La Teoria Polivagale: un’applicazione ai casi di Alto Conflitto Genitoriale

polivagale

Conflitto genitoriale e teoria polivagale: conseguenze e prospettive

Quando le persone sono costantemente stressate da abuso, abbandono, paura o privazione, i sistemi corporei crollano (Black, 2002). I sentimenti di disperazione e impotenza interferiscono con le capacità di problem solving (Gotlib e Asarnow, 1979). Il trauma, il disturbo post-traumatico da stress e lo stress cronico generano una prontezza alle minacce e una sensazione di mancanza di sicurezza in cui l’elaborazione mentale è seconda alle risposte di sopravvivenza adattive (Williamson, Porges, Lamb, & Porges, 2015).

La storia di un individuo, l’ambiente del momento presente e le persone in quello stesso ambiente avranno ciascuno un impatto sia sulla comprensione corporea che cognitiva della sicurezza e influenzeranno le risposte fisiologiche e psicologiche al pericolo percepito. Genitori e figli coinvolti in contenziosi su divorzio o separazione spesso si sentono minacciati da un cambiamento imminente e si preoccupano delle risorse limitate quando una famiglia diventa due unità separate. È probabile che un lungo coinvolgimento con il sistema legale perpetui la percezione del pericolo e l’incertezza sul futuro minacciando un senso di sicurezza.

Di conseguenza, gli individui si impegnano in una delle risposte riflesse pre-programmate dall’evoluzione: lotta, fuga, congelamento, collasso o connessione. La sensazione di non sentirsi al sicuro in modo naturale, porta adulti e bambini a una risposta di sopravvivenza adattativa. Senza la lente della teoria polivagale, queste risposte messe in atto autonomamente possono essere viste come atti volontari e spesso sono erroneamente etichettate come resistenza, non conformità o disinteresse.

Comprendendo questi comportamenti come risposte di sopravvivenza adattive ed esplorando i fattori che innescano il senso di mancanza di sicurezza, medici e professionisti possono allontanarsi dall’assegnazione di motivazione e significato morale a favore di una maggiore consapevolezza, comprensione e una maggiore capacità di intervenire efficacemente. Senza lo strato di giudizio sociale, medici e professionisti possono aiutare tutte le parti a provare un senso di agentività, sentirsi inclusi nel processo e affrontare in modo più efficace i cambiamenti inevitabili.

 

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

E i bambini?

Quando i genitori sono in conflitto, ai bambini può sembrare che nessuno si prenda cura di loro. Questa esperienza attiva una percezione di pericolo e una risposta autonomica (che è involontaria o istintiva) e il bambino può passare a una modalità di sopravvivenza. I bambini che si sono polarizzati come un modo per affrontare il conflitto degli adulti possono comunemente riferire un vago senso di “sentirsi a disagio” quando sono in presenza del genitore meno favorito, e alcuni mostreranno un vero senso di paura.

L’uso stesso della parola “sicurezza” può provocare una sensazione di disagio. I bambini a cui è stato ripetutamente detto che sono al sicuro e tuttavia non hanno una sensazione soggettiva di sicurezza spesso non possono fidarsi delle rassicurazioni degli adulti e, per sopravvivere, imparano istintivamente a non ascoltare i propri sentimenti interni.

Per genitori, figli e professionisti che lavorano con queste famiglie, lasciare andare sia il giudizio che la necessità di attribuire la colpa e portare curiosità e attenzione ai segnali di pericolo che innescano la risposta di sopravvivenza, è un passo verso la creazione di un processo collaborativo.

 

Scopo dell’articolo

Questo articolo esplorerà i casi di coppie emotivamente instabili, durante la separazione, divorzio o divorziate per le quali esistono problemi di contatto con i figli, i professionisti che lavorano con questi casi con un approccio alla regolazione emotiva che utilizza la teoria polivagale (Porges, 2011). Significativamente, la ricerca suggerisce che una forte relazione tra genitori e figli è ancora più importante per il benessere del bambino rispetto al livello di conflitto o al tipo di relazione di co-genitorialità tra quei genitori (Nielsen, 2017) e, quindi, al centro del processo deve esserci la promozione di comunicazioni sicure e connessioni sociali.

In particolare, questo articolo incoraggia l’utilizzo di un intervento informato polivagale come approccio per spostare l’elaborazione interna e i modelli di connessione degli individui, delle famiglie e dei professionisti coinvolti nei casi di co-genitorialità ad alto conflitto dopo la separazione o il divorzio con problemi di contatto genitore-figlio.

L’integrazione di questo approccio può consentire il passaggio da uno stato di volatilità e conflitto a uno di connessione sociale e sicurezza percepite, promuovendo una migliore qualità nelle relazioni, un pensiero più chiaro, una migliore comunicazione, maggiori capacità di risoluzione dei problemi e migliori risultati per i bambini e i loro genitori e per i professionisti che lavorano con loro.

Separazione e Divorzio

Il processo di separazione è spesso reso complicato dal disaccordo tra i partner che si separano. Il conflitto si sviluppa su finanze, proprietà e altri beni e, per chi ha figli, la questione dell’affidamento (processo decisionale) e dell’accesso (tempo dei genitori) diventa spesso al centro della controversia.

La conseguente discordia e il conseguente caos contribuiscono a creare un ambiente che sembra fuori controllo, creando ulteriore rabbia e disaccordo. Mentre i disaccordi possono essere gestiti facilmente quando c’è un accordo reciproco, o con la risoluzione attraverso la mediazione, in circa l’8-10% dei casi, le coppie sono coinvolte in un divorzio ad alto conflitto (Fidler, Bala, & Saini, 2013), con comportamenti associati  come abuso verbale o fisico, resistenza e rifiuto al contatto genitore-figlio, persino rapimento familiare.

L’attenzione alla disregolazione di tutti, soprattutto dei bambini, spesso non viene affrontata. Quando i genitori non sono in grado di disimpegnarsi da un’interazione conflittuale, spetta ai giudici del tribunale familiare, nel contesto legale, prendere decisioni sui bambini (Ayoub, Deutsch, & Maraganore, 2005). Sebbene gli effetti della discordia coniugale sui bambini siano stati documentati (Brock & Kochanska, 2016; Grych & Fincham, 1990), così come gli effetti negativi del divorzio sui bambini (Amato, 2001; Grych, 2005), la letteratura sugli effetti generali del conflitto e il divorzio sui bambini spesso fa riferimento a elementi specifici di controversia continua (ad esempio accordi di custodia, violenza domestica, alienazione dei genitori e resistenza al contatto genitore-figlio e problemi di rifiuto [Sandler, Wheeler, & Braver, 2013; Holt, Buckley, & Whelan, 2008; Bernet, 2016; Fidler et al., 2013]).

È difficile definire, districare o gestire il caos, la confusione e la rabbia emersi da questi casi per via del coinvolgimento del tribunale, della miriade di raccomandazioni del terapeuta, dei piani di trattamento contraddittori di più professionisti e della mancanza di comunicazione tra i professionisti coinvolti.

 

Problemi di contatto genitore-figlio in caso di divorzio e separazione ad alto conflitto

I problemi di contatto genitore-figlio nei divorzi ad alto conflitto sono complessi e sfaccettati e spesso lasciano i bambini e i loro genitori a sentirsi impotenti e privi di speranza  (Anderson, 2014). Bambini e genitori, soggetti a numerose interviste da parte di professionisti della salute mentale e professionisti legali, spesso si sentono attentamente esaminati o giudicati. I bambini possono sentirsi combattuti tra la lealtà verso i genitori e possono sentirsi costretti a scegliere da che parte stare. La privacy può essere compromessa e, se i genitori sono coinvolti nel trattamento della salute mentale, la riservatezza può essere violata poiché ciò che viene detto durante il trattamento viene trasmesso da una persona all’altra al fine di produrre una raccomandazione o giungere a una decisione sulla custodia o altro tribunale diretto accordi.

Tutto ciò contribuisce a diminuire il senso di sicurezza di un bambino e a sentirsi non protetto, confuso e in un costante stato di mobilitazione, arresto o una combinazione di entrambi. I genitori, frustrati dall’assenza di chiarezza sulla loro sicurezza futura, spesso sperimentano un simile senso di pericolo. Genitori e figli possono ritirarsi in modo adattivo in una posizione reattiva difensiva; il sistema nervoso sempre vigile a segnali di pericolo. Poiché l’angoscia cronica diventa la norma, bambini e genitori devono essere preparati a lotta, fuga o collasso in qualsiasi momento.

I comportamenti, le emozioni e le convinzioni cambiano in risposta all’incoerenza degli approcci, al coinvolgimento del tribunale, al conflitto familiare stesso, alla polarizzazione dei membri della famiglia, alla sensazione opprimente di assenza di controllo e, infine, all’attivazione del sistema nervoso autonomo (SNA) di ogni individuo che risponde in modo adattivo al senso di pericolo che scatena una risposta di lotta, fuga o collasso.

Questi comportamenti derivano da una disregolazione fisiologica originata da una risposta interna a una mancanza di sicurezza. La neurocezione, come descritta dal Dr. Stephen Porges, è il rilevamento senza consapevolezza (Porges, 2004). Non è un processo cognitivo, la neurocezione è il modo in cui il SNA risponde ai segnali di sicurezza e pericolo avvertiti all’interno del corpo, percepiti nell’ambiente e segnalati da altre persone. Una neurocezione della sicurezza o del pericolo porta a comportamenti e convinzioni che influenzano il modo in cui le persone pensano al mondo e si fanno strada attraverso le esperienze quotidiane.

 

Impatto dell’alto conflitto sul diritto di famiglia e sui professionisti della salute mentale

In questi casi difficili, giudici, avvocati, funzionari del tribunale e professionisti della salute mentale sono trascinati in una dinamica simile a quella della popolazione che servono. Il caos si estende verso l’esterno per includere medici, giudici, avvocati, tribunali e professionisti associati, ed è quindi proiettato indietro verso famiglie e bambini. Questi tipi di casi sono impegnativi e sono necessarie soluzioni poiché le richieste di tempo consumano le risorse e le emozioni dei professionisti che cercano di aiutare (Gaulier, Margerum, Price e Windell, 2006).

Poiché la necessità di cure aumenta con il contenzioso prolungato e l’esperienza caotica di lavorare con più professionisti, i medici possono diventare preoccupati per il proprio coinvolgimento (Warshak, 2016). I professionisti hanno sperimentato minacce verso sé stessi e alla famiglia in risposta alla rabbia spesso diretta alla persona e alla funzione del professionista mentre il conflitto continua o si intensifica (Warshak, 2016). I tipi di minacce includono violenza e danni alla proprietà, nonché danni intenzionali alla reputazione e minacce di perdita della licenza professionale attraverso reclami del consiglio, azioni legali e altre forme di molestie (Warshak, 2016).

Questi casi complessi e tumultuosi possono creare una mancanza di prevedibilità e ulteriori turbolenze dovute ad approcci terapeutici incoerenti e spesso incongruenti (Fidler & Bala, 2010). Quando i genitori sono resi incapaci dal conflitto, può essere difficile per il tribunale identificare se i professionisti della salute mentale coinvolti stiano peggiorando la situazione o gestendo e guidando gli sforzi per sostenere queste famiglie.

 

Gran parte di questa difficoltà è dovuta alle diverse prospettive dei molteplici professionisti coinvolti

In preparazione al trattamento e all’intervento del tribunale, viene spesso completata una valutazione e una valutazione forense complete per determinare i fattori causali e sviluppare una direzione per un trattamento appropriato adattato alle esigenze specifiche della famiglia. In genere, durante questa fase, viene richiesto il contributo di professionisti che conoscono la famiglia attraverso interazioni precedenti per raccogliere un quadro più completo degli atteggiamenti, delle azioni e dei comportamenti dei genitori.

Nell’ambito del contenzioso sul diritto di famiglia, ai bambini o ai loro genitori può essere fornita una diagnosi di salute mentale durante la valutazione. Gli individui possono essere valutati come affetti da problemi diagnosticabili come disturbi dell’adattamento irrisolti, disturbi della personalità, disturbi d’ansia, depressione o altre malattie mentali, oltre alle loro storie traumatiche (Kouros, Merrilees e Cummings, 2008), oppure i genitori possono semplicemente non avere abilità genitoriali (Doolittle, 1999). I problemi di adattamento di un bambino e altri conflitti centrati sul bambino possono essere citati nei disaccordi (Emery, Sbarra, & Grover, 2005; Grych, 1999) e viene menzionata anche la polarizzazione del bambino (Fidler e Bala, 2010).

I bisogni dei bambini possono alterare la direzione del trattamento poiché strategie di intervento specifiche possono essere focalizzate su di loro e non sul conflitto stesso (Doolittle, 1999; Lebow & Newcomb Rekart, 2007). Le opinioni in merito al nesso di causalità e al trattamento differiscono man mano che viene coinvolto un numero crescente di professionisti. Giudici, avvocati, ufficiali giudiziari e professionisti della salute mentale devono affrontare molteplici fattori di stress e pressioni mentre cercano di districare il conflitto e considerare la risposta appropriata.

Gli avvocati, incaricati di difendere i loro clienti, si trovano allo stesso tempo di fronte alla realtà della situazione che può essere in contrasto con le prospettive dei loro clienti. Gli ufficiali giudiziari spesso gestiscono numerosi casi con esiti incerti e, di conseguenza, potrebbero esserci periodi di tempo limitati per prendere decisioni importanti. Inoltre, in qualità di personaggi pubblici, il personale giudiziario può essere soggetto al controllo pubblico di una varietà di gruppi polarizzati (American Board of Trial Advocates, 2019). Anche i valutatori e i medici forensi della salute mentale sono soggetti a critiche e ritorsioni da parte dei litiganti che non sono soddisfatti delle decisioni del tribunale.

Mentre il sistema del diritto di famiglia viene trascinato nel caos, gli specialisti della salute mentale forense e i medici curanti possono iniziare a indovinare gli approcci terapeutici e lavorare l’uno contro l’altro nell’interesse di difendere un cliente piuttosto che di un altro e influenzare gli ordini del tribunale. Queste dinamiche perpetuano una sensazione di mancanza di sicurezza per tutti nell’ambiente. Elementi di intensa emozione, molteplici professionisti e pratiche di trattamento, disaccordo teorico, scarsa comunicazione, litiganti frustrati e critiche polarizzate, sono tra i fattori che si aggiungono a molteplici fattori di stress e portano alla conseguente disregolazione per tutte le parti. La valutazione dei comportamenti basati sulla disregolazione dovuta al coinvolgimento del tribunale creerà un piano di trattamento a lungo termine irrilevante o inefficace o una decisione legale (Hess, Beale e Miles, 2010). È importante notare che in alcuni casi le persone avranno difficoltà a rispondere al trattamento e anche affrontare gli stati fisiologici non è possibile senza altri interventi.

In questi casi, (ad es. Estrema resistenza al contatto con i genitori, accuse di abuso sessuale), il tribunale potrebbe non avere altra scelta che intervenire per modificare le disposizioni in materia di custodia e affidare il minore a un genitore alienato, o imporre altre modifiche a provvedere alla sicurezza emotiva (Kelly & Johnston, 2005). In casi di violenza domestica o abuso di minori, potrebbe essere necessario un approccio simile, con la sospensione del contatto con un genitore violento (Bowles, Christian, Drew, & Yetter, 2008). In queste situazioni pericolose, l’attenzione sulla regolamentazione interna può inizialmente essere di massimo beneficio per i professionisti individuali, giudiziari e di trattamento direttamente coinvolti nel prendere decisioni difficili e nella gestione dei comportamenti conseguenti.

 

Interventi

Teoria polivagale

La teoria polivagale descrive il ruolo principale del SNA nel plasmare pensieri, sentimenti, comportamenti e credenze (Porges, 2007). La premessa fondamentale della teoria polivagale è che gli esseri umani hanno bisogno non solo di sentirsi al sicuro, ma anche di sentirsi al sicuro in relazione agli altri per sopravvivere.

Allo stesso tempo, la biologia umana è ferocemente dedita alla prevenzione dei danni. Spesso, questo crea un conflitto tra la spinta a sopravvivere e la necessità di connettersi. Il sistema di sopravvivenza a risposta rapida del corpo è orchestrato dal SNA. Per ripassare brevemente, il sistema nervoso autonomo gestisce due rami: il simpatico e il parasimpatico. Il ramo simpatico mobilita una difesa contro il pericolo attraverso la risposta al combattimento o al volo, mentre il ramo parasimpatico è stato tipicamente visto come un sistema che aiuta ad abbassare le difese e ritrovare uno stato di calma.

La teoria polivagale offre una comprensione aggiornata dell’SNA mostrando che il ramo parasimpatico in realtà ha due divisioni proprie, una con il potenziale per creare coinvolgimento e connessione sociale e l’altra che attiva il collasso e la disconnessione. Questi tre percorsi operano in una prevedibile gerarchia di risposta: connessione vagale ventrale, simpatica – lotta e fuga, collasso vagale dorsale.

Esiste una preferenza predefinita per la sicurezza e la connessione vagale ventrale. Quando gli eventi nella vita quotidiana portano una sfida troppo grande per la capacità del sistema nervoso autonomo, lo stato autonomo si sposta verso il basso in lotta e fuga simpatiche e, se ciò non risolve la sfida, il passaggio finale al fondo della gerarchia in dorsale si verifica il collasso e la disconnessione vagale.

Mentre il sistema nervoso simpatico è costituito da nervi spinali nella regione toracica e lombare, il sistema nervoso parasimpatico è un sistema nervoso cranico con il nervo vago (nervo cranico X) come componente principale. Partendo dalla base del cranio e avvolgendosi nell’addome, il vago si collega alla faringe, alla laringe, al cuore, ai polmoni, all’apparato digerente e ad altri organi. Normalmente indicato al singolare, il vago è in realtà un circuito complesso di nervi diviso in due percorsi – ventrale e dorsale – ciascuno responsabile di un distinto stato neurofisiologico.

Il percorso vagale ventrale supporta un senso di regolazione e prontezza per l’impegno sociale mentre il percorso vagale dorsale mette in atto un movimento fuori connessione verso il collasso. Il vago ventrale si muove anche verso l’alto dal tronco cerebrale connettendosi con altri quattro nervi cranici (CN V, VII, IX, XI) per formare il sistema di coinvolgimento sociale.

A volte chiamato circuito di sicurezza, il Social Engagement System utilizza lo sguardo, l’espressione del viso, il tono della voce, i movimenti della testa e il gesto sociale per creare connessioni sicure con gli altri (Porges, 2004). Attraverso processi autonomi, questo sistema di sorveglianza interno funziona in background leggendo sottili segnali di sicurezza o minaccia.

Questa ricerca momento per momento di segnali di sicurezza e pericolo opera sotto la consapevolezza senza coinvolgere le parti pensanti del cervello, in ciò che Stephen Porges descrive come neurocezione (Porges, 2004). Attraverso il processo di neurocezione in corso, SNA ricerca segnali di sicurezza e pericolo, avviando azioni al servizio della sicurezza e della sopravvivenza. Anche se non sempre riconosciamo i segnali di sicurezza e pericolo, sentiamo la risposta fisiologica. E, poiché gli esseri umani sono esseri che creano significato, ciò che inizia come l’esperienza autonomica della neurocezione viaggia fino al cervello e diventa la storia che dirige la vita quotidiana. Da uno stato vagale o simpatico dorsale, il pericolo domina e la storia è quella della sopravvivenza. È solo da uno stato di sicurezza e connessione vagale ventrale che la storia può essere una storia di speranza e possibilità.

 

Terapia informata polivagale

La base per la resilienza e il benessere deriva dalla capacità di rispondere in modo flessibile alle sfide piuttosto che reagire e rimanere bloccati in uno stato di sopravvivenza. Da una prospettiva polivagale, un obiettivo primario della terapia è aiutare i pazienti a riconoscere il loro stato, trovare modi per uscire da uno stato “dorsale vagale” intorpidito o ipereccitato “simpatico” e tornare a “vagale ventrale”, sede biologica di sicurezza e connessione.

Attraverso la neurocezione, i pazienti raccolgono segnali sottili dal terapeuta tramite il tono della voce, il contatto visivo, le posture del corpo e le espressioni facciali. Durante la sessione, i pazienti reagiscono a questi segnali con attivazione simpatica, chiusura dorsale o apertura e fiducia ventrale. Con una prospettiva polivagale, pazienti e clinici diventano consapevoli dei processi fisiologici che stanno plasmando la seduta e iniziano a riconoscere che il terapeuta è responsabile di essere la risorsa regolata e regolatrice per il paziente.

Infatti, sia per i terapeuti che per i pazienti, in terapia e nella vita quotidiana, la capacità di identificare con precisione lo stato autonomo e di avere capacità di regolazione del ritorno a ventrale, è un’abilità essenziale. Molte persone oggi vengono in terapia con una comprensione generale del concetto di mente / corpo e la consapevolezza che il loro sé fisico ed emotivo funzionano insieme. Tuttavia, poche persone capiscono come il SNA crea la piattaforma per l’esperienza di vita quotidiana.

Il SNA, rispondendo alle richieste del momento, esercita un repertorio di comportamenti di mobilitazione, disconnessione e coinvolgimento. In ciascuno di questi stati, vengono attivate specifiche proprietà emergenti – i pensieri, i sentimenti, i comportamenti e le credenze che sono possibili da quello stato. È attraverso queste proprietà emergenti che le persone sono spinte a comportarsi in modi prevedibili e le storie su se stesse e sul mondo in cui vivono vengono generate e perpetuate.

Con una mappa del SNA, gli individui possono iniziare a comprendere la connessione tra la loro fisiologia e le cognizioni e iniziare a vedere i modi in cui il loro stato autonomo crea la loro storia psicologica (Dana, 2018). Un’immagine semplice da utilizzare per mappare il SNA è una scala, con vagale ventrale in alto, simpatico al centro e vagale dorsale in basso (Dana, 2018). Le persone iniziano a conoscere il loro sistema scrivendo i loro pensieri, sentimenti, comportamenti e sensazioni corporee tipici per ogni stato.

Ad esempio, nella dorsale vagale, le persone spesso si identificano sentendosi silenziose, annebbiate, insensibili, senza speranza, indifese, chiuse, abbandonate e indesiderate. Quando si trovano in uno stato comprensivo di lotta o fuga, i pazienti spesso usano parole e frasi come fuori controllo, arrabbiato, conflittuale, pauroso e alla disperata ricerca. Infine, poiché ricordano i tempi in cui erano saldamente piantati in cima alla scala – la zona vagale ventrale – spesso descrivono di essere aperti, impegnati, curiosi e giocosi.

In un esercizio polivagale, alle persone viene chiesto di compilare due frasi per ogni stato: “Io sono …” e “Il mondo è …” Queste due radici di frasi possono suscitare le convinzioni fondamentali al lavoro in ogni stato e aiutare le persone a vedere come le loro narrazioni cambiano al mutare dei loro stati.

In uno stato ventrale, le persone spesso caratterizzano la loro storia con affermazioni come “Appartengo” e “Il mondo è accogliente e pieno di opportunità“. In uno stato simpatico, le descrizioni comuni sono “Mi sento pazzo, in preda al panico. Sono intrappolato in un mondo ostile e spaventoso.” Quando in dorsale, la risposta è spesso: “Sono invisibile, non amabile, perso, solo. Il mondo è freddo e vuoto.

Attraverso questo processo di mappatura, le persone hanno sia un’immagine che un linguaggio per la loro “scala” di attivazione autonomica e possono iniziare a posizionarsi sulla loro mappa autonomica in un dato momento. La prospettiva polivagale offre un linguaggio condiviso e un modo per i membri della famiglia e i professionisti di comprendersi l’un l’altro attraverso la consapevolezza degli stati autonomici, dei comportamenti e delle credenze che l’accompagnano. Sia i membri della famiglia che i professionisti possono essere più efficaci nella risoluzione dei problemi quando sono in grado di riconoscere in modo affidabile e successivamente regolare i loro stati interni.

 

Effetti dell’approccio polivagale e dell’autoregolazione

La teoria polivagale fornisce un modo per capire come il sistema nervoso risponde e offre un approccio alla regolazione autonoma come parte di una coscienza mente/corpo. Un approccio polivagale impegna il sistema vagale ventrale e le competenze per attivare o calmare il sistema nervoso attraverso l’impegno sociale (Porges, 2009).

Questo approccio è stato studiato in vari contesti con provata efficacia come mezzo per raggiungere l’autoregolazione e influenzare positivamente i risultati fisiologici ed emotivi in vari contesti. L’autoregolazione può promuovere una migliore comunicazione, un pensiero più chiaro e migliori capacità di risoluzione dei problemi (Park & Thayer, 2014).

Molto è stato scritto sui concetti relativi alla connessione mente/corpo (ad esempio la consapevolezza, l’uso di strategie di coping, lo yoga, l’esercizio e la meditazione tra gli altri) come mezzo per gestire il disagio e l’ansia (Regehr, Glancy, & Pitts, 2013). Le abilità implementate per diminuire lo stress psicologico e regolare il sistema nervoso simpatico influenzeranno la funzione del sistema muscolo-scheletrico, cardiovascolare e nervoso e quindi miglioreranno la funzione immunitaria e diminuiranno l’infiammazione (Kenney & Ganta, 2014; Muehsam et al., 2017).

Molti studi diretti alla connessione mente/corpo sono concettualmente o specificamente legati alla Teoria Polivagale e a un approccio polivagale nella gestione della preoccupazione, nel calmare il sistema nervoso e nel promuovere una migliore salute emotiva e fisica. La gestione dello stress attraverso l’autoregolazione ha dimostrato di ridurre i sintomi di dolore cronico, depressione e PTSD, e di influenzare positivamente il benessere emotivo, la resilienza dopo una malattia o un trauma, e la gestione del dolore cronico (Goyal et al., 2014; Taylor, Goehler, Galper, Innes, & Bourguignon, 2010; Schmalzl, Powers, & Henje Blom, 2015; Muehsam et al., 2017).

La teoria polivagale ha fornito un quadro per comprendere la regolazione parasimpatica dell’attività cardiaca e il suo effetto sul funzionamento adattivo dei bambini (Hastings et al., 2008). È stato dimostrato che il controllo vagale attiva le aree del cervello responsabili della regolazione delle risposte al pericolo e dell’identificazione dei processi fisiologici legati alle emozioni, all’autoregolazione e alla resilienza, mentre uno scarso controllo vagale ha connessioni con una scarsa autoregolazione, depressione, disturbo d’ansia e altre malattie mediche e mentali correlate (Maniscalco & Rinaman, 2018; Muehsam et al., 2017; Park & Thayer, 2014; Streeter, Gerbarg, Saper, Ciraulo, & Brown, 2012; Sullivan et al., 2018).

Un quadro polivagale aggiunge un livello di comprensione alla ricerca che mostra come la connessione mente/corpo abbia dimostrato di essere benefica nell’adattamento alle avversità, nella resilienza emotiva e fisiologica (Tugade, Fredrickson, & Feldman Barrett, 2004; Whitson et al., 2016).

 

Vuoi saperne di più sulle diverse pratiche della terapia familiare?

▶️CLICCA QUI e scopri subito il nostro nuovo corso: Applicazioni cliniche della Teoria Polivagale, con Deb Dana

Applicazioni cliniche della Teoria Polivagale, con Deb Dana

 

Articolo liberamente tradotto e adatta. Fonte:Bailey, Rebecca & Dana, Deborah & Bailey, Elizabeth. (2020). The Application of the Polyvagal Theory to High Conflict Co‐Parenting Cases. Family Court Review. 58. 525-543. 10.1111/fcre.12485.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>