INSPIRE: sette strategie per porre fine alla violenza contro i bambini

L‘Oms stima che a livello globale nell’ultimo anno quasi un1 miliardo di minori di età compresa tra 2 e 17 anni abbiano subito violenze o negligenze fisiche, sessuali o emotive, l’impatto sulla salute e il benessere di chi l’ha subita può avere pensati ricaduta per tutta la vita.

Nel 2016 si è registrato un vero record: sono stati 5.383 i minori vittima di violenza, non solo sessuale; si tratta di circa 15 bambini ogni giorno. In sei casi su dieci si tratta di bambine.

Il denominatore comune della violenza sui minori è un rapporto cosciente o inconscio di stru­mentalizzazione del bambino da parte del mondo adulto, reso possibile dalla superiorità fisica o psichica dell’adulto, dal quale la vita del bambino dipende.

L’ Oms descrive sei principali tipi di violenza interpersonale che tendono a verificarsi in fasi diverse dello sviluppo di un bambino.

  1. Il maltrattamento (compresa la punizione violenta) implica violenza fisica, sessuale e psicologica / emotiva; trascuratezza di neonati, bambini e adolescenti da parte di genitori, operatori sanitari e altre figure di autorità, più spesso a casa, ma anche in strutture come scuole e orfanotrofi.
  2.  Il bullismo (compreso il cyberbullismo) è un comportamento aggressivo indesiderato di un altro bambino o di un gruppo di bambini che non sono né fratelli né in una relazione romantica con la vittima. Comporta ripetuti danni fisici, psicologici o sociali e spesso si svolge nelle scuole e in altri ambienti in cui i bambini si riuniscono e online.
  3. La violenza giovanile è concentrata tra i bambini e i giovani di età compresa tra 10 e 29 anni, si verifica più spesso in contesti comunitari tra conoscenti e sconosciuti.
  4. La violenza domestica implica violenza fisica, sessuale ed emotiva da parte di un partner intimo o ex-partner.
  5. La violenza sessuale include il contatto sessuale non consensuale completato o tentato e atti di natura sessuale che non comportano contatto (come voyeurismo o molestie sessuali); atti di traffico sessuale commessi contro qualcuno che non è in grado di acconsentire o rifiutare; e lo sfruttamento online.
  6. La violenza emotiva o psicologica include la limitazione dei movimenti di un bambino, denigrazione, ridicolo, minacce e intimidazioni, discriminazione, rifiuto e altre forme non fisiche di trattamento ostile.

La violenza contro i bambini ha un impatto per tutta la vita sulla salute e il benessere di chi l’ha subita, della famiglia, della comunità e della società intera, ma la violenza può essere prevenuta. 

Per questo motivo l’obiettivo 16.2 dell’Agenda 2030 dell’Oms per lo sviluppo sostenibile è “porre fine all’abuso, allo sfruttamento, alla tratta e a tutte le forme di violenza e tortura nei confronti dei bambini e dei minori”.

Sotto la guida dell’Oms, un gruppo di 10 agenzie internazionali ha sviluppato e approvato un pacchetto di misure chiamato INSPIRE, in tutto sette strategie per porre fine alla violenza contro i bambini.    

Ogni lettera della parola INSPIRE rappresenta una delle strategie, e la maggior parte ha dimostrato di avere effetti preventivi su diversi tipi di violenza, oltre a benefici in settori come la salute mentale, l’educazione e la riduzione della criminalità.

Le sette strategie sono: 

  • Implementation and enforcement of laws: attuazione e l’applicazione delle leggi (ad esempio, il divieto di disciplina violenta e limitando l’accesso a alcool e armi da fuoco); 
  • Norms and values: norme e valori cambiano (per esempio, modificando le norme che perdonano l’abuso sessuale delle ragazze o il comportamento aggressivo tra i ragazzi); 
  • Safe environments: ambienti ripuliti (come l’identificazione di quartiere “punti caldi” per la violenza e poi affrontare le cause locali attraverso una politica che risolva i problemi e altri interventi); 
  • Parent and caregiver support: parenti e il sostegno del caregiver (ad esempio, fornendo formazione dei genitori per i giovani, i genitori di prima volta); 
  • Income and economic strengthening: risultati e rafforzamento economico (come la microfinanza e la formazione sull’equità di genere); 
  • Response and support services: servizi a disposizione (per esempio, garantire che i bambini che sono esposti alla violenza possono accedere efficaci cure d’emergenza e di ricevere un adeguato sostegno psico-sociale); 
  • Education and life skills: istruzione e abilità per la vita (come garantire che i bambini frequentano la scuola, e fornendo la vita e le competenze sociali di formazione).

Fonte

Quotidiano Sanità

Condizione Professionale

Seleziona la tua provincia

La tua Regione

Privacy Policy

1 responses on "INSPIRE: sette strategie per porre fine alla violenza contro i bambini"

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Certificati di partecipazione
Ogni corso rilascia l'attestato di partecipazione

Corsi ondemand sempre tuoi
Saranno tuoi a vita, sempre accessibili nella tua mediateca personale

Dove vuoi, quando vuoi
Corsi ondemand e webinar fruibili da pc, tablet e smartphone

Qualità garantita
Un'offerta formativa di alta qualità, pratica, spendibile, modulare

© 2012-2018 Tutti i diritti riservati. Psicologi @ Lavoro è di proprietà di Liquid Plan srl, p.iva 11818651009

Possiamo aiutarti?

Compila i seguenti campi per contattarci in caso di dubbi o problemi con i nostri servizi.

 

Grazie!
Ti ricontatteremo via email.