La biblioterapia come competenza di problem-solving

biblioterapia

Il disturbo emotivo è una situazione psicologica in cui i propri sentimenti sono intensificati al punto che se non si trova una soluzione, può portare a: (i) risultati scolastici bassi o nulli; (ii) assenza di sviluppo personale di alcun tipo; (iii) depressione; e (iv) malattia mentale.

Il termine biblioterapia ha diverse definizioni, ma ognuna dipende dal contesto in cui viene utilizzata, perché la definizione può essere generale e onnicomprensiva, può essere specifica, semplice e/o complessa.

  • Herbert e Furner (1997) hanno definito la biblioterapia come l’uso della lettura per produrre cambiamenti affettivi e promuovere la crescita e lo sviluppo della personalità.
  • L’Online Dictionary for Library and Information Science (ODLIS, 2011) ha definito la biblioterapia come l’uso di libri selezionati in base al contenuto in un programma di lettura pianificato per facilitare la guarigione di pazienti affetti da malattie mentali o disturbi emotivi.
  • Riodan e Wilson (1989) hanno definito il termine biblioterapia come la lettura guidata di materiali scritti per comprendere o risolvere problemi significativi per i bisogni terapeutici della persona.
  • Lucas e Soares (2015) hanno definito la biblioterapia come uno strumento per promuovere il benessere psicologico dei bambini.

 

Storia della biblioterapia

La storia della biblioterapia insegna che l’uso dei libri come competenza e strumento emotivo di problem-solving esiste da secoli, ma opera con nomi diversi a seconda del tempo e del luogo.

I nomi con cui la biblioterapia era conosciuta includevano: bibliocounselling, bibliopsicologia, book matching, literaterapia, terapia della biblioteca, lettura guidata e biblioguida (Basbane, 2001).

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

La storia ci ricorda che fu Samuel Crothers a coniare per primo il termine biblioterapia nell’agosto 1916 (Basbane, 2001).

Negli anni ’20, c’erano programmi di formazione in biblioterapia in istituzioni come la School of Library Science presso la Western Reserve University, la School of Medicines, all’University of Minnesota e molte altre strutture negli Stati Uniti d’America (USA).

Questo forse ha anche portato all’interesse per la biblioterapia come “medicina curativa” nel Regno Unito (UK) negli anni ’30. Il concetto di trattamento attraverso la biblioterapia si basa sulle inclinazioni umane a identificarsi con gli altri attraverso la loro espressione nella letteratura e nell’arte (Basbane, 2001).

 

Segni di disturbo emotivo nei bambini delle scuole secondarie

Un certo numero di studenti in molte scuole secondarie nello stato di Ogun e in altri stati della Nigeria stanno probabilmente attraversando problemi di diverso tipo e portata. Questi problemi sono probabilmente il prodotto dell’ambiente in cui vivono e sono associati all’assenteismo dalla frequenza e dalle attività scolastiche, alla disobbedienza ai genitori, agli insegnanti e a tutte le autorità costituite, alla criminalità, all’abuso di droghe, alle rapine a mano armata, ai rapimenti, alla ribellione, alla distruzione di e proprietà pubblica, furto, ostilità e aggregazione.

Ad esempio, gli area boys a Lagos, e i parcheggiatori abusivi bagarini in molte grandi città in Nigeria. A soffrire di disturbi emotivi sono ragazzi e ragazze che probabilmente devono affrontare numerose sfide della vita che si esprimono in bassi risultati scolastici, ritiro in Sé stessi, infelicità, rabbia, incapacità di soddisfare i propri bisogni, mancanza di conoscenza, risultati di fallimento parziale o totale, incapacità di realizzare aspirazioni, ansia e iperattività. Queste sono alcune delle sfide che causano un disturbo emotivo nei bambini e negli individui.

 

Cause di disturbo emotivo negli studenti delle scuole secondarie

I problemi della biblioterapia sono per natura emozionali o dello sviluppo. Lo scopo e l’obiettivo della biblioterapia sono:

  1. risolvere i problemi emotivi che possono influenzare la crescita evolutiva dei bambini, non solo nell’ambiente scolastico, ma anche in tutti i bambini che leggono bene, assimilano e danno un senso a ciò che viene letto,
  2. usare i libri per assistere gli individui nell’affrontare problemi emotivi e cambiamenti nel comportamento e
  3. incoraggiare la crescita personale (Abdullah, 2002).

Le cause dei disturbi emotivi negli studenti delle scuole secondarie e negli adolescenti in Nigeria possono essere molteplici. I consulenti scolastici e gli insegnanti di questo livello di educazione devono conoscere le cause dei problemi emotivi dei loro studenti in modo da avere una comprensione adeguata di ciascun problema e di quali abilità, tecniche o strategie di consulenza utilizzare per trovare una soluzione.

 

Morte e separazione

Alcune delle cause di disturbo emotivo negli studenti delle scuole secondarie in Nigeria potrebbero essere la morte di un genitore biologico e/o di una persona amata, il divorzio dei genitori, la separazione dai genitori, in particolare nei figli di ufficiali militari il cui genitore è mandato a combattere in una guerra (ad esempio la guerra di Boko Haram nella Nigeria nord-orientale, la guerra in Mali, la guerra in Sud Sudan e Somalia e così via, tutte in Africa); bambini i cui genitori sono stati diagnosticati come vittime del virus dell’immunodeficienza umana/sindrome da immunodeficienza acquisita (HIV/AIDS) o vittime dell’Ebola; genitori lebbrosi; bambini oppressi dalla povertà; figli di genitori single; bambini che si scoprono figli illegittimi, e altre etichette offensive che vengono affibbiate a persone, nomi e quartieri, bambini che escono per la prima volta dalle comodità di casa e abitano nei dormitori scolastici.

Il pensiero di un bambino nigeriano di non avere un passato di cui essere orgoglioso lo fa riflettere profondamente in ogni momento, e questo può diventare un problema che presto o tardi colpisce la sua psiche e in poco tempo il bambino rimane traumatizzato ed è emotivamente disturbato.

 

Crisi economica

La crisi economica in uno stato o nel paese può portare i genitori a perdere il lavoro e i mezzi per sostenere le loro famiglie.

L’incapacità dei genitori di far fronte ai bisogni dei propri figli come il pagamento delle tasse scolastiche, l’acquisto di libri scolastici e uniformi sono alcuni dei motivi per cui i bambini diventano emotivamente disturbati. I bambini i cui genitori stanno scontando una pena detentiva possono diventare emotivamente disturbati.

 

Effetti del disturbo emotivo sui bambini delle scuole secondarie

Lo stato emotivo e il disturbo emotivo messi insieme possono essere definiti come uno stato della mente caratterizzato dall’ansia che fa sì che un bambino o un individuo non si concentri nel lavoro scolastico o in altre attività. Qualsiasi persona in questo stato mentale può probabilmente avere poca o nessuna concentrazione nelle cose e nelle situazioni reali della vita perché la sua realtà sta per essere persa o è persa; ed è un problema che richiede un motivo e una soluzione per esso.

I consulenti scolastici dovrebbero sapere che l’uso della biblioterapia come capacità di risoluzione dei problemi sarà compreso meglio se viene somministrato a bambini e adolescenti o studenti del livello di istruzione secondaria, perché si presume che gli studenti di questo livello sappiano leggere e assimilare.

La lettura di buoni libri da parte degli studenti o de può essere una guida per tenerli lontani da problemi di natura emotiva. Questo documento ha lo scopo di aiutare i consulenti scolastici in Nigeria a utilizzare la biblioterapia come una competenza valida per consigliare i loro studenti che mostrano segni di disturbo emotivo.

La biblioterapia come capacità di problem solving ha molti utilizzi per gli studenti delle scuole secondarie e gli adolescenti che stanno affrontando uno o più problemi che influenzano il loro benessere emotivo; i consulenti scolastici dovrebbero quindi esserne consapevoli.

 

Usi della biblioterapia

Secondo Sridhar & Vaughn (2000), Akinola (2014) e Patsalides (2012), alcuni degli usi della biblioterapia sono:

  • migliorare la comprensione della lettura,
  • aumentare l’autostima, migliorare il comportamento degli studenti con problemi di apprendimento e comportamentali,
  • abbinare libri appropriati con gli studenti e i loro vari problemi,
  • consentire agli studenti e agli adolescenti emotivamente disturbati di vedere le somiglianze tra i loro vari problemi,
  • aiutare i consulenti scolastici e gli insegnanti ad affrontare i problemi sociali che colpiscono gli studenti,
  • aiutare i consulenti scolastici e gli insegnanti a costruire una comunità
  • servire come benessere generico e correttivo per le persone che soffrono di disturbi emotivi e comportamentali.

È molto importante che ogni consulente scolastico e insegnante sia a conoscenza della biblioterapia e del  ruolo che svolge nello sviluppo umano, specialmente in Nigeria. L’uso efficace della biblioterapia come capacità di problem-solving per studenti e adolescenti emotivamente disturbati potrebbe forse portare insegnanti e consulenti scolastici a gestire i ragazzi, prendersene cura e curarli dai loro problemi emotivi.

 

La biblioterapia con studenti emotivamente disturbati

L’uso efficace dei libri da parte degli studenti emotivamente disturbati può portare a modifiche comportamentali e cambiamenti positivi nel comportamento individuale. Tra i 12 ei 16 anni, durante la scuola secondaria, i ragazzi iniziano a sognare le loro future carriere e vocazioni. I consulenti scolastici devono esser bravi a esporre le carriere e ciò che serve agli studenti. Anche per tenere il posto di lavoro scelto e avere delle promozioni in quella carriera.

L’età della scuola secondaria è quel periodo in cui i ragazzi se non adeguatamente guidati possono scostarsi dalla realtà verso azioni distruttive a causa dei problemi emotivi che li circondano e che li influenzano. Insegnanti e consulenti scolastici devono essere attenti ai segni di disturbo emotivo nei loro studenti. Gli insegnanti sono nella posizione di essere quelli che dovrebbero rilevare per primi i problemi emotivi in un dato studente. Sarà compito dell’insegnante indirizzare lo studente con un problema emotivo al consulente scolastico per una possibile soluzione.

Questi ragazzi con disturbi emotivi possono contribuire allo sviluppo delle loro comunità e della nazione solo quando i loro problemi sono risolti. È quando i problemi emotivi di questi ragazzi vengono risolti che gli sforzi sono orientati verso lo sviluppo del loro carattere e delle loro abilità, perché solo in queste condizioni una persona può pensare di costruire un buon carattere e avere una capacità per sviluppare se stesso, la comunità e la nazione. La Nigeria ha bisogno di cittadini con un buon carattere e le competenze necessarie per lo sviluppo del Paese.

 

Caratteristiche richieste in un biblioterapeuta

Le caratteristiche di un biblioterapeuta sono le stesse di un consulente e sono indicate anche come abilità di consulenza.

Alcune di queste abilità che un consulente e/o biblioterapeuta deve avere sono:

  • Competenza: la capacità di padroneggiare e saper usare una o più abilità in modo efficace.
  • Pazienza: capacità del consulente di aspettare e saper resistere a lungo. La capacità del consulente di controllare la rabbia e le emozioni riguardo un evento problematico.
  • Fiducia: affidabilità, confidenza, sincerità o onore.
  • Stabilità emotiva: una condizione in cui le emozioni non sono soggette a cambiamenti improvvisi.
  • Comunicazione efficace: uno scambio di informazioni corretto soprattutto tra due persone e gruppi.
  • Advocacy (sostegno): un supporto allo studente con disturbi da parte del consulente o biblioterapeuta.
  • Ascoltatore disponibile: prestare attenzione mentre qualcuno parla per consentire di capire cosa sta dicendo l’oratore. Ascolta bene e anche con pazienza.
  • Libertà dai pregiudizi: non giudicare o schierarsi.

Il possesso di queste abilità e di molte altre e la capacità per applicarle nel trattamento di studenti con disturbi emotivi è estremamente utile.

 

La biblioterapia come soluzione per i disturbi emotivi nei bambini: risultato del sondaggio

La biblioterapia è uno strumento e una capacità di problem solving dei consulenti per risolvere problemi come i disturbi emotivi nelle persone che ne sono affette. Le abilità di problem solving hanno lo scopo di aiutare gli studenti che sono emotivamente disturbati, discutere i loro problemi più liberamente con i loro insegnanti e consulenti, e mostrare a un individuo che non è la prima o l’unica persona ad incontrare un tale problema.

Le capacità di problem solving dei consulenti consistono nel mostrare all’individuo che esiste più di una soluzione a un problema, aiutare qualcuno a sviluppare il concetto di sé, a pianificare una causa costruttiva dell’azione per risolvere un problema, provare sollievo di pressione emotiva o mentale (catarsi).

Inoltre, aiutano a riportare l’individuo al suo normale stato di salute e di vita. Un singolo studente emotivamente disturbato, se identificato, riceve un libro con un contenuto simile al suo problema. Un biblioterapeuta qualificato o un consulente consiglia di leggere del materiale o un libro allo studente interessato.

Il contenuto del libro è la storia di un altro bambino in una situazione simile a quella del lettore. Ciò rende lo studente/lettore consapevole di non essere la prima o l’unica persona ad affrontare un tale problema e che altri bambini hanno vissuto esperienze simili e (come) hanno superato il problema. La storia nel libro può essere un’esperienza di vita reale o di finzione.

Qualunque sia la fonte del contenuto del libro, l’obiettivo principale è quello di fornire sollievo a qualcuno che soffre e non ha concentrazione o obiettivi nella vita.

 

Metodologia:

Un campione di 267 consulenti scolastici di cinque scuole secondarie nel distretto senatoriale orientale di Ogun è stato selezionato tramite un semplice metodo di campionamento casuale e sono state consegnate loro 267 copie di un questionario da compilare.

Tutti i 267 partecipanti hanno accettato il questionario. 247 sono stati opportunamente compilati e quindi analizzati. 20 sono stati respinti perché non adeguatamente compilati.

 

Conclusioni

Dai risultati si evincono alcune delle seguenti conclusioni:

  • Le abilità aiutano a identificare le singole vittime di problemi emotivi tra gli studenti delle scuole secondarie.
  • Le capacità di risoluzione dei problemi dei consulenti includono competenza, pazienza, fiducia, stabilità emotiva, comunicazione efficace, ascoltatore disponibile, assenza di pregiudizi, efficacia, ecc.
  • L’analisi dettagliata di tutte le 13 domande ha indicato che la biblioterapia è una capacità di problem-solving per consulenti e insegnanti. I problemi emotivi del bambino nigeriano devono essere risolti prima dell’apprendimento. La capacità di apprendere porterà allo sviluppo del carattere e delle abilità nei bambini emotivamente disturbati.

 

Raccomandazioni

  • La consapevolezza della biblioterapia dovrebbe essere un elemento continuo e regolare nell’orario scolastico in Nigeria. Questo dovrebbe essere sotto forma di consulenza di gruppo in modo da raggiungere l’obiettivo della consapevolezza e arrivare a tutti gli studenti di ogni scuola.
  • Gli studenti che hanno problemi emotivi dovrebbero essere aiutati dai consulenti che individuano il tipo di problema emotivo e somministrano la giusta terapia.
  • La Nigeria deve preoccuparsi di curare i diversi problemi emotivi che affliggono i suoi giovani. In modo che questi crescano sani e si sviluppino come cittadini che gestiranno lo sviluppo generale delle loro società, dello stato e del paese.
  • L’effetto percepito della biblioterapia sul problem-solving si è dimostrato efficace in questo studio nello stato di Ogun, in Nigeria. Studi simili dovrebbero essere condotti in altre parti della Nigeria da consulenti e insegnanti. In questo modo i bambini emotivamente disturbati possono essere individuati molto presto e trattati.
  • Il carattere e le competenze non possono essere sviluppati nei ragazzi della scuola secondaria con disturbi emotivi. È quindi imperativo risolvere prima i problemi emotivi nei bambini affetti da disturbi emotivi. Prima di introdurli ai problemi dello sviluppo del carattere e delle abilità.

 

Articolo liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Shem, M. (2016). Bibliotherapy as a Problem-Solving Skill of Counsellors and Teachers for Character and Skills Development in Ogun State, Nigeria. Journal of Education and Practice, 7(20), 18-22. https://core.ac.uk/ download/ pdf/ 234639091.pdf

 

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>