Il “Viaggio Mentale nel Tempo” nel Disturbo da Stress Post-Traumatico (PTSD)

PTSD passato e futuro

L’esposizione a eventi potenzialmente traumatici è un’esperienza comune in tutto il mondo. Sebbene molte persone in genere non abbiano problemi di salute mentale a seguito di tali eventi, una minoranza significativa di individui svilupperà un disturbo psichiatrico. Il disturbo post-traumatico da stress (PTSD) è il più frequente esito negativo sulla salute mentale dovuto ad eventi traumatici (ad esempio, Hoge 2004) ed è associato a una notevole compromissione funzionale (ad esempio, Silverstein 2018).

Sebbene gli ultimi decenni siano stati contrassegnati da importanti progressi nei trattamenti per il disturbo da stress post-traumatico, un particolare sottogruppo di pazienti non risponde ancora alla farmacoterapia di prima linea o alle psicoterapie basate sull’evidenza esistenti (Lancaster 2016), sottolineando la necessità di un nuovo sviluppo del trattamento.

I processi neurocognitivi alla base della patogenesi e del mantenimento del disturbo

Tra i processi neurocognitivi che hanno dimostrato essere alterati negli individui con PTSD ci sono le memorie autobiografiche (AM), una classe di memorie autoreferenziali a lungo termine composta da dettagli sia episodici che semantici.

Gli AM possono essere recuperati deliberatamente (volontariamente) o inaspettatamente (involontariamente). Questi sono fondamentali per il benessere e il funzionamento, poiché sono implicati in numerosi processi clinicamente rilevanti, inclusi tutti quei processi disregolati nel PTSD (ad esempio, Lord 2020) come: passato e futuro

  • la risoluzione dei problemi;
  • la creazione del concetto di sé;
  • la formazione e il mantenimento dei legami sociali (Bluck 2005)

Le alterazioni dell’AM correlate al PTSD

Dato il ruolo fondamentale dell’AM nel disturbo da stress post-traumatico, non sorprende che numerosi studi abbiano esaminato le alterazioni dell’AM correlate a questo disturbo. Una di queste alterazioni che ha ricevuto una notevole attenzione è nota come memoria overgeneral (OGM). Quest è un fenomeno per il quale gli individui dimostrano difficoltà a ricordare eventi autobiografici discreti e discontinui. Si tratta cioè di un AM caratterizzato da una specificità ridotta, che può verificarsi ripetutamente o nel corso di diversi giorni. L’OGM si è dimostrato essere un predittore di sintomi post-traumatici (Moore e Zoellner, 2007) e un obiettivo efficace per la terapia. In effetti, è stato dimostrato che un training sulla specificità dell’AM consente di ridurre i sintomi di disturbo da stress post-traumatico nella metà del numero di sessioni richieste utilizzando trattamenti di terapia cognitiva standard (ad esempio, Maxwell, 2016).

Oltre all’OGM, altre alterazioni dell’AM sono state implicate nel PTSD, inclusi: passato e futuro

  • cambiamenti nell’intensità emotiva associata al ricordo di un particolare tipo di memoria (ad esempio, Rubin, 2010; Niziurski 2017);
  • variazioni nella disponibilità e coerenza dei diversi tipi di memoria (ad esempio, Rubin 2008);
  • aumenti di ricordi e prospettive intrusivi e carichi di emozioni (ad esempio, Berntsen e Rubin, 2015);
  • una maggiore centralità delle esperienze traumatiche sull’identità personale (ad esempio, Berntsen e Rubin, 2006).

 

Il fenomeno del Viaggio Mentale nel Tempo (MTT)

Una funzione importante del sistema di memoria episodica è la costruzione di memorie prospettiche, note anche come Episodic Future-Thinking (EFT). Attraverso un fenomeno noto come viaggio mentale nel tempo (MTT; Tulving, 1985), non solo siamo in grado di fare esperienza di noi stessi nel passato, ma siamo anche in grado di sperimentare noi stessi nel futuro.

Basandosi sulla teoria MTT, Schacter e Addis (2007) hanno avanzato l’ipotesi di simulazione episodica costruttiva. Questa postula che i processi cognitivi di ricordare il passato e pensare al futuro si basano su meccanismi sottostanti simili, ed entrambi attingono alle informazioni immagazzinate nella memoria episodica. passato e futuro

La memoria episodica e l’EFT operano legando il contesto di un’esperienza all’esperienza stessa per la costruzione e la ricostruzione di scene (Schacter e Addis, 2007). È importante sottolineare che questa teoria suggerisce che l’EFT si basa sulla ricombinazione flessibile di informazioni tratte da esperienze passate per costruire nuovi scenari futuri. Sebbene questa costruzione dello scenario possa essere adatta per processi come la pianificazione e il raggiungimento degli obiettivi, i pregiudizi clinicamente rilevanti nell’AM possono contribuire all’insorgenza e al mantenimento di vari disturbi, incluso il disturbo da stress post-traumatico (Hallford, 2018).

Si ritiene che l’MTT serva diverse funzioni critiche:

  • il processo decisionale (Aupperle, 2011)
  • la risoluzione dei problemi (Suddendorf e Corballis, 1997)
  • la definizione degli obiettivi e l’attuazione di questi (Breeden, 2016).

 

La stato della ricerca nella relazione tra PTSD e alterazioni nell’MTT

Sebbene l’esame della componente AM dell’MTT sia onnipresente nella ricerca sul disturbo da stress post-traumatico, vi è una relativa carenza di informazioni sulla componente del pensiero futuro di questo processo (Blix e Brennen, 2011; Zlomuzica, 2017). In linea con l’ipotesi della simulazione episodica costruttiva, questi studi mostrano che alterazioni dell’AM più tradizionalmente associate al disturbo da stress post-traumatico si trovano anche nel contenuto e nelle caratteristiche dell’immaginazione futura tra tali individui.

La rilevanza dell’EFT e la costruzione di un sé futuro in relazione alla psicopatologia converge con un crescente corpo di ricerca che dimostra che la prospettiva futura relativa al sé è associata a un’ampia gamma di processi cognitivi, affettivi e comportamentali. Ad esempio, tendiamo a valutare noi stessi nel presente confrontandoci con il sé futuro che speriamo di ottenere (Bak, 2015). In modo correlato, i risultati neurocognitivi collegano costantemente il disturbo da stress post-traumatico con autovalutazioni negative (Engelbrecht e Jobson, 2020). passato e futuro

 

L’obiettivo di questo articolo: evidenziare l’importanza dell’MTT nel PTSD

Sebbene i cambiamenti nell’MTT possano riflettere un meccanismo alla base di diversi disturbi della salute mentale, sia lo studio che il trattamento del disturbo da stress post-traumatico si sono concentrati a lungo su potenziali cambiamenti nelle caratteristiche e nel contenuto dell’AM.

Data questa storia e i dibattiti di lunga data relativi al ruolo della memoria in questo disturbo, nonché l’uso mirato dell’AM nei trattamenti (ad esempio, Brewin, 2011), questo studio sarà limitato al PTSD.

Tuttavia, le alterazioni dell’AM non sono in alcun modo vincolate al disturbo da stress post-traumatico e alcuni cambiamenti dell’MTT possono riflettere processi trans-diagnostici (ad esempio, Kellogg, 2020).

Con questo articolo nello specifico: passato e futuro

  1. esamineremo e considereremo brevemente la letteratura esistente sulla memoria e il pensiero futuro nel PTSD;
  2. chiariremo le lacune nella ricerca MTT sul disturbo da stress post-traumatico;
  3. discuteremo le direzioni future per la ricerca MTT PTSD.

 

Alterazioni della memoria e del pensiero futuro nel PTSD

Volontarietà, intrusività e contenuto

Una considerevole ricerca sulle AM nel PTSD si è concentrata sui ricordi che sorgono spontaneamente, cioè:

  • le AM involontarie
  • le AM intrusive
  • i flashback

Le AM involontarie e le AM intrusive

Anche se questi termini sono spesso usati in modo intercambiabile negli studi di ricerca, recenti tentativi di creare una tassonomia sono stati impiegati per studiare fenomeni potenzialmente distinti associati a questi processi (Kvavilashvili, 2014). Per esempio, Kvavilashvili suggerisce che le AM involontarie: passato e futuro

  1. sorgono spontaneamente senza tentativo di richiamo;
  2. si verificarsi in risposta a trigger interni ed esterni;
  3. possono essere di valenza positiva, negativa o neutra (per esempio, Berntsen e Hall, 2004)
  4. hanno natura più casuale e spesso passano inosservate

Al contrario, le AM intrusive possono essere ricordi spontanei di eventi prevalentemente negativi che interrompono ripetutamente la coscienza, spesso emergendo contro la propria volontà, e possono interrompere la propria attività in quel momento.

I flashback

Infine, i flashback potrebbero rappresentare un tipo di memoria spontanea e intrusiva specificamente legata a un evento traumatico. Inoltre, sono stati caratterizzati come vividi, carichi di emozioni e privi di prospettiva temporale, o in possesso di una qualità simile al “qui e ora” (ad esempio, Zlomuzica et al., 2017). passato e futuro

Maggiore disponibilità di ricordi stressanti, maggiore ricordo del trauma

Sebbene rimanga il dibattito nel campo sulla misura in cui i ricordi involontari e i flashback possano o meno riflettere memorie mal integrate, ci sono ora prove sostanziali in linea con i modelli cognitivi del PTSD che indicano che i ricordi stressanti, come quelli sperimentati dagli individui con PTSD, sono più, non meno, accessibili. Inoltre, è probabilmente a causa della maggiore disponibilità di questi ricordi altamente stressanti che gli individui con PTSD sono più propensi a richiamare i ricordi legati al trauma.

È interessante notare che la ricerca ha rivelato che questo è vero sia per le AM involontarie e volontarie (Berntsen, 2010). Per esempio, diversi studi hanno dimostrato che mentre gli individui con PTSD possono pensare di più ai loro ricordi involontari legati al trauma e sperimentare maggiori reazioni soggettive a questi ricordi, lo fanno anche per le AM volontarie legate al trauma (per esempio, Berntsen, 2001; Rubin, 2010). passato e futuro

Nonostante il crescente corpo di lavoro che elucida i processi cognitivi alla base delle AM involontarie nel PTSD, è ancora ongoing un notevole dibattito e le richieste di ulteriori ricerche sulle qualità distinte dei flashback nel PTSD (Brewin, 2015).

 

Gli effetti differenziali del trauma sulla codifica e sul ricordo delle AM volontarie e involontarie

Il disaccordo nel campo riguardo a questo argomento è incentrato su due ipotesi sulla sintomatologia del PTSD:

  1. gli eventi traumatici sono frequentemente rivissuti attraverso flashback involontari passato e futuro
  2. l’accesso volontario alla memoria traumatica è compromesso al punto da essere parzialmente o completamente inaccessibile.

Queste caratteristiche del PTSD sono state incluse nel DSM-V (American Psychiatric Association, 2013) e proposte nei modelli teorici del PTSD (ad esempio, Ehlers e Clark, 2000). Tuttavia, i dati relativi all’accessibilità delle AM traumatiche hanno indicato che sia la memoria involontaria che quella volontaria sono state potenziate da eventi stressanti (ad esempio, Hall e Berntsen, 2008). Inoltre, questo potenziamento è stato associato a un aumento dei livelli di sintomi del PTSD (per esempio, Rubin et al., 2008).

Ipotesi di studi futuri sul confronto fra ricordi volontari e involontari

Data la persistenza e la portata di questo dibattito, la ricerca futura trarrebbe beneficio dal confronto tra ricordi volontari e involontari in individui con diagnosi affidabili di PTSD (Berntsen e Rubin, 2014), utilizzando metodologie miste per esaminare le differenze tra i tipi di memoria. Di particolare interesse sarebbe l’ulteriore impiego di metodologie basate sul compito che consentono la misurazione dei ricordi intrusivi in tempo reale, come il paradigma del filmato del trauma (ad esempio, Holmes e Bourne, 2008) o il metodo di registrazione del diario AM (ad esempio, Schönfeld e Ehlers, 2017). passato e futuro

La misura in cui gli AM involontari sono specifici o meno può dipendere dal fatto che quell’AM sia collegato al trauma. Per esempio, Schönfeld e Ehlers (2017) hanno scoperto che rispetto agli individui senza PTSD, le AM traumatiche apparivano più specifiche, in quanto erano vissute in modo più vivido ed erano associate a un senso soggettivo di “nowness”. Tuttavia, il gruppo con PTSD percepiva i propri ricordi traumatici come meno intenzionali, indicando che mentre i ricordi traumatici e non traumatici possono essere analogamente involontari post-trauma, gli individui con PTSD possono sovrastimare la frequenza dei ricordi involontari legati al trauma perché vengono notati più spesso dei ricordi involontari non legati al trauma (Kvavilashvili, 2014). Al contrario, i ricordi non traumatici nel gruppo con PTSD erano associati a una ridotta continuità tra il sé passato e il sé presente; ed erano meno specifici (Schönfeld e Ehlers, 2017).

 

Gli studi sul flashforward

Le intrusioni episodiche rispetto al futuro hanno ricevuto molta meno attenzione dei flashback. Nella loro indagine sulle immagini mentali come predittori di un futuro comportamento suicida, Holmes et al. (2007) hanno scoperto che i pazienti depressi ed ex-suicidi hanno riferito all’unanimità di comportamenti di ruminazione nei confronti di immagini di futuri tentativi di suicidio. Gli autori hanno chiamato queste intrusioni legate al futuro, flashforward, a causa della loro somiglianza con i flashback. Sia i flashforward che i flashback legati al trauma sono:

  • emotivamente carichi
  • contengono molti dettagli
  • evocano un senso fenomenologico di “conoscenza”.

I sopravvissuti al disastro nucleare di Chernobyl hanno analogamente riportato flashforward, proiettandosi in futuri in cui sviluppano problemi di salute causati dalla loro precedente esposizione alle radiazioni (Loganovsky e Zdanevich, 2013). Strettamente legato a questo fenomeno, Berntsen e Rubin (2015) hanno esaminato il costrutto di stress pre-traumatico nei veterani di guerra prima, durante e dopo lo schieramento. Lo stress pre-traumatico genera pensieri futuri su ciò che potrebbe essere sperimentato nel corso del combattimento. È interessante notare che le reazioni di stress pre-traumatico erano predittori affidabili di PTSD sia durante che dopo l’esposizione al trauma legato al combattimento.

Inoltre, flashforward, aumento dell’eccitazione e comportamenti di evitamento associati sono stati sperimentati allo stesso livello delle reazioni di stress post-traumatico agli eventi traumatici vissuti prima e durante lo schieramento, indicando che lo stress pre-traumatico e lo stress post-traumatico possono rappresentare due manifestazioni soggettivamente distinte dello stesso fenomeno sottostante.

Insieme, questi studi indicano potenziali obiettivi terapeutici circa le caratteristiche delle immagini dei flashback e dei flashforward. Uno di questi interventi da considerare è l’Imagery Rescripting, un metodo che prevede di concentrarsi sulle immagini per modificare il significato di un evento traumatico (per un approfondimento, vedi Hackmann, 2011).

 

Coerenza

Come evidenziato in precedenza, è stato più volte dimostrato che gli individui con PTSD mostrano una AM sovrageneralizzata per i ricordi non traumatici richiamati volontariamente (Moore e Zoellner, 2007; Ono et al., 2015).

Tuttavia, i risultati riguardanti le alterazioni nei ricordi traumatici richiamati volontariamente negli individui con PTSD sono misti.

Alcuni studi mostrano una maggiore frammentazione e disorganizzazione nei ricordi traumatici richiamati volontariamente negli individui con PTSD (ad esempio, Halligan et al., 2003), mentre altri studi non mostrano differenze significative di gruppo nelle qualità dei ricordi traumatici richiamati volontariamente (ad esempio, Jelinek et al., 2009). passato e futuro

 

PTSD, disorganizzazione e frammentazione della memoria: risultati contrastanti

La visione dei meccanismi di base propone che ci sia una maggiore disponibilità di AM traumatiche o stressanti rispetto alle AM non stressanti o traumatiche, indipendentemente dal fatto che questa memoria sia recuperata volontariamente o involontariamente (Rubin et al., 2008).

Sebbene altri ricercatori si siano espressi a favore di modelli che sostengono memorie frammentate (per esempio, Monroe e Mineka, 2008) e la mancanza di narrazioni di controllo, la varianza nel livello di istruzione e l’abilità narrativa rendono difficile determinare la mancanza di coerenza riscontrata in diversi studi (Gray e Lombardo, 2001; McNally, 2003).

La ricerca in corso è quindi necessaria per apprezzare appieno il modo in cui le AM sono modellate dal trauma, poiché in seguito a un trauma, alcune parti di un evento possono essere migliorate mentre altre diventano più difficili da ricordare. Per esempio, uno studio ha scoperto che l’emozione negativa migliora la memoria per gli elementi centrali dell’evento ma diminuisce la coerenza per gli elementi non centrali e contestuali intorno all’evento traumatico (per esempio, Bisby et al., 2018).

La “visione del meccanismo speciale” (per esempio, van der Kolk e Fisler, 1995) ipotizza che ci sia una codifica, un’integrazione e un recupero volontario dei ricordi interrotti intorno a un evento traumatico. Per esempio, uno studio recente ha scoperto che la presenza di frammentazione e disorganizzazione nella narrazione di un trauma è positivamente associata all’intensità emotiva che circonda quel trauma. Vale a dire, momenti altamente emotivi in un evento traumatico hanno maggiori probabilità di essere associati a un’interruzione dell’elaborazione cognitiva che a sua volta crea disorganizzazione e frammentazione (Brewin, 2015).

Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire quali tipi di ricordi – trauma vs. AM generali, ricordi involontari vs. volontari – sono caratterizzati da disorganizzazione e frammentazione. PTSD passato e futuro

PTSD, disorganizzazione e frammentazione delle prospettive: ulteriori risultati contrastanti

Due studi in particolare hanno esaminato la distribuzione temporale sia in AM che nel pensiero futuro.

  1. Zlomuzica et al., 2017 hanno testato la MTT e la distribuzione temporale usando un nuovo paradigma di realtà virtuale. Questa ha sondato non solo il contenuto episodico ma il contesto spazio-temporale nella MTT. Rispetto alle loro controparti sane, i partecipanti al PTSD hanno ottenuto risultati complessivamente peggiori nel test MTT. In particolare sugli item che sondavano le domande “quando? e cosa?”. Ciò si interpreta considerando i partecipanti con PTSD erano meno capaci di impiegare le informazioni della memoria episodica per risolvere problemi attuali o futuri. Perciò quando l’eccitazione emotiva veniva sondata, avevano livelli più alti di eccitazione negativa e più bassi di eccitazione positiva. PTSD passato e futuro
  2. Al contrario, Blix e Brennen (2011) hanno esaminato la relazione tra l’esposizione al trauma e la distribuzione temporale nelle AM e nella prospezione e non hanno trovato differenze di gruppo tra partecipanti esposti al trauma e partecipanti sani.

Inoltre, sarà utile per la ricerca futura esaminare altre dimensioni dell’auto-coerenza futura. Per esempio, una crescente letteratura ha scoperto che una maggiore auto-continuità futura, la misura in cui si crede che il proprio sé attuale si sovrapponga al sé futuro, è associata a una ridotta impulsività e a risultati positivi per la salute (Hershfield, 2011).

 

Specificità e vivacità

Quando si ricorda il passato, gli individui con PTSD mostrano il bias OGM. Diverse teorie tentano di spiegare la sovrageneralizzazione dell’AM osservata negli individui con PTSD (per un approfondimento, vedi Moore e Zoellner, 2007; Ono et al., 2015). Questo effetto è stato dimostrato sia nelle memorie traumatiche che in quelle non traumatiche (Schönfeld e Ehlers, 2017). Sono state utilizzate una serie di metodologie sia dentro che fuori dal laboratorio (ad esempio, Brown et al., 2013; Schönfeld e Ehlers, 2017). In particolare, l’OGM è stato dimostrato essere un fattore di rischio per lo stress post-traumatico dopo un’esperienza traumatica (Bryant et al., 2008).

Recenti ricerche sul PTSD mostrano un modello simile di sovrageneralizzazione nell’EFT in una serie di popolazioni post-traumatiche con forme eterogenee di esposizione al trauma utilizzando diverse metodologie (ad esempio, Brown et al., 2013; Zlomuzica et al., 2017). Uno studio ha scoperto che questo effetto era presente solo in risposta a suggerimenti positivi sul futuro (Kleim et al., 2014).

È stato recentemente dimostrato che gli individui con PTSD tendono a generare maggiori dettagli esterni (ad esempio, dettagli non episodici tra cui informazioni semantiche, ripetizioni e dichiarazioni metacognitive) rispetto ai dettagli interni (ad esempio, informazioni episodiche sull’evento centrale attraverso una serie di modalità tra cui percettivo, emotivo, spaziale e temporale) durante il recupero della memoria e l’EFT (Brown et al., 2014). PTSD passato e futuro

 

Una funzione della memoria: informare e aggiornare la nostra auto-concezione

Il modello seminale Self-Memory-System di Conway e colleghi propone che i nostri obiettivi e le nostre concezioni di sé siano limitati dalle AM che contraddicono le nostre attuali visioni di sé. Dato il ruolo centrale della memoria nel PTSD, non sorprende che i ricordi traumatici siano associati a credenze negative sul proprio sé. in passato, presente e futuro (Beck, 1976).

I quadri cognitivi che mettono in relazione la memoria con il sé sono supportati da prove sperimentali. Per esempio,

  1. il PTSD è stato associato a sentimenti soggettivi di maggiore alienazione sociale e a cambiamenti permanenti del sé (Brewin, 2011).
  2. I pazienti con PTSD hanno riportato un numero  maggiore di ricordi legati al trauma quando sono stati invitati a richiamare un ricordo che definisse il sé  (Sutherland e Bryant, 2005).
  3. La centralità del trauma è stata costantemente associata a una maggiore sintomatologia del PTSD (per esempio, Brown, 2010).
  4. Jobson (2014) ha scoperto che i partecipanti al PTSD che ricordano le AM  hanno mostrato una riduzione simile nelle espressioni di autonomia e autodeterminazione.
  5. Inoltre, gli studi longitudinali hanno dimostrato che i cambiamenti negativi nella percezione di sé predicono significativamente il follow-up dello stato di PTSD (Kleim, 2007) così come la diminuzione della risposta alla terapia di esposizione (Ehlers, 1998).

Concetto di sé futuro e gli obiettivi futuri: come sono influenzati dal PTSD?

Il Self-Memory-System Model predice che gli obiettivi futuri dovrebbero essere congruenti con la sintomatologia attuale. Ci sono molte meno prove sperimentali che supportano la relazione tra PTSD e cambiamenti nella concezione futura di sé.

  1. Uno studio ha scoperto che i pazienti con PTSD hanno sperimentato cambiamenti congruenti al disturbo nei compiti cognitivi legati alla MTT e che i ricordi legati al trauma erano significativamente predetti dagli obiettivi futuri legati al trauma (Krans, 2017).
  2. In una manipolazione sperimentale, Brown e colleghi hanno dimostrato che l’autoefficacia, un aspetto della nostra autoidentità, può essere promossa aumentando le AM che coinvolgono un comportamento autoefficace in un campione di veterani con PTSD. È importante notare che i veterani con maggiore autoefficacia hanno esibito una migliore risoluzione dei problemi sociali  (Brown, 2016).

Presi insieme, questi risultati suggeriscono che le concezioni negative di sé possono essere modificabili e possono rappresentare un potenziale obiettivo terapeutico per interventi futuri. PTSD passato e futuro

 

Il PTSD e la percezione dell’evento traumatico nella narrazione della propria storia di vita

La ricerca dimostra che gli individui che vedono il loro trauma come più centrale nel loro passato e nel loro futuro vedono l’evento (o gli eventi). come una svolta nella vita, mostreranno una maggiore gravità dei sintomi del PTSD. E’ possibile ipotizzare che considerare un evento come più centrale aumenti l’accessibilità di quei ricordi del trauma, portando ai sintomi legati al PTSD.

Indipendentemente dalla direzionalità, gli studi che impiegano la Centrality of Event Scale (CES; Berntsen e Rubin, 2006) hanno trovato associazioni positive tra la CES e i sintomi del PTSD (per esempio, Brown, 2010; Rubin, 2014).

Uno studio ha tentato di ridurre i sintomi del PTSD manipolando sperimentalmente la centralità dell’evento (Vermeulen, 2019). Anche se i sintomi del PTSD non sono diminuiti, la centralità lo ha fatto. In particolare, altre ricerche che utilizzano una versione modificata della Acceptance and Commitment Therapy (ACT) hanno trovato che le riduzioni della centralità del trauma hanno contribuito a una diminuzione del PTSD, suggerendo che la centralità del trauma può essere modificabile, che a sua volta può contribuire al recupero da un fattore di stress traumatico (Boals e Murrell, 2016). PTSD passato e futuro

Tali strategie sono simili a quelle utilizzate in trattamenti come la Narrative Exposure Therapy (Robjant e Fazel, 2010). Ulteriori ricerche aiuterebbero a comprendere gli specifici meccanismi terapeutici putativi.

PTSD e centralità degli eventi futuri previsti: le stesse regole del passato?

In primo luogo, Robinaugh e McNally (2011) hanno fatto un’analisi delle componenti principali del CES e hanno scoperto che gli elementi orientati al futuro del CES erano significativamente associati alla gravità del PTSD. In particolare, i risultati indicano che la percezione del trauma come centrale per il proprio futuro può essere più dannosa di quella per il proprio sé attuale.

In secondo luogo, gli studi che esaminano le autovalutazioni temporali nel PTSD mostrano che mentre gli individui esposti al trauma senza PTSD hanno una visione relativamente ottimistica del futuro, ciò avviene meno spesso tra quelli con PTSD (Brown , 2011; Parnes, 2020). Come accennato, riscrivere gli eventi futuri previsti, forse legati allo stress pre-traumatico, può aiutare a interrompere alcune delle aspettative legate al trauma detenute dagli individui con PTSD. PTSD passato e futuro

 

Discussione e direzioni future

Negli ultimi decenni, la ricerca sulla specificità della memoria ha illuminato importanti meccanismi alla base del PTSD. Questi a loro volta hanno guidato nuovi trattamenti per il disturbo (Maxwell, 2016). PTSD passato e futuro

Ulteriori ricerche con gamma più ampia di metodologie neurocognitive sono necessarie per chiarire i meccanismi alla base della relazione tra MTT e PTSD.

Tale ricerca è fondamentale, poiché la MTT può essere responsabile delle menomazioni sociali e funzionali legate al disturbo.

In particolare, gli studi futuri dovrebbero indagare il ruolo del sé futuro nel PTSD. Date le strette relazioni tra la MTT e l’identità di sé,. gli approcci terapeutici che hanno come target la MTT e la narrazione di sé, come:

  • l’Imagery Rescripting (Brockman e Calvert, 2017)
  • la metacognizione (Davis et al., 2016)
  • il potenziamento dell’autoefficacia (Cusack., 2019)
  • il training alla specificità della memoria e della prospettiva (Erten e Brown, 2018)

possono rappresentare interventi utili e dovrebbero essere ulteriormente testati in popolazioni cliniche con PTSD.

 

Vuoi saperne di più trauma e trattamenti?

▶️CLICCA QUI e leggi altri articoli sul tema

 

Scopri anche i nostri NUOVI corsi in partenza:

▶️CLICCA QUI Lavorare sull’eredità del Trauma con Janina Fisher 

Lavorare sulle eredità del Trauma, con Janina Fisher

▶️CLICCA QUI Usare la Mente ed il Corpo per promuovere Resilienza e Crescita post-traumatica

 

Articolo tradotto e liberamente adattato. Fonte: Rahman N and Brown AD (2021) Mental Time Travel in Post-Traumatic Stress Disorder: Current Gaps and Future Directions. Front. Psychol. 12:624707. http://doi.org/10.3389/fpsyg.2021.624707

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>