Accedi

L’importanza delle nonne nella vita dei loro nipoti

L'importanza delle nonne nella vita dei loro nipoti

Molte persone piuttosto fortunate da essere cresciute con nonne affettuose, sanno che le nonne possono migliorare lo sviluppo di un bambino in modi unici e preziosi. Ora, per la prima volta, gli scienziati hanno scansionato il cervello delle nonne mentre guardano le foto dei loro nipoti, fornendo un’istantanea neurale di questo speciale legame intergenerazionale.

Proceedings of the Royal Society B pubblica il primo studio per esaminare la funzione cerebrale delle nonne, condotto da ricercatori della Emory University.

Quello che salta fuori,  veramente, nei dati è l’attivazione nelle aree del cervello associate con l’empatia emotiva“, dice James Rilling, professore di antropologia della Emory e autore principale dello studio.

Questo suggerisce che le nonne sono orientate a sentire ciò che i loro nipoti si sentono quando interagiscono con loro. Se il loro nipote sta sorridendo, stanno sentendo la gioia del bambino. E se il loro nipote sta piangendo, stanno sentendo il dolore e l’angoscia del bambino“.

Mentre, lo studio ha scoperto che quando le nonne visualizzano immagini del loro figlio adulto, mostrano un’attivazione più forte in un’area del cervello associata all’empatia cognitiva. Questo indica che possono cercare di capire cognitivamente ciò che il loro figlio adulto sta pensando o sentendo e perché, ma non così tanto da un punto di vista emotivo.

I bambini piccoli hanno probabilmente evoluto dei tratti che gli permettono di creare delle attivazione non solo nel cervello materno, ma anche nelle nonne“, dice Rilling.

Un bambino adulto non ha lo stesso “fattore” carino, quindi potrebbe non suscitare la stessa risposta emotiva“.

I co-autori dello studio sono Minwoo Lee e Amber Gonzalez.

Posso relazionarmi personalmente a questa ricerca perché ho passato molto tempo a interagire con entrambe le mie nonne“, dice Lee. “Ricordo ancora con calore i momenti che ho passato con loro. Erano sempre così accoglienti e felici di vedermi. Da bambino, non capivo bene perché“.

È relativamente raro, aggiunge Lee, per gli scienziati studiare il cervello umano anziano al di fuori dei problemi della demenza o di altri disturbi dell’invecchiamento.

Qui, stiamo evidenziando le funzioni cerebrali delle nonne che possono giocare un ruolo importante nella nostra vita sociale e nello sviluppo“, dice Lee. “È un aspetto importante dell’esperienza umana che è stato in gran parte lasciato fuori dal campo delle neuroscienze“.

Il laboratorio di Rilling si concentra sulle basi neurali della cognizione sociale e del comportamento umano. La maternità è stata ampiamente studiata da altri neuroscienziati. Rilling è un leader nella ricerca delle meno esplorate neuroscienze della paternità.

Le nonne che interagiscono con i nipoti hanno offerto un nuovo territorio neurale.

Le prove emergenti dalle neuroscienze portano verso un sistema globale di cura dei genitori nel cervello“, dice Rilling. “Abbiamo voluto vedere come le nonne potrebbero inserirsi in questo schema“.

Gli esseri umani sono educatori cooperativi, il che significa che le madri vengono aiutate a prendersi cura della loro prole, anche se le fonti di questo aiuto variano sia tra le società che al loro interno.

Spesso diamo per scontato che i padri siano i caregiver più importanti accanto alle madri, ma questo non è sempre vero“, dice Rilling. “In alcuni casi, le nonne sono l’aiuto principale“.

Infatti, l’“ipotesi della nonna” sostiene che la ragione per cui le femmine umane tendono a vivere a lungo oltre i loro anni riproduttivi è perché forniscono benefici evolutivi alla loro prole e ai loro nipoti. Le prove a sostegno di questa ipotesi includono uno studio sul popolo tradizionale Hadza della Tanzania, dove il raccolto delle nonne migliora lo stato nutrizionale dei loro nipoti. Un altro studio sulle comunità tradizionali ha mostrato che la presenza delle nonne diminuisce gli intervalli intergenerazionali delle loro figlie e aumenta il numero di nipoti.

E nelle società più moderne, si stanno accumulando prove che le nonne positivamente impegnate sono associate a bambini che hanno risultati migliori su una serie di misure, tra cui accademico, sociale, comportamento e salute fisica.

In questo studio, i ricercatori hanno voluto capire il cervello delle nonne sane e come questo può riguardare i benefici che forniscono alle loro famiglie.

I Nonni, risorsa indispensabile in Famiglia e in Terapia, con Maurizio Andolfi

I Nonni, risorsa indispensabile in Famiglia e in Terapia, con Maurizio Andolfi

 

I 50 partecipanti allo studio hanno completato questionari sulle loro esperienze come nonne, fornendo dettagli su come e quanto tempo trascorrono con i loro nipoti, le attività che fanno insieme e quanto affetto sentono per loro i nipoti.

Le funzioni cerebrali sono state studiate mediante risonanza magnetica funzionale (fMRI): mentre guardavano le immagini del loro nipote;un bambino sconosciuto; il genitore dello stesso sesso del nipote e un adulto sconosciuto.

I risultati hanno mostrato che, durante la visualizzazione delle immagini dei loro nipoti, la maggior parte delle partecipanti hanno mostrato un’ attività maggiore nelle aree cerebrali coinvolte con l’empatia emotiva e il movimento, rispetto a quando stavano visualizzando le altre immagini.

Le nonne che mostravano una più fortemente attivazione  nelle aree coinvolte con l’empatia cognitiva quando visualizzavano le immagini del loro nipote, hanno riferito nel questionario che desideravano un maggiore coinvolgimento nella cura del nipote.

Infine, rispetto ai risultati di uno studio precedente del laboratorio Rilling sui padri che guardavano le foto dei loro figli, le nonne hanno mostrato una più fortemente attivazione nelle regioni coinvolte con l’empatia emotiva e la motivazione, in media, quando guardavano le immagini dei loro nipoti.

“I nostri risultati si aggiungono alla prova che sembra esserci un sistema globale di cura parentale nel cervello, e che le risposte delle nonne ai loro nipoti si collegano ad esso”, dice Rilling.

Un aspetto particolarmente gratificante del progetto per Rilling è stato intervistare personalmente tutti i partecipanti. “È stato divertente”, dice. “Volevo farmi un’idea delle ricompense e delle sfide dell’essere nonna”.

La sfida principale che molte di loro hanno riferito, era quella di provare a non interferire quando erano in disaccordo con i genitori su come i loro nipoti venivano educati e quali valori dovrebbero passare loro.

“Molte nonne hanno affermato che erano felici sin non doversi confrontare con i problemi di tempo e finanziari che avevano quando crescevano i loro figli”, dice Rilling.

“Riescono a godersi l’esperienza di essere una nonna molto più di quanto abbiano fatto da genitori”.

More information: The Neural Correlates of Grandmaternal Caregiving, Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences (2021). DOI: 10.1098/ rspb.2021.1997. rspb.royalsocietypublishing.or … .1098/rspb.2021.1997

Journal information: Proceedings of the Royal Society B https:// medicalxpress.com/ journals/ proceedings-of-the-royal-society-b/

https:// royalsocietypublishing.org/ doi/ suppl/ 10.1098/ rspb.2021.1997materiali supplementari

 

Fonte:

Articolo liberamente tradotto e adattato da

medicalxpress.com

Corsi correlati

Corso Online
20 ECM
Spedizione inclusa
Curare le Ferite Familiari del Divorzio
La live si terrà il 08 marzo 2023
287€ 227€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi da Ansia e Stress
Maladaptive Daydreaming, Dissociazione e Disturbi Dissociativi
Il maladaptive daydreaming (sogno a occhi aperti maladattivo) è stato al centro di una serie di...
Bambini
Comportamenti e problemi del Sonno del Bambino
I problemi del sonno segnalati dal caregiver sono comuni nella prima e nella media infanzia....

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0