Lo YOGA come trattamento aggiuntivo per il PTSD

Bessel van der Kolk
Bessel van der Kolk, MD, clinico e ricercatore è probabilmente il più rinomato esperto al mondo nel trattamento del trauma. Il suo lavoro integra aspetti evolutivo, neurobiologici, psicodinamici ...
yoga PTSD

Donne, violenze e PTSD: i dati e i trattamenti

Circa 9,8 milioni di donne americane adulte (circa il 10% della popolazione femminile adulta) hanno storie di aggressioni fisiche violente. 12,1 milioni (12,7%) riferiscono di essere state vittime di stupri completi. Più di un terzo di queste esperienze traumatiche portano allo sviluppo del disturbo post-traumatico da stress (PTSD). Queste esperienze sono inoltre associate a una serie di altri disturbi in comorbidità:

  • di tipo psicologico, come l’ansia e la depressione;
  • di tipo fisico, come l’obesità, le malattie cardiache e le sindromi da dolore cronico.

Varie forme di trattamento dell’esposizione si sono dimostrate utili nel trattamento del PTSD. Tuttavia, hanno un alto tasso di risposta incompleta. In un recente ampio studio clinico di esposizione prolungata, il 59% dei soggetti aveva ancora il PTSD dopo 12 settimane di trattamento, e il 78% rimaneva sintomatico a 6 mesi di follow-up.

Regolazione degli affetti e meditazione strutturata

L’esposizione cronica al trauma è associata a problemi significativi nella regolazione degli affetti e degli impulsi. L’inondazione o la dissociazione interferisce con la risoluzione dei ricordi traumatici ed è associata ad alti tassi di abbandono o al peggioramento dei sintomi. Il successo dell’estinzione delle risposte di paura condizionate, ritenute critiche per la risoluzione del PTSD, richiede la capacità di gestire le emozioni intense e di mantenere l’attenzione focalizzata sugli stimoli condizionati, cioè sugli input sensoriali che provengono dall’ambiente o dall’interno dell’organismo.

La meditazione consapevole, l’attenzione non giudicante alle esperienze nel momento presente, ha dimostrato di facilitare la regolazione degli affetti. Tuttavia, gli individui traumatizzati tendono ad avere difficoltà a tollerare la meditazione non strutturata e a fare molto meglio con un istruttore la cui guida li aiuta a mantenere la loro attenzione sulle sensazioni corporee, mentre modula l’eccitazione con esercizi di respirazione, come si fa in una pratica di yoga.

Lo yoga come trattamento aggiuntivo

Si stima che lo yoga sia praticato regolarmente da oltre 26 milioni di persone negli Stati Uniti. È tra le 10 forme di assistenza sanitaria complementare più praticate negli Stati Uniti.

Lo yoga è un sistema completo di pratiche che comprende posture fisiche, esercizi di respirazione e tecniche di meditazione/concentrazione che hanno dimostrato di essere associate a cambiamenti in:

  • funzione autonoma;
  • forza muscolare;
  • pressione sanguigna;
  • frequenza cardiaca;
  • respirazione;
  • cortisolo plasmatico;
  • catecolamine urinarie;
  • miglioramento della regolazione dell’eccitazione.

Lo yoga è stato studiato come un efficace trattamento aggiuntivo per una grande varietà di disturbi medici, tra cui l’asma, le malattie cardiache e l’ipertensione, il diabete, il dolore cronico, l’artrite e l’insonnia. Altri studi hanno anche dimostrato gli effetti positivi dello yoga sulla depressione e l’ansia e sulle reazioni acute da stress.

Nello yoga, l‘attenzione si concentra sulle esperienze sensoriali della respirazione e sulle sensazioni fisiche. L’accresciuta consapevolezza del corpo favorita dallo yoga può aiutare a rilevare gli aspetti fisiologici delle sensazioni fisiche (ad esempio, la tensione corporea, il battito cardiaco rapido e il respiro corto e superficiale). Può aiutare inoltre a fornire informazioni sull’ambiente interno, un prerequisito per l’identificazione accurata della risposta emotiva innescata (cioè, la paura). L’aspetto della consapevolezza dello yoga è ipotizzato per favorire la regolazione delle emozioni semplicemente notando la paura, in contrasto con l’impegno ad evitarla. Si pensa che la consapevolezza della natura transitoria della propria esperienza momentanea porti a un cambiamento nella prospettiva del sé.

Lo studio riguardo yoga e PTSD cronico

Lo studio che presentiamo ora ha visto la partecipazione di donne di 18-58 anni con PTSD cronico e non rispondente al trattamento. L’insensibilità al trattamento è stata determinata dalle partecipanti che hanno avuto almeno tre anni di trattamento terapeutico precedente. Il gruppo di studio prevedeva lo svolgimento di una classe di yoga della durata di 1 ora alla settimana per 10 settimane. Il gruppo di controllo invece prendeva parte a corsi di educazione alla salute delle donne.

Gruppo di studio: caratteristiche della classe di yoga

L’intervento di yoga ha offerto 10 settimane di un corso di yoga traumatologico della durata di un’ora. Il corso che ha incorporato gli elementi centrali dell’hatha yoga: respirazione, posture e meditazione. Il programma di yoga protocollato e traumatologico è stato creato da professionisti dello yoga certificati con master e dottorato in psicologia, con la supervisione dei ricercatori principali.

Viene utilizzato un linguaggio semplice, non interpretativo e senza metafore. Il programma enfatizza la curiosità per le sensazioni corporee, in cui l’auto-inchiesta è prominente. L’istruttore usa parole chiave come “preavviso” e “consentire“, così come frasi d’invito come “quando sei pronta” e “se vuoi“. Il controllo corporeo è praticato, come ad esempio fare scelte per modificare una postura, per rimanere in una particolare postura, o per lasciar andare la postura.

Gruppo di controllo: corsi di educazione alla salute

Il trattamento di controllo ha offerto 10 settimane di un corso di educazione alla salute delle donne della durata di un’ora. La classe si è concentrata sulla partecipazione attiva e sul sostegno. Ha utilizzato uno stile di insegnamento interattivo per aumentare la conoscenza delle diverse aree della salute. L’obiettivo è stato quello di sviluppare l’autoefficacia delle donne in relazione a:

  1. cercare servizi medici;
  2. discutere di questioni relative alla salute con professionisti medici;
  3. normalizzare l’esperienza di parlare di questioni potenzialmente scomode del corpo;
  4. utilizzare la terminologia medica o corporea;
  5. condurre e perseguire attività di auto-cura (ad esempio, auto-esame del seno, fare scelte alimentari).

Il Trauma Sensitive Yoga in Terapia Ed. 02

Trauma Sensitive Yoga in Terapia

Yoga come trattamento aggiuntivo per il PTSD: risultati

Entrambi i gruppi hanno mostrato significative diminuzioni dei sintomi del PTSD durante la prima metà del trattamento. Ma, nel gruppo yoga, questi miglioramenti sono stati mantenuti. Invece il gruppo di controllo è peggiorato dopo il miglioramento iniziale. Entrambi i gruppi hanno mostrato miglioramenti su molte delle misure di risultato supplementari.

Questo studio ha così dimostrato che un programma yoga settimanale di dieci settimane rispetto alla terapia di supporto può ridurre significativamente la sintomatologia del PTSD. Ciò avviene in donne con PTSD cronico resistente al trattamento, con dimensioni degli effetti paragonabili ad approcci psicoterapeutici e farmacologici. Al contrario, dopo una risposta positiva iniziale, il gruppo di controllo è tornato al punto di riferimento.

I punteggi di depressione di entrambi i gruppi sono declinati significativamente. E, nel gruppo di controllo, hanno continuato a migliorare, anche quando i loro punteggi della PTSD peggioravano. La natura di supporto del gruppo di controllo, che ha incoraggiato la condivisione di cibo e il mantenimento del contatto al di fuori delle sessioni formali, può aver migliorato significativamente l’umore di questo gruppo, ma non ha prodotto una riduzione sostenuta della sintomatologia della PTSD.

Ciò suggerisce che gli aspetti fisici e interocettivi dello yoga, piuttosto che le dimensioni sociali dei gruppi, erano le variabili critiche responsabili del cambiamento nella sintomatologia della PTSD.

L’importanza di trattamenti supplementari per il PTSD

L’identificazione di trattamenti supplementari per PTSD è importante perché molte persone con PTSD cronico tollerano male i trattamenti di esposizione. Inoltre, i trattamenti della PTSD convenzionali non sono disponibili per molti individui traumatizzati. Gli attuali trattamenti per la PTSD sono informati da modelli cognitivi e farmacologici, in contrapposizione alla regolazione somatica e alla consapevolezza interocettiva.

La consapevolezza del corpo ha dimostrato di essere centrale per la regolazione della coscienza e delle emozioni. Sapere come ci si sente dipende dalle regioni cerebrali coinvolte nella registrazione dell’omeostasi interna.

Yoga per il PTSD aumenta la consapevolezza corporea

Si pensa che la perdita di consapevolezza del corpo, compresa l’alessitimia, e la perdita di regolazione dell’affetto svolgano un ruolo significativo nella patologia del PTSD. Esso infatti ha dimostrato di comportare cambiamenti nella consapevolezza fisica di sé e nelle alterazioni delle strutture neurali che registrano gli stati corporei. Imparare a notare, tollerare, gestire e reinterpretare le sensazioni viscerali può promuovere sostanzialmente la tolleranza all’effetto.

Lo yoga ha tre componenti principali:

  1. esercizi di respirazione (pranayama);
  2. posture (asanas);
  3. meditazione mindfulness.

Ognuno di questi ha dimostrato di influenzare il funzionamento neurobiologico.

Il cambiamento dei modelli respiratori può influenzare le funzioni del sistema nervoso autonomo, tra cui la variabilità della frequenza cardiaca e il tono vagale cardiaco. L’ampia ricerca sugli effetti della meditazione mindfulness ha dimostrato di influenzare positivamente numerosi sintomi psichiatrici, psicosomatici e legati allo stress. Tra questi, per esempio: ansia, depressione, dolore cronico, funzione immunitaria, pressione sanguigna, livelli di cortisolo e attività della telomerasi.

Delle 3 componenti principali dello yoga, le varie posizioni (asanas) sono state meno studiate. Tuttavia, è probabile che le posizioni yoga aiutino gli individui ad osservare e tollerare le sensazioni fisiche e ad usare questa tolleranza per disconnettere i loro sentimenti fisici dalle reazioni emotive alle aggressioni del passato.

Yoga e PTSD: Direzioni future dello studio

La ben documentata mancanza di modulazione dell’affetto in molti individui traumatizzati invita all’esplorazione della mindfulness e di altre tecniche di auto-gestione per affrontare la modulazione dell’eccitazione e dell’attenzione.

Se gli individui traumatizzati possono imparare a identificare e tollerare le sensazioni fisiche, è probabile che aumentino la consapevolezza emotiva e influenzino la tolleranza.

La possibilità di recupero post-trauma alterando la consapevolezza corporea ha il potenziale di:

  • diminuire le comorbidità fisiche negli individui traumatizzati;
  • diminuire l’utilizzo dell’assistenza sanitaria;
  • aumentare la capacità di tollerare e utilizzare segnali corporei per rilevare pericolo e disagio;
  • diminuire l’alto tasso di “ripersecuzione” in questa popolazione cronicamente traumatizzata.

Yoga e PTSD: esempio di un caso clinico

Il potenziale beneficio dello yoga per stabilire consapevolezza fisica e cura di sé è illustrato dalla signora A. La signora A è un’insegnante di scuola elementare sposata di 55 anni con una storia di gravi abusi fisici e sessuali e ricoveri multipli per comportamento di autolesionismo, depressione e suicidio. Ha inviato spontaneamente al ricercatore principale un’e-mail in cui descriveva le sue esperienze yoga.

“Lo yoga significa guardare verso l’interno, invece che verso l’esterno, e ascoltare il mio corpo. Gran parte della mia sopravvivenza è stata orientata a non fare mai quelle cose… Mi sono rifiutata di ascoltare il mio corpo, che è una parte così importante di ciò che sono. Sono così disconnessa dal mio corpo quando mi taglio. Nella lezione di yoga, sono stata in grado di muovere il mio corpo ed essere nel mio corpo senza farmi del male o fare male”.

La consapevolezza del corpo può conferire un maggiore senso di controllo, che influisce positivamente sull’autoregolamentazione.

La sig.ra A ha continuato dicendo: “Ho cercato solo di notare le sensazioni nel mio corpo durante la lezione. Lentamente ho imparato a tenere in pugno i miei sentimenti, senza essere dirottata da essi. Sono più presente in questo momento. Sono più tollerante al tatto fisico. Finalmente posso sentirmi intima con mio marito.”

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: van der Kolk BA, Stone L, West J, Rhodes A, Emerson D, Suvak M, Spinazzola J. “Yoga as an adjunctive treatment for posttraumatic stress disorder: a randomized controlled trial“. J Clin Psychiatry. 2014 Jun

Articoli correlati

Polyvagal Theory
Co-regolazione: come i nostri sistemi nervosi si parlano
Il concetto di co-regolazione si inserisce all’interno della Teoria polivagale, sviluppata da...

One thought on “Lo YOGA come trattamento aggiuntivo per il PTSD

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>