La terapia ACT per i disturbi d’ansia

ACT disturbi d'ansia

La terapia di accettazione e impegno (ACT) per i disturbi d’ansia è un’innovativa terapia comportamentale. Si basa sull’accettazione che si concentra sulla diminuzione della funzione di regolazione del comportamento dell’ansia e delle cognizioni correlate. Ha una forte attenzione sul cambiamento del comportamento coerente con i valori del cliente.

Pertanto, questo metodo terapeutico ha due obiettivi principali:

  1. addestrare l’accettazione di pensieri e sentimenti problematici inutili che non possono e forse non devono essere controllati;
  2. impegno e azione per vivere una vita basata su valori scelti.

Questo spiega perché ACT riguarda l’accettazione e allo stesso tempo il cambiamento. Applicato ai disturbi d’ansia, i pazienti imparano a porre fine alla lotta con il loro disagio correlato all’ansia. Imparano inoltre ad assumersi la responsabilità impegnandosi in azioni che li muovono in relazione agli obiettivi di vita (valori) scelti.

Questo metodo insegna anche ai pazienti le capacità di apprezzare e osservare pensieri e sentimenti sfavorevoli così come sono invece di insegnare strategie “diverse e migliori” per cambiare o diminuire pensieri e sentimenti indesiderati. Pertanto l’evitamento dell’ansia insieme alla flessibilità in risposta ad essa e ad altre forme di disagio emotivo forniscono una situazione per gli individui che li attivano nella direzione degli obiettivi di vita scelti anche quando sono presenti pensieri, sentimenti e sensazioni corporee spiacevoli.

ACT e disturbi d’ansia: lo studio

In questo studio, 3 differenti prescrizioni per la ricerca di cure per disturbi d’ansia sono stati trattati presso uno studio privato con 10 sessioni di ACT.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

I risultati di questo studio hanno mostrato che tre casi consecutivi che presentavano disturbi d’ansia sono stati trattati con 10 sessioni di un protocollo ACT simile per i disturbi d’ansia. I partecipanti hanno mostrato cambiamenti significativi tra pre-trattamento a post-trattamento nella gravità dei disturbi d’ansia. Questa serie di casi ha implicazioni sperimentali e cliniche.

Sperimentalmente, questo è il primo studio di cui siamo a conoscenza che analizza l’utilizzo di ACT per i disturbi d’ansia per monitorare i cambiamenti nell’ansia e nell’evitamento utilizzando un disegno di serie temporali. I dati di tre casi non sono in alcun modo definitivi, ma la coerenza tra tutti e 3 i partecipanti è notevole. Questi risultati supportano un processo di cambiamento che coinvolge l’alterazione della funzione dell’ansia e della sua gravità. Questi dati suggeriscono che un disturbo d’ansia può essere trattato con successo concentrandosi sull’impatto funzionale dell’ansia sul comportamento oltre il livello di ansia.

La terapia ACT: lo stato dell’arte

Nel valutare lo stato empirico di ACT, è importante considerare che uno degli intenti primari dei suoi autori era quello di creare un modello diagnostico con ampia applicabilità. L’obiettivo era quello di includere anche il trattamento di problemi che non si adattano perfettamente alle categorie diagnostiche. Il contenuto del protocollo ACT non varia molto tra le applicazioni. Questo crea potenziali efficienze nella formazione e nello sviluppo di competenze in contesti in cui è difficile limitare la gamma di presentazione dei reclami.

Ad oggi, non è stata condotta un’analisi sistematica del potenziale rapporto costo-efficacia di ACT. Ci sono alcune indicazioni da Luoma et al. e Arch et al. che ACT è correlato all’accesso a più terapia. Questo può essere vantaggioso se l’alternativa riduce il costo del trattamento e sviluppa anche una maggiore indipendenza e capacità di autogestione dei clienti rispetto al trattamento alternativo. Queste possibilità richiedono ulteriori indagini.

Nella terapia ACT, l’obiettivo è imparare a stare con l’ansia

In conclusione, ACT ha aiutato il paziente a introdurre la sensazione che la lotta e il controllo possono effettivamente interferire con il funzionamento quotidiano e il raggiungimento degli obiettivi di vita.  Questo metodo era un approccio costruttivo al cambiamento del comportamento del cliente con un focus sul miglioramento della qualità della vita. Questo è il motivo per cui forse l’obiettivo più importante del programma ACT è incoraggiare i pazienti a impegnarsi nella direzione dello scopo della vita.

L’obiettivo era insegnare ai pazienti le abilità di accettazione e consapevolezza come modi per percepire pienamente le risposte indesiderate correlate all’ansia. Inoltre, il paziente deve imparare a percepire tali risposte per quello che sono. Cioè: pensieri come pensieri, sensazioni fisiche come sensazioni fisiche, immagini come immagini, sentimenti come sentimenti. L’obiettivo era imparare a stare con l’ansia. Questa parte è descritta come “prepararsi ad affrontare l’ansia con l’accettazione consapevole in modo da poter andare avanti con la propria vita“. La pratica dell’esposizione ha fornito un’importante opportunità per il paziente di sviluppare la disponibilità a sperimentare la depressione e il disturbo d’ansia generalizzato e ad affrontarli.

ACT Acceptance and Commitment Therapy in azione, con Steven Hayes

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Hasheminasab, M., Babapour Kheiroddin, J., Mahmood Aliloo, M., & Fakhari, A. (2015). Acceptance and Commitment Therapy (ACT) For Generalized Anxiety Disorder. Iranian journal of public health44(5), 718–719.

One thought on “La terapia ACT per i disturbi d’ansia

  • maria maddalena says:

    Interessante l’approccio ACT per l’ansia.E’ possibile vedere il protocollo di intervento.Grazie

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>