Disturbo da Stress post-traumatico da Esperienze Traumatiche Estreme

Disturbo da Stress post-traumatico da Esperienze Traumatiche Estreme

Non si ferma l’esodo di persone in fuga da guerre, persecuzioni, violazioni dei diritti umani e condizioni di vita precarie: in molti casi si tratta di donne, bambini e ragazzi. Secondo le ultime stime dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr), 73.928 rifugiati e migranti sono giunti via mare dall’inizio dell’anno in Italia, Grecia, Spagna, Cipro e Malta

Secondo i dati del Ministero dell’Interno sono 50.021 i migranti arrivati sulle coste italiane. Si tratta di un dato in aumento (+40%) rispetto allo stesso periodo del 2021. Cresce il numero dei minori stranieri non accompagnati: 6.070, erano stati 5.605 nel 2021, facendo registrare un aumento del +8,30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Secondo i dati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, dal 24 febbraio 2022, data di inizio dell’invasione russa dell‘Ucraina, in Italia sono arrivati 159.968 profughi ucraini. Sono 95.184 i rifugiati, richiedenti asilo e migranti in accoglienza in Italia, un quarto in più rispetto all’anno scorso: due terzi (63.570) ospitati fra CAS e centri prima accoglienza, mentre 682 negli hotspot, 30.932 nei progetti SAI (l’ex SIPROIMI-SPRAR).

È noto che guerra e persecuzioni di per sé possono portare a una serie di altre esperienze traumatiche, come assistere a violenze estreme, attacchi terroristici, rapimenti, torture, separazione dalla famiglia e migrazioni forzate.

 

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Gli studi indicano che la maggior parte degli adulti e dei bambini civili nelle zone colpite dalla guerra sperimentano almeno un’esperienza traumatica estrema come conseguenza della guerra e del conflitto politico.

 

EBOOK GRATUITO “La Clinica del Trauma Collettivo e Intergenerazionale

Le conseguenze negative sulla salute mentale degli eventi traumatici legati alla guerra sono ben documentate nella letteratura psicologica attuale. La maggior parte degli studi condotti in contesti post-conflitto e tra le popolazioni colpite dalla guerra indicano un’associazione positiva tra il trauma bellico e la presenza di vari disturbi della salute mentale.

Ad esempio, Priebe et al. (2010) hanno esaminato i disturbi mentali dopo la guerra in cinque Paesi (Bosnia-Erzegovina, Croazia, Kosovo, Repubblica di Macedonia e Serbia) e hanno scoperto che le esperienze potenzialmente traumatiche durante e dopo la guerra erano associate a tassi più elevati di disturbi dell’umore e d’ansia.

Al-ghzawi et al. (2014) hanno esaminato nove studi relativi all’impatto della guerra e dei conflitti sulla salute mentale delle popolazioni dei Paesi arabi. Hanno riscontrato un impatto significativo del trauma bellico sulla salute mentale. Inoltre, hanno riscontrato che il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è una delle complicazioni psicologiche più comuni tra le vittime di traumi di guerra. Hanno riferito che l’esposizione al trauma era significativamente associata a diagnosi di ansia.

 

Oltre agli eventi traumatici legati alla guerra, i rifugiati possono subire diversi tipi di tortura.

Secondo la Dichiarazione di Tokyo dell’Associazione Medica Mondiale, la tortura è definita come “l’inflizione deliberata, sistematica o volontaria di sofferenze fisiche o mentali da parte di una o più persone che agiscono da sole o su ordine di un’autorità, per costringere un’altra persona a fornire informazioni, a fare una confessione o per qualsiasi altro motivo“. Le Nazioni Unite hanno definito la tortura nell’articolo 1.1 della Convenzione contro la tortura come “qualsiasi atto con cui si infliggono intenzionalmente a una persona dolore o sofferenze gravi, fisiche o mentali, allo scopo di ottenere da lei o da una terza persona informazioni o una confessione…”. Essi notano che lo scopo principale della tortura non è solo quello di ottenere informazioni dalle vittime, ma anche di rompere l’identità e la personalità delle persone torturate.

Gli studi psicologici empirici nel campo del trauma hanno evidenziato diverse conseguenze della tortura sulla salute mentale. I disturbi psicologici più frequenti tra i sopravvissuti alla tortura sono stati il PTSD, il disturbo d’ansia generalizzato, la depressione e i disturbi somatici. Sono stati citati anche altri problemi psicosociali, come insonnia, isolamento e solitudine.

A causa dell’esposizione a traumi di guerra, torture e difficoltà di vita post-migrazione, i rifugiati hanno maggiori probabilità di sviluppare disturbi mentali.

Alpak et al. hanno studiato il trauma e il PTSD tra i rifugiati siriani adulti in Turchia di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Hanno riscontrato che i partecipanti hanno vissuto da 0 a 9 eventi traumatici e che il PTSD era presente nel 33,5% del campione. Naja et al. (2016) hanno intervistato dei rifugiati siriani e hanno scoperto che la prevalenza della depressione attuale era del 43,9%. Più di recente, Kazour et al. (2016) hanno esaminato il PTSD tra i rifugiati siriani adulti in Libano e hanno riscontrato una prevalenza del 35,4% nell’arco della vita e del 27,2% nel punto di vista del PTSD.

 

Gli studi epidemiologici suggeriscono differenze di genere nella prevalenza di traumi e PTSD.

Donne, Trauma e Salute Mentale
Donne, Trauma e Salute Mentale” con Pat Ogden , Kathy Steele , Janina Fisher , Judith Herman , Cathy Malchiodi , Arielle Schwartz, Babette Rothschild e altre

La ricerca suggerisce che i maschi hanno maggiori probabilità di sperimentare eventi traumatici e che le femmine hanno maggiori probabilità di sviluppare il PTSD. Tuttavia, anche le questioni etnoculturali possono svolgere un ruolo significativo nelle differenze di genere. Alcuni studi condotti nei Paesi del Medio Oriente non hanno riscontrato differenze di genere nel PTSD. Le differenze tra i risultati ottenuti in Medio Oriente e gli studi condotti in altre regioni richiedono ulteriore attenzione.

È noto che la violenza politica provoca disagio psicologico ed esistono numerosi studi empirici che evidenziano un’associazione significativa tra trauma bellico, tortura e PTSD. D’altra parte, gli studi hanno anche dimostrato che le persone traumatizzate riportano cambiamenti psicologici positivi dopo il trauma a livello sociale e personale, come il benessere, la crescita psicologica, il senso di coerenza e la capacità di adattamento. (Veronese and Pepe, 2015; Sleijpen et al., 2016).

Il presente studio si proponeva di esaminare i livelli di sintomi di PTSD tra i rifugiati curdi siriani adulti e le relazioni tra torture ed esperienze traumatiche e sintomi di PTSD utilizzando un approccio quantitativo. Si ipotizza che i rifugiati curdi in fuga dalla Siria sperimentino molteplici tipi di traumi e torture legati alla guerra. Inoltre, lo studio si propone di esaminare le differenze di genere nei sintomi del PTSD, nella tortura e nell’esperienza di eventi traumatici. Si ipotizza che vi siano differenze di genere nella frequenza di torture, eventi traumatici e PTSD.

I risultati del presente studio hanno mostrato che sia il numero di eventi traumatici che i casi di tortura subiti sono correlati positivamente con il PTSD, a sostegno di studi precedenti che hanno mostrato correlazioni simili tra eventi traumatici e sintomi del PTSD(Silove et al., 1997; Karunakara et al., 2004; Badri et al., 2012) e tra tortura e PTSD (Van Ommeren et al., 2001; Piwowarczyk, 2007; Masmas et al., 2008).

Un numero considerevole di studi ha riportato che il PTSD è più comune nelle donne che negli uomini; tuttavia, questo non è stato supportato dallo studio attuale, che non ha trovato differenze statisticamente significative nel PTSD in base al sesso. I fattori etnoculturali possono svolgere un ruolo significativo nelle differenze tra i nostri risultati e quelli di altri studi.

 

Determinare cosa sia considerato un evento traumatico richiede conoscenza e consapevolezza culturale

Usha Tummala-Narra
Guarire dal Trauma Collettivo: un approccio psicodinamico culturalmente informato“, Usha Tummala-Narra. Trauma Collettivo e Resilienza, 20-22 Ottobre 2022

La maggior parte degli studi che hanno riportato differenze di genere nel PTSD sono stati condotti in società occidentali o da psicologi/psichiatri occidentali tra popolazioni curde e arabe, utilizzando strumenti occidentali per la valutazione del trauma e dei sintomi del PTSD senza alcuna validazione.

La cultura gioca un ruolo significativo nel modo in cui le persone percepiscono un evento come traumatico. (von Peter, 2008; Herbert and Forman, 2010). È interessante notare che una recente meta-analisi di 10 studi su adolescenti in Libano in tempi di guerra civile non ha rilevato differenze di genere nel PTSD. (Shaar, 2013). Inoltre, non sono state segnalate differenze di genere nel numero di casi di tortura subiti. Tolin and Foa (2006) ha esaminato quantitativamente 25 anni di ricerche sulle differenze di genere nei traumi.

Ha rivelato che gli uomini riportano livelli più elevati di esposizione a eventi potenzialmente traumatici. Ciò è stato confermato dal presente studio, che ha dimostrato che i partecipanti di sesso maschile hanno sperimentato più eventi traumatici rispetto a quelli di sesso femminile.

 

Conclusioni

I risultati di questo studio confermano i risultati della letteratura sull’associazione positiva e significativa tra i sintomi del PTSD, la tortura e altri traumi legati alla guerra. I risultati del nostro studio hanno possibili applicazioni per i governi locali e internazionali, per le organizzazioni per i diritti umani e per la salute mentale, in particolare per coloro che forniscono programmi di supporto psicosociale ai rifugiati siriani. Inoltre, i risultati del nostro studio forniscono una migliore comprensione della salute mentale dei rifugiati siriani e ciò contribuirà alla comprensione interculturale del trauma e fornirà dati per espandere gli attuali modelli di psicologia del trauma. Inoltre, tale documentazione scientifica può contribuire ad aumentare la consapevolezza dei bisogni di salute mentale e può fornire un impulso per sostenere l’espansione dei servizi psicologici in KRI e per i rifugiati siriani.

 

Articolo liberamente tradotto “Post-traumatic Stress Disorder Symptoms Resulting from Torture and Other Traumatic Events among Syrian Kurdish Refugees in Kurdistan Region, Iraq” di Hawkar Ibrahim e Chiya Q. Hassan, su Frontiers in Psychology

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>