Accedi

Persone sfogano lo Stress sul proprio Partner. Caso Clinico

Lawrence Josephs
Lawrence Josephs, Ph.D. è professore di Psicologia presso la Derner School of Psychology della Adelphi University e ha uno studio di psicoterapia a New York City. Il suo percorso professionale e acca...

Lawrence Josephs, docente di Psicologia alla Adelphi University, nello stato di New York, e uno dei maggiori esperti di terapia di coppia, analizza in questo articolo la tendenza a sfogare lo stress sul partner, attraverso un interessante caso clinico.

 

Ottenere la comprensione del partner – Il caso di Jim e Carla

Jim e Carla erano entrambi stressati dal distacco sociale e lavoravano da casa con il loro indisciplinato figlio di due anni, Arlo. Vivevano in un piccolo appartamento con due camere a Jackson Heights, nel Queens, a pochi isolati dall’Elmhurst Hospital, l’epicentro della pandemia da COVID-19.

In qualche modo, dovevano tenere impegnato Arlo mentre lavoravano a distanza. Si preoccupavano di non venire infettati quando uscivano a fare la spesa o a prendere una boccata d’aria fresca indossando sempre le mascherine.

Venivano entrambi privati del sonno a causa dei frequenti pianti del bambino e stavano diventando irritabili. Cominciarono quindi ad attaccarsi l’un l’altro per piccole cose di poco conto. Alla fine, scoppiò una grande discussione su come far dormire il figlio per tutta la notte.

Jim voleva adottare un approccio più duro e lasciare che Arlo piangesse nella sua culla. Carla pensava che la migliore cosa da fare fosse lasciare che Arlo dormisse nel letto con loro. Quando cominciarono ad alzare la voce con rabbia durante la loro discussione, Arlo scoppiò in lacrime e cominciò a piangere istericamente. Carla si scagliò contro Arlo, “Stai zitto, non ce la faccio più!” e questo non fece che turbare Arlo ancora di più. Jim urlò: “Non sgridarlo, è solo un bambino piccolo!”

A quel punto Carla scoppiò in lacrime e iniziò a piangere istericamente. Alla fine, Jim prese Arlo per confortarlo e ha iniziato a parlare a tutti con voce calma per calmare tutti. Poco dopo, mi hanno chiamato per una terapia di coppia d’emergenza.

 

Il cosiddetto “Stress Spillover”

Lo stress spillover è ciò che accade in un matrimonio quando uno o entrambi i coniugi sono stressati dalle richieste di lavoro o di cura dei figli e poi sfogano le loro frustrazioni l’uno sull’altro.

Quando lo stress è cronico o opprimente, i partner cominciano a soffrire di esaurimento di autoregolazione. Ciò significa che la loro capacità di regolare le loro emozioni, ansie e risentimenti si deteriora e cominciano a soffrire di disregolazione emotiva. Quando ci sentiamo sopraffatti dai nostri sentimenti, questi si riversano in modo incontrollato senza pensare molto a come si riversino sugli altri.

Sfortunatamente, la fuoriuscita di stress spesso ha un pessimo impatto sugli altri se anche gli altri sono stressati e vicini ai loro punti di rottura. Il nostro riversamento di stress spinge gli altri oltre i loro punti di rottura, e anche loro iniziano a riversare le loro emozioni. Questo si chiama reciprocità dell’affetto negativo.

Spargere il nostro sovraccarico di emozioni negative innesca anche un sovraccarico di emozioni negative negli altri che poi iniziano a disperdere, scatenando ulteriori reazioni a catena fino ad avere un crollo nucleare. Abbastanza presto tutti diventano arrabbiati e urlano a squarciagola o piangono istericamente.

 

Perché ci sfoghiamo sugli altri

È nella natura umana scaricare i propri sentimenti sui nostri coniugi, perché cerchiamo in questi compassione, conforto e comprensione quando ci sentiamo sopraffatti dallo stress della vita. Tuttavia, se anche i nostri coniugi si sentono sopraffatti dallo stress contemporaneamente, potrebbero sentirsi spinti al limite quando scarichiamo i nostri sentimenti su di loro.

Inoltre, se i nostri coniugi sono la fonte di parte del nostro stress, potremmo esprimere i nostri sentimenti con toni  accusatori, che incolpano i nostri coniugi per averci stressato. Naturalmente, questo non ci porterà da nessuna parte, perché i coniugi incolpati, che sono essi stessi stressati, risponderanno solo sulla difensiva, spesso sfogando a loro volta la loro rabbia.

Non otteniamo l’empatia che stavamo cercando, ma piuttosto il contrario. Otteniamo solo una contro-denuncia. I nostri coniugi ci scaricherebbero addosso tutte le frustrazioni represse nei nostri confronti, dato che noi stiamo sfogando le nostre frustrazioni represse con loro. Tutto questo sfogo di emozioni in cerca di comprensione ci fa solo attaccare per aver espresso i nostri veri sentimenti.

 

Diventare consapevoli di come esprimiamo le emozioni

Una comunicazione efficace è una comunicazione che riesce effettivamente a ottenere il risultato desiderato. Se scaricare i sentimenti sul coniuge non fa ottenere la risposta che si desidera, non è una comunicazione efficace. Dobbiamo diventare consapevoli del modo in cui esprimiamo le emozioni e di come abbia un impatto su chi ci ascolta.

Se scaricare i nostri sentimenti sul coniuge o incolparlo per il nostro stress provoca una risposta difensiva, non fatelo. Un’alternativa più costruttiva è semplicemente parlare con calma di come ci si sente anche se non ci si sente tranquilli, senza incolpare nessuno e riconoscendo il punto di vista del coniuge. Questo è più probabile che ottenga una risposta comprensiva.

Jim avrebbe potuto dire a Carla: “So che pensi che una linea dura con Arlo sia esagerata, ma non riesco a dormire bene con Arlo nel letto e poi sono troppo stanco per concentrarmi su qualsiasi cosa per il resto della giornata“.

Carla avrebbe potuto dire: “So che pensi che sto viziando Arlo lasciandolo dormire con noi, ma penso che lo supererà col tempo e mi sento già in colpa che si annoi intrappolato con noi quando lavoriamo tutto il giorno“.

Rispettare il punto di vista del partner, controllare i sentimenti ed esprimere questi in modo calmo non è provocatorio. È molto più probabile che susciti una risposta comprensiva e una volontà di compromesso sulla questione conflittuale.

 

Diventare consapevoli di come rispondiamo allo scarico di stress

Non porta da nessuna parte scaricare tutto sul coniuge solo perché lo ha appena fatto con noi. Peggiora solo una brutta situazione, quindi non fatelo. L’alternativa costruttiva è quella di mordersi le labbra e ascoltare anche se non si vede l’ora di riversare la propria rabbia. Bisogna lasciare che il coniuge si sfoghi senza interruzioni. Interrompere e parlare sopra il coniuge aggiungerà solo benzina sul fuoco.

Se ci si limita ad ascoltare, lo scarico emotivo farà il suo corso e ad un certo punto il coniuge chiederà cosa provate e cosa pensate. Quando il coniuge è finalmente pronto ad ascoltare, si potrebbe dire brevemente qualcosa di simpatico, ma poi esprimere con calma e rispetto il proprio punto di vista se si vedono le cose in modo diverso.

Bisogna dare l’esempio. Se lasciate che il vostro coniuge dica la sua, è più probabile che il coniuge lasci dire la propria opinione e conceda un ascolto comprensivo. Se tutto va bene, il circolo vizioso della reciprocità degli effetti negativi sarà spezzato man mano che entrambi diventeranno più consapevoli di come esprimere i  sentimenti e di come rispondere agli scarichi di stress e emozioni del coniuge.

 

Vuoi saperne di più su come intervenire nel rapporto di coppia?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso di Lawrence Josephs:

L’intervento clinico sull’Infedeltà nella Coppia

L'intervento clinico sull'Infedeltà nella Coppia

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: PsychologyToday.com

Corsi correlati

Corso Online
20 ECM
Spedizione inclusa
Curare le Ferite Familiari del Divorzio
La live si terrà il 08 marzo 2023
287€ 227€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Non ci sono articoli da mostrare per ora

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0