Accedi

Mindful Eating e Diete: quali differenze?

Mindful eating

Negli ultimi 30 anni, la consapevolezza è diventata popolare ed efficace nei piani di trattamento dello stress e dei problemi alimentari. La consapevolezza è stata descritta come “portare una certa qualità di attenzione all’esperienza momento per momento. La descrizione della consapevolezza è stata espressa come “aumentare la consapevolezza e rispondere abilmente ai processi mentali che contribuiscono allo stress emotivo e al comportamento disadattivo”.

Sembra difficile definire la mindfulness e anche la mindful eating solo con una frase; quindi, in questa revisione si cercherà di esprimerla con alcune ricerche.

 

La Mindfulness

La Mindfulness è un processo che include la consapevolezza sia dei processi interni che dei fattori ambientali che provengono dall’esterno; essere mentalmente, emotivamente e fisicamente presente in quel dato momento.

È stato dimostrato che negli individui che hanno un alto stato di consapevolezza e amore per sé stessi, la diminuzione del peso corporeo è maggiore. Esiste una forte relazione tra pensieri automatici negativi e aumento di peso corporeo.

In uno studio, è stato osservato l’effetto dell’allenamento alimentare basato sulla consapevolezza sull’impulsività e sulla gestione del peso corporeo. Quando osserviamo le valutazioni pre e post test, è dimostrato che il peso corporeo e l’indice di massa corporea (BMI) erano diminuiti.

 

Ulteriori evidenze

La Mindfulness di per sé ha effetti sulla gestione di fattori interni ed esterni come il controllo delle porzioni, prevenire il mangiare emotivo e smettere di mangiare troppo; quindi, svolge un ruolo importante nella gestione del peso.

Uno studio, che mirava a modificare il comportamento alimentare con un allenamento basato sulla Mindfulness e sulla consapevolezza, è stata riscontrata una diminuzione significativa del consumo di cibo a seguito di stati emotivi negativi e degli stati alimentari incontrollati.

 

Mangiare consapevole

Mangiare consapevolmente significa fermarsi, pensare e agire essendo consapevoli di ciò che si mangia e mangiare consapevolmente, non mangiare come riflesso.

Il consumo consapevole è definito, per la prima volta in turco in uno studio, “Con la consapevolezza di come e perché si verifica un comportamento alimentare piuttosto che di ciò che viene mangiato; interiorizzare indizi di fame-sazietà fisica ed essere consapevoli dell’effetto di emozioni e pensieri; senza essere influenzati da fattori ambientali ed essere concentrati sul cibo che verrà consumato in questo momento senza giudicare le scelte alimentari».

Un’alimentazione consapevole può essere utile per fare scelte più sane e soddisfacenti essendo consapevoli del cibo consumato senza essere influenzati dal peso corporeo o dallo stato nutrizionale dell’individuo. L’individuo dovrebbe anche essere consapevole del tipo di fame presente e di conseguenza determinare quando iniziare e quando smettere di mangiare attraverso i processi interni. Il consumo consapevole ha il potenziale per ridurre le reazioni automatiche e disattenti.

 

Uscire dal loop

Con la consapevolezza, il mangiare emotivo causato da trigger perderà il suo effetto sul consumo di cibo non necessario. In coloro che sperimentano un’alimentazione consapevole, l’efficacia del mangiare automatico può essere compromessa (deautomatizzata) e la loro risposta al craving migliora.

Il consumo mindful punta anche su conoscenze nutrizionali e problemi esterni. Conoscere i nutrienti, gli alimenti, le scelte salutari è una delle chiavi per interrompere il ciclo disadattivo pagato alle scelte alimentari.

 

Mindful Eating. Riconnettersi con il proprio corpo

Mindful Eating. Riconnettersi con il proprio corpo

 

Il diabete

In uno studio randomizzato controllato, è stato osservato l’effetto dell’allenamento alimentare consapevole con il diabete di tipo 2. Sebbene non vi fosse alcuna differenza nella gestione del peso corporeo nel gruppo educato all’alimentazione consapevole rispetto al gruppo di controllo, è stato riscontrato che l’assunzione di energia e il consumo di zucchero sono diminuiti significativamente rispetto all’altro gruppo.

L’obesità

In uno studio che ha esaminato la relazione tra obesità e alimentazione emotiva, il consumo emotivo è risultato efficace nella relazione tra eccesso di cibo e sovrappeso. In una revisione, i ricercatori hanno suggerito che un’alimentazione consapevole dovrebbe essere aggiunta nei programmi di trattamento per la gestione del peso, specialmente per gli individui obesi.

Anche se ci sono alcuni studi che hanno modesti miglioramenti sulla perdita di peso, l’effetto a lungo termine dei programmi è stato un’efficace gestione del peso. Allo stesso modo, in una revisione del 2019 sull’alimentazione consapevole e sulla relazione tra diete e obesità, i revisori hanno concluso che gli studi erano incentrati sulla perdita di peso, ma la questione più importante è trovarsi in una strategia che non si basa sulla restrizione energetica o sulle diete limitate; quindi, possiamo usare approcci di alimentazione consapevole.

L’alimentazione incontrollata

Il consumo impulsivo, simile al consumo automatico, porta anche a un rapido consumo di cibo e può rendere difficile la gestione del peso corporeo. Anche il recupero dopo la perdita di peso corporeo e la relazione tra alimentazione impulsiva e disinibizione sono forti. Un individuo impulsivo può avere difficoltà a prestare attenzione; quindi, può risultare incapace di posticipare la soddisfazione.

I risultati presenti in letteratura dimostro che gli interventi di alimentazione consapevole possono essere un potente strumento per ridurre il peso corporeo, il mangiare emotivo e quello automatico.

La bulimia nervosa

Il piano di trattamento della Bulimia nervosa (BN) dovrebbe includere, oltre la psicoterapia, anche l’educazione alimentare. Negli ultimi anni,  sono stati utilizzati interventi basati sulla consapevolezza e corsi di formazione sull’alimentazione consapevole. L’allenamento alla consapevolezza alimentare basato sulla consapevolezza (MB-EAT) migliora il mangiare emotivo e le buone scelte alimentari.

Poiché le persone affette da bulimia nervosa non possono spendere tutta l’energia che assumono, il risultato è semplice: aumentano di peso; è per questo che un piano nutrizionale bilanciato e consapevole dovrebbe essere incluso nel trattamento, a differenza di diete restrittive.

L’anoressia nervosa

L’anoressia nervosa (AN) è un disturbo difficile da gestire; può essere mortalmente rischioso per la salute di un individuo. Il trattamento dell’anoressia dovrebbe essere attento e intenzionale.

In uno studio, un programma di alimentazione consapevole di 10 settimane con pazienti con AN ha riscontrato una significativa diminuzione dei sintomi dei disturbi alimentari.

 

Conclusione

Negli ultimi anni, la consapevolezza è diventata importante per ridurre problematiche relative all’ansia, allo stress, ma anche all’alimentazione. Il consumo consapevole sta diventando popolare perché dominato dall’idea che i risultati dell’acquisizione di abilità alimentari consapevoli piuttosto che di trattamenti dietetici tradizionali, siano più efficaci.

Gli interventi dietetici non sono una soluzione permanente nella perdita di peso corporeo e soluzioni più permanenti possono essere ottenute indirizzando gli interventi comportamentali verso sane abitudini alimentari acquisendo abilità alimentari consapevoli su alimentazione e sazietà. Il consumo consapevole ha effetti sulla gestione del peso corporeo e sugli atteggiamenti e comportamenti alimentari.

Team multidisciplinari composto da psichiatri, psicoterapeuti e dietisti possono lavorare insieme, allo scopo di fornire abilità alimentari consapevoli con comportamenti alimentari sani, duraturi e sostenibili; in questo modo, la gestione del peso corporeo può essere raggiunta.

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Gizem, K. Ö. S. E. (2020). Can Mindful Eating Help Us When We Struggle With Eating? Mindful Eating Replaces Diets. Turkish Journal of Sport and Exercise, 22(1), 72-77. https:// dergipark.org.tr/en/ download/ article-file/ 1076550

Corsi correlati

Corso Online
65 ECM
Spedizione inclusa
Certificazione DBR (Deep Brain Reorienting)
La live si terrà il 18 marzo 2023
320€
o 53 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0