La Violenza nelle Relazioni di Coppia: effetti sulla salute mentale e fisica di donne e uomini

violenza

Nonostante la letteratura sempre più ben documentata sulla prevalenza della violenza nelle relazioni di intimità (IPV) negli studi clinici  e nella popolazione e il suo impatto sulla salute mentale, poche ricerche epidemiologiche si sono concentrate sulle sue conseguenze a lungo termine sulla salute fisica, in particolare tra le vittime maschili.

Inoltre, con le note eccezioni,  la maggior parte degli studi passati che hanno affrontato gli effetti sulla salute dell’IPV ha misurato solo le aggressioni fisiche senza considerare il coesistente abuso psicologico cronico caratteristico delle relazioni violente.

Questo studio si aggiunge alla letteratura esistente descrivendo gli effetti sulla salute dell’IPV fisica e psicologica su donne e uomini. Questo è uno dei primi rapporti di uno studio basato sulla popolazione per valutare le associazioni tra abuso fisico, sessuale e psicologico e la salute mentale e fisica attuale e a lungo termine delle vittime di sesso femminile e maschile.

Metodo violenza

Questo studio ha analizzato i dati del National Violence Against Women Survey (NVAWS) condotto da Tjaden e Thoennes. Questa indagine telefonica a selezione casuale su 8.001 uomini e 8.005 donne, campionati per essere rappresentativi della popolazione degli Stati Uniti, ha stimato i tassi di aggressioni sessuali, aggressioni fisiche e stalking tra uomini e donne.

È stato estratto un campione casuale semplice di numeri di telefono fissi funzionanti. Tjaden e Thoennes riportano un tasso di risposta del 72,1% per le donne partecipanti e del 68,9% per gli uomini.

Le domande dettagliate includevano la natura della vittimizzazione, la relazione dell’intervistato con l’autore del reato e l’età dell’intervistato al momento della prima aggressione. L’intervista includeva anche domande per caratterizzare il profilo demografico e lo stato di salute dell’intervistato.

 

Misure della violenza nelle relazioni di intimità nel corso della vita

La vittimizzazione IPV in questo studio è stata definita come abuso fisico, sessuale o psicologico da parte di un partner intimo (definito come un coniuge attuale o ex o un partner intimo convivente, indipendentemente dal sesso).

Misure per l’aggressione fisica e l’abuso psicologico

Nel progetto NVAWS, Tjaden & Thoennes hanno utilizzato la Conflict Tactics Scale  a 12 item per misurare l’aggressione fisica da parte di un adulto, le domande a 4 item sul sesso forzato del National Women’s Study , e la scala Power & Control a 13 item per misurare l’abuso psicologico da parte di un partner.

Nello studio attuale, abbiamo usato un cutpoint maggiore di uno sulla CTS per definire l’aggressione fisica da parte del partner nel corso della vita. Abbiamo inoltre definito il sesso forzato da un partner intimo come sesso vaginale, anale o orale completato. Quindi escluso 23 donne e 5 uomini che hanno riportato un tentativo di aggressione sessuale da parte di un partner intimo per mantenere la coerenza con altri studi che si occupano di IPV e salute.

Inoltre, abbiamo usato i dati della scala di potere e controllo a 13 item raccolti nel NVAWS per creare due sottoscale di abuso psicologico: abuso verbale e abuso di potere e controllo. Nello specifico, abbiamo eliminato l’item “Il mio partner ha paura di me” perché questo item non è un abuso da parte del partner.

Misure per la salute mentale e fisica violenza

Abbiamo usato questi dati per affrontare:

(a) lo stato di salute mentale e fisica attuale e l’uso di sostanze

(b) lo sviluppo di una malattia mentale cronica, una malattia fisica o una lesione.

Per creare la corretta sequenza temporale per quest’ultima analisi abbiamo usato i dati sull’età alla prima esperienza di IPV e l’età alla prima malattia cronica o lesione per creare misure di sviluppo di una lesione o di una malattia cronica eliminando le vittime di IPV la cui malattia si è verificata prima di aver subito IPV.

Tra coloro che non hanno mai subito IPV, abbiamo escluso coloro che hanno sviluppato malattie croniche, malattie mentali o lesioni prima dei 25 anni, poiché questa era l’età media alla prima vittimizzazione IPV.

 

-La salute fisica

La salute fisica attuale è stata valutata con la seguente domanda: “In generale, direbbe che la sua salute è… eccellente, molto buona, buona, discreta o scarsa?

Abbiamo quindi creato una variabile dicotomica che misura la salute scarsa (2,4%) rispetto alla salute discreta, buona, molto buona e eccellente.

 

-Sintomi depressivi

I sintomi depressivi attuali sono stati valutati utilizzando le domande contenute nel SF-36 Health Survey. Queste 8 domande sono state selezionate dai 13 item usate da Beck & Beck, come forma breve del Beck Depression Inventory (BDI).

 

-Consumo di sostanze stupefacenti

L’uso attuale di droghe è stato definito per includere l’uso nel mese precedente di tranquillanti (4,3%), sedativi (4,3%), antidepressivi (3,8%), antidolorifici su prescrizione (9,6%), o uso di droghe ricreative illegali (3,5%).

 

-Consumo di alcol

L’uso corrente di alcol negli ultimi 12 mesi è stato misurato nel NVAWS dai giorni medi per settimana o mese in cui è stato consumato alcol e, nei giorni in cui è stato consumato alcol, il numero di bevande al giorno.

Abbiamo usato queste domande per definire l’uso pesante di alcol come coloro che usano l’alcol almeno 3-4 volte a settimana e bevono almeno 4 drink al giorno rispetto a coloro che bevono meno di questa quantità; il 6,9% degli uomini e l’1,3% delle donne erano forti consumatori di alcol.

 

-Lesioni precedenti

Le lesioni passate (9,0%) sono state identificate con la seguente domanda: “Ha mai subito una lesione grave, come una lesione del midollo spinale, del collo o della testa, che è invalidante o interferisce con le sue normali attività?

Agli intervistati è stato chiesto di descrivere la natura della lesione e la loro età al momento della lesione.

 

-Condizioni di salute croniche

Inoltre, agli intervistati è stato chiesto di identificare le loro condizioni di salute croniche (9,9%) e l’età in cui hanno acquisito queste condizioni: ipertensione o malattie cardiache (N=843), diabete (N=124), artrite o malattia del tessuto connettivo (N=83), asma o enfisema (N=80), e cancro (N=29).

 

-Malattia mentale cronica

La malattia mentale cronica (2,1%) è stata valutata chiedendo: “Ha una malattia o una condizione di salute mentale cronica, come la depressione cronica o la schizofrenia, che è invalidante o interferisce con le sue normali attività?”

Agli intervistati è stato nuovamente chiesto di identificare la condizione di salute mentale e di fornire l’età alla prima diagnosi.

 

-Impatto della salute sulla vita quotidiana

Infine, per fornire un indicatore dell‘impatto delle condizioni di salute sulla vita quotidiana, abbiamo usato i dati della seguente domanda: “In che misura questa disabilità o condizione ha interferito con le sue normali attività nell’ultima settimana?

Abbiamo creato un indicatore dicotomico per includere 8 di coloro che hanno risposto che la condizione ha attualmente influenzato la loro vita “estremamente” o “abbastanza”.

La malattia mentale cronica ha avuto un alto impatto per lo 0,3% delle interviste e le malattie croniche hanno avuto un alto impatto per lo 0,7%.

 

Discussione violenza

Le nostre analisi indicano che le donne che subiscono IPV hanno maggiori probabilità di riferire una cattiva salute fisica e mentale.

Questi risultati sono coerenti con quelli di altri studi:

Koss e Heslet (1992) notano che vari processi possono contribuire ai risultati di salute e alle percezioni di entrambi i risultati di salute.

Resnick (1997) hanno trovato che molti sintomi fisici riportati dalle donne abusate erano simili ai sintomi dell’ansia e della depressione, indicando ulteriormente una relazione con gli esiti della salute mentale come risultato dell’IPV. In alcuni casi sono state notate conseguenze negative per la salute psicologica e fisica dell’IPV.

I nostri risultati corroborano la teoria che la vittimizzazione IPV è associata ad un rischio maggiore di esiti negativi per la salute mentale e fisica.

 

Il NVAWS riguarda esclusivamente la vittimizzazione della violenza tra uomini e donne.

Usando una domanda del NVAWS su chi è stato il primo ad usare la forza durante un’aggressione fisica, abbiamo trovato che l’11,6% degli uomini vittime di un’aggressione fisica ha riferito di essere stato il primo ad usare o minacciare di usare la forza fisica rispetto al 7,1% delle donne (Una percentuale maggiore di uomini vittime rispetto alle donne può essere sia carnefice che vittima; la vittimizzazione IPV può essere sproporzionatamente errata in base al genere.

Un’interpretazione alternativa per la nostra scoperta che gli uomini vittime sono più propensi a riferire condizioni di salute avverse può essere che gli uomini che picchiano possono essere a maggior rischio di questi esiti negativi per la salute.

 

Il modo in cui l’IPV influisce sulla salute può essere diverso a seconda del risultato sanitario.

Le aggressioni fisiche ripetute possono aumentare direttamente il rischio di lesioni o di alcune malattie croniche come il dolore cronico, l’osteoartrite e i forti mal di testa.

Lo stress psicologico cronico associato all’IPV può anche influenzare indirettamente altre condizioni di salute acute e croniche.

Mentre i nostri risultati sono coerenti con l’impatto diretto e indiretto dell’IPV, questo studio indica che i punteggi più alti di IPV psicologica erano più fortemente associati alla maggior parte dei risultati di salute rispetto ai punteggi di IPV fisica. Questo è il primo grande studio basato sulla popolazione a fornire stime della violenza psicologica tra donne e uomini. Abbiamo scoperto che sia l’IPV fisica che quella psicologica sono associate a esiti di salute mentale e fisica per le vittime maschili e femminili. Circa il 14% delle donne e quasi il 18% degli uomini hanno subito solo abusi psicologici durante la loro vita.

Quasi la metà dell’IPV tra le donne e più del 78% dell’IPV tra gli uomini era un’IPV psicologica e non sarebbe stata considerata se non avessimo incluso questa componente della violenza da parte del partner nel nostro studio.

Inoltre, l’IPV psicologica era fortemente correlata come l’IPV fisica alla gamma di risultati di salute.

I nostri dati mostrano chiaramente che la violenza psicologica del partner è associata a risultati negativi per la salute. Questa scoperta merita ulteriori studi.

 

Diversi limiti di questi dati meritano di essere menzionati.

1)

Malattie mentali croniche specifiche o malattie croniche non possono essere confermate con le cartelle cliniche in questa indagine anonima. Pertanto, i dati sugli esiti di salute possono essere classificati in modo errato.

2)

Inoltre, anche se abbiamo cercato di stabilire la corretta sequenza temporale per cui l’IPV avrebbe preceduto l’esito sanitario, i dati sia per l’età alla prima IPV che per l’età alla diagnosi sono stati auto-riportati e possono essere erroneamente classificati.

3)

Ancora, non possiamo escludere la possibilità che coloro che subiscono IPV possano essere più propensi a cercare assistenza, e quindi essere diagnosticati, rispetto alle non vittime che potrebbero non cercare assistenza così spesso. Coloro che hanno una malattia cronica o sono in cattive condizioni di salute possono avere maggiori probabilità di diventare vittime di IPV.

4)

Una percentuale elevata di intervistati ha rifiutato di fornire informazioni sul reddito. Pertanto, non abbiamo potuto aggiustare le nostre analisi per il reddito o un indice di povertà, ma abbiamo scelto di aggiustare per lo stato di assicurazione sanitaria privata come sostituto per il reddito.

Infine, abbiamo un potere statistico limitato per rilevare le differenze di rischio per specifiche malattie croniche.

 

Punti di forza dello studio violenza

1)

Questa ricerca si aggiunge alla letteratura esistente che suggerisce un forte impatto sulla salute dell’IPV psicologico e fisico tra le. donne e gli uomini. Come raccomandato dal National Research Council, la nostra inclusione dell’IPV psicologica ha ridotto l’errore di. classificazione dell’esposizione e ci ha permesso di studiare il suo impatto sulla salute anche quando l’IPV fisica o sessuale. non erano presenti.

2)

Abbiamo scoperto che la violenza psicologica e fisica erano associate a molti degli stessi esiti sulla salute. Questo suggerisce la. necessità che i medici dovrebbero eseguire uno screening per le forme psicologiche di IPV così come per le aggressioni fisiche e. sessuali nelle relazioni intime.

Questo è particolarmente vero per le vittime di sesso maschile, che hanno maggiori probabilità di subire una IPV psicologica. rispetto a quella fisica.

3)

Il potere di studio offerto dall’utilizzo del NVAWS, basato su una vasta popolazione, è un punto di forza importante per questa analisi. In. contrasto con le analisi passate degli effetti sulla salute dell’IPV, siamo stati in grado di controllare il potenziale impatto dei fattori. demografici e dell’abuso fisico e sessuale infantile sulle associazioni tra IPV ed esiti di salute.

4)

Infine, abbiamo usato i dati per caratterizzare l’età alla prima IPV e gli esiti di salute per costruire un disegno di dati trasversali.

 

Conclusioni violenza

La nostra scoperta che l’IPV fisica e psicologica può produrre effetti negativi a lungo termine sulla salute fisica e mentale sia per le. donne che per gli uomini ha importanti implicazioni per gli sforzi di intervento e prevenzione.

Se l’IPV può essere identificata precocemente, molti interventi potrebbero essere sviluppati per ridurre l’impatto dell’IPV sullo stato. di salute fisica e mentale.

Lo screening per la vittimizzazione IPV tra le donne è una pratica raccomandata da diversi anni 63-71. I nostri dati supportano il crescente. corpo di ricerca che suggerisce la necessità di estendere lo screening per includere l’abuso fisico e sessuale, così come l’abuso. psicologico o il maltrattamento.

Le raccomandazioni di screening per le vittime maschili di IPV sono più complicate. Come discusso in precedenza, molte vittime maschili possono essere i principali autori di IPV nella relazione. Quindi, le attuali raccomandazioni e linee guida su come trattare e indirizzare le vittime femminili di IPV non si applicano agli uomini.

Non esistono, a nostra conoscenza, raccomandazioni pubblicate su come trattare e indirizzare i maschi che sono vittime di IPV. Questa questione merita ulteriori studi accurati.

 

E tu cosa ne pensi? violenza

Hai appena letto un interessante studio sugli effetti sulla salute mentale e fisica su donne e uomini vittime di violenza.

Dalla tua esperienza professionale, quali strumenti o interventi credi siano più efficaci nell’agire in questa tipologia di contesto?

Come pensi dovrebbe essere affrontata la violenza subita dagli uomini, spesso poco affrontata dalla letteratura?

😀 Condividi con noi la tua esperienza, lasciandoci un commento nel box qui sotto ⤵️

 

Vuoi saperne di più su come intervenire sugli effetti della violenza subita da donne e uomini?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso:

La Testimonianza delle Vittime di Reato: strumenti, buone prassi e metodologie operative

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Coker, Ann & Davis, Keith & Arias, Ileana & Desai, Sujata & Sanderson, Maureen & Brandt, Heather & Smith, Paige. (2002). Physical and Mental Health Effects of Intimate Partner Violence for Men and Women. American journal of preventive medicine. 23. 260-8.  https://www.researchgate.net/ publication/ 11058611_Physical_and_Mental_Health_Effects_of_Intimate_Partner_Violence_for_Men_and_Women

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>