Accedi

La terapia Chairwork

chairwork

La terapia Chairwork

Era il 2002 quando io, Scott, ho fatto uno dei miei primi incontri con una forma di terapia conosciuta come “chairwork” al Gestalt Center for Psychotherapy and Training di New York City.

“Non è giusto, e quello che stai facendo è sbagliato” dicevo parlando all’allenatore di calcio di mia figlia Nicole, sedendomi sulla sedia opposta. O almeno, così stavo immaginando facendo finta che fosse seduto lì, ma in realtà la sedia era vuota.

La storia di Nicole

Nicole, che all’epoca aveva 11 anni, era una calciatrice fantastica. Rendeva la squadra di alto livello, ma l’allenatore la faceva giocare a stento e per due stagioni, ha passato gran parte del tempo seduta in panchina. Ovviamente, c’era del favoritismo e io ero furioso.

Sebbene avessi ripetuto più volte il problema alla gestione della squadra, si rifiutavano di prendere una posizione a riguardo. Quando la stagione finì, la buttarono fuori dalla squadra.

Il punto di vista nuovo

Stavo studiando il lavoro sulle sedie da un paio di mesi, quando partecipai a questo workshop pomeridiano in cui finalmente avrei avuto la possibilità di partecipare dal punto di vista di un paziente. Il terapeuta mi invitò a sedermi immaginando che l’allenatore fosse sulla sedia opposta e potessi parlargli. Così feci.

Ho espresso la mia rabbia su come avevano trattato mia figlia e il dolore che avevo provato davanti alla sua infelicità. Finalmente, mi stava bene parlarne.

Una questione di “sedia”

“Cambia sedia” disse il terapeuta. Facendo un’inversione dei ruoli, sono passato dalla loro parte, mi sono seduto su una delle loro sedie e ho dato voce alla loro cocciutaggine e al loro “Si è sempre fatto così.”

Mi ricordo lo stato emotivo del cambiamento repentino quando lo facevo. Era difficile per me ed ero irritato. Sono tornato al mio posto e ho parlato dalla mia rabbia e dal mio dolore. Adesso, le mie emozioni erano meno intense.

La rabbia

Prima di questo workshop, avevo passato quasi un anno a combattere con questi intensi scatti di rabbia per come era stata maltrattata mia figlia. Solo un paio di ore dopo quel workshop, capii che ero cambiato profondamente. Adesso, quando pensavo a cosa avevano fatto, non pensavo che fosse OK, ma ero meno reattivo. Il cambiamento durò.

In qualche modo, questo dialogo di 15 minuti mi aveva aiutato a trovare una soluzione alla mia frustrazione, in qualche modo non ero stato in grado di farlo da solo.

Transformational Chairwork Psychotherapy

La mia passione e la convinzione verso i valori del chairwork erano solo aumentati e nel 2008 creai il Transformational Chairwork Psychotherapy cominciando a formare terapeuti negli Stati Uniti e all’estero sulla nobile arte del chairwork. Nel 2014, è stato pubblicato il mio libro Transformational Chairwork: Using Psychotherapeutic Dialogues in Clinical Practice, una guida per terapeuti.

I 4 principi

Nonostante gli sforzi, ho sempre sentito che ciò che mi aveva attirato fosse in qualche modo la semplificazione del lavoro, la sua riduzione a una serie di principi essenziali che potessero chiaramente ed efficacemente guidare sia la pratica che l’insegnamento.

Poi, a inizio del 2018, durante una seduta di meditazione ho avuto la visione di ciò che chiamo “i quattro dialoghi” che mi hanno mostrato come trasformare il chairwork in una terapia di una elegante semplicità e anche di grande potenza. Ho quindi combinato questo quadro che abbiamo chiamato “i quattro principi”, e questo è diventaato la base del nostro lavoro.

la molteplicità dell’Io

Il primo dei quattro principi è la molteplicità dell’Io, l’idea che tutti noi possiamo essere visti come contenitori di diverse parti, modi, voci o io. Per esempio, il modo in cui ci comportiamo a lavoro può essere diverso dal modo in cui ci comportiamo a casa con le nostre famiglie o a un barbecue con i nostri amici.

A volte, durante i periodi di stress o negli stati di intossicazione, le parti possono emergere ed essere sia non conosciute che indesiderate: il tipo di situazione che ci spinge a dire cose tipo: “Non so cosa mi sia successo.”

Il principio trasformativo 

Il secondo principio è che sia curativo e transformativo per le persone per dare una voce a queste diverse parti. In pratica, questo può voler dire chiedere a un paziente di spostarsi da una sedia all’altra per contenere e dare voce alla loro sofferenza, paura, a loro critico interiore o al modo in cui si vedono come “io eroico” – la parte di loro che compie azioni significative nel mondo.

Questa da sola può essere un’esperienza potente. In alternativa, un terapeuta può stabilire un dialogo tra le diverse parti di un paziente, portare un maggiore equilibrio interiore e migliorare il funzionamento.

Dall’interno all’esterno

Il terzo principio si sposta dal mondo interiore a quello esterno. Implica che i pazienti rivisitinino e rivivano una Perdita o un trauma come un modo di lavorare attraverso l’esperienza.

Un terapeuta può invitarli a immaginare di posizionare le diverse persone coinvolte su diverse sedie e parlargli, forse dicendo cose che non potevano o non hanno detto allo stesso tempo, come è successo a me nel mio workshop di New York.

Lo scopo più importante

L’ultimo principio, lo scopo finale del chairwork, e lo scopo finale di tutta la psicoterapia, è quello di rafforzare ciò che è stato a volte chiamato ‘ego’, il leader interiore, e la modalità adulta sana, che è quella parte dell’Io che vuole organizzare, regolare e dirigere le altre parti.

Quando questa parte della personalità diventa più forte, I pazienti sono in grado di fare esperienza di una maggiore regolazione emotiva interiore e di un ruolo nel mondo più efficace, significativo e diretto.

 

Chair-Dialogue: il Lavoro con le Sedie per la Terapia Espressiva Individuale

Chair-Dialogue: il Lavoro con le Sedie per la Terapia Espressiva Individuale

 

Cercare volontariamente di raggiungere le emozioni difficili può essere curativo – la dinamica della scelta cambia tutto.

Questi sono i principi basici del chairwork. I quattro dialoghi sono i diversi metodi o format con cui svolgere il chairwork, e questi sono dare una voce, raccontare una storia, i dialoghi interiori e relazioni e incontri.

Ognuno di questi dialoghi può essere usato come singolo intervento o in diverse combinazioni per aiutare i pazienti a guarire e ridurre il distress.

Dare una voce può essere usato come mezzo di esplorazione e comprensione del proprio mondo interiore

Un terapeuta può dire al proprio paziente: “Vorrei invitarti a spostarti su questa sedia, e vorrei che parlassi con il cuore a partire dal tuo dolore.”

Il “centro”

Nella versione basica di questa pratica, che abbiamo adattato da Embracing Our Selves (2011) un manuale sulla pratica del dialogo delle voci degli psicologi Hal Stone e Sidra Stone, il paziente comincia su una sedia che chiamiamo il centro, che è dove il leader interiore o la modalità adulta sana sono sedute.

Il terapeuta, allora, invita il paziente a spostarsi su un’altra sedia in modo che possa esprimere volontariamente e coscienziosamente le proprie emozioni.

Un esempio

Il terapeuta può chiedere al paziente di cambiare sedia e dare voce alla propria sofferenza e al proprio dolore – sia emozioni che pensieri. Questa pratica può suscitare spontaneamente emozioni difficili, che possono essere angosciati, ma cercare di coinvolgere e vivere questa esperienza può essere curativo, la dinamica della scelta cambia tutto.

In alcuni casi, l’emozione può fare il suo Corso, mentre in altri casi, un’altra parte o modo può essere triggerato e il paziente troverà nuove risorse o prospettive interiori.

L’utilità della voce

La pratica di dare una voce può essere utile per diversi motivi. Il rilascio delle emozioni può essere catartico di per Sé, e durante il processo di andare verso il dolore, un’altra modalità o parte potrebbe essere attivata e questo fornirebbe un’alternativa alla sofferenza.

Raccontare una storia

Il secondo metodo o dialogo del chairwork è raccontare una storia. Un terapeuta, introducendo una seduta simile, potrebbe dire: “Percepisco che mantenere questo segreto dentro per così tanto tempo è stato un peso enorme. Se vuoi vorrei che ti spostassi su questa sedia e mi dicessi cosa è successo.”

Le storie possono curare

Il dialogo del raccontare una storia riconosce il potere curativo delle storie e affronta diverse strategie che possono aiutare i pazienti a lavorare con i loro ricordi difficili. Il terapeuta invita I suoi pazienti a spostarsi dal centro verso un’altra sedia e raccontare la storia difficile o una parte di essa.

Quando hanno finite, il terapeuta gli chiede di alzarsi, muoversi un po’, scuotersi e sedersi e raccontare di nuovo la storia. Durante questo processo è comune per il paziente rivelare maggiori dettagli a ogni interazione, segno che stanno diventando meno spaventati e disturbati dalla storia e che la guarigione sta avvenendo.

L’angoscia

Una sfida di questo processo è che il paziente può trovarlo particolarmente angosciante. Prendendo ispirazione dall’approccio narrativo descritto dallo psichiatra Eckhard Roediger e dai suoi colleghi nel Contextual Schema Therapy (2018), una delle possibili soluzioni è chiedere al paziente di condividere la propria storia da una prospettiva in terza persona.

Il dialogo interiore

Il terzo format del chairwork – i dialoghi interiori – si focalizza sulla risoluzione delle diverse forme di conflitto e squilibrio interiore. Il terapeuta può iniziare a esercitare quanto segue: “Sembri avere due diverse opinioni su questo progetto.

Mi chiedo se sei d’accordo a spostarti su questa sedia e parlare di questa parte che vuole andare avanti con tutto ciò, e poi muoverti su questa sedia e parlare dal punto di vista della parte che ha dei dubbi.”

Una forma di dialoghi interiori implica un lavoro di polarizzazione, cioè, aiutare i pazienti a prendere delle decisioni chiarendo i propri valori e risolvendo i conflitti dentro e tra di loro.

L’uomo depresso ha dato voce a suo figlio, che gli ha detto che era ora di scegliere la vita

La forma finale del dialogo di cattedra sono le relazioni e gli incontri, che si relazionano al mondo delle connessioni interpersonali. Ad esempio, un terapeuta potrebbe dire a un paziente alle prese con problem di cuore:

Sento che sei ancora molto bloccato, anche se la relazione è finita due anni fa. Mi piacerebbe lavorare con questo, se posso. Vorrei che la immaginassi seduta su questa sedia, e vorrei che le parlassi e le dicessi cosa provi.

Il significato

Questo dialogo implica l’espressione di emozioni, come l’amore, la rabbia, la paura e il dolore. È anche un veicolo per rafforzare la “voce assertiva” del paziente, la sua capacità di esprimere la propria opinione con sicurezza.

Di solito sono dialoghi a due vie in cui anche il paziente cambia sedia e assume la prospettiva dell’altra “persona” dalla sedia di fronte (tuttavia, se un paziente sta dialogando con una figura del passato veramente abusiva, è sconsigliato far cambiare seedia al paziente o di impegnarsi in un’inversione di ruolo con quella persona o di “diventare” quella persona perché potrebbe indurre empatia per la persona abusiva, che può interferire con il processo di guarigione).

Psychodrama with Trauma Survivors

C’è un esempio di questo processo nella raccolta curata Psychodrama with Trauma Survivors (2000) in cui i terapeuti Marisol Bouza e Jose Barrio descrivono il lavoro con un uomo che era entrato in una depressione profonda, e forse psicotica, in risposta alla morte di suo figlio.

Invertire i ruoli

In ospedale dopo una serie di tentativi di suicidio, hanno deciso di fare un dialogo di inversione dei ruoli. L’uomo si sedette su una sedia e immaginò suo figlio sulla sedia di fronte. Da qui, ha parlato del suo dolore, del dolore e della perdita e del suo desiderio di unirsi a suo figlio nell’aldilà.

Poi ha cambiato sedia e ha dato voce a suo figlio, che gli ha detto che era tempo per lui di scegliere la vita e di dare il suo amore e affetto agli altri suoi figli e al resto della famiglia. Il padre prese a cuore questo messaggio e prese la decisione di stare meglio.

Relazioni ed incontri

Nel 2013, io (Amanda) ho partecipato a un workshop di formazione sulla Sedia Trasformativa e ho avuto un’esperienza diretta, profonda e drammatica utilizzando il paradigma delle relazioni e degli incontri. Scott (‘Dr Kellogg’ per me all’epoca) stava conducendo la sessione e richiese dei partecipanti per una dimostrazione di terapia.

Decisi di fare da volontaria. A quel tempo, ero una stagista che lavorava con giovani altamente traumatizzati ed ero sull’orlo del burnout. Il mio lavoro con una ragazza notevole, ma molto problematica, mi stava sopraffacendo. Mi sono seduta di fronte alla stanza di fronte a una sedia vuota e Scott mi ha detto di immaginare gli aggressori del mio paziente. Mi sono subito indignata. Successivamente, Scott mi ha suggerito di alzarmi e difenderla. ‘Come osi ferirla!’ dissi.

Immaginare

Questo momento di catarsi è stato un sollievo. Ero stata profondamente disgustata dall’abuso che la mia paziente aveva subito ma, prima di quel giorno, non avevo sfogo per la mia rabbia. Passarono alcuni minuti e Scott cambiò rotta. ‘Ora, immagina la tua paziente. Parla con lei. Parla dal tuo cuore.’ Mi sedetti di nuovo ed espirai.

E la rabbia?

Essa svanì e la tristezza prese il suo posto: “Non so perché la tua vita sia così dolorosa. Le tue storie mi spezzano il cuore.’ I miei occhi hanno cominciato a lacrimare e venni incoraggiata a continuare a parlare. ‘Voglio che tu sappia che penso che tu sia fantastica. Sei brava. Ti vedo.’ Mi sentivo motivata e piena di speranza.

Nei mesi successivi, il mio lavoro con la paziente migliorò e fui in grado di sostenere efficacemente le sue cure presso il sito clinico.

Una nuova passione

Da quel momento in poi, mi sono subito appassionata anche alla sedia. Questa esperienza di laboratorio ha completamente alterato le mie percezioni sulle possibilità e sui limiti della psicoterapia.

Da quel giorno, ho intrapreso un viaggio straordinario che mi ha portato a diventare una terapeuta della sedia certificata e una formatrice di clinici in tutto il mondo. La sedia ha cambiato la mia vita.

Le relazioni evocano emozioni conflittuali; la sedia è un modo potente per i pazienti di lavorare su questi conflitti

Mi addolora profondamente quando penso all’incredibile solitudine creata dal trauma e dalla sofferenza, e sento un grande dovere affrontare direttamente queste esperienze. Il lavoro di sedia mi ha fornito un percorso per stare con i pazienti nell’oscurità mentre si stanno anche attivando per uscire dalle macerie.

Possiamo affrontare insieme i ricordi spaventosi e, come dice sempre Scott: “Fidati delle sedie”. Quando si presenta il dolore emotivo, i miei pazienti possono impegnarsi con esso, sfidarlo, confortarlo e, alla fine, scegliere di rilasciarlo. Le loro menti e i loro cuori possono dialogare e da lì avviene una trasformazione sorprendente.

Elaborare con le sedie

Scott e io troviamo sorprendente che entrambi abbiamo avuto esperienze cruciali di lavoro alla sedia in cui avevamo immaginato dialoghi con persone difficili o problematiche. Le relazioni importanti evocano dentro di noi emozioni forti e talvolta conflittuali e la sedia fornisce un modo potente per i pazienti per elaborarle.

Il futuro comincia ad apparire luminoso per quelli di noi che credono nel potere di questo tipo di lavoro di dialogo. Stiamo assistendo a una rinascita dell’uso psicoterapeutico della sedia in tutto il mondo.

Una convinzione

Sia che venga utilizzato come terapia a sé stante o in aggiunta agli approcci terapeutici esistenti, crediamo che la sedia abbia la capacità di essere una forza liberatrice per coloro che vivono nel dolore e nella sofferenza.

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Kellogg, S., & Garcia Torres, A. (2021, October). Chairwork . researchgate. Retrieved December 28, 2021, from https://www. researchgate.net/ publication/ 355174484_Chairwork

 

Corsi correlati

Corso Online
36 ECM
Dialoghi sulla Relazione Terapeutica 2023
La live si terrà il 31 gennaio 2023
167€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Arti Terapie Espressive
Utilizzo della Fotografia in Psicoterapia: ciò che vediamo in un’immagine è solo l’inizio
Quando le parole non bastano o non riescono ad esprimere un’emozione o un vissuto o quando si...
Arti Terapie Espressive
La Fototerapia: Storia e Pratica di una Tecnica di Intervento
La fototerapia è una disciplina nell’ambito della salute mentale che usa la fotografia per...

0 thoughts on “La terapia Chairwork

  • Marcella says:

    ….a me sembra comunque normale psicoterapia gestaltica… perché mettere nomi inglesi e farne qualcosa di “esotico”…? Sono sempre un po’ allibita di fronte a queste cose…. ma magari il mio punto di vista è falsato dal fatto che il mio sia un ovvio punto di vista esperienziale di terapeuta gestaltica! Buone esperienze!

    • tiziano cerulli says:

      Marcella queste tecniche si usano dagli inizi del Novecento anche nel teatro e successivamente nello psicodramma. Il lavoro sulle sedie io l’ho appreso per esempio durante un master in teatroterapia. La gestalt è un approccio che ha preso anche da altre fonti ed esistono metodi integrati che possono essere usati prendendo un pò da un approccio e un pò da un altro. Poco importa se li chiamiamo in inglese o in italiano. L’importante è che funzionino e diano strumenti pratici allo psicologo.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0