Umorismo Sano: una Nuova Strategia di Coping per il Lavoro

umorismo

L’umorismo è pervasivo, radicato e un “aspetto altamente significativo dell’esperienza umana” (Westwood & Rhodes 2007, p. 5) ed è quindi decisamente rilevante nei contesti organizzativi.

Questo articolo presenta dati empirici unici da uno studio della durata di 3 anni che indaga l’influenza dell’umorismo sulla cultura organizzativa in quattro organizzazioni neozelandesi. La domanda specifica esplorata in questo articolo è: come le persone usano l’umorismo per affrontare i problemi, le tensioni e le difficoltà quotidiane incontrate nella loro vita lavorativa?

C’è un notevole interesse per il lavoro, il tempo libero e il benessere nelle organizzazioni moderne (Haworth 1997). Il coinvolgimento in attività positive nel tempo libero promuove la salute fisica e il benessere psicologico (Iso Ahala 1997), e il divertimento ha un “ruolo centrale” nel benessere ed è un fattore trascurato della motivazione umana (Csikszentmihalyi 1975, 1991).

L’umorismo può essere una strategia discorsiva utile per raggiungere la cooperazione e aiutare la creazione di una squadra sul lavoro (Holmes & Schnurr 2005). Tuttavia, c’è bisogno che l’umorismo sia usato in modo abile e appropriato o può ritorcersi contro e causare disarmonia. L’umorismo rende il posto di lavoro più piacevole e riduce lo stress e la tensione (Meyer 1997) e può anche offrire alle persone la possibilità di discutere eventi personali dolorosi in un formato che riduce l’angoscia e l’ansia.

Le battute tra colleghi alleviano la noia sul lavoro (Plester & Sayers 2007) e contribuiscono alla coesione del gruppo (Romero & Pescosolido 2008). Il divertimento e l’allegria sono fondamentali nella vita delle persone (Monk et al. 2002) e sempre più manager e leader organizzativi stanno identificando il bisogno dei dipendenti di ridere e giocare al lavoro.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

L’ipotesi popolare che l’umorismo abbia effetti positivi e utili sul benessere delle persone all’interno dei contesti organizzativi è attuale, interessante e degna di ulteriore esplorazione. È quindi utile iniziare tale indagine con una revisione della teoria che spiega l’essenza delle esperienze umoristiche e la risposta esplosiva della risata.

 

Teorie sull’umorismo

Tre prospettive teoriche chiave spiegano perché le persone ridono o sperimentano l’umorismo. Raskin (1985) etichetta queste categorie come cognitivo-percettive, sociali-comportamentali e teorie psicoanalitiche dell’umorismo.

Le teorie cognitivo-percettive si riferiscono agli elementi di incongruenza che si ritiene esistano nella maggior parte (se non in tutto) dell’umorismo (Bergson 1911; Wilson 1979; Attardo 1997). Bergson (1911) suggerisce che l’umorismo viene utilizzato quando accade qualcosa di inaspettato, come una persona che manca la sedia mentre cerca di sedersi, o una persona che corre e cade. In questi casi l’umorismo nasce dalla loro “elasticità meccanica” (p. 10), che è sia accidentale che inaspettata e quindi ridicola.

Le teorie socio-comportamentali sono quelle che utilizzano forme di denigrazione e sono più comunemente chiamate teorie della superiorità (Hobbes 1640; Gruner 1997; Douglas 1999). Queste teorie suggeriscono che le persone ridono quando si sentono momentaneamente superiori a un’altra persona, la quale è l’oggetto della risata. Tali teorie spiegano perché le persone ridono dell’umorismo slapstick e trovano l’umorismo nella sfortuna di qualcun altro.

Il gruppo di teorie psicoanalitiche rese famose da Freud (1905) sono quelle che trattano elementi di soppressione e repressione. Queste teorie propongono che l’umorismo offra una funzione di sollievo o una liberazione dalla tensione (Freud 1905; Weick & Westley 1996). Freud (1905) suggerisce che la risata è una liberazione e uno sfogo per le emozioni represse come l’aggressività o le pulsioni sessuali. Un rilascio di energia psichica si verifica quando le barzellette ci liberano dalle nostre inibizioni (Raskin 1985) e la ricerca evidenzia la funzione di valvola di sicurezza dell’umorismo in quanto offre uno sfogo sicuro per i sentimenti e quindi previene il comportamento antisociale e promuove l’armonia sociale (Freud 1905; Eastman 1936; Morreall 1983; Weick & Westley 1996; Gruner 1997; Douglas 1999).

Freud sostiene che il motivo principale per scherzare è il piacere e che le persone non solo fanno battute per se stesse, ma hanno anche un forte impulso a comunicare i loro pensieri divertenti e le battute che hanno sentito. Douglas (1999) discute su come le persone filtrano e controllano le loro azioni quotidiane, ma gli scherzi permettono agli elementi dell’inconscio di “sfondare” e quindi creare libertà e divertimento.

Molte delle teorie di sollievo/liberazione contengono questo elemento chiave freudiano che il controllo cosciente è rilassato nelle barzellette, offrendo ai partecipanti una libertà dalle norme abituali e dalle restrizioni sociali (Bowers & Smith 2004). Queste teorie di sollievo, in particolare, sembrano sostenere i presupposti del posto di lavoro per i quali l’umorismo può fornire alle persone una forma di rilascio oltre a fungere da meccanismo di coping per affrontare la tensione e lo stress.

 

Umorismo a lavoro

L’umorismo è una parte intrinseca della cultura del posto di lavoro (Holmes & Stubbe 2003) e può minimizzare le differenze di status tra leader e subordinati, abbattere le barriere tra le persone e aiutare le organizzazioni ad essere più reattive (Barsoux 1996; Holmes & Marra 2002a). L’umorismo è una componente importante della vita organizzativa ed è un modo di far fronte alla confusione e ai paradossi inerenti alla maggior parte delle organizzazioni e dà alle persone la possibilità di sfogare la loro frustrazione o ansia.

Le persone sviluppano routine che le aiutano quando il lavoro diventa noioso o crea ansia (Csikszentmihalyi 1991). Robert & Yan (2007) sostengono che per capire l’umorismo sul posto di lavoro, devono essere considerate tre prospettive. Queste prospettive sono:

1)aspetti motivazionali del perché le persone usano l’umorismo

2)meccanismi cognitivi che descrivono come funziona l’umorismo

3)fattori emotivi che collegano gli aspetti cognitivi dell’umorismo con il comportamento.

 

Esplorare il perché e il come le persone usano l’umorismo sul lavoro aiuta a capire le persone, il comportamento e alcune delle conseguenze organizzative specifiche dell’umorismo.

L’umorismo trasforma “incongruenze preoccupanti in una fonte di divertimento da celebrare con gli altri” (Barsoux 1996, p. 503). Anche se l’umorismo non può effettivamente cambiare le situazioni organizzative, le rende più sopportabili. L’umorismo può aiutare a disinnescare le emozioni negative, e gli impiegati possono prendere le distanze dalle emozioni sul lavoro usando l’umorismo (Grugulis 2002). Roy (1959) ha scoperto che l’umorismo ha alleviato la noia per gli operatori delle macchine di fabbrica e suggerisce che l’uso dell’umorismo rende sopportabile un lavoro monotono e noioso, e quindi questi lavoratori sono stati in grado di continuare a fare questi lavori (Roy 1959, p. 167).

Avolio et al. (1999) hanno misurato l’umorismo dei leader che alleviava la pressione nei momenti di stress e l’umorismo che produceva risultati favorevoli nelle discussioni. L’umorismo maschera il contenuto sgradevole nei messaggi e aiuta a ridurre l’attrito nelle interazioni difficili e in particolare può aiutare i manager a ridurre le reazioni negative ammorbidendo rimproveri e critiche (Holmes 2000; Fine & de Soucey 2005).

 

Lo studio

La ricerca si è concentrata sul ruolo dell’umorismo come difesa contro lo stress (Cann et al. 2000) e sull’umorismo come meccanismo di coping (Martin & Lefcourt 1984).

C’è l’ipotesi che l’umorismo aiuti con le difficoltà sperimentate nella vita quotidiana e che abbia usi positivi specifici nelle interazioni organizzative. L’uso dell’umorismo sul lavoro può anche avere effetti che non sono sempre positivi, e questi possono variare dall’umorismo usato come una forma di controllo da parte di coloro che sono al potere, o l’umorismo può essere usato come una sfida da coloro di status inferiore (Holmes & Marra 2002b).

L’umorismo attenua il tono autoritario delle direttive dei manager ai subordinati, il che riduce le minacce percepite all’autostima e alla dignità del subordinato (Duncan 1982). I manager possono anche apparire più umani e “reali” usando con giudizio l’umorismo autoironico (Duncan & Feisal 1990). Cooper (2008) suggerisce che l’umorismo è anche impiegato dagli individui per ingraziarsi i colleghi, i subordinati o i manager.

Questi usi dell’umorismo tentano di creare un “affetto positivo” nel bersaglio dell’umorismo (Robert & Yan 2007), che può aumentare la probabilità di benefici e trattamenti favorevoli per l’istigatore dell’umorismo. Un effetto importante e positivo dell’uso dell’umorismo sul lavoro è quello di moderare l’influenza degli eventi sul posto di lavoro sia positivi che negativi (Martin et al. 1993). Robert & Yan (2007) suggeriscono che l’umorismo è usato per motivazioni positive, come la riduzione dello stress e dell’ansia e lo sviluppo della coesione, e anche per motivazioni negative, che implicano l’uso dell’umorismo per comunicare messaggi dannosi, dominare gli altri, e anche per sovvertire l’autorità.

I vari effetti e funzioni dell’umorismo identificati dai ricercatori precedenti hanno aiutato nella formulazione della domanda di ricerca esplorata in questo documento. I dati sono stati raccolti da quattro aziende neozelandesi per rispondere alla domanda di ricerca: in che modo le persone usano l’umorismo per far fronte ai problemi, alle tensioni e alle difficoltà quotidiane incontrate nella loro vita lavorativa?

 

Metodo

Questo studio è stato effettuato con una modalità esplorativa e interpretativa, con un approccio costruttivista che presuppone che ci siano realtà multiple all’interno della ricerca. Tale posizione incoraggia la ricerca esplorativa e i testi a più voci e può includere un “partecipante appassionato come facilitatore della ricostruzione a più voci” (Guba & Lincoln 2005, p. 196). Questo suggerisce che i risultati della ricerca sono co-creati tra il ricercatore e gli intervistati. La ricerca interpretativa mira a comprendere un’azione sociale significativa attraverso descrizioni precise delle azioni e delle parole delle persone in un particolare contesto di ricerca.

I metodi qualitativi sono preziosi per accedere a dati ricchi e contestuali e raccogliere prospettive multiple. Questo permette ai fenomeni complessi di essere esplorati in modi diversi, e le raccolte multiple di dati danno risultati più precisi e complessi rispetto agli approcci mono-metodo (Lockyer 2006). Ogni metodo è soggetto a difetti e distorsioni intrinseche, e usando una varietà di metodi, le distorsioni di un metodo sono compensate dall’uso di altri metodi.

Per esempio, i dati raccolti da interviste strutturate possono essere problematici a causa di influenze come la desiderabilità sociale (Stöber et al. 2002), quindi i metodi di osservazione possono migliorare le risposte delle interviste. Denzin & Lincoln (2005) sostengono che combinare pratiche metodologiche e prospettive all’interno di un singolo studio aggiunge ricchezza, complessità, profondità e rigore, e Bryman (2006) sottolinea il potenziale di ricerca offerto dall’adozione di una varietà di approcci.

 

Sono stati utilizzati tre metodi qualitativi chiave:

1)interviste semi-strutturate,

2)osservazione dei partecipanti

3)raccolta di dati documentari.

In ognuna delle quattro organizzazioni, i ricercatori hanno raccolto dati per un mese. Ogni ricercatore ha lavorato negli stessi orari dei lavoratori dell’organizzazione, si è seduto nello spazio generale dell’ufficio e ha annotato l’umorismo e le attività culturali durante questo mese. Le note di osservazione sono state dettagliate e, quando possibile, gli scambi di umorismo sono stati registrati testualmente mentre si verificavano, in modo da catturare l’evento nel modo più autentico possibile.

In totale, sono state condotte 59 interviste semi-strutturate con persone di tutti i livelli di ogni organizzazione. Le domande hanno esplorato le interpretazioni della cultura organizzativa, dei rituali e del comportamento. Sono state incluse anche domande specifiche sul comportamento umorale individuale, sugli eventi, sugli impatti e sugli atteggiamenti. Le risposte sono state registrate sia in note scritte a mano che in registrazioni audio per una successiva trascrizione.

Sono stati raccolti documenti che riflettono la cultura aziendale e gli esempi di umorismo e fotocopie dei documenti quando possibile e sono stati raccolti opuscoli, e-mail, cartoni animati, poster e materiale web.

Inoltre, sono stati annotati gli esiti evidenti degli episodi di umorismo e le interpretazioni degli eventi da parte dei partecipanti dell’organizzazione in discussioni ad hoc e durante le interviste organizzate. E’ emerso poi un rapporto dettagliato per ogni azienda e questi sono serviti come controlli da sottoporre agli intervistati per ulteriore conferma dei dati (Guba & Lincoln 1989).

L’azienda ha ricevuto questo rapporto entro 2 mesi dalla raccolta dei dati, presentato come un riflesso della propria cultura aziendale e dello stile umoristico. Dopo averlo fatto circolare tra i membri dell’azienda, i manager sono stati contattati per avere un feedback sulle reazioni al rapporto, e queste reazioni hanno dato un’indicazione rispetto a se le impressioni iniziali e i risultati erano sinonimi di quelli della direzione dell’azienda. Questi controlli dei membri sono stati un’utile convalida dei risultati.

 

Discussione e Risultati

Gli intervistati in tutte le aziende studiate hanno percepito che l’umorismo ha svolto una funzione importante nell’offrire sollievo e liberazione da tensione, ansia e stress. Le seguenti citazioni sono campioni presi dall’insieme dei dati delle trascrizioni delle interviste e sono rappresentative dei commenti fatti da un gran numero di intervistati.

Questi intervistati selezionati dall’azienda Sigma illustrano la loro dipendenza dall’umorismo come meccanismo di coping:

Intervistato1: “(l’umorismo è) molto importante soprattutto nei momenti di stress. Vengo da un background in cui, crescendo, l’umorismo è sempre stato usato per rendere le cose più piacevoli o per alleggerire le cose, quindi lo uso il più possibile e trovo che l’umorismo allevi lo stress in modo notevole.

Intervistato2: “(L’umorismo è) assolutamente importante, la mia cultura, la mia nazionalità, usiamo la cultura come un modo per ammorbidire o attutire qualsiasi cattiva notizia o qualsiasi cosa negativa che accade, a volte non va bene per le persone che non lo capiscono, ma è fantastico perché ti aiuta ad affrontare il trauma.

In linea con le teorie freudiane (1905) del rilascio della tensione attraverso l’umorismo, gli intervistati sottolineano l’importanza di trovare modi per alleviare i tipi di stress che si accumulano nei loro luoghi di lavoro. La stragrande maggioranza delle persone ha dichiarato (nelle interviste) che l’umorismo ha offerto loro uno sfogo per alleviare la tensione. Questo è stato supportato dai dati di osservazione, e i testi di osservazione che seguono sono stati selezionati dalla serie di dati raccolti da tutte e quattro le aziende. I dati sono stati organizzati in tre categorie che esemplificano alcuni dei modi in cui l’umorismo è usato come strategia di coping. Queste categorie sono: alleviare la tensione, affrontare le avversità e ammorbidire le direttive e le richieste.

Tutte queste categorie contribuiscono ai tentativi dei dipendenti e dei manager di far fronte ai problemi, alle tensioni e alle difficoltà quotidiane incontrate nella loro vita lavorativa. La natura di questo coping è riassunta nella sezione finale.

 

Umorismo per: Alleviare la tensione

In questo scambio il team manager (Troy) riceve una telefonata e informa pubblicamente Gloria (una dei suoi collaboratori) che ha vinto un concorso aziendale. Gloria è stupita e un po’ imbarazzata.

Troy: “Gloria hai vinto la gara di abbigliamento. Avrai il tè del mattino e un giro nella Porsche di Jay“.

Gloria (ride forte): “PER L’AMOR DEL CIELO. OH **********” (anche tutti i vicini ridono).

Troy (sorridendo, ma in modo ammonitore): “che boccaccia!

 

Victoria (avvocato) finisce la sua telefonata con un altro avvocato di un’altra azienda.

Si rivolge a Felicity (segretaria): “Sì, probabilmente ha appena riattaccato dicendo ‘Grazie per tutto il tuo aiuto (sarcasticamente), vacca” (Entrambe ridacchiano). Victoria si rivolge a Felicity dopo un’altra telefonata che riguarda una difficile negoziazione con un altro avvocato.

Victoria: “Fottuto idiota”.

Felicity: “Chi era quello?

Victoria (mette su una voce forte e odiosa): “NON LITIGHERO CON TE… NON DISCUTERE CON ME” (mimando la conversazione).

Felicity: “Era un vecchio?

Victoria: “” (ridono).

 

Questi esempi evidenziano tutti l’uso dell’umorismo per compensare situazioni di lavoro stressanti e mostrano che l’umorismo è stato talvolta usato dopo che le persone hanno completato le telefonate che erano controverse o sorprendenti in qualche modo. Quando le persone finivano la chiamata condividevano le informazioni e le difficoltà che avevano sperimentato con i colleghi vicini.

Spesso segnalavano con veemenza che erano tesi o sconvolti usando forti commenti dispregiativi (“vacca”), il che offre un immediato sollievo dalla situazione e provoca risate da chi è vicino. Anche nel felice esempio della vincita di un concorso aziendale, Gloria appare imbarazzata e sorpresa dall’annuncio pubblico e dalla conseguente attenzione e si allevia con la sua affermazione, che fa ridere tutti i suoi colleghi vicini per l’incongruenza della sua osservazione (vedi Bergson 1911; Attardo 1997).

Parlare a voce alta sul posto di lavoro spesso scandisce la tranquilla atmosfera di lavoro e promuove risate e risposte scherzose nei colleghi. Questo supporta le teorie dell’umorismo di incongruenza e sembra che le persone ridano per l’inaspettatezza dell’espressione e l’incapacità della persona di contenere la propria reazione emotiva (vedi Bergson 1911).

Ci sono anche elementi delle teorie dell’umorismo di superiorità evidenti in questi esempi (vedi Hobbes 1640; Gruner 1997) in quanto questi partecipanti creano un senso di supremazia sulla persona sfortunata con cui hanno interagito, deridendola attraverso l’uso dell’umorismo profano. L’umorismo e le risate condivise sono una reazione alla parolaccia, ma sembrano anche servire altre due funzioni.

In primo luogo, la risata mitiga la parolaccia, che è considerata inappropriata nella maggior parte di questi luoghi di lavoro. Facendo una battuta e ridendo delle stesse, i colleghi stanno riducendo la possibilità di un serio rimprovero in quanto la parolaccia è trattata come divertente e ridicola piuttosto che una grave trasgressione comportamentale. Trattando la parolaccia ad alta voce come “solo uno scherzo”, i colleghi sono protetti da potenziali azioni disciplinari e recriminazioni.

In secondo luogo, lo scherzo offre anche all’impiegato frustrato la possibilità di ridere e di rilasciare la tensione e quindi sperimentare un ulteriore sollievo dal difficile incontro. Questo supporta l’affermazione di Freud (1905) che scherzare offre uno sfogo per alleviare l’aggressività e permette alle persone di rilasciare le emozioni.

In una delle interazioni un altro effetto è evidente quando l’umorismo e i commenti leggeri sono usati per dare un rimprovero gentile e un promemoria sul linguaggio accettabile sul posto di lavoro. Usando l’ironico “che boccaccia” in uno degli esempi, i manager ricordano ai loro dipendenti che questo linguaggio era forte e non accettabile. Il rimprovero ripristina e rinforza i limiti comportamentali per gli scambi verbali e le risposte umoristiche. L’umorismo è usato per mitigare il comportamento inappropriato, aiutare il lavoratore a salvare la faccia (Holmes 2000), e fornisce sollievo dalla situazione. Quindi, parolacce e umorismo sembrano a volte offrire una strategia di coping combinata che è solitamente accettata in alcune situazioni di tensione sul posto di lavoro.

 

Umorismo per: Affrontare le avversità

 

Troy, il team manager, sta discutendo il suo recente divorzio con i membri della sua squadra.

Troy: “Ha perso la casa, la TV, lo stereo…“.

Jasper: “Non hai preso la TV-ooh questo fa male!“.

Troy: “Sono solo scappato, ho ripulito il mio armadio e me ne sono andato, l’unica cosa che mia madre ha detto è stata: non hai preso lo stereo o il tagliaerba? Te li avevo dati io” (tutti ridono).

 

I manager Sigma assegnano regolarmente premi divertenti per gli errori commessi sul lavoro o per incidenti che si verificano nel tempo libero dei dipendenti. Nel Dipartimento Operazioni una grande ape gonfiabile viene assegnata settimanalmente e viene chiamata il premio “Dumblebee”. Deve essere appesa sopra la scrivania del destinatario per tutta la settimana.

In questo esempio, Brenda (HR) riceve un premio simile. Arriva al lavoro e ride quando vede il pollo di gommapiuma sulla sua scrivania. Questo è il premio “pollo” della settimana.

Brenda (ridendo): “Per cosa l’ho ricevuto?

Lindsay: “Per aver distrutto la tua auto invece di averla portata al lavoro“.

Brenda: “oh sì, ho fatto così tante cose divertenti la settimana scorsa“.

Questa serie di esempi mostra persone che usano l’umorismo per discutere alcuni argomenti personali dolorosi. Troy, un team manager, prende alla leggera il suo accordo di divorzio personale elencando allegramente gli oggetti a cui ha rinunciato e facendo una battuta sui commenti di sua madre. Anche se inquadrato in uno stile scherzoso, il suo collega allude al dolore dell’evento “ooh che male” mettendolo in relazione alla perdita del televisore e continuando nello stile scherzoso di Troy. Anche se il suo commento suggerisce che perdere il televisore fa male, questo commento ironico sembra affrontare la questione più ampia del dolore del divorzio, e il commento di Jasper è di sostegno ed empatico, ma adotta anche lo stile scherzoso e leggero di Troy.

L’uso dell’umorismo può moderare gli impatti negativi degli eventi della vita ed è associato all’affetto positivo quando è associato a eventi sia positivi che negativi (Martin et al. 1993).

L’ultimo esempio in questa categoria mostra un approccio a livello aziendale per affrontare gli errori e i problemi assegnando premi divertenti per riconoscere questi eventi. L’uso di premi umoristici permette agli impiegati di ammettere e riconoscere gli errori che fanno sia nella loro vita personale che nel lavoro e condividerli con i loro colleghi. La risata condivisa nel ricevere il premio attenua l’impatto dell’errore e offre a queste persone una strategia per rilasciare la tensione associata e i cattivi sentimenti. Suggerendo che gli errori sono divertenti (“Ho fatto così tante cose divertenti la scorsa settimana“) l’incidente viene minimizzato, condiviso, e le emozioni negative associate vengono alleviate.

 

Coping attraverso l’umorismo

Anche se tutti i lavori generano stress e tensione in una certa misura, è salutare usare strategie di coping, come la condivisione dell’umorismo per affrontare tali questioni. Favorire le cognizioni positive attraverso l’uso dell’umorismo permette ai manager e agli impiegati di gestire meglio lo stress e la tensione. Come visto negli esempi precedenti, l’umorismo è un modo di gestire positivamente le interazioni stressanti sul posto di lavoro, e le risate condivise possono rilasciare i sentimenti negativi ed evidenziare gli aspetti positivi della situazione (vedi Koeske et al. 1993).

Usare l’umorismo in questo modo può aumentare la soddisfazione sul lavoro perché il divertimento provato dall’umorismo crea stati d’animo positivi, che si traduce in dipendenti che riportano livelli più alti di soddisfazione (Greenberg 2005). Gli stati d’animo sono creati dalle nostre interpretazioni delle situazioni e sono guidati da “ciò che ci raccontiamo” (Dolan 2007, p. 141).

I dati delle interviste raccolti in questa ricerca supportano anche la nozione che l’uso dell’umorismo sul lavoro può essere una delle strategie di coping positivo che le persone usano per prendere le distanze da situazioni spiacevoli (vedi Ashforth & Humphrey 1995). Nella sequenza di risposte (sotto) tratte dalle trascrizioni delle interviste, gli impiegati condividono i loro pensieri su come l’umorismo permette loro di creare distanza e affrontare compiti spiacevoli.

Intervistato1:”La prima risposta è strettamente allineata con gli effetti discussi negli esempi di osservazione e spiega la necessità di condividere l’umorismo per compensare l’esperienza tesa. Anche la seconda e la terza risposta esemplificano e spiegano come queste persone ratificano l’umorismo come strategia di coping. Dopo aver avuto una brutta chiamata a telefono, puoi rivolgerti a qualcuno e fare una battuta, perché la persona accanto a te, lo capisce.

Intervistato2: “Se hai avuto una brutta giornata e non puoi guardarti indietro e dire: “Oh, beh, almeno questo è stato bello o è meglio che mi prenda in giro per questo e lo affronti a modo mio, e se non puoi, non ti aiuterà psicologicamente.”

Intervistato3: “Hai bisogno di uno sfogo sul lavoro per il tipo di lavoro che facciamo. Se ti diverti un po’ troverai il tuo lavoro molto più piacevole. Hai bisogno di uno sfogo, devi farti una risata.

Le battute sul posto di lavoro con i colleghi offrono una tregua da compiti di lavoro noiosi e monotoni e ristabiliscono il cameratismo tra colleghi (Plester & Sayers 2007). Può anche essere un modo per creare coesione quando compiti di lavoro noiosi o sgradevoli devono essere completati.

Queste risposte alle interviste rafforzano questo risultato e suggeriscono che l’umorismo offre una breve pausa dai fattori negativi del posto di lavoro come la noia e la monotonia: “si passa molto tempo con le persone qui a lavoro e se non ci fosse niente di cui ridere sarebbe solo una giornata noiosa“. (intervistato da Uvicon). “Non potrei lavorare in un posto soffocante che non ha umorismo … aiuta solo con la routine quotidiana, il lavoro stesso può diventare stantio, tutti hanno quei momenti, rompe la monotonia della routine quotidiana di fare quel tipo di lavoro simile ogni giorno“. (intervistato di Adare).

Anche se la maggior parte dei dati suggerisce che l’umorismo è una strategia di coping positiva, Redman & Mathews (2002) avvertono che l’uso dell’umorismo sul lavoro non dovrebbe essere applicato come una “soluzione rapida“, e l’uso dell’umorismo non è sempre appropriato o desiderabile per tutti.

L’umorismo deve essere sia attento che abile perché l’umorismo che si ritorce contro può creare cattivi sentimenti e disarmonia (come nell’esempio di Mary e Jasmine). Pertanto, è importante anche riconoscere che ci sono diverse conseguenze dall’uso dell’umorismo. Alcune istanze hanno successo e creano un effetto positivo, mentre altre falliscono e causano disarmonia ed emozioni negative. Questa è un’area interessante per la ricerca futura (vedi Wood et al. 2007).

 

Conclusioni

Le persone devono completare molti compiti nella loro vita lavorativa quotidiana che non amano. I manager possono dover chiedere o istruire i subordinati a rispettare le regole o intraprendere compiti difficili e stressanti. L’umorismo è un modo per compensare i sentimenti negativi riguardo alcuni compiti sul posto di lavoro e può anche essere usato per mitigare altri comportamenti di coping, come le parolacce, che altrimenti non sarebbero tollerate.

Anche se c’è una scarsità di ricerche sull’umorismo sul posto di lavoro e il suo impatto, questa è un’area importante per la ricerca organizzativa in corso. I manager e gli impiegati di livello inferiore sono tutti d’accordo che l’uso dell’umorismo sul posto di lavoro offre molti benefici positivi che aiutano le persone a far fronte allo stress, alla tensione e alla monotonia del loro lavoro.

Uno degli impatti chiave che l’umorismo sul posto di lavoro ha sul benessere è l’uso dell’umorismo come strategia di coping che offre sollievo e rilascio dallo stress e dalla tensione. Una risata condivisa con alcuni colleghi migliora l’umore, che è piacevole, e le persone percepiscono che questo ha un effetto positivo sulla loro capacità di far fronte. Gli intervistati in questo progetto sentono che l’umorismo offre sollievo dalla tensione; un modo per affrontare le avversità, e ammorbidisce le direttive e le richieste manageriali.

Anche se l’umorismo è importante e ha molti effetti positivi per le persone al lavoro, può anche avere impatti dannosi e può diventare una forma di comportamento disfunzionale che causa emozioni negative e stress. Effetti negativi come questi dovrebbero essere indagati nella ricerca in corso sull’umorismo sul posto di lavoro per ampliare e migliorare la comprensione del comportamento organizzativo nelle aziende moderne. La ricerca futura dovrebbe anche esplorare ulteriormente la relazione tra l’uso dell’umorismo sul posto di lavoro e il benessere utilizzando sia il quadro psicologico che quello fisiologico.

 

Vuoi leggere di più sul tema della psicologia nelle organizzazioni?

▶️CLICCA QUI e scopri i nostri articoli sul tema

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO anche in nostri corsi sul tema della psicologia del lavoro 

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Plester, Barbara. (2009). Healthy humour: Using humour to cope at work. Kotuitui: New Zealand Journal of Social Sciences Online. 4. 89-102. 10.1080/1177083X.2009.9522446.

 

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>