Mindful Eating: riconnettersi con il proprio corpo

Psicologa, psicoterapeuta cognitivo comportamentale, giornalista. Membro del Center for Mindful Eating, istituzione fondata da Jean Kristeller e colleghi per la diffusione della cultura e del... Leggi la Bio
Mindful Eating_ riconnettersi con il proprio corpo

julia

Quella che vedi nella foto sulle mie gambe è Julia ed è con me da appena una settimana.

È una gattina molto allegra e vivace. In una settimana ha imparato tante cose: a riconoscere dov’è la lettiera e dove sono le ciotole con cibo e acqua, ad esempio. Ogni giorno ha preso confidenza con una stanza diversa della casa: tre giorni fa ha imparato ad arrampicarsi – e a cadere! – sulla libreria e giusto ieri a nascondersi dietro le porte delle stanze per tendermi degli agguati. Ha anche imparato dove dormo e a venirmi a svegliare nel cuore della notte. Ha imparato, più o meno, a non morsicare i fili del pc, ma quelli delle cuffie sono ancora irresistibili per lei. Ma so che imparerà. E imparo anche io tanto da lei.

Mi assicuro che Julia abbia sempre la ciotola di acqua e cibo ben fornita: non le lascio mai vuote. E Julia mangia quanto ne vuole e lascia il resto. Julia non fa scorpacciata di tutto quanto le capiti a tiro e segue il suo istinto: mangia con gioia, gioca, si arrampica e mi tende agguati con allegria e poi, distrutta, crolla in un lungo sonno, solitamente sulle mie gambe. È tutto molto naturale: nessuno le dice quando è ora di mangiare, di giocare o di dormire. Lo fa e basta. Ed è il ritratto della felicità: agile, in forma e felice.

Cosa ho io in comune con Julia?

Io e Julia abbiamo tante cose in comune: ci piace giocare insieme, ci piace la pulizia e ci piace riposare vicine. Ma abbiamo una cosa ancora più incredibile in comune: siamo entrambi mammiferi. E, in quanto tali, abbiamo un istinto innato riguardo a molte cose, fra cui l’alimentazione. In particolare, il nostro ipotalamo ci manda segnali per indicarci che è ora di introdurre un po’ di calorie e che è possibile o meno fare un po’ di moto. E tutto questo, senza che nessuno ce lo abbia insegnato.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Un esperimento degli anni ’30 [Davis, C.M. (1939) Results of the Self-Selection of Diets by Young Children. Canadian Medical Association Journal 41 (1939): 257-261] ha messo in evidenza che bambini con età compresa fra i 6 e gli 11 mesi osservati per una settimana ai quali veniva offerta una varietà di cibo sul vassoio, mangiavano un appropriato numero di calorie con una distribuzione adeguata fra i vari nutrienti, come se fossero guidati da un nutrizionista interiore. Un esperimento del 2000 [Rolls, B.J., Engel, D., Birch, L.L. (2000) Serving Portion Size Influences 5-Year-Old But Not 3-Year-Old Children’s Food Intakes. Journal of the American Dietetic Association 100; 232-234] ha mostrato che i bambini di 3 anni mangiano una quantità appropriata di pasta al formaggio da una porzione molto ampia… mentre i bambini di 5 anni tentano di mangiarla tutta!

E qui veniamo alle differenze!

Cosa ho di diverso da Julia?

Oltre al pelo e alle fusa? Beh, a me non piace masticare i cavi elettrici (in realtà non so… dovrei provare!), non mi piace arrampicarmi sulle tende (ma anche questo devo provarlo!) e, soprattutto, ho una neocorteccia più sviluppata. Il che è un bene, ma potrebbe, talvolta, non esserlo. Questa zona, che negli esseri umani è molto più complessa rispetto a quella di qualsiasi altro mammifero, ci permette di essere capaci di funzioni di ordine superiore, come la memoria di lavoro, il ragionamento, il comportamento esplorativo e l’intelligenza complessiva. Tutte belle cose: è ciò che fa di noi degli esseri evoluti.

Eppure talvolta riusciamo, con le nostre “funzioni superiori”, ad interferire in maniera negativa in atti semplici e che sarebbero del tutto naturali se lasciassimo fare alla “Julia che è in noi”: mangiare, ad esempio!

Siamo capaci di disconnetterci totalmente dalla nostra esperienza alimentare, lavorando con la mente mentre mangiamo con il corpo: ecco che, ad esempio, mangiamo e guardiamo la TV. Se, mentre Julia mangia, le sventolo un topino di pezza davanti agli occhi, Julia farà sicuramente una delle due seguenti cose:

  • A: mi ignorerà e continuerà a mangiare
  • B: lascerà il cibo per dedicarsi alla “caccia al topo”

Non farà entrambe le cose contemporaneamente: beata lei!

Noi, invece, mentre mangiamo facciamo miriadi di cose, proprio grazie alla neocorteccia: guardiamo un film, controlliamo le e-mail, parliamo con qualcuno, lavoriamo al PC o, semplicemente, vaghiamo con la mente. Questo ci allontana dalla nostra saggezza interiore, ovvero da quell’istinto primordiale che ci dice esattamente quando cominciare a mangiare e quando smettere, senza che ce lo imponiamo o che lo avvertiamo come qualcosa di faticoso.

Come mai ci siamo distaccati così tanto dal mammifero che è in noi?

Perché, come se non bastasse, siamo anche capaci di immaginare ciò che pensano gli altri, ciò che piace agli altri, le reazioni degli altri quando ci vedono, compresi i loro giudizi. E questo ci condiziona. Condiziona le nostre convinzioni rispetto all’aspetto che vogliamo avere, alla forma che pretendiamo il nostro corpo abbia. E, di conseguenza, ci imponiamo un certo comportamento alimentare e/o un certo livello di allenamento. Ecco che mangiare, correre e saltare non sono più attività naturali e piacevoli, legate alla nostra natura, ma diventano un qualcosa di artefatto, difficile, che richiede un manuale di istruzioni (esempio: programma alimentare).

Cosa possiamo fare per ritornare ad essere mammiferi felici, naturalmente sani e in forma?

Ritrovare la Julia che è in noi e, in quanto psicologi, insegnare ai nostri pazienti e clienti a fare altrettanto. È il regalo più bello che possiamo fare a chi confligge col cibo e con il peso e la forma corporea.

La Mindful Eating insegna esattamente a fare questo: a riconnetterci con il proprio corpo e a mangiare con consapevolezza, guidati dalla nostra saggezza interiore e non da un manuale di istruzioni a cui attenerci.

Vuoi saperne di più sulla Mindful Eating?

Leggi l’articolo Mindful Eating: cos’è e a cosa serve

e visita la pagina del corso rivolto agli psicologi Mindful Eating – Riconnettersi con il proprio corpo

 

Teresa Montesarchio
Psicologa, Psicoterapeuta TCC
Lifetime Member The Centre for Mindful Eating

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>