Lockdown e Salute Mentale nei giovani Studenti

lockdown

Il lockdown legato alla pandemia da coronavirus 2019 (COVID-19) e le ulteriori restrizioni sociali attuate dai governi di tutto il mondo hanno avuto profondi effetti sulla salute mentale dei giovani

Nel Regno Unito, il primo ‘lockdown’ nazionale è stato imposto il 23 marzo 2020 per far cessare ogni contatto sociale non necessario. Le scuole e le università hanno tenuto lezioni solo online e le imprese non essenziali hanno chiuso.

Tuttavia, conosciamo pochi dettagli su come la pandemia di COVID-19 e le conseguenti restrizioni abbiano influito sulla salute mentale.

Studi di indagine nella popolazione generale indicano preoccupazioni diffuse intorno all’ansia e all’isolamento in particolare (The Academy of Medical Sciences, 2020 ). Indagini approfondite sugli effetti del lockdown e dell’isolamento sociale sulla salute mentale sono una priorità per informare sulle strategie che sostengono il benessere (Holmes et al., 2020), in particolare dato che un altro lockdown è stato imposto nel novembre 2020 e ulteriori lockdown potrebbero dover essere imposti con l’evolversi della situazione.

 

Gli studi condotti finora: i giovani i più colpiti

Le prove preliminari suggeriscono che gli adulti più giovani sembrano essere stati particolarmente colpiti dalla pandemia COVID-19 e dalle conseguenti restrizioni. Questo risultato è particolarmente preoccupante dato che (anche prima della pandemia), la prevalenza di problemi di salute mentale era in aumento tra i giovani adulti, con tendenze in aumento nei sintomi di ansia auto-riferiti e inoltre, le donne sono particolarmente a rischio (Calling et al., 2017).

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Studi condotti in Spagna durante la fase iniziale dell’epidemia di COVID-19 hanno rilevato che gli adulti più giovani hanno sperimentato livelli più elevati di depressione e sintomi di ansia rispetto ai gruppi di età più avanzata (Gonzalez-Sanguino et al., 2020; Ozamiz-Etxebarria et al., 2020).

Risultati simili sono stati trovati da studi condotti in Cina (Ahmed et al., 2020 ; Huang e Zhao, 2020).

Un’ampia indagine nazionale del Regno Unito ha rilevato che la salute mentale (punteggio GHQ-12) è peggiorata significativamente tra il 2018/2019 e l’aprile 2020 (ovvero un mese dopo la chiusura del Regno Unito) e questo effetto era più profondo tra i 18-24enni (Pierce et al., 2020).

Questi risultati evidenziano l’importanza di un ulteriore lavoro incentrato su questa fascia di età, per caratterizzare meglio gli effetti sulla salute mentale dei giovani e informare sulle possibili strategie di intervento.

 

La qualità del sonno potrebbe essere un fattore importante e un potenziale obiettivo per gli interventi.

L’evidenza suggerisce un legame molto forte tra la qualità del sonno e la salute mentale. Per esempio, circa tre quarti degli individui con depressione clinica mostrano sintomi di insonnia e l’insonnia stessa è un chiaro fattore di rischio per il successivo sviluppo della depressione (Nutt et al., 2008).

La scarsa qualità del sonno è comune tra gli studenti universitari e questo è stato collegato a livelli di ansia più elevati (Norbury e Evans, 2019). Inoltre, gli interventi non farmacologici sul sonno possono avere un forte effetto sull’alleviamento dei sintomi della depressione (Gee et al., 2019).

 

Il differente impatto del preferire il giorno o la notte

Inoltre, di rilevanza per la salute mentale è la preferenza diurna, l’orario preferito di un individuo per le attività quotidiane, il risveglio e l’ora di andare a letto. La distribuzione delle preferenze diurne segue un continuum tra due estremi: tipi mattutini che preferiscono dormire e svegliarsi presto e tipi serali che preferiscono dormire e svegliarsi più tardi (Horne e Ostberg, 1976; Kerkhof, 1985).

La sera è stata associata a una maggiore sintomatologia ansiosa e a una maggiore prevalenza di disturbi psichiatrici minori in campioni di giovani adulti (Kivela et al., 2018; Schneider et al., 2011). Quindi, l’impatto della pandemia e del lockdown sulla qualità del sonno e la preferenza diurna meritano uno studio attento, perché questi fattori sono strettamente interconnessi con la salute mentale, in particolare nelle popolazioni di giovani adulti.

 

Studi trasversali hanno evidenziato un’alta prevalenza di disturbi del sonno dopo la pandemia.

In Grecia, Voitsidis et al. (2020) hanno trovato che quasi il 40% dei partecipanti ha ottenuto un punteggio superiore al cut-off per l’insonnia: questo è stato associato alla solitudine e ai sintomi depressivi con gruppi di età più giovani e le donne a più alto rischio.

Anche in Francia, Kokou-Kpolou et al. (2020) hanno scoperto che quasi il 20% ha soddisfatto i criteri per l’insonnia clinica. Problemi di salute mentale preesistenti, preoccupazioni legate a COVID-19 e solitudine sono i fattori che hanno contribuito.

Allo stesso modo, Huang e Zhao (2020) hanno scoperto che quasi il 20% degli intervistati ha riportato una scarsa qualità del sonno (punteggio superiore a 7 sul PSQI).

 

Così, la qualità del sonno e le misure di preferenza diurna sono state incluse nel presente studio, così come le misure dei sintomi di depressione/ansia e del benessere. Questo ci ha permesso di quantificare l’impatto della pandemia e dell’isolamento sulla salute mentale e di esplorare i collegamenti con il sonno.

Consumo di alcol e pandemia

Anche i cambiamenti nell’uso di alcol prima e dopo il lockdown sono un’importante area di studio, poiché mancano informazioni sugli effetti della pandemia e del blocco sul comportamento di consumo di alcol. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha messo in guardia contro i rischi potenziali di un aumento del consumo di alcol durante l’isolamento sociale, che potrebbe aumentare l’incidenza futura dei disturbi da uso di alcol.

Nei mesi successivi all’isolamento imposto dal governo britannico, è stato riportato un aumento nell’acquisto di bevande alcoliche (Office of National Statistic, 2020), anche se non è chiaro come questo si sia tradotto in consumo effettivo.

Uno studio di indagine trasversale nella popolazione generale tedesca ha rilevato che il 20% degli intervistati ha riferito di aver bevuto meno, ma il 35% ha riferito di aver bevuto più o molto più alcol dall’inizio del lockdown: quelli con livelli più alti di stress percepito avevano maggiori probabilità di rientrare nel secondo gruppo (Anne et al., 2020).

Il miglioramento (cioè, l’aumento dell’affetto positivo) e il coping (cioè, la riduzione dell’affetto negativo e dell’ansia) (Cox e Klinger, 1988) per l’uso di alcol potrebbero spiegarne l’aumento. I motivi di miglioramento e di coping sono forti motori di un massiccio uso di alcol nei giovani adulti (Kuntsche et al., 2005).

Tuttavia, ci sono meno opportunità sociali

D’altra parte, le condizioni del lockdown hanno significativamente ridotto le opportunità sociali per il consumo di alcol, dunque si potrebbe anche prevedere un calo nel consumo di alcol. Questo potrebbe essere vero specialmente nel caso delle popolazioni studentesche, tra le quali i modelli di consumo di alcol sono fortemente correlati alle attività di socializzazione (Del Boca et al., 2004).

Dati i rischi a lungo termine per la salute associati al bere quantità d’alcol rilevanti, è importante accertare come la situazione del COVID-19 abbia influenzato il consumo di alcol, e se i cambiamenti riflettano l’uso dell’alcol come strategia di coping tra coloro la cui salute mentale è stata maggiormente colpita.

Quali le variabili da studiare nella relazione giovani-lockdown

In sintesi, gli effetti dell’isolamento sulla salute mentale dei giovani, sul sonno e sul consumo di alcol sono variabili fondamentali che meritano un esame dettagliato. L’evidenza suggerisce che i giovani adulti sono stati più colpiti rispetto ai gruppi di età superiore, sottolineando l’importanza di caratterizzare questi effetti.

Il presente studio

Per affrontare questo, lo studio attuale ha raccolto dati su sintomi di depressione e ansia, benessere, solitudine, qualità del sonno, preferenza diurna e uso di alcol, in un campione di studenti universitari di un’università del Regno Unito.

I dati di riferimento (ottobre 2019) sono stati confrontati con un secondo tipo di dati raccolto subito dopo l’emergere della situazione COVID-19 e l’imposizione di condizioni di lockdown (aprile / maggio 2020), per indagare il cambiamento all’interno del soggetto in queste variabili.

A differenza della maggior parte degli studi sopra descritti, questo studio beneficia dell’uso di un disegno longitudinale, permettendo così di quantificare il cambiamento in queste variabili durante il lockdown. Le correlazioni tra i cambiamenti in queste variabili sono state valutate anche per determinare le relazioni tra loro. Sulla base delle prove di cui sopra, abbiamo ipotizzato un aumento dei sintomi della depressione e dell’ansia, un ridotto benessere, una maggiore solitudine e una ridotta qualità del sonno durante il lockdown. Abbiamo anche previsto associazioni tra depressione e qualità del sonno.

Lo studio attuale ha anche cercato di chiarire se la pandemia e il lockdown abbiano portato a un aumento o a una diminuzione dell’uso di alcol tra gli studenti. Per raccogliere ulteriori informazioni e informare sull’interpretazione degli effetti, durante la seconda raccolta di dati ai partecipanti hanno riferito come si sentivano riguardo il lockdown e come avevano reagito alla situazione del COVID-19, e dovevano inoltre specificare anche il loro grado di preoccupazione di poter contrarre il virus (sia per quanto riguarda loro stessi che per i membri della famiglia).

 

Metodo

Progettazione e fonte dei dati:

I dati sono  parte di uno studio di indagine longitudinale che indaga la salute e il comportamento degli studenti universitari.

I partecipanti hanno completato un questionario al punto temporale 1 (basale) nell’ottobre 2019.

Hanno poi completato nuovamente lo stesso questionario (con alcune domande aggiuntive) dopo l’inizio del lockdown del Regno Unito (punto temporale 2; lockdown).

 

Partecipanti:

I partecipanti erano studenti universitari di psicologia del primo o del secondo anno. 302 partecipanti hanno completato le misure di base, 48 di questi non hanno completato le misure del follow-up.

L’abbandono non era legato alle caratteristiche dei partecipanti: le analisi preliminari tra gruppi hanno mostrato che il sottogruppo di 48 persone che non ha risposto al follow-up non differiva dalle persone che lo hanno fatto, su qualsiasi misura di base raccolta.

Solo i partecipanti che hanno fornito dati in entrambi i periodi temporali sono inclusi nelle analisi qui presentate (N = 254).

C’erano 32 maschi, 219 femmine e 3 che hanno preferito non specificare il loro genere. La loro età (registrata al punto 1) variava da 18 a 31 anni (M = 19,76, SD = 1,28). 152 erano al primo anno e 112 al secondo. L’etnia autodichiarata è stata: “britannico bianco/irlandese o pavee/bianco (altro) (65,2%)”, “misto/gruppo etnico misto, ad esempio: bianco o nero proveniente dai Caraibi o bianco o asiatico (8,2%)”,”asiatico/asiatico britannico (18%)”, “nero/africano/proveniente dai Caraibi, nero britannico (5,5%)”, “altro (3,1%)”. L’1,2% ha preferito non specificarlo.

Misure:

Il consumo di alcol

E’ stato stimato utilizzando l’AUDIT-C, che prende le prime tre domande del questionario AUDIT (Bush et al., 1998). Le domande si concentrano sulla frequenza e sul numero di unità di alcol, sul numero di occasioni di binge drinking.

La preferenza diurna

E’ stata misurata utilizzando il questionario a 5 item Reduced Morningness-Eveningness Questionnaire (rMEQ) (Adan e Almirall, 1991). Questo istruisce i partecipanti a valutare le loro risposte su una scala a 4 punti (ad esempio, “Durante la prima mezz’ora dopo essersi svegliato al mattino, come si sente? “Molto stanco”, “abbastanza stanco”, “abbastanza rinfrescato”, e “molto rinfrescato”). Punteggi più bassi indicano una maggiore preferenza per la sera.

La qualità del sonno

E’ stata valutata con il Pittsburgh Sleep Quality Index (PSQI), che è una misura a 19 item che considera 7 componenti del sonno: qualità, latenza, durata, efficienza, disturbi, farmaci per dormire e disfunzioni diurne. I punteggi possono variare da 0 a 21 con i punteggi più alti che indicano una peggiore qualità del sonno.

I sintomi di ansia e depressione

Tramite la Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS) (Zigmond e Snaith, 1983) che chiede informazioni sui sintomi nell’ultima settimana. Misura i sintomi d’ansia (7 item, per esempio “Mi sento teso o “agitato””) e i sintomi depressivi (7 item, per esempio “Mi piacciono ancora le cose che mi piacevano prima”) usando scale Likert a 4 punti. Punteggi più alti indicano livelli più alti di sintomi. La HADS è convalidata per l’uso in campioni di studenti (Bjelland et al., 2002).

Il benessere mentale

E’ stato valutato utilizzando la forma breve (a 7 item) della scala del benessere mentale di Warwick Edinburgh (WEMWBS).

La solitudine

Tramite la De Jong Gierveld Loneliness Scale a 6 item, uno strumento già utilizzato e convalidato per la solitudine.

 

Domande specifiche per il lockdown

Solo al momento della raccolta dati del lockdown, sono state poste le seguenti 3 domande per valutare l’impatto soggettivo del Covid-19 e quanto il partecipante ha percepito di essersi adattato alla situazione di lockdown:

  1. “Sente che la sua salute mentale ha subito un’influenza del Covid-19?” (possibili risposte: (1)Per niente (2)Non molto (3)Abbastanza (4)Davvero molto).
  2. “Quanto sente di essersi adattato all’isolamento e alla distanza sociale?” (possibili risposte: (1)Per niente (2)Non molto bene (3)Abbastanza bene (4)Davvero molto bene).
  3. “Quanto sente di essere stato in grado di seguire le regole stabilite dal governo per l’isolamento e la distanza sociale?” (possibili risposte: (1)Per niente (2)Non molto bene (3)Abbastanza bene (4)Davvero molto bene).

Inoltre, le seguenti 3 domande per valutare preoccupazioni specifiche:

  1. “Mi sono preoccupato di contrarre il Covid-19″.
  2. “Mi sono preoccupato che i miei familiari (che vivono all’interno della mia famiglia) contrassero il Covid-19″.
  3. “Mi sono preoccupato che i miei familiari (che vivono fuori dalla mia famiglia) contrassero il Covid-19″ (possibili risposte: (1) Nessuna delle volte (2) Raramente (3) Alcune volte (4) Spesso (5) Tutte le volte).

 

Discussione

Questo studio fornisce dati preziosi sulla salute mentale dei giovani e altre variabili correlate, misurate prima e dopo la pandemia di COVID-19 e del conseguente lockdown (iniziato nel marzo 2020).

Poco più della metà del campione ha riferito di sentire che la situazione ha avuto un impatto sulla loro salute mentale “abbastanza” o “davvero molto”. Mentre il 70% degli intervistati ha riferito di essersi preoccupato di contrarre il virus almeno una volta. La preoccupazione che i membri della famiglia possano contrarre il virus è risultata ancora più diffusa.

È incoraggiante, tuttavia, che circa l’80% senta di essersi adattato abbastanza o molto bene all’isolamento e al distacco sociale, e quasi tutti gli intervistati hanno riferito di essere in grado di seguire le regole del governo per l’isolamento e il distacco sociale.

 

L’impatto sulla salute mentale è stato evidente nelle analisi longitudinali.

Depressione

Un aumento significativo nel livello auto-riferito di sintomi depressivi emerge a 1-2 mesi nel lockdown nel Regno Unito rispetto. ai 7 mesi precedenti, oltre a un benessere significativamente diminuito. La scala dell’effetto sui sintomi depressivi è risultata. particolarmente evidente con il criterio clinico per rilevare la depressione maggiore utilizzando HADS-D (punteggio ≥8). La percentuale. di partecipanti che soddisfano questo criterio è più che raddoppiata dallo standard di riferimento al momento del lockdown. Durante il. lockdown poco più di un terzo del campione potrebbe essere classificato come clinicamente depresso su questa base.

Ansia e solitudine

Non sono emersi effetti complessivi sui livelli di ansia (nonostante gli alti livelli di preoccupazioni legati a COVID), o sui punteggi. riguardo la solitudine. Tuttavia, i cambiamenti nei punteggi di depressione erano fortemente correlati ai cambiamenti nei sintomi di ansia e. benessere, ma non ai punteggi di solitudine. Quindi, le restrizioni imposte dall’isolamento non si sono tradotte in un aumento della. solitudine autovalutata in questa popolazione e la solitudine non sembra essere correlata all’aumento della depressione.

Questo contrasta con un rapporto di Benke et al. (2020) che ha ritenuto che il grado di riduzione dei contatti sociali durante l’isolamento è. associato a maggiori disturbi di salute mentale. Tuttavia, lo studio di Benke et al. (2020) era trasversale e comprendeva adulti di tutte le età. (18-95, età media 40,5). L’impatto dell’isolamento sociale e della solitudine potrebbe quindi essere più pronunciato negli. individui più anziani.

Poiché gli intervistati hanno indicato un buon adattamento alle restrizioni, ma alti livelli di preoccupazione per il contagio del virus (sia per. se stessi che per i membri della propria famiglia) potremmo ipotizzare che le preoccupazioni legate al COVID potrebbero. contribuire più delle restrizioni sociali agli effetti osservati sulla depressione.

Consumo di alcol

Nonostante alcune prove precedenti che hanno affermato che il consumo di alcol potrebbe essere aumentato durante il lockdown, abbiamo. osservato una diminuzione significativa nell’uso di alcol tra i due periodi temporali.

Questo offre qualche rassicurazione sul fatto che i giovani potrebbero non usare l’alcol come strategia di coping in risposta alla. situazione di COVID. Date le restrizioni in vigore al momento della raccolta dei dati, la diminuzione dell’uso di alcol riportata riflette. presumibilmente la mancanza di opportunità sociali per il consumo di alcol, che è un fattore importante che influenza i modelli di. consumo di alcol tra i laureandi (Del Boca et al., 2004).

Tuttavia, va considerato che la raccolta dei dati di base ha riguardato l’inizio del nuovo anno accademico, a quel punto sarebbero coerenti. alti livelli di consumo di alcol. Alcuni (Dierker et al., 2008) ma non tutti (Hoeppner et al., 2012) gli studi hanno riportato modelli di consumo di. alcol in calo con l’avanzare dell’anno accademico.

 

I risultati attuali dovrebbero essere considerati nel contesto di pandemia

Minor consumo di alcol

Inoltre, i nostri risultati che mostrano una diminuzione del consumo di alcol non stanno a indicare che coloro che hanno continuato. a usare l’alcol non lo stavano usando come strategia di coping. Anche se non abbiamo trovato alcuna correlazione tra il. cambiamento nei punteggi di depressione e l’uso di alcol, sono necessari ulteriori studi longitudinali per esplorare queste questioni,. valutando come la pandemia e il lockdown hanno influenzato il consumo di alcol (e i collegamenti con la salute mentale) nel lungo termine.

Qualità di sonno allo stesso livello

Una scoperta incoraggiante è stata che, in tutto il campione, la qualità del sonno auto-riferita non è diminuita. Alcuni studi. trasversali hanno riportato un’alta prevalenza di disturbi del sonno auto-riferiti dopo il lockdown. Gli attuali risultati longitudinali. suggeriscono che la qualità del sonno potrebbe non essere profondamente influenzata in generale.

Sintomi depressivi e qualità del sonno

Tuttavia, le analisi correlazionali hanno evidenziato un importante legame tra l’aumento dei sintomi depressivi e un. peggioramento della qualità del sonno tra i vari periodi temporali: il cambiamento all’interno del soggetto nei punteggi di depressione. era fortemente correlato al cambiamento all’interno del soggetto nella qualità del sonno. Questo non è sorprendente dato che esiste una. relazione bidirezionale tra sonno e depressione.

Il disturbo del sonno è noto per essere un fattore importante nell’eziologia della depressione e questi fattori sono strettamente intrecciati. (Nutt et al., 2008). La causalità non può essere dedotta dalla correlazione identificata qui e un lavoro futuro che utilizza misure oggettive del. sonno sarebbe utile, ma questa scoperta suggerisce che i consigli di sanità pubblica che sottolineano l’importanza di mantenere. la qualità del sonno e una buona igiene del sonno (e l’accesso agli interventi, se necessario) potrebbe avere una certa. efficacia nel sostenere la salute mentale mentre la crisi COVID-19 continua a svilupparsi.

Tuttavia, questo dovrebbe far parte di un approccio da parte della sanità pubblica più completo che potrebbe anche cercare di affrontare le. preoccupazioni direttamente collegate alla contrazione del COVID (che i dati hanno mostrato essere altamente prevalente nel campione qui. studiato).

Un altro risultato è stato il cambiamento significativo nella preferenza diurna tra i due periodi di tempo.

Un aumento del punteggio MEQ in condizioni di isolamento indica che, nel complesso, i partecipanti hanno segnalato uno spostamento.. verso la “sera” (una preferenza nel dormire e nello svegliarsi più tardi) nella loro preferenza diurna.

Anche se a volte concettualizzato come un costrutto simile a un tratto, la preferenza diurna è in qualche modo flessibile, come. dimostrato dal fatto che può essere modificata da interventi comportamentali e farmacologici (Hasler et al., 2016).

Una maggiore seralità è associata a un maggiore rischio di cattiva salute mentale (Kivela et al., 2018 ; Schneider et al., 2011 ) e questa. associazione sembra esistere indipendentemente dalla qualità del sonno ( Cox e Olatunji, 2019 ; Evans e Norbury, 2020 ). Qui, non abbiamo. potuto identificare un legame tra il cambiamento nella preferenza diurna e l’aumento dei sintomi depressivi, ma lo spostamento verso la. sera in questo campione merita ulteriori studi per determinare le ragioni per cui si è verificato questo spostamento nella preferenza. diurna e per studiare le sue conseguenze potenzialmente avverse a lungo termine.

Dobbiamo sottolineare però delle importanti limitazioni.

1) La popolazione dello studio era composta prevalentemente da studentesse di psicologia di una singola università. Se possibile, sono.. necessari ulteriori studi per determinare se i risultati attuali sono ampiamente generalizzabili ad altri studenti, e ai giovani adulti in.. generale, poiché le esperienze di coloro che si trovano al di fuori di un contesto educativo sarebbero probabilmente diverse in modo.. sostanziale.

2) Inoltre, il campione era prevalentemente femminile e mentre il genere è stato controllato in tutte le analisi, un numero insufficiente di. maschi ha precluso un’analisi degli effetti di genere. Dal momento che il genere ha un impatto sulla depressione e sul rischio di. ansia (Calling et al., 2017) è necessario un ulteriore lavoro per chiarire le potenziali differenze di genere in relazione ai risultati attuali.

3) Ancora, le tecniche di raccolta dei dati e le impostazioni differivano tra i due punti temporali. Al basale, i questionari sono stati. completati in un ambiente di lezione e quindi più suscettibili di bias di desiderabilità sociale, rispetto alla raccolta di dati online al. follow-up. Questo potrebbe significare che (per esempio) i punteggi di depressione sono stati sotto-riportati al basale. La distorsione della desiderabilità sociale potrebbe anche aver influenzato le risposte alle domande relative al COVID,. forse esagerando per esempio i livelli riportati di conformità con le restrizioni del lockdown. Inoltre, queste domande erano abbastanza aspecifiche e potrebbero essere state male interpretate: sono giustificate indagini più. approfondite su quanto i giovani adulti si siano adattati (lungo dimensioni specifiche) e abbiano rispettato le restrizioni.

4) Infine, non abbiamo controllato i cambiamenti nello stato di salute mentale che potrebbero essersi verificati durante. l’anno accademico indipendentemente dagli effetti del lockdown. Anche se gli studi sono scarsi, ci sono alcune prove che la. depressione potrebbe avere un picco a metà semestre in alcuni studenti (Wang et al., 2018). Poiché il secondo periodo di raccolta dati si è. verificato a metà semestre (mentre il primo era all’inizio del semestre), questo potrebbe aver influenzato i risultati.

In sintesi, questo studio longitudinale evidenzia l’impatto della pandemia COVID-19 sulla salute mentale di un campione di studenti, con. sintomi depressivi e benessere significativamente colpiti. I risultati indicano la necessità di approcci completi da parte della. sanità pubblica per sostenere la salute mentale dei giovani mentre la crisi continua. I risultati suggeriscono che promuovere un buon sonno e affrontare gli alti livelli di preoccupazione osservati riguardo la contrazione del COVID-19 potrebbero essere elementi utili. È emersa la diminuzione dell’alcol, quest’ultimo quindi non sembra essere impiegato come strategia di coping. Tuttavia, va notato che. questi dati riguardano le prime fasi del lockdown, il lavoro futuro dovrebbe valutare come gli effetti qui identificati si evolvono man mano che la crisi continua.

 

Conclusioni

Hai appena letto quali possano essere i primi risultati circa le conseguenze del COVID-19 (e le relative restrizioni) sulla salute mentale dei più giovani.

Considerando la tua esperienza professionale, quali potrebbero essere altri effetti non considerati delle restrizioni sui più giovani, nel contesto italiano?

Quali potrebbero essere le modalità di intervento migliori?

😀 Condividi con noi la tua esperienza, lasciandoci un commento nel box qui sotto ⤵️

 

Vuoi saperne di più su come intervenire con i più giovani sulle conseguenze del COVID-19?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro corso:

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

Nuovi disagi in adolescenza. Diagnosi, prognosi e intervento

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Evans S, Alkan E, Bhangoo JK, Tenenbaum H, Ng-Knight T. Effects of the COVID-19 lockdown on mental health, wellbeing, sleep, and alcohol use in a UK student sample. Psychiatry Res. 2021 Apr;298:113819. doi: 10.1016/j.psychres.2021.113819. Epub 2021 Feb 23. PMID: 33640864.

One thought on “Lockdown e Salute Mentale nei giovani Studenti

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>