infedeltà”).

2) in che misura potrebbe essere angosciato qualcuno in una relazione seria se scoprisse che il suo partner sta facendo questo (da 1 “Per niente angosciato” a 5 “Estremamente angosciato”).

Dopo l’OACL, ai partecipanti è stato chiesto di descrivere la loro esperienza di infedeltà su Internet in una seconda casella di testo a risposta aperta

 – “Lei ha indicato di aver sperimentato l’infedeltà su Internet – Può per favore descrivere la sua esperienza con quanti più dettagli possibile?”-

Infine, ai partecipanti è stato chiesto di fornire alcune informazioni demografiche (ad esempio, sesso, età, etnia, ma nessuna informazione di identificazione personale), nonché (in un ulteriore controllo di validità) di valutare l’importanza della monogamia per una relazione seria.

Discussione

Questo studio ha fornito dati sulle percezioni e le esperienze di coloro i cui partner hanno commesso infedeltà su internet.

Con gran parte della letteratura precedente nell’area focalizzata su popolazioni di giovani adulti del college e utilizzando scenari ipotetici (ad esempio Cravens & Whiting, 2015; Nelson & Salawu, 2017), l’obiettivo di questo studio è stato quello di estendere la ricerca attuale fornendo un campione sostanziale (N=160) di adulti maturi con lunghe storie di relazione (lunghezza media della relazione oltre 12 anni) e l’effettiva esperienza personale del fenomeno in studio.

Risultati dei dati quantitativi: una novità sulla gelosia delle donne

Nei dati quantitativi, i partecipanti, per lo più donne (87%), erano più propensi a definire i comportamenti sessuali come infedeltà rispetto ai comportamenti indicativi di impegno emotivo.

Questo va in contraddizione con una lunga tradizione di ricerca di psicologia evolutiva sulla gelosia che sostiene che mentre gli uomini sono più preoccupati dall’infedeltà sessuale, le donne tendono ad essere più preoccupate dall’infedeltà emotiva (Hackathorn, 2009; anche se si veda Carpenter, 2012, per un argomento opposto).

Inoltre, e in linea con la ricerca precedente (Henlein et al., 2007), le valutazioni quantitative dell’angoscia potenzialmente causata da attività infedele su internet  suggeriscono che le attività online (come il partner che “passa tutto il suo tempo libero a chattare con altre persone in stanze di chat”, item 14 dell’OACL) possono evocare angoscia anche se qualcuno non è sicuro che il comportamento costituisca infedeltà.

Risultati dei dati qualitativi

I ricchi dati qualitativi dei partecipanti che hanno realmente sperimentato l’infedeltà (piuttosto che rispondere a scenari ipotetici) suggeriscono che i partecipanti hanno tipicamente fornito definizioni sfaccettate dell’infedeltà su internet che includevano non solo l’infedeltà sessuale ed emotiva, ma anche l’idea che l’infedeltà è definita da elementi segretezza, inganno e tradimento.

Come tale, lo studio si accorda con i risultati di Moller e Vossler (2014) che per coloro che lo sperimentano, l’infedeltà è definita in modo più ampio e fluido (ad esempio, una serie di diverse definizioni di infedeltà può essere vista come ugualmente valida) rispetto a quanto suggerito da studi precedenti con liste prestabilite di comportamenti di infedeltà.

L’analisi suggerisce anche che le definizioni sono influenzate dall’esperienza e dalla prospettiva di chi le definisce (in questo studio tutti i partecipanti erano partner di qualcuno che, secondo il loro rapporto, ha avuto una relazione online).

Internet confonde comportamenti, spazi e identità online

Inoltre, i risultati suggeriscono che Internet può creare una notevole confusione tra i partner della relazione su ciò che “conta” come infedeltà (con le coppie spesso in disaccordo sul fatto che certi comportamenti online costituiscano o meno infedeltà).

Ciò che emerge dai dati qualitativi è che i comportamenti, gli spazi e le identità online confondono e di conseguenza destabilizzano la relazione di coppia, perché rendono più difficile etichettare i comportamenti online come infedeltà. Ciò fornisce però una potenziale spiegazione del perché i partecipanti hanno visto internet come un modo di potenziare dell’infedeltà.

Questa percezione è importante perché mentre ad oggi mancano ricerche sulla prevalenza e la frequenza dell’infedeltà su internet nella popolazione, alcuni ricercatori hanno suggerito che i tradimenti online possono essere sempre più comuni (Hertlein & Piercy, 2008; Henline et al., 2007).

Risultati vecchi e nuovi

Alcuni dei risultati dello studio sull’esperienza dell’infedeltà su internet confermano le ricerche precedenti. Per esempio, questo studio conferma ulteriormente che l’esperienza dell’infedeltà online è altrettanto angosciante e potenzialmente dannosa o di fine rapporto quanto l’infedeltà faccia a faccia (Jain & Sen, 2018).

Altri risultati dello studio, tuttavia, erano in contrasto con le ricerche precedenti, come l’attuale scoperta che l’infedeltà emotiva non è valutata come più angosciante per i partner rispetto ai comportamenti di infedeltà sessuale (Buss et al., 1999; Henlein et al., 2007).

 

Nuove considerazioni da non sottovalutare

In primo luogo, l’analisi qualitativa ha anche evidenziato nuovi risultati che sono specifici per l’infedeltà online (rispetto all’infedeltà offline). Per esempio, i risultati suggeriscono che molti partner della coppia fanno fatica a definire chiaramente se i comportamenti online sono infedeltà “reale” o virtuale e quindi non veramente infedeltà.

In secondo luogo, la scoperta che l’ubiquità dei dispositivi wireless può significare che gli online affairs avvengono nello spazio/casa della coppia, facendo eco ai problemi specifici di privacy del “tradimento nel cyberspazio” discussi da Gerson (2011), suggerisce che le interazioni online potenzialmente minano la nozione stessa che esiste una coppia/casa/territorio privato definito. Questo può lasciare i partner con una profonda sensazione di disagio perché la privacy della propria casa sembra aperta alla violazione.

In terzo luogo, i dati suggeriscono che la facilità con cui gli individui online possono mascherare aspetti della loro identità o del loro stato di relazione, così come il potenziale offerto online per esplorare nuovi comportamenti/aspetti del sé, crea confusione sulle identità “reali”. del partner “che tradisce”.

La destabilizzazione dell’identità del partner può mettere profondamente in discussione la storia e l’identità della coppia per il. partner che la riceve e aggravare i suoi sentimenti di tradimento e perdita. “La persona che ha fatto queste cose online era il partner che ho. da più di 20 anni o un estraneo?” Quando gli individui lottano per trovare risposte ragionevoli a questo tipo di domande, possono avere. difficoltà a trovare una chiusura e ad andare avanti.

 

Limitazioni dello studio infedeltà online

Una limitazione dello studio è il campione, che era prevalentemente femminile, bianco, eterosessuale, con un’età media di 41 anni, e quindi non rappresentativo della popolazione in generale. Per esempio, per questo gruppo la monogamia era importante, con il 93% che diceva che. era “importante” o “molto importante”.

Il sondaggio britannico National Surveys of Sexual Attitudes and Lifestyles ha rilevato che nel 2012 il numero di uomini che hanno risposto. che la “non esclusività nel matrimonio” era “sempre sbagliata” era del 63% per gli uomini mentre per le donne era del 70% (Mercer et al. 2013). Il campione di questo studio è quindi negativamente orientato all’infedeltà.

Inoltre, il campione non sembra rappresentativo di sottopopolazioni con atteggiamenti più rilassati verso la monogamia. come gli adulti più giovani o le minoranze sessuali che hanno potenzialmente atteggiamenti diversi verso la monogamia e quindi l’infedeltà. (Moors, Rubin, Matsick, Ziegler & Conley 2014).

Per esempio, un recente studio statunitense basato su quasi 9.000 giovani adulti single ha trovato prove di una crescente accettazione. della non-monogamia consensuale in questa popolazione (Haupert, Gesselman, Moors, Fisher & Garcia, 2016).

Una seconda potenziale limitazione riguarda il questionario, l’Online Activity Checklist, che era nuovo e le cui proprietà psicometriche e. quindi l’affidabilità e la validità non hanno ancora riscontri statistici.

 

Implicazioni cliniche infedeltà online

Ci sono prove che le questioni derivanti dall’uso della tecnologia digitale, compresa l’infedeltà su internet, sono diventate un problema. comune nella pratica della consulenza e della terapia di relazione (ad esempio Cravens & Whiting, 2015; McArthur & Twist, 2017).

Sulla base dei risultati di questo studio, l’infedeltà su internet sembra più difficile da definire per i partner nella relazione e. può quindi essere più confusa e sconvolgente per chi ne è colpito rispetto all’infedeltà faccia a faccia.

Questi risultati indicano la necessità per gli operatori di considerare gli aspetti specifici di questa forma di infedeltà e adattare il. loro lavoro terapeutico di conseguenza quando si trovano di fronte a clienti che presentano questo problema.

Suggerimenti di intervento

Per esempio, la valutazione clinica potrebbe includere di routine domande sull’uso (problematico) delle tecnologie digitali e di. internet e i clinici possono aiutare i loro pazienti a esplorare le loro percezioni e la loro comprensione delle attività online “appropriate” o. “inappropriate” e stabilire dei limiti rilevanti per le loro relazioni.

Come metodo per facilitare queste negoziazioni di confine, Cravens e Whiting (2015) suggeriscono che i professionisti potrebbero. incoraggiare ogni partner a produrre separatamente una lista di attività online che ritengono problematiche e confrontarla con. la lista del loro partner.

Implicazioni per la ricerca futura infedeltà online

1.Generalizzabilità

Nonostante gli “avvertimenti” circa l’aumento dei comportamenti problematici online, non ci sono ancora dati affidabili disponibili. sulla prevalenza dell’infedeltà su internet nel pubblico in generale e nei diversi gruppi di età e sesso/orientamento sessuale.

Per esaminare la frequenza, le forme e l’impatto dell’infedeltà su internet nella popolazione generale, sono necessarie indagini. rappresentative per colmare questa lacuna.

 

2.Specificità di gruppi di popolazione

Inoltre, la ricerca futura dovrebbe anche indagare su specifici gruppi di popolazione, per esempio i giovani o i diversi gruppi di. orientamento sessuale, con la loro comprensione e le loro pratiche potenzialmente diverse intorno alla tecnologia digitale, alle relazioni e. all’infedeltà online.

 

3.La prospettiva del partner che tradisce

Un’altra area che ha bisogno di ulteriori ricerche sono la prospettiva e le esperienze di coloro che si impegnano attivamente nei. tradimenti online. Mentre la maggior parte della ricerca finora si è concentrata sull’esperienza del partner ricevente (Shani & Swasti,. 2018), Mileham (2007) è stato in grado di mostrare che per alcune persone il tradimento online sembra offrire un modo sicuro per. vivere una forma di “poligamia elettronica” pur mantenendo le loro relazioni primarie monogame e non sentendo di tradire nessuno. (“Non è tradimento …è tutto nella tua testa”, p.20).

La ricerca futura potrebbe approfondire la comprensione delle motivazioni e della mentalità dei partner che si impegnano nell’infedeltà su internet.

 

4.Il trattamento specifico per l’infedeltà online

Infine, mentre i tradimenti online sono ora problemi comuni nella pratica della consulenza e della terapia di coppia, c’è ancora una. mancanza di valutazione sistematica dei programmi di trattamento dell’infedeltà su internet.

La poca ricerca pubblicata focalizzata sul trattamento dell’infedeltà su internet riguarda principalmente le percezioni e le esperienze dei terapeuti americani sul loro lavoro con questo problema. Jain e San (2018) invitano “ricercatori e terapeuti a lavorare in modo collaborativo per ideare i migliori modelli di trattamento per l’infedeltà su internet” (p. 40).

C’è un chiaro bisogno di indagare su come sostenere terapeuticamente gli individui e le coppie che sperimentano problemi derivanti dall’infedeltà su internet.

 

Conclusioni infedeltà online

Con questo articolo ti abbiamo mostrato le recenti scoperte rispetto alle diverse percezioni e conseguenze del tradimento online e i suggerimenti di trattamento che la ricerca suggerisce in questi casi.

Dalla tua esperienza professionale, come pensi venga vissuto questo tipo di tradimento dal partner “ferito” e quali implicazioni comporta nella coppia?

Quali pensi possano essere inoltre le diverse o ulteriori strategie e strumenti per poter affrontare questo tema in terapia?

😀 Saremmo entusiasti di avere la tua opinione professionale sul tema!

Condividi con noi la tua esperienza, lasciandoci un commento nel box qui sotto ⤵️

 

 

Vuoi saperne di più su come intervenire sull’Infedeltà nella Coppia?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso su:

L’intervento clinico sull’Infedeltà nella Coppia

L'intervento clinico sull'Infedeltà nella Coppia

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Vossler, Andreas & Moller, Naomi. (2019). Internet Affairs: Partners’ Perceptions and Experiences of Internet Infidelity. Journal of Sex & Marital Therapy. https://www.researchgate.net/ publication/335664626_Internet_Affairs_Partners’_Perceptions_and_Experiences_of_Internet_Infidelity

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>