Sexting e Adolescenti: conseguenze di problemi comportamentali o esplorazione della sessualità?

sexting

Sessualità adolescenziale

Il sexting è definito come “l’invio o la ricezione di immagini o video nudi o seminudi sessualmente espliciti o sessualmente suggestivi“, solitamente tramite dispositivi mobili (Hinduja & Patchin, 2012 , p. 50; Patchin e Hinduja, 2019a). I sexts potrebbero anche includere messaggi di testo con parole e immagini suggestive, come gli emoji (Challenor, Foody, & O’Higgins Norman, 2018) le e-mail, o altre forme di media basati su computer (O’Sullivan, 2014). Il sexting è sempre più comune tra gli adolescenti e potrebbe essere visto come un modo di flirtare per esprimere o confermare l’interesse per un’altra persona. Per lo più, gli adolescenti scambiano immagini sessuali di se stessi con i loro partner romantici o con qualcuno che inizierebbe una relazione, al fine di flirtare, attrarre, eccitare o avviare l’attività sessuale (Bianchi, Morelli, Baiocco, & Chirumbolo, 2016). I messaggi suggestivi sono anche inviati sia ad amici platonici, desiderati, o partner stabiliti, come un modo di scherzare (Lippman & Campbell, 2014).

Come espressione della sessualità adolescenziale, il sexting è stato proposto per contribuire allo sviluppo dell’identità sociale degli adolescenti (Campbell & Park, 2014; Patchin & Hinduja, 2019). Quando i ragazzi entrano nell’adolescenza, sperimentano un processo di emancipazione sociale, nel senso che il gruppo dei pari diventa sempre più importante per loro (Campbell & Park, 2014). La comunicazione mobile gioca un ruolo integrale nel processo di emancipazione, fornendo agli adolescenti l’opportunità di sperimentare l’autonomia per connettersi con i loro coetanei (Campbell & Park, 2014).

Dal punto di vista dell’emancipazione, il sexting è associato a un grado di autonomia che gli adolescenti hanno sulla tecnologia. Il comportamento di sexting che coinvolge la condivisione di immagini sessualmente esplicite è relativamente comune tra gli adolescenti. Secondo una recente metanalisi, il 14,8% degli adolescenti di tutto il mondo invia sexts, mentre il 27,4% degli adolescenti riceve sexts (Madigan, Ly, Rash, Van Ouytsel, & Temple, 2018).

I comportamenti di sexting possono assumere diverse forme e possono essere innescati da diverse motivazioni. La letteratura precedente ha distinto tra incidenti aggravati e sperimentali (Wolak & Finkelhor, 2012). Gli incidenti aggravati coinvolgono alcuni elementi criminali o abusivi (ad esempio, il coinvolgimento di un adulto; l’estorsione), mentre gli incidenti sperimentali coinvolgono la condivisione di immagini sessuali con partner stabiliti con l’obiettivo di creare un interesse romantico. Anche se il sexting sperimentale non comporta alcun elemento criminale o abusivo, gli adolescenti potrebbero essere a rischio di sperimentare conseguenze emotive negative dall’invio e dalla ricezione di immagini sessualmente esplicite indesiderate (ad esempio, sentirsi arrabbiati e irritati) (Reed, Boyer, Meskunas, Tolman, & Ward, 2020).

 

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

-Differenze di genere nel comportamento del sexting

Questo potrebbe essere vero soprattutto per le ragazze, dalle quali ci si aspetta che rispondano alle richieste di sexting (Klettke, Hallford, & Mellor, 2014) e potrebbero persino sentirsi sotto pressione per inviare sexts (Burén & Lunde, 2018). Tuttavia, le ragazze che si impegnano nel sexting possono essere viste come poco rispettabili, e potrebbero rischiare la loro reputazione (Casas, Ojeda, Elipe, & Del Rey, 2019; Ringrose et al., 2013). Inoltre, potrebbero essere il bersaglio di comportamenti negativi, come la cybervittimizzazione (Smith, Thompson, & Davidson, 2014). Questo potrebbe a sua volta, spiegare i loro sentimenti negativi dopo essersi impegnati nel sexting (Burén & Lunde, 2018). Per i ragazzi, potrebbe essere normativo chiedere e ricevere immagini sessuali (Walrave, Heirman, & Hallam, 2014) e coloro che ricevono sexts potrebbero guadagnare popolarità condividendole con i loro coetanei maschi (Casas et al., 2019).

 

-Differenze relative all’orientamento sessuale nel comportamento di sexting

Oltre al genere, l’orientamento sessuale è un’altra variabile da considerare quando si esplora il sexting adolescenziale. In uno studio condotto su un campione di adolescenti e giovani adulti italiani (Morelli, Bianchi, Baiocco, Pezzuti, & Chirumbolo, 2016), i partecipanti non eterosessuali sono risultati impegnarsi nel sexting più della loro controparte eterosessuale. Purtroppo, questo studio non ha distinto i diversi comportamenti di sexting. Nel complesso, la ricerca suggerisce che l’invio di sexts è più comune tra i giovani LGBTQ, rispetto ai giovani eterosessuali (Gámez-guadix et al., 2015, Gámez-Guadix e de Santisteban, 2018; Rice et al., 2012; Van Ouytsel, Walrave, & Ponnet, 2020).

Insieme all’invio di sexts, gli adolescenti appartenenti alle minoranze sessuali hanno maggiori probabilità di aver chiesto e ricevuto sexts rispetto ai loro coetanei eterosessuali (Van Ouytsel, Walrave, & Ponnet, 2019). Ricerche precedenti hanno indicato che comportamenti di sexting più frequenti tra gli adolescenti LGBTQ potrebbero riflettere l’uso più frequente dei social media e degli strumenti online (Chong, Zhang, Mak, & Pang, 2015). I comportamenti di sexting possono anche facilitare la comunicazione tra i giovani delle minoranze sessuali e, così facendo, contribuire al loro benessere (Chong et al., 2015). In altre parole, il comportamento di sexting può svolgere un ruolo come fattore protettivo contro la discriminazione percepita per gli adolescenti LGBTQ.

Sebbene molte ricerche precedenti offrano generalmente dei progressi nella comprensione del sexting adolescenziale, si potrebbe sostenere che i risultati contrastanti della ricerca giustifichino ulteriori indagini sul ruolo del genere e sui comportamenti distintivi del sexting (Gámez-Guadix & Pérez, 2019). Un’esplorazione dettagliata del contributo dato dal genere ai distinti comportamenti di sexting può fornire nuove informazioni sul ruolo del sexting nella vita sociale dei giovani.

Inoltre, sono necessarie ulteriori ricerche sul coinvolgimento degli adolescenti LGBTQ nei diversi comportamenti di sexting. L’esplorazione di tali questioni può fornire nuove informazioni sui vari comportamenti di sexting e informare i programmi educativi volti a promuovere una vita sessuale sana e scoraggiare comportamenti sessuali online rischiosi tra gli adolescenti.

Comportamenti di sexting e problemi comportamentali

Ricerche precedenti hanno cercato di indagare il legame tra il sexting e i problemi di salute mentale, indicando un legame tra l’impegno nel sexting e i problemi emotivi, come la depressione (Dake, Price, Maziarz, & Ward, 2012). Le difficoltà emotive possono giocare un ruolo cruciale nel sexting, in quanto gli adolescenti con problemi emotivi potrebbero essere più propensi a subire pressioni per inviare sessaggi (Ševčíková, 2016). Alcuni studi hanno mostrato che gli adolescenti coinvolti nel sexting come mittenti sono a maggior rischio di essere cyber-vittimizzati e, a loro volta, di soffrire di depressione e manifestare ideazioni suicide (Jasso Medrano, Lopez Rosales, & Gámez-Guadix, 2018 ). All’opposto, alcuni risultati di altre ricerche non hanno indicato alcuna differenza tra utenti alti e bassi/moderati di sexting (cioè, combinazione di invio e ricezione), in termini di sintomi di depressione e ansia (Morelli et al., 2016 ).

Le poche prove longitudinali indicano che gli adolescenti che mostrano sintomi di depressione hanno maggiori probabilità di impegnarsi nel sexting come mittenti nel tempo (Gámez-Guadix & de Santisteban, 2018). Una possibile spiegazione di questa associazione potrebbe essere che gli adolescenti depressi potrebbero avere difficoltà ad essere assertivi quando sono messi sotto pressione dai loro coetanei. Gli adolescenti che si impegnano nel sexting mostrano più emozioni negative (sentirsi senza speranza e tristi) (Dake et al., 2012), e problemi di regolazione emotiva rispetto ai non-sexters (Houck et al., 2014). Inoltre, gli adolescenti che inviano messaggi di sexting sono più timorosi delle conseguenze del sexting, rispetto a quelli che ricevono solo messaggi di sexting (Mitchell, Finkelhor, Jones, & Wolak, 2012).

Al contrario, tra i giovani adulti non è stata trovata alcuna associazione tra il comportamento di sexting, cioè l’essere mittente, ricevente, sexter a due vie (cioè, sia l’invio che la ricezione) e non-sexter e il benessere psicologico (cioè, ansia, depressione, autostima) (Gordon-Messer, Bauermeister, Grodzinski, & Zimmerman, 2013). Tuttavia, i correlati di salute mentale del sexting potrebbero essere diversi per i giovani adulti rispetto agli adolescenti.

In uno studio retrospettivo condotto su studenti del college, Englander (2012) ha scoperto che coloro che avevano fatto sesso sotto pressione da altri o non sotto pressione durante la scuola superiore avevano meno probabilità di essere depressi rispetto a coloro che non avevano mai fatto sesso al liceo.

Nel complesso, i risultati delle ricerche precedenti sembrano essere contrastanti e sono necessarie ulteriori ricerche sull’associazione tra comportamenti di sexting e problemi comportamentali tra gli adolescenti (Klettke et al., 2014 ). È importante notare che alcuni studiosi hanno sostenuto che il sexting non dovrebbe essere visto come un comportamento rischioso e malsano (O’Sullivan, 2014 ), in quanto potrebbe essere interpretato come un nuovo modo per i giovani di esplorare questioni legate alla sessualità (Levine, 2013). Tuttavia, c’è una mancanza di supporto empirico per queste ipotesi. Inoltre, le incongruenze nella letteratura precedente, richiedono maggiori indagini sul legame tra problemi comportamentali e distinti comportamenti di sexting.

Il presente studio

Vale la pena distinguere tra comportamenti di sexting differenti, piuttosto che raggrupparli (Casas et al., 2019 ), poiché gli adolescenti che si impegnano in vari comportamenti di sexting potrebbero mostrare un profilo distinto in termini di problemi comportamentali. Pertanto, la presente ricerca mira ad aggiungere nuove conoscenze alla letteratura esaminando il legame tra distinti comportamenti di sexting e problemi comportamentali mentre controlla il ruolo del genere e l’appartenenza alla comunità LGBTQ.

Data la mancanza di studi che indagano il sexting nel contesto irlandese, questo studio adotterà principalmente una natura esplorativa e guarderà i tassi di sexting tra gli adolescenti irlandesi, differenziando per il comportamento di sexting. Inoltre, lo studio mira a testare le seguenti ipotesi:

H1

Le ragazze hanno più probabilità di essere invitate a inviare sexting e di essere i mittenti dei sexting. Inoltre, ci si aspetta che le ragazze siano più propense a ricevere sexts indesiderati. Ci si aspetta che i ragazzi siano sia mittenti che riceventi (cioè, sexters a due vie).

H2

Ci si aspetta che i mittenti e i destinatari mostrino livelli più alti di problemi comportamentali (problemi di condotta; problemi tra pari; iperattività; problemi emotivi) rispetto al gruppo non coinvolto. Ci si aspetta che chi fa sesso a doppio senso mostri più problemi comportamentali rispetto a chi invia, a chi riceve e al gruppo non coinvolto.

H3

Ci si aspetta che i mittenti siano ragazze e che mostrino alti livelli di problemi emotivi. Ci si aspetta che i destinatari siano maschi e che mostrino bassi livelli di problemi emotivi. Inoltre, ci si aspetta che i sexters bidirezionali siano maschi e che appartengano alla comunità LGBTQ. Ci si aspetta anche che mostrino alti livelli di problemi comportamentali.

Materiali e metodi

Partecipanti

Questo studio ha campionato adolescenti di età compresa tra i 15 e i 18 anni, che frequentano dal quarto al sesto anno nelle scuole postprimarie di tutta l’Irlanda. Lo studio mirava a raccogliere dati da un campione nazionale. In primo luogo, tutte le scuole post-primarie del paese (N = 811) sono state inizialmente contattate via e-mail chiedendo loro di partecipare allo studio. Solo quattro scuole hanno risposto e accettato di partecipare con questo metodo. L’altro metodo di reclutamento è stato quello di coinvolgere gli insegnanti in servizio iscritti al programma di formazione per insegnanti dell’università degli autori per somministrare l’indagine durante il tirocinio nelle scuole in Irlanda (N = 15 scuole).

Dopo aver contattato i presidi e ottenuto il consenso dei genitori, il campione conteneva 941 studenti di 17 scuole partecipanti. Quindici di queste scuole facevano parte dello schema di istruzione gratuita dello Stato, 12 di queste erano co-educative, 1 era una scuola maschile monosesso e 2 erano scuole femminili monosesso. C’erano anche 2 scuole private a pagamento, entrambe coeducative.

In termini di etica scolastica, 7 delle scuole appartenevano al settore comunitario/comprensivo, che è in gran parte confessionale ma finanziato pubblicamente, 8 scuole erano scuole secondarie volontarie tutte confessionali e, in questo caso, cattoliche romane, e 2 delle scuole erano protestanti a pagamento/private.

Dei partecipanti, 848 studenti hanno completato l’indagine e i loro dati sono inclusi nell’analisi (45,8% maschi, 52,7% femmine 1,5% altri). I partecipanti hanno anche riferito la loro identità sessuale tramite le seguenti opzioni: Gay, bisessuale, eterosessuale, asessuale, lesbica e pansessuale. La maggior parte del campione ha riferito di essere eterosessuale (n = 757, 90,8%), mentre 50 partecipanti si sono identificati come bisessuali (5,9% dell’intero campione). Un piccolo numero di intervistati si è identificato nelle altre categorie. Quindi, sono stati combinati insieme al gruppo che si è identificato come bisessuale per formare una categoria (cioè, LGBT) che rappresenta il 9,2% del campione.

Strumenti

Misure del sexting

I parttecipanti hanno ricevuto la seguente definizione di sexting: “inviare un messaggio di testo, una foto o un video sessualmente esplicito di se stessi a qualcun altro utilizzando un telefono cellulare o internet“.

I partecipanti hanno risposto a due domande specifiche relative all’invio di immagini sessuali e a due relative alla ricezione di immagini.

Per l’invio, le domande erano:

(1) Ti è stato chiesto di inviare immagini nude (o un sext) di te stesso tramite testo, email o applicazioni come snapchat?

(2) Hai inviato immagini nude (o un sext) di te stesso tramite testo, email o applicazioni come quella?.

 

Per la ricezione, le domande erano:

(1) Qualcuno ti ha inviato un’immagine sessualmente esplicita (o un sext) di se stesso quando tu l’hai chiesto?

(2) Hai mai ricevuto un’immagine sessualmente esplicita (o un sext) quando proprio non volevi?

 

Le opzioni di risposta erano le seguenti: Mai, Una volta e Frequentemente. Questi elementi sono adattamenti di lavori precedenti (Patchin & Hinduja, 2019; Wolak, Finkelhor, Walsh, & Treitman, 2018) e per gli scopi attuali.

Dopo ogni domanda seguiva una domanda di follow-up che aveva lo scopo di scoprire a chi era il destinatario l’immagine (ad esempio, fidanzata o fidanzato), perché l’aveva inviata (ad esempio, avevano una relazione) e se avevano incontrato la persona nella vita reale.

Misure di punti di forza e difficoltà

Il Strengths and Difficulties Questionnaire (SDQ) (Goodman, 1997; 2001) somministrato per indagare il comportamento prosociale e vari problemi comportamentali (www.sdqinfo.com). Questo strumento include cinque sottoscale che si riferiscono a:

1)problemi di condotta (ad esempio, “mi arrabbio molto”).

2)problemi emotivi (ad esempio, “mi preoccupo molto”).

3)problemi con i pari (ad esempio, “di solito sto da solo”).

4)problemi di iperattività (ad esempio, “mi distraggo facilmente”).

5)il comportamento prosociale (ad esempio, “cerco di essere gentile con le altre persone”).

Discussione

Questo studio ha indagato principalmente il sexting adolescenziale, la sua prevalenza e i suoi correlati comportamentali in un campione relativamente ampio di studenti irlandesi. I risultati mostrano che ricevere sessaggi è più comune (9,4%) che inviarli (4,3%). Questi risultati sono paragonabili a precedenti ricerche internazionali che mostrano che gli adolescenti tendono a riportare un comportamento di sexting più passivo che attivo, che potrebbe essere un riflesso di desiderabilità sociale (Morelli et al., 2016). Solo una piccola percentuale di adolescenti ha riferito di essere sexter a due vie (12,6%), mentre la maggioranza non è stata coinvolta nel sexting (73,6%). Per lo più, i sexts sono stati chiesti, inviati e ricevuti da un partner romantico.

Questo risultato indica che il sexting potrebbe avere la funzione di convalidare una relazione romantica e di esplorazione sessuale (Lippman & Campbell, 2014). Tuttavia, una minoranza di adolescenti ha chiesto, inviato o ricevuto sexts da adulti, sconosciuti o altre persone. Anche se non è possibile escludere che lo sconosciuto o le altre persone fossero adolescenti, questi risultati sono preoccupanti e richiedono ulteriori indagini sugli adolescenti che scambiano contenuti sessuali con gli adulti.

Coerentemente con la nostra ipotesi, i risultati mostrano che più ragazze (29,3%) che ragazzi (15,2%) hanno ricevuto l’invito a inviare un’immagine sessualmente esplicita, mentre la prevalenza per aver inviato immagini sessuali era comparabile tra maschi e femmine (rispettivamente 8,9% e 8%).

Più ragazzi (15,9%) che femmine (6,2%) avevano ricevuto spesso un’immagine sessualmente esplicita dopo averla richiesta. Presi insieme, questi risultati sono in accordo con ricerche precedenti che mostrano che i ragazzi sono più propensi a chiedere e ricevere immagini sessualmente esplicite (Gordon-Messer et al., 2013; Ricciardelli & Adorjan, 2019 ).

In accordo con la nostra prima ipotesi, le percentuali di aver ricevuto immagini sessualmente esplicite indesiderate, era molto più alta per le ragazze (21,9%) rispetto ai ragazzi (7,5%). Questo risultato indica che, soprattutto per le ragazze, la ricezione di messaggi sessuali indesiderati potrebbe essere vissuta come un’esperienza intrusiva.

 

Differenze in termini di problemi comportamentali

Per quanto riguarda le differenze tra i diversi profili di sexting in termini di problemi comportamentali, i mittenti hanno mostrato minori problemi di condotta rispetto ai sessuomani. Quindi, impegnarsi nel sexting come mittente sembra essere meno problematico in termini di problemi di condotta, rispetto agli atti di condivisione e ricezione di immagini sessualmente esplicite. Una possibile spiegazione di questo risultato è che gli item che rilevano l’invio di immagini sessualmente esplicite potrebbero riflettere un’azione volitiva, che ha luogo nel contesto dell’esplorazione sessuale e del desiderio di intimità (Lippman & Campbell, 2014).

Invece, sia l’invio che la ricezione di sexts potrebbero riflettere un comportamento più problematico come è stato indicato in questo studio.

Gli adolescenti che hanno ricevuto sexts hanno mostrato più problemi emotivi rispetto a tutti gli altri gruppi. Anche se, sulla base del disegno di questo studio, non si può trarre una relazione causale tra il sexting e i problemi comportamentali, questo risultato mostra che, rispetto agli altri profili di sexting, i destinatari dei sexts potrebbero essere emotivamente angosciati dalle immagini sessuali esplicite, che in alcuni casi potrebbero essere indesiderate e, come tali, percepite come invadenti. Questa spiegazione risuona anche con la scoperta che i ricevitori hanno mostrato problemi di condotta più elevati rispetto al gruppo non coinvolto.

I sexters a due vie hanno mostrato più problemi di condotta e di iperattività rispetto agli adolescenti non coinvolti. Questo risultato suggerisce che l’invio e la ricezione di messaggi sessuali potrebbero essere associati a livelli più elevati di impulsività e problemi di autoregolazione rispetto al non essere coinvolti in attività di sexting (Kormas, Critselis, Janikian, Kafetzis, & Tsitsika, 2011). I sexters bidirezionali hanno mostrato un punteggio più alto sulla scala delle difficoltà totali rispetto ai ricevitori e agli adolescenti non coinvolti.

Questo risultato suggerisce inoltre che chi fa sesso a doppio senso manifesta un comportamento più problematico rispetto ai loro coetanei che ricevono solo sexts e a quelli che non sono coinvolti nel sexting. Tuttavia, una spiegazione alternativa potrebbe essere che il sexting bidirezionale è un’esperienza angosciante almeno per alcuni adolescenti che potrebbero non essere preparati ad affrontare il sexting e le sue potenziali conseguenze negative.

 

-Inviare sexting

Poiché la ricerca precedente ha segnalato che le femmine in genere si impegnano più frequentemente nell’invio di messaggi di testo (Ringrose et al., 2013), i risultati dello studio supportano tali affermazioni della ricerca precedente. Infatti, le analisi di regressione hanno mostrato che l’invio di messaggi di sesso era associato all’essere femmina. Le ragazze adolescenti potrebbero inviare sexts per sentirsi considerate e desiderate dagli altri (Casas et al., 2019). Inoltre, l’aspettativa di inviare sexts agli altri potrebbe riflettere una forma di pressione dei pari adolescenti. La ricerca precedente ha indicato questa possibilità come degna di ulteriore considerazione, poiché le ragazze che inviano sexts sembrano tentare di compiacere i loro coetanei (Ringrose et al., 2013) e migliorare il proprio status nel gruppo dei pari (Casas et al., 2019).

 

-Ricevere sexting

Ricevere sexts era positivamente associato all’essere un ragazzo. Nel complesso, per i ragazzi ricevere sexts potrebbe essere un modo per mostrare che hanno esperienza sessuale e per legare con i loro coetanei maschi mentre affermano la loro mascolinità (Casas et al., 2019) (Harvey & Ringrose, 2016).

Ricevere sexts era anche negativamente associato a problemi di condotta. La ricerca precedente ha trovato che gli adolescenti con problemi di condotta (ad esempio, comportamento delinquenziale) sono propensi a partecipare al sexting, anche se come mittenti (Lee, Moak, & Walker, 2016). Il legame tra i problemi di condotta e il sexting potrebbe essere diverso a seconda del coinvolgimento in comportamenti di sexting più o meno attivi (cioè, l’invio rispetto alla ricezione). Tuttavia, come mostrato in precedenza, i ricevitori hanno ottenuto punteggi più alti nei problemi di condotta rispetto al sottogruppo non coinvolto. Quindi, il legame tra la ricezione di messaggi sessuali e i problemi di condotta deve essere ulteriormente chiarito nella ricerca futura.

 

-Sexting a due vie

I sexters a due vie avevano maggiori probabilità di essere ragazzi. I ragazzi potrebbero avere meno probabilità di essere giudicati per l’invio e la ricezione di sexts, il che potrebbe renderli più inclini a impegnarsi nel sexting sia attivamente che passivamente (Lippman & Campbell, 2014). Inoltre, la condivisione di immagini sessuali è normalizzata tra i ragazzi che vengono premiati come machos e mostrano poca preoccupazione per la diffusione pubblica delle loro immagini nude (Ricciardelli & Adorjan, 2019). Questa constatazione mostra che i ragazzi potrebbero tendere a considerare il sexting come una prova della loro desiderabilità (Casas et al., 2019).

Il sexting bidirezionale era associato negativamente con i problemi di condotta, ma positivamente con i problemi tra pari. Nel complesso, questi risultati suggeriscono che essere coinvolti nel sexting bidirezionale non è un comportamento problematico in termini di problemi di condotta. Tuttavia, l’associazione positiva con i problemi tra pari potrebbe indicare che gli adolescenti che manifestano problemi tra pari potrebbero usare le immagini sessualmente esplicite (cioè, sia inviate che ricevute) per prendere in giro i loro compagni. Tuttavia, come indicato sopra, data la natura trasversale di questo studio, non è possibile determinare che i problemi tra pari siano un antecedente o un risultato del sexting adolescenziale.

 

-Sexting nel campione LGBT

Coerentemente con le nostre ipotesi, gli adolescenti che si sono identificati come LGBTQ avevano maggiori probabilità di essere sexters a due vie. In virtù del fatto di essere una minoranza, gli adolescenti LGBTQ potrebbero sentirsi più liberi di esprimere la propria sessualità attraverso il sexting, rispetto al contesto offline, dove potrebbero essere esposti agli occhi dei loro coetanei di maggioranza. Inoltre, gli adolescenti LGBTQ potrebbero percepire il sexting come una forma di auto-espressione o un modo di esplorare e stabilire la propria identità sessuale (Dir, Coskunpinar, Steiner, & Cyders, 2013; Henderson & Morgan, 2009; Lenhart, 2009), mentre sfidano le norme eterosessuali (Albury & Byron, 2014).

 

-Sexting secondo l’età

Anche se non sono state formulate ipotesi per l’età, i risultati hanno mostrato un’associazione negativa tra l’età e il sexting bidirezionale. Ricerche precedenti hanno dimostrato che il coinvolgimento nel sexting aumenta durante l’adolescenza (Baumgartner, Sumter, Peter, Valkenburg, & Livingstone, 2014), e che il sexting è positivamente associato al rapporto sessuale (Temple et al., 2012). È probabile che gli adolescenti più giovani siano scarsamente coinvolti nell’invio e nella ricezione di sexts, in quanto potrebbero anche mancare di esperienza sessuale.

 

Implicazioni pratiche

I risultati di questo studio hanno anche implicazioni pratiche per l’educazione alla sicurezza online. Proibire il sexting o fornire messaggi basati sulla paura che delineano le implicazioni legali del sexting ha dimostrato di non essere efficace (Strohmaier, Murphy, & Dematteo, 2014). È importante notare che i risultati di questo studio mostrano che il sexting può avere un ruolo importante nello sviluppo sessuale degli adolescenti LGBTQ. Per questo sottogruppo, inviare e ricevere sexts potrebbe rappresentare una nuova strada da esplorare, in particolare in relazione all’espressione dell’identità LGBTQ.

Sulla base di questi risultati, potrebbe essere utile sviluppare programmi educativi che forniscano agli studenti le conoscenze per prendere decisioni informate quando si impegnano nel sexting (Patchin & Hinduja, 2019a). In linea con una recente revisione (Finkelhor, Walsh, Jones, Mitchell, & Collier, 2020), si suggerisce che i programmi di intervento volti a educare gli adolescenti sul sexting dovrebbero essere forniti come parte di un programma globale di sicurezza online.

È importante notare che gli adolescenti esprimono il bisogno di ricevere un’educazione sessuale e desiderano essere istruiti da persone di cui possono fidarsi per fornire informazioni in modo accurato e confidenziale (O’Higgins & Gabhainn, 2010). Quindi, i programmi di sicurezza online potrebbero essere integrati con programmi di educazione sessuale, che dovrebbero avere un inizio precoce, e preferibilmente iniziare prima dell’inizio dell’esplorazione sessuale (Madigan et al., 2018).

Data l’importanza del gruppo dei pari durante l’adolescenza, un approccio di successo potrebbe comportare la sfida delle norme del gruppo dei pari intorno alla condivisione di immagini sessualmente esplicite (Jørgensen, Weckesser, Turner, & Wade, 2019). Abilitare il pensiero critico in relazione al consenso sessuale e alle relazioni sessuali, al contrario di proibire completamente il comportamento di sexting (Albury, Hasinoff, & Senft, 2017) potrebbe anche costituire una strada di successo per affrontare gli esiti negativi del sexting.

 

 

Riflessioni conclusive

Questo studio contribuisce alla crescente necessità di comprendere il comportamento di sexting nel contesto irlandese e aiuta a chiarire l’associazione tra sexting e vari correlati comportamentali. Nel complesso, lo studio mostra l’importanza di considerare il genere e l’orientamento sessuale quando si indaga sul sexting, insieme alla necessità di considerare separatamente i diversi comportamenti di sexting.

I risultati sono in accordo con le ricerche precedenti che mostrano che i distinti comportamenti di sexting sono associati a esiti negativi per la salute mentale e che gli adolescenti non coinvolti nel sexting sono meglio regolati rispetto ai loro coetanei che sono coinvolti nel sexting (Gámez-Guadix & de Santisteban, 2018). Potrebbe essere che gli adolescenti che presentano problemi comportamentali siano più vulnerabili e impulsivi ( Dir et al., 2013 ; Temple et al., 2014 ) e potrebbero pensare meno alle potenziali conseguenze negative del sexting (ad esempio, la condivisione non consensuale). Questo, a sua volta, potrebbe aumentare i loro problemi comportamentali. Tuttavia, se i problemi comportamentali sono un antecedente o una conseguenza del coinvolgimento in diversi comportamenti di sexting rimane da chiarire in future ricerche che adottino un disegno longitudinale.

Infine, sebbene non siano stati prodotti risultati significativi per il comportamento prosociale, una recente ricerca ha dimostrato che gli adolescenti che ottengono un punteggio elevato nel comportamento prosociale sono scarsamente coinvolti nel sexting (Casas et al., 2019). Il comportamento prosociale può anche ridurre i comportamenti rischiosi online come il coinvolgimento nella condivisione non consensuale di sexts (Casas et al., 2019). Pertanto, è garantito che la ricerca futura approfondisca la nostra comprensione del comportamento prosociale e di altri potenziali fattori protettivi in relazione a vari comportamenti di sexting.

 

Vuoi saperne di più su come intervenire sulle nuove problematiche in adolescenza?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso: 

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Foody, Mairéad & Mazzone, Angela & Laffan, Derek & Loftsson, Magnus & O’Higgins Norman, James. (2020). “It’s Not Just Sexy Pics”: An Investigation into Sexting Behaviour and Behavioural Problems in Adolescents. Computers in Human Behavior. 117. 106662. 10.1016/j.chb.2020.106662. https://www.researchgate.net/ publication/347597797_It’s_Not_Just_Sexy_Pics_An_ Investigation_into_Sexting_Behaviour_and_Behavioural_Problems_in_Adolescents

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>