Accedi

Psicoterapia Psichedelica Assistita per il Trattamento dei Disturbi Alimentari

l'uso di psichedelici

A differenza di molti disturbi mentali che possono essere trattati anche con farmaci, i disturbi alimentari non sono sufficientemente rispondenti ai tradizionali farmaci psichiatrici. L’anoressia nervosa ha uno dei tassi di mortalità più alti di qualsiasi patologia psichica. Ci sono pochi trattamenti psicologici efficaci e nessun farmaco psichiatrico efficace per la malattia. Anche per quei disturbi come l’ansia e la depressione per i quali esistono farmaci psichiatrici, lo sviluppo di nuovi agenti psicofarmacologici tradizionali è rallentato. Per espandere l’arsenale di trattamenti per vari disturbi psicologici, alcuni ricercatori stanno ora esaminando l’uso di psichedelici per il trattamento dei disturbi alimentari.

 

Cosa sono gli psichedelici?

Gli psichedelici, a volte chiamati allucinogeni, sono sostanze che alterano la percezione, l’umore e i processi cognitivi. Possono causare allucinazioni: vedere o sentire cose che non sono reali. Gli psichedelici possono verificarsi naturalmente in alberi, piante e funghi o possono essere prodotti in laboratorio.

 

Una breve storia

L’uso di medicine vegetali allucinogene nelle antiche popolazioni indigene precede la storia scritta. L’LSD, o dietilamide dell’acido lisergico, è una droga allucinogena, sintetizzata per la prima volta da uno scienziato svizzero nel 1930. L’uso di psichedelici è oggetto di studio come trattamento per i disturbi mentali dagli anni 1950. E numerosi ricercatori hanno pubblicato più di 1000 articoli clinici negli anni 1950 e primi anni 1960.
Tuttavia, alla fine degli anni ’60 i giovani che protestavano contro la guerra del Vietnam iniziarono ad assumere l’LSD e la marijuana (che a volte è classificata come allucinogeno). Di conseguenza, sono diventati capri espiatori della cultura mainstream in quanto contribuiscono alla corruzione dei giovani.

Per reazione, si istituirono leggi severe per impedirne l’uso. Il Controlled Substances Act del 1970 inserì l’LSD e gli altri psichedelici conosciuti all’epoca nella Schedule 1, la categoria più restrittiva delle droghe. Questa classificazione li ha resi virtualmente impossibili da studiare clinicamente e ha effettivamente messo fine a qualsiasi ricerca significativa sulla farmacologia e sul valore medico degli psichedelici per più di tre decenni.

Dopo una pausa di diversi decenni, i cambiamenti negli atteggiamenti politici e i progressi della scienza e della tecnologia hanno permesso di ricominciare la ricerca sugli psichedelici negli anni ’90. Più recentemente, c’è stato un rinnovato interesse nel loro uso per le malattie psichiatriche e gli studi sono ancora una volta in corso.

 

Come potrebbe l’uso di psichedelici aiutare le persone con disturbi psichiatrici?

Gli esatti meccanismi d’azione degli psichedelici non sono completamente compresi, ma si teorizza che essi riducano significativamente l’attività nella rete di modalità predefinita del cervello (DMN). Le DMN sono i percorsi abituali di comunicazione tra le regioni del cervello. Proprio come su una collina coperta di neve, tendiamo a seguire le tracce che sono già lì. Con il tempo, diventa difficile prendere qualsiasi percorso diverso da quelli già stabiliti.

La DMN sembra essere particolarmente iperattiva in alcune condizioni di salute mentale tra cui la depressione, l’ansia e l’OCD. Riducendo l’attività nella DMN, l’uso degli psichedelici può fornire una pausa da schemi psicologici profondamente radicati. In questo modo, consentono l’impostazione di nuovi percorsi. Possono aumentare la neuroplasticità del cervello e la creatività.

Come si applica questo ai disturbi alimentari? La flessibilità cognitiva è compromessa nelle persone con anoressia nervosa, che può derivare da un DMN iperattivo. Quindi, i ricercatori ipotizzano che l’uso degli psichedelici possa essere un metodo di trattamento appropriato.

 

Come funziona l’uso di psichedelici nel trattamento terapeutico?

Ad oggi, sebbene molto incoraggianti, ci sono ancora relativamente pochi studi sistematici sui modelli di trattamento che coinvolgono l’uso di psichedelici. Quello che sappiamo è che il supporto psicologico è un elemento importante del trattamento con gli psichedelici. Questo è indicato come psicoterapia assistita da psichedelici.

La parte psicologica della medicina psichedelica di solito include tre componenti essenziali:

  1. sessioni preparatorie prima della somministrazione del farmaco;
  2. supporto psicologico durante il viaggio psichedelico;
  3. sessioni di integrazione dopo la sessione di dosaggio.

È in queste sessioni di integrazione che i pazienti solidificano le intuizioni acquisite e identificano i piani di azione.
Si considera l’uso di psichedelici relativamente sicuro. A differenza degli oppiacei e degli stimolanti, non portano alla dipendenza chimica. La psicoterapia psichedelica assistita differisce dal trattamento psichiatrico convenzionale in quanto, piuttosto che correggere quotidianamente le disfunzioni neurochimiche nel cervello, come fanno la maggior parte delle medicine psichiatriche tradizionali, la psicoterapia psichedelica assistita causa modifiche nel funzionamento del cervello e nell’esperienza cosciente. Questo a sua volta può portare a esperienze significative che creano cambiamenti emotivi, cognitivi e comportamentali.

 

Nuovi progressi in Psicoterapia: il trattamento assistito da psichedelici

A Marzo 2022, 16 ore di Alta formazione con Bessel van der KolkRichard SchwartzRonald D. SiegelGabor Maté ed altri importanti esperti internazionali

Nuovi progressi in Psicoterapia psichedelica

 

L’uso di psichedelici e il loro potenziale per il trattamento dei disturbi alimentari

Quattro particolari psichedelici sono stati il soggetto della maggior parte della recente ricerca psichiatrica. E sono stati o sono in fase di studio in termini di disturbi alimentari: ketamina, MDMA, Psilocibina e Ayahuasca.

 

Ketamina

La ketamina è stata usata a dosaggi elevati come anestetico per decenni. A dosaggi più bassi, può modificare temporaneamente la coscienza. È stata studiata per il trattamento della depressione, del disturbo ossessivo-compulsivo e del disturbo post-traumatico da stress. Nel corso di diversi decenni, la ricerca ha dimostrato che la ketamina ha proprietà antidepressive.

Poiché è già un farmaco approvato, è stato incorporato più facilmente nel trattamento dei disturbi psichiatrici attraverso un uso off-label. La terapia infusionale con ketamina prevede la somministrazione di una singola infusione o di una serie di infusioni per la gestione dei disturbi psichiatrici.

Esketamine spray nasale, un derivato della ketamina, è stato approvato separatamente dalla FDA per la depressione resistente al trattamento. Sono anche in corso prove di psicoterapia assistita da ketamina, che potrebbero aumentare l’efficacia del trattamento. La ketamina potrebbe non essere ancora stata studiata specificamente per i disturbi alimentari, ma i pazienti con depressione potrebbero già accedervi.

 

MDMA

MDMA è MetilenodioxyMetamfetamina è comunemente confusa con la droga di strada “ecstasy” (conosciuta anche come “molly”). Tuttavia, questi prodotti illegali sono spesso sostituti che non contengono MDMA reale, e possono contenere solo sostituti.

L’MDMA è stata designata dalla FDA come terapia di svolta per il PTSD, uno status che può portare ad un’approvazione accelerata. I risultati terapeutici con i pazienti PTSD resistenti al trattamento sono stati significativi con circa il 70% dei partecipanti non più qualificati per la diagnosi 12 mesi dopo il trattamento.

Attualmente è in corso uno studio sulla sicurezza e la fattibilità della psicoterapia assistita da MDMA per i disturbi alimentari. Si tratta di uno studio multi-sito di individui con anoressia nervosa restrittiva sottotipo e disturbo da abbuffate. Lo studio si svolge in tre siti tra cui Vancouver, Canada, Toronto, Canada, e Denver, Colorado.

 

Psilocibina

La psilocibina è l’ingrediente attivo in quelli che sono comunemente conosciuti come “funghi magici“. I ricercatori hanno studiato l’uso della psilocibina in pazienti con depressione, ansia, disturbo ossessivo compulsivo e dipendenza. Questa sostanza ha ricevuto una designazione di svolta dalla FDA per gli individui con depressione refrattaria al trattamento. Nel 2020 l’Oregon è diventato il primo stato negli USA a legalizzare la psilocibina per uso medico.

Uno studio attuale è in corso per esplorare la sicurezza, la tollerabilità e l’efficacia della psilocibina per gli individui con anoressia nervosa.

I partecipanti riceveranno una singola dose di 25 mg di psilocibina insieme a un supporto psicoterapeutico, che include sessioni di preparazione e integrazione intorno all’esperienza. Si registrano studi di questo tipo a Baltimora, Maryland e San Diego, California.

La ricercatrice e terapeuta della psilocibina Stephanie Knatz Peck, Ph.D., che è stata coinvolta in una sperimentazione assistita dalla psilocibina per il trattamento della depressione e ora sta lavorando allo studio sull’anoressia, ha detto questo:

“La terapia assistita da psilocibina è molto promettente per la salute mentale. Gli studi che valutano la terapia per la depressione, l’ansia di fine vita e la cessazione del fumo hanno prodotto miglioramenti impressionanti e robusti nei sintomi e altri studi sono in corso per valutare il trattamento di altre malattie mentali. Siamo entusiasti di valutare l’utilità di questa terapia per l’anoressia nervosa, in particolare data la mancanza di buone opzioni di trattamento attualmente disponibili. Il nostro studio UCSD è un piccolo studio pilota che valuta la sicurezza, la tollerabilità e l’efficacia iniziale della terapia con psilocibina per adulti con anoressia nervosa”.

 

Ayahuasca

L’ayahuasca è un tè tradizionale amazzonico a base di piante psicoattive usato nei rituali dai capi indigeni e come parte delle cerimonie religiose. Il suo uso si è diffuso in altre parti del mondo. Le persone che bevono l’ayahuasca di solito riportano potenti visioni ed esperienze mistiche. Di solito si beve in cerimonie religiose sciamaniche in stile tradizionale.

I partecipanti bevono tipicamente un piccolo bicchiere di tè in una cerimonia che può durare dalle quattro alle otto ore. Si possono verificare nausea, vomito, sudorazione e stati alterati di coscienza. La ricerca sull’ayahuasca mostra che potrebbe essere utile per i problemi di salute mentale tra cui la depressione, l’ansia e le dipendenze.

Persone con storie di disordini alimentari hanno partecipato a cerimonie di ayahuasca. Uno studio retrospettivo dei partecipanti di La France e colleghi ha concluso che “il bere ayahuasca cerimoniale può essere promettente come trattamento alternativo“. La maggior parte dei partecipanti intervistati ha riportato intuizioni significative sulla loro malattia. E ha creduto che l’ayahuasca ha portato a riduzioni dei sintomi del disturbo alimentare. Hanno anche riferito che l’esperienza ha alimentato la loro auto-compassione.

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Verywellmind.com

Corsi correlati

Alimentazione
22 ECM
Spedizione inclusa
Valutare e Trattare i nuovi Disturbi Alimentari delLe Adolescenti
La live si terrà il 17 febbraio 2023
287€ 227€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
24 ECM
Compassion Focused Therapy – Training di 1° livello
La live si terrà il 24 febbraio 2023
269€
o 45 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Alimentazione
I 5 passi per proporre un percorso di Mindful Eating a Bambini e Famiglie
Una domanda che spesso mi viene posta dai colleghi che intendono offrire sul proprio territorio...
Alimentazione
I Trigger dell’Alimentazione Inconsapevole: cosa sono e come vengono trattati nei percorsi di Mindful Eating
Mindful eating o alimentazione consapevole è un’attitudine al cibo concettualmente semplice –...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0