Mindfulness E Filosofia Per Bambini: Uno Studio Durante La Pandemia

mindfulness

Filosofia per bambini e mindfulness durante il COVID-19: Risultati di uno studio randomizzato a grappolo e impatto sulla salute mentale negli studenti delle scuole elementari

Prove preliminari suggeriscono che la pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto negativo sulla salute mentale dei bambini, in particolare sull’ansia, sulla depressione e sui disturbi comportamentali (Morneau Shepell, 2020).

Infatti, la letteratura emergente dall’Asia e dall’Europa suggerisce che la pandemia sta colpendo i bambini che erano o sono ancora confinati nelle loro case, per i quali possono emergere problemi emotivi e comportamentali (Golberstein et al., 2020; Jiao et al., 2020; Liu et al., 2020; Pisano et al., 2020; Wang et al., 2020).

Un recente articolo suggerisce che questi problemi possono essere spiegati dalla noia, dalle difficoltà familiari o dalla mancanza di interazioni sociali (Liu et al., 2020).

 

Dati pre-pandemia dei problemi di salute mentale dei bambini

Prima della pandemia di COVID-19, la prevalenza dei problemi di salute mentale è stata riportata intorno al 25% tra i bambini delle scuole elementari (Polanczyk et al., 2015). Anche se la prevalenza post COVID-19 per i problemi di salute mentale nei giovani non è ancora disponibile, le prove raccolte dalla letteratura emergente suggeriscono che la pandemia di COVID-19 può aumentare lo sviluppo di problemi di salute mentale nei bambini in generale, e in particolare in quelli che sono a più alto rischio di sviluppare malattie mentali.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

 

Le conseguenze della pandemia sui bambini finora emerse

I bambini delle scuole elementari, dai 5 ai 12 anni, sembrano particolarmente colpiti dall’attuale pandemia, che ha portato a un aumento dei problemi di salute mentale e di adattamento psicosociale (Morneau Shepell, 2020). A loro volta, questi problemi possono ostacolare la perseveranza e i risultati accademici, soprattutto nel contesto della reclusione (Wang et al., 2020).

L’importanza di prevenire le conseguenze della pandemia per i bambini

Dato che questi problemi possono avere impatti significativi per tutta la durata della vita, è essenziale prevenire le ripercussioni negative della pandemia di COVID-19 sulla salute mentale dei bambini sviluppando interventi adatti alla realtà dello sviluppo dei bambini della scuola elementare.

I risultati empirici di recenti ricerche di psicologia clinica e dello sviluppo suggeriscono che gli interventi basati sull’apprendimento socio-emotivo sono promettenti per ridurre il disagio psicologico, promuovere il benessere, incoraggiare la perseveranza a scuola e per favorire i risultati accademici (Jiao et al., 2020).

I bambini che sono intellettualmente dotati o che hanno un preesistente problema di salute mentale (ad esempio, disturbi d’ansia o ADHD) sembrano essere particolarmente vulnerabili agli impatti negativi dell’attuale pandemia, soprattutto per quanto riguarda il loro stile di vita, i comportamenti e la salute generale (Degli Espinosa et al., 2020).

Questo evidenzia la necessità di offrire supporto psicologico a questi giovani studenti, nel contesto della crisi attuale. Molti studi hanno raccomandato l’attuazione di interventi che fornirebbero supporto durante i periodi di isolamento o quando si torna a scuola.

Anche se l’evidenza empirica di interventi specifici valutati nel contesto di COVID-19 è rara, le lezioni apprese da altre pandemie o disastri naturali indicano che l’offerta di risorse, come i servizi online (ad esempio, la telemedicina), sono promettenti (Galea et al., 2020).

 

Obiettivo dello studio

L’obiettivo del presente studio è stato quindi quello di valutare l’efficacia di due interventi di gruppo, online, adeguati allo sviluppo e di confrontare il loro impatto. In particolare, valuteremo l’impatto di un intervento basato sulla mindfulness (MBI) e un intervento di filosofia per bambini (P4C) sulla salute mentale, nel contesto della pandemia di COVID-19.

 

Interventi basati sulla mindfulness (MBI)

La mindfulness si riferisce al prestare attenzione al momento presente in modo aperto e senza giudizio (Kabat-Zinn, 1994). Gli interventi basati sulla mindfulness (MBI) adattati specificamente ai bambini sono stati sempre più implementati negli ultimi anni in ambito scolastico per alleviare il disagio psicologico e migliorare la salute mentale degli studenti (Taylor et al., 2014).

Hanno lo scopo di insegnare ai bambini a concentrarsi sulle loro esperienze sensoriali, riconoscere e accettare i loro pensieri ed emozioni, portando a migliori capacità di regolazione emotiva (Malboeuf-Hurtubise et al., 2017b). I risultati di recenti meta-analisi e revisioni hanno dimostrato che gli MBI sono considerati utili per diminuire i problemi di salute mentale, come l’ansia e la disattenzione (Carsley et al., 2018; Zenner et al., 2014).

Ricerche passate sull’efficacia dei MBI nelle scuole elementari hanno anche suggerito che sono utili per favorire indicatori positivi di salute mentale, come il benessere e la soddisfazione dei bisogni psicologici di base (BPN).

In effetti, la mindfulness è stata collegata a miglioramenti nella soddisfazione dei tre BPN per l’autonomia (agire volontariamente e secondo i propri valori e interessi), la competenza (avere un impatto significativo sul proprio ambiente) e la relazionalità (sentirsi connessi agli altri e sentire che si appartiene) (Deci e Ryan, 2000).

Il grado di soddisfazione di ciascuna di queste BPN è considerato un buon indicatore della salute mentale di un individuo (Deci e Ryan, 2008). Decenni di ricerche hanno dimostrato che la soddisfazione dei BPN, specialmente il bisogno di autonomia, è associato a una migliore salute mentale, ma anche a una sana motivazione, alla perseveranza accademica e ai risultati tra gli studenti della scuola elementare (Deci e Ryan, 2000).

Recentemente, la ricerca ha suggerito che i MBI basati sul gruppo potrebbero avere un impatto positivo sulla soddisfazione del BPN nei bambini della scuola elementare (Malboeuf-Hurtubise et al., 2019b). Tuttavia, altri studi hanno riportato effetti nulli e persino negativi dei MBI sulla soddisfazione del BPN (Malboeuf-Hurtubise et al., 2017a; Malboeuf-Hurtubise et al., 2019a).

Questi risultati evidenziano la necessità di valutare ulteriormente il potenziale valore dei MBI per migliorare la soddisfazione della BPN, oltre a confrontarne gli effetti con quelli di altri interventi promettenti, anche facili da implementare attraverso il sistema scolastico.

 

Filosofia per i bambini (P4C)

Simili agli MBI, gli interventi di filosofia per i bambini (P4C), in cui i bambini sono invitati a riflettere e a condividere questioni morali e valori personali, mirano anche a promuovere la soddisfazione del BPN, e più specificamente il bisogno di autonomia (Niemiec e Ryan, 2009; Sasseville e Gagnon, 2007).

Come parte dei laboratori P4C, gli studenti si trovano di fronte a diverse questioni filosofiche. A partire da un innesco, come una domanda, un breve video o un’immagine, può avere luogo un periodo di discussione intorno a un tema filosofico predefinito (ad esempio, cos’è la felicità?).

Come per le MBI, questa pratica basata sul dialogo permette ai bambini di prendere coscienza dei propri pensieri ed emozioni (Lefrançois, 2006; Vansieleghem, 2014). Come tale, la P4C mira a fornire uno spazio sicuro in cui i bambini sono autorizzati a pensare per e da soli. Si pensa che questo incoraggi una maggiore autonomia intellettuale e affettiva, che costituisce il principale veicolo per promuovere una migliore salute mentale dei bambini (Malboeuf-Hurtubise et al., 2018a).

La ricerca sugli effetti della P4C ha suggerito impatti positivi sulle abilità cognitive a breve e lungo termine tra i bambini della scuola elementare (Topping e Trickey, 2007), così come sull’autostima e sulla capacità di identificare le proprie emozioni e pensieri (Duclos, 2012; Vansieleghem e Kennedy, 2011).

Tuttavia, le prove disponibili sono principalmente sperimentali, evidenziando la necessità di ulteriori ricerche sul potenziale impatto della P4C sulla salute mentale dei bambini. Dati i dati preliminari che suggeriscono che la P4C mostra la promessa di migliorare la salute mentale dei giovani e le somiglianze osservate tra la P4C e gli MBI, confrontare l’impatto di entrambi gli interventi sulla salute mentale dei giovani appare rilevante per valutare se la P4C può rivelarsi un’interessante alternativa agli MBI in ambito scolastico.

 

Lo Studio

L’obiettivo del presente studio è stato quello di confrontare l’impatto di un intervento basato sulla mindfulness (MBI) e un intervento di filosofia per bambini (P4C), entrambi basati sul gruppo e consegnati online tramite una piattaforma di teleconferenza, sulla salute mentale, nel contesto della pandemia di COVID-19.

Abbiamo usato uno studio randomizzato a grappolo per valutare e confrontare l’impatto di entrambi gli interventi sull’ansia e sui sintomi di disattenzione degli studenti delle scuole elementari, nonché sul loro BPN.

Date le prove contrastanti esistenti per quanto riguarda l’impatto degli MBI sulla salute mentale, abbiamo ipotizzato che l’intervento P4C avrebbe avuto un impatto maggiore sia sulle difficoltà di salute mentale che sul BPN, se confrontato con l’MBI.

Metodi

Cinque classi di studenti della scuola elementare (N = 37; età media = 8,18 anni, 57% ragazzi e 43% ragazze), da due diversi consigli scolastici, in Quebec, Canada, hanno preso parte a questo studio e sono stati assegnati in modo casuale alla condizione di intervento MBI (3 classi) o P4C (2 classi).

Gli interventi si sono svolti durante la primavera del 2020, durante l’inizio della pandemia di COVID-19. Entrambi gli interventi sono stati consegnati online e in tempo reale, utilizzando una piattaforma di teleconferenza.

Il reclutamento ha avuto luogo in due scuole: (a) 3 aule di una scuola rurale che ha riaperto nel maggio 2020 (N = 18) e (b) 2 aule giftedness di una scuola urbana che è rimasta chiusa fino alla fine dello studio (N = 19).

Tutti gli studenti hanno ricevuto l’intervento online. Gli studenti della regione rurale lo hanno ricevuto mentre erano in classe, mentre gli studenti del programma giftedness lo hanno ricevuto a casa.

La dimensione del campione è stata influenzata dalle linee guida della sanità pubblica, poiché le scuole che riaprivano erano autorizzate a reintegrare solo il 50% dei loro studenti per rispettare la distanza fisica.

Gli studenti hanno completato le misurazioni pre-intervento (una settimana prima dell’inizio dell’intervento) e post-intervento (una settimana dopo la fine dell’intervento).

Un assistente di ricerca era presente in teleconferenza per aiutare gli studenti a leggere tutte le voci del questionario e a rispondere a qualsiasi domanda dei bambini su alcune voci.

 

Procedura

Sono stati offerti due interventi distinti di cinque settimane. L’accesso alle sessioni era possibile con una piattaforma di videoconferenza protetta da password, durante la quale gli assistenti di ricerca si collegavano da remoto per raggiungere gli studenti a casa o nella loro classe (utilizzando la lavagna intelligente della classe).

Non era richiesta la presenza dei genitori durante le sessioni. Tuttavia, per gli studenti che si univano da casa, i consulenti educativi di giftedness del consiglio scolastico erano presenti durante tutte le sessioni.

Le sessioni sono state condotte da una diade di studenti laureati in psicologia che erano ciechi alle ipotesi di ricerca. Tutti avevano una vasta esperienza nella conduzione di sessioni P4C e MBI con studenti delle scuole elementari. La supervisione è stata offerta settimanalmente da uno psicologo infantile autorizzato (primo autore CMH).

 

L’intervento P4C era composto da cinque sessioni settimanali della durata di circa un’ora ciascuna, durante le quali i temi correlati a COVID-19 venivano discussi con gli studenti.

I temi includevano, in ordine cronologico

1) Perché andiamo a scuola;

2) Tristezza e paura;

3) Libertà personale e regole;

4) Essere vecchi;

5) Morte.

Tutti i temi sono stati selezionati sulla base della loro vicinanza agli eventi legati alla pandemia. Agli studenti sono stati mostrati brevi video clip dalla versione francese della serie televisiva di filosofia della BBC What’s the Big Idea?, in cui un giovane protagonista si confronta con domande filosofiche sulla vita. Queste clip sono stati usati come inneschi esistenziali.

 

L’MBI consisteva anche in cinque sessioni settimanali che duravano circa un’ora ciascuna.

Le attività incluse in questo intervento erano:

1) Fermarsi con attenzione e prendersi cura di sé stessi;

2) Body scan;

3) Camminare con attenzione;

4) Mindfulness, gratitudine e punti di forza personali;

5) Scrivere la mia eredità.

Queste attività sono state adattate dal manuale Mission Meditation, un intervento basato sull’evidenza basato sulla meditazione mindfulness e sulla psicologia positiva, adattato e personalizzato per adattarsi alle esigenze di sviluppo e alla capacità di attenzione dei bambini della scuola elementare (Malboeuf-Hurtubise e Lacourse, 2016).

Misure

Difficoltà di salute mentale

I partecipanti hanno completato alcuni item selezionati dalle sottoscale di ansia (3 item, ad esempio, “mi preoccupo per le piccole cose”) e disattenzione (4 item, ad esempio, “mi dimentico di fare le cose”) della Behavior Assessment Scale for Children-3a edizione, scala self-report (BASC III) (Reynolds e Kamphaus, 2004)

Soddisfazione BPN

I partecipanti hanno valutato quanto si sentissero competenti, autonomi e come si sentivano scuola, rispondendo a una scala a 5 voci adattata da una scala usata in uno studio precedente simile (Malboeuf-Hurtubise et al., 2017a; Savard et al., 2013).

Ai bambini è stato chiesto di valutare il loro accordo, su una scala Likert a 5 passi, con item come “A scuola…mi sento libero di esprimere le mie idee” (autonomia); “…sono in grado di raggiungere i miei obiettivi” (competenza) e “Nella mia relazione con gli altri, mi sento apprezzato” (relazione).

Discussione

L’obiettivo di questo studio pilota è stato quello di confrontare l’impatto di un intervento P4C incentrato su temi legati alla COVID-19 e un MBI sulla salute mentale, nel contesto della prima ondata della pandemia di COVID-19.

Entrambi gli interventi sono stati consegnati online, utilizzando uno studio randomizzato a grappolo. I risultati di questo studio supportano parzialmente le nostre ipotesi iniziali, in quanto suggeriscono che l’intervento P4C è stato più vantaggioso per ridurre le difficoltà di salute mentale (ansia e sintomi di disattenzione) rispetto all’intervento di mindfulness.

Tuttavia, contrariamente alla nostra ipotesi iniziale, l’MBI è stato associato a risultati migliori sulla soddisfazione BPN rispetto all’intervento P4C.

 

In sostanza, i risultati indicano che un intervento P4C incentrato sui temi legati alla COVID-19 può essere più incisivo per ridurre i sintomi, mentre un MBI può essere più utile per migliorare il BPN, nel contesto attuale della pandemia COVID-19.

Ricerche precedenti hanno suggerito che la P4C può essere utile per migliorare la soddisfazione della BPN (soprattutto il bisogno di autonomia), fornendo ai bambini uno spazio di discussione per riflettere e condividere su temi esistenziali e valori personali (Cassidy et al., 2018; Heron e Cassidy, 2018; Malboeuf-Hurtubise et al., 2018a).

Tuttavia, è degno di nota il fatto che il nostro intervento P4C legato alla COVID-19 non era specificamente progettato per favorire riflessioni approfondite sulla BPN. Infatti, dato che gli argomenti trattati erano molto legati alla pandemia, è possibile che queste discussioni non abbiano favorito maggiori riflessioni sui propri valori o sulla propria soddisfazione dell’autonomia, il che potrebbe spiegare, almeno in parte, perché la nostra ipotesi non sia stata supportata in questo senso.

È anche possibile che la crisi, probabilmente nella mente dei bambini, abbia precluso la loro disponibilità cognitiva per favorire una crescita immediata a breve termine.

Piuttosto, l’obiettivo del nostro intervento P4C era quello di fornire uno spazio sicuro in cui gli studenti avrebbero avuto l’opportunità di riflettere e discutere apertamente le domande esistenziali che avevano inevitabilmente incontrato a causa della recente pandemia globale.

Come tale, fornire agli studenti l’opportunità di discutere argomenti difficili come “Cosa significa essere vecchi?” o “La paura di ammalarsi e morire” può essere stato particolarmente utile per diminuire il disagio psicologico, spesso manifestato in ansia e sintomi di disattenzione.

Infatti, la ricerca clinica passata sulle terapie cognitivo comportamentali della terza ondata ha dimostrato che discutere apertamente, normalizzare e riconoscere argomenti o sentimenti difficili può aiutare a diminuire il disagio psicologico, sia negli adulti che nei bambini (Swain et al., 2013). È molto probabile che l’intervento P4C abbia agito in modo simile nel presente studio.

L’MBI offerto agli studenti durante l’inizio della pandemia ha dato risultati positivi per quanto riguarda la soddisfazione del BPN.

È possibile che l’inclusione di attività di psicologia positiva, come la riflessione sulla propria eredità, il senso di gratitudine e i punti di forza personali, abbia fornito agli studenti uno spazio per riflettere sui loro valori e sul senso di sé.

Tuttavia, contrariamente all’intervento P4C, l’MBI implementato in questo studio non era focalizzato specificamente sugli eventi attuali in corso, il che potrebbe spiegare, almeno in parte, perché non ha aiutato a ridurre i sintomi – e perché l’intervento P4C è stato più vantaggioso in questo senso. Va notato, tuttavia, che le discussioni relative alla pandemia non erano vietate nel gruppo MBI.

Infatti, l’argomento della pandemia di COVID-19 è stato sollevato in alcune occasioni dai partecipanti durante le discussioni di gruppo, e a condizione che fossero collegate alle attività MBI, agli studenti è stato dato lo spazio per discutere di eventi attuali.

Tuttavia, queste discussioni non hanno occupato un posto significativo nell’intervento complessivo. È possibile che le discussioni nel gruppo P4C abbiano fatto capire agli studenti che le loro preoccupazioni erano normali e che forse molti dei loro compagni si sentivano allo stesso modo.

In alternativa, vedere altri coetanei meno angosciati dalla pandemia potrebbe aver aiutato alcuni partecipanti del gruppo P4C a regolare le proprie emozioni. Detto questo, precedenti ricerche sulle MBI in ambienti di scuola elementare e con i giovani hanno dimostrato che la mindfulness è in qualche modo efficace per diminuire i sintomi di ansia e disattenzione (Carsley et al., 2018; Zenner et al., 2014), sebbene siano stati pubblicati anche studi in cui sono stati osservati effetti nulli e negativi (Britton et al., 2014; MalboeufHurtubise et al., 2019a; Malboeuf-Hurtubise et al., 2018b).

È anche possibile che la durata dell’intervento stesso non sia stata sufficiente a fornire un impatto significativo sulle difficoltà di salute mentale nei nostri partecipanti, poiché gli MBI durano tipicamente 8-10 settimane.

 

Infine, la combinazione di psicologia positiva e meditazione mindfulness potrebbe anche spiegare perché l’intervento ha avuto più di un impatto sulla soddisfazione BPN che sulle difficoltà di salute mentale.

Nel complesso, i risultati di questo studio suggeriscono che entrambi gli interventi hanno un certo potenziale per migliorare la salute mentale degli studenti delle scuole elementari, in un periodo di intervento di cinque settimane. Tuttavia, dato che entrambi gli interventi hanno avuto effetti distinti sulla salute mentale, forse combinando entrambi gli interventi si otterrebbero effetti più forti sulla salute mentale complessiva degli studenti delle scuole elementari.

Infatti, entrambi gli approcci mostrano una certa complementarità per quanto riguarda il loro impatto sulla salute mentale: gli MBI, da un lato, si basano sull’introspezione e sulla libera identificazione di pensieri, emozioni e sensazioni fisiche, pur essendo non direttivi. La P4C, d’altra parte, è un approccio più direttivo in cui vengono proposti temi specifici agli studenti.

Quindi, le MBI possono essere utili per identificare pensieri, emozioni o valori personali e possono fornire un terreno fertile per le attività P4C per produrre riflessioni più approfondite su questi stessi argomenti. A loro volta, queste riflessioni possono anche consentire un chiarimento dei propri pensieri, delle emozioni e della soddisfazione complessiva della BPN (Brown, 2015; Brown e Ryan, 2003; Levesque e Brown, 2007; Malboeuf-Hurtubise et al., 2018a).

Infine, questi risultati preliminari tendono a indicare che entrambi gli interventi hanno avuto effetti simili, indipendentemente dal fatto che i bambini fossero dotati o meno.

Conclusioni

In sintesi, i risultati di questo studio suggeriscono che nell’attuale contesto della pandemia di COVID-19, un intervento P4C incentrato sui temi correlati alla COVID-19 può essere utile per ridurre le difficoltà di salute mentale (ansia e sintomi di disattenzione), che un MBI può essere utile per soddisfare i bisogni psicologici di base, e che entrambi gli interventi erano facili da offrire online agli studenti della scuola elementare.

Tuttavia, raccomandiamo che il lavoro futuro includa un campione di dimensioni maggiori e misure di follow-up per valutare l’impatto a lungo termine di entrambi gli interventi sulla salute mentale complessiva dei bambini.

 

Vuoi approfondire la tecnica della Mindfulness applicata ai bambini?

▶️CLICCA QUI e scopri il corso di La Terapia Cognitiva basata sulla Mindfulness per Bambini Ansiosi (MBCT-C)

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: FrontiersIn.org (Malboeuf-Hurtubise et al., 2021)

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>